Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62009CN0081

Causa C-81/09: Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Συμβούλιο της Επικρατείας (Consiglio di Stato, Grecia) il 25 febbraio 2009 — ΙΔΡΥΜΑ ΤΥΠΟΥ Α.Ε. (Istituto della Stampa SpA)/Υπουργός Τύπου και Μέσων Μαζικής Ενημέρωσης (Ministro della Stampa e dei Mezzi di comunicazione di massa)

OJ C 102, 1.5.2009, p. 14–14 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

1.5.2009   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 102/14


Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Συμβούλιο της Επικρατείας (Consiglio di Stato, Grecia) il 25 febbraio 2009 — ΙΔΡΥΜΑ ΤΥΠΟΥ Α.Ε. (Istituto della Stampa SpA)/Υπουργός Τύπου και Μέσων Μαζικής Ενημέρωσης (Ministro della Stampa e dei Mezzi di comunicazione di massa)

(Causa C-81/09)

2009/C 102/23

Lingua processuale: il greco

Giudice del rinvio

Συμβούλιο της Επικρατείας (Consiglio di Stato)

Parti

Ricorrente: ΙΔΡΥΜΑ ΤΥΠΟΥ Α.Ε.(Istituto della Stampa SpA)

Resistente: Υπουργός Τύπου και Μέσων Μαζικής Ενημέρωσης (Ministro della Stampa e dei Mezzi di comunicazione di massa)

Questione pregiudiziale

Se la direttiva 68/151/CEE, che all’art. 1 così dispone: «Le misure di coordinamento previste dalla presente direttiva si applicano alle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative ai seguenti tipi di società: (…) — per la Grecia: ανώνυμη εταιρία [società per azioni]» osti all’introduzione di una disposizione nazionale, come l’art. 4, n. 3, della legge 2328/1995, nella parte in cui prevede che le ammende comminate ai paragrafi precedenti dello stesso articolo per il caso di violazioni della normativa vigente e delle regole di deontologia che disciplinano il funzionamento delle emittenti televisive siano inflitte non soltanto alla società titolare della licenza per la costituzione e gestione dell’emittente televisiva, ma anche, in solido con essa, a tutti i soci che detengano più del 2,5 % del capitale azionario.


Top