Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 61985CJ0221

Sentenza della Corte del 12 febbraio 1987.
Commissione delle Comunità europee contro Regno del Belgio.
Inadempimento di Stato - Trasgressione dell'art. 52 - Diritto di stabilimento nel settore dei laboratori di biologia clinica.
Causa 221/85.

European Court Reports 1987 -00719

ECLI identifier: ECLI:EU:C:1987:81

61985J0221

SENTENZA DELLA CORTE DEL 12 FEBBRAIO 1987. - COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE CONTRO REGNO DEL BELGIO. - INADEMPIMENTO DI UNO STATO - VIOLAZIONE DELL'ART. 52 - DIRITTO DI STABILIMENTO NEL SETTORE DEI LABORATORI DI BIOLOGIA CLINICA. - CAUSA 221/85.

raccolta della giurisprudenza 1987 pagina 00719


Massima
Parti
Motivazione della sentenza
Decisione relativa alle spese
Dispositivo

Parole chiave


++++

LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE - LIBERTA DI STABILIMENTO - NORMATIVA NAZIONALE RELATIVA ALL' ATTIVITA DEI LABORATORI DI BIOLOGIA CLINICA - AMMISSIBILITA - PRESUPPOSTI - OSSERVANZA DEL PRINCIPIO DELLA PARITA DI TRATTAMENTO

( TRATTATO CEE, ART . 52, 2* COMMA )

Massima


DALL' ART . 52, 2* COMMA, DEL TRATTATO E DAL SUO CONTESTO, SI DESUME CHE, SALVO RESTANDO IL PRINCIPIO DELLA PARITA DI TRATTAMENTO DEI SUOI CITTADINI E DI QUELLI DEGLI ALTRI STATI MEMBRI, CIASCUNO STATO MEMBRO, IN MANCANZA DI NORME COMUNITARIE IN PROPOSITO, E LIBERO DI DISCIPLINARE NEL PROPRIO TERRITORIO L' ATTIVITA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA .

Parti


NELLA CAUSA 221/85,

COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE, RAPPRESENTATA DAL SIG . JACQUES DELMOLY, MEMBRO DEL SUO SERVIZIO GIURIDICO, IN QUALITA DI AGENTE, E CON DOMICILIO ELETTO IN LUSSEMBURGO PRESSO IL SIG . GEORGES KREMLIS, MEMBRO DEL SERVIZIO GIURIDICO DELLA COMMISSIONE, EDIFICIO JEAN MONNET, KIRCHBERG,

RICORRENTE,

CONTRO

REGNO DEL BELGIO, RAPPRESENTATO DAL SIG . ROBERT HOEBAER, DIRETTORE PRESSO IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, DEL COMMERCIO ESTERO E DELLA COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO, IN QUALITA DI AGENTE, ASSISTITO DALL' AVV . HUGO VANDENBERGHE, DEL FORO DI BRUXELLES,

CONVENUTO,

AVENTE AD OGGETTO LA DOMANDA VOLTA A FAR CONSTATARE CHE IL REGNO DEL BELGIO, NEGANDO IL RIMBORSO, DA PARTE DELLA SICUREZZA SOCIALE, DELLE PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA ESEGUITE IN LABORATORI GESTITI DA PERSONE GIURIDICHE DI DIRITTO PRIVATO I CUI MEMBRI, SOCI ED AMMINISTRATORI NON SIANO TUTTI PERSONE FISICHE ABILITATE AD ESEGUIRE ANALISI MEDICHE, E VENUTO MENO AGLI OBBLIGHI CHE AD ESSO INCOMBONO IN FORZA DELL' ART . 52 DEL TRATTATO CEE,

LA CORTE,

COMPOSTA DAI SIGNORI MACKENZIE STUART, PRESIDENTE, T.F . O' HIGGINS E F . SCHOCKWEILER, PRESIDENTI DI SEZIONE, G . BOSCO, O . DUE, U . EVERLING, K . BAHLMANN, R . JOLIET E J.C . MOITINHO DE ALMEIDA, GIUDICI,

AVVOCATO GENERALE : C.O . LENZ

CANCELLIERE : J.A . POMPE, CANCELLIERE AGGIUNTO

VISTA LA RELAZIONE D' UDIENZA E A SEGUITO DELLA TRATTAZIONE ORALE DEL 14 OTTOBRE 1986,

SENTITE LE CONCLUSIONI DELL' AVVOCATO GENERALE PRESENTATE ALL' UDIENZA DEL 2 DICEMBRE 1986,

HA PRONUNZIATO LA SEGUENTE

SENTENZA

Motivazione della sentenza


1 CON ATTO INTRODUTTIVO DEPOSITATO NELLA CANCELLERIA DELLA CORTE IL 20 GIUGNO 1985, LA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE HA PROPOSTO, A NORMA DELL' ART . 169 DEL TRATTATO CEE, UN RICORSO DIRETTO A FAR CONSTATARE CHE IL REGNO DEL BELGIO, NEGANDO IL RIMBORSO, DA PARTE DELLA SICUREZZA SOCIALE, DELLE PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA ESEGUITE IN LABORATORI GESTITI DA PERSONE GIURIDICHE DI DIRITTO PRIVATO I CUI MEMBRI, SOCI ED AMMINISTRATORI NON SIANO TUTTI PERSONE FISICHE ABILITATE AD ESEGUIRE ANALISI MEDICHE, E VENUTO MENO AGLI OBBLIGHI CHE AD ESSO INCOMBONO IN FORZA DELL' ART . 52 DEL TRATTATO CEE .

2 PER QUEL CHE RIGUARDA LA NORMATIVA BELGA IN MATERIA DI PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA, GLI ANTEFATTI DEL RICORSO E GLI ARGOMENTI DELLE PARTI, SI RINVIA ALLA RELAZIONE D' UDIENZA . QUESTI ELEMENTI DEGLI ATTI DI CAUSA VERRANNO IN PROSIEGUO RIPORTATI SOLTANTO PER QUANTO NECESSARIO ALL' ITER LOGICO DELLA CORTE .

3 LA COMMISSIONE RITIENE CHE IL REGIO DECRETO BELGA 30 DICEMBRE 1982, N . 143, CHE STABILISCE LE CONDIZIONI ALLE QUALI I LABORATORI DEVONO SODDISFARE ONDE FRUIRE DI UN INTERVENTO DELL' ASSICURAZIONE MALATTIA PER LE PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA, SIA INCOMPATIBILE CON L' ART . 52 DEL TRATTATO .

4 INFATTI, QUANDO UN LABORATORIO E GESTITO A SCOPO DI LUCRO DA UNA PERSONA GIURIDICA, DETTO DECRETO RICHIEDE CHE TUTTI I SUOI MEMBRI, SOCI ED AMMINISTRATORI, ABBIANO LA QUALIFICA DI MEDICO O DI FARMACISTA . PER LE SOCIETA STABILITE IN UN ALTRO STATO MEMBRO NE DERIVEREBBE L' IMPOSSIBILITA DI CREARE IN BELGIO DEGLI STABILIMENTI SECONDARI, SEGNATAMENTE DELLE FILIALI .

5 INOLTRE, SECONDO LA COMMISSIONE, LE RESTRIZIONI AL DIRITTO DI STABILIMENTO VIETATE DALL' ART . 52 DEL TRATTATO NON SAREBBERO LIMITATE AI PROVVEDIMENTI DISCRIMINATORI, MA RIGUARDEREBBERO ALTRESI I PROVVEDIMENTI CHE VENGONO APPLICATI IN MODO INDISTINTO AI CITTADINI ED AGLI STRANIERI ALLORCHE COSTITUISCANO UN OSTACOLO INGIUSTIFICATO PER QUESTI ULTIMI .

6 LA COMMISSIONE AGGIUNGE CHE LE SUMMENZIONATE CONDIZIONI CUI I LABORATORI DEBBONO SODDISFARE A NORMA DEL DECRETO N . 143 NON SONO NECESSARIE PER EVITARE UN' ECCESSIVA RICHIESTA DI PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA . INFATTI, IN PRIMO LUOGO, IL PERICOLO DI TALE ECCESSO DIPENDE, DI NORMA, PRINCIPALMENTE DAL MEDICO CHE LE PRESCRIVE, IN QUANTO UN' ANALISI RICHIESTA DA QUEST' ULTIMO PUO DIFFICILMENTE ESSERE RIFIUTATA DAL LABORATORIO . IN SECONDO LUOGO, SE VI E COLLUSIONE, L' ART . 9 DEL REGIO DECRETO N . 143 OFFRE LA POSSIBILITA DI IRROGARE SANZIONI NEI CONFRONTI DEL GESTORE DEL LABORATORIO, INDIPENDENTEMENTE DAL FATTO CHE SIA O MENO UNA PERSONA ABILITATA A COMPIERE ANALISI .

7 IL GOVERNO BELGA RITIENE, DA PARTE SUA, CHE LA DISCIPLINA DELL' ATTIVITA DI CUI TRATTASI RIENTRI NELLA SUA COMPETENZA ESCLUSIVA E CHE SIA COMPATIBILE CON IL DIRITTO COMUNITARIO IN QUANTO NON CREA DISCRIMINAZIONI NEI CONFRONTI DEI CITTADINI DEGLI ALTRI STATI MEMBRI O DELLE SOCIETA LORO ASSIMILATE IN FORZA DELL' ART . 58 DEL TRATTATO CEE .

8 ESSO SOSTIENE, INOLTRE, CHE IL REGIO DECRETO CONTROVERSO PERSEGUE UNA FINALITA D' INTERESSE GENERALE, E CIOE LA PREVENZIONE DELL' ECCESSIVA RICHIESTA DI PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA LA QUALE, A SUO PARERE, POTREBBE RISULTARE DALLA COLLUSIONE FRA I MEDICI ED I LABORATORI . A QUESTO SCOPO LA LEGGE AUTORIZZA IL RIMBORSO DELLE PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA SOLTANTO A CONDIZIONE CHE IL LABORATORIO IN QUESTIONE VENGA GESTITO DA UN MEDICO O DA UN FARMACISTA, OPPURE, QUALORA LA GESTIONE VENGA EFFETTUATA DA UNA PERSONA GIURIDICA A SCOPO DI LUCRO, A CONDIZIONE CHE I SUOI MEMBRI, SOCI OD AMMINISTRATORI SIANO MEDICI O FARMACISTI . SI TRATTEREBBE DI PROFESSIONI SOGGETTE AD UNA DISCIPLINA PROFESSIONALE IMPOSTA DAI RISPETTIVI ORDINI PROFESSIONALI, LA CUI EFFICACIA, IN PARTICOLARE PER QUEL CHE RIGUARDA LA PREVENZIONE DELLE PRESCRIZIONI ABUSIVE, SAREBBE STATA DIMOSTRATA IN PRATICA . LA POSSIBILITA DI SANZIONI PENALI, QUALE SI RICAVA DALL' ART . 9 DEL PRECITATO REGIO DECRETO, NON SAREBBE SUFFICIENTE .

9 VA SOTTOLINEATO IN PRIMO LUOGO CHE, A NORMA DELL' ART . 52, 2* COMMA, DEL TRATTATO CEE, LA LIBERTA DI STABILIMENTO IMPORTA L' ACCESSO ALLE ATTIVITA NON SALARIATE E AL LORO ESERCIZIO ALLE CONDIZIONI DEFINITE DALLA LEGISLAZIONE DEL PAESE DI STABILIMENTO NEI CONFRONTI DEI PROPRI CITTADINI . DA QUESTA DISPOSIZIONE E DAL SUO AMBITO DI APPLICAZIONE SI DEDUCE CHE OGNI STATO MEMBRO, PURCHE RISPETTI QUESTA PARITA DI TRATTAMENTO, E LIBERO, IN MANCANZA DI NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA, DI DISCIPLINARE SUL SUO TERRITORIO L' ATTIVITA DEI LABORATORI CHE ESEGUONO PRESTAZIONI DI BIOLOGIA CLINICA .

10 IN SECONDO LUOGO, COSI COME LA CORTE HA GIA SOTTOLINEATO, IN PARTICOLARE NELLA SENTENZA 28 GENNAIO 1986 ( COMMISSIONE / REPUBBLICA FRANCESE, CAUSA 270/83, RACC . 1986, PAG . 273 ), L' ART . 52 E DIRETTO A GARANTIRE IL BENEFICIO DEL TRATTAMENTO NAZIONALE A QUALUNQUE CITTADINO DI UNO STATO MEMBRO CHE SI STABILISCA, ANCHE SOLO IN VIA SECONDARIA, IN UN ALTRO STATO MEMBRO PER SVOLGERVI UN' ATTIVITA NON SALARIATA E VIETA OGNI DISCRIMINAZIONE BASATA SULLA CITTADINANZA IN QUANTO RESTRIZIONE ALLA LIBERTA DI STABILIMENTO .

11 VA OSSERVATO CHE LA LEGGE BELGA NON VIETA A MEDICI O FARMACISTI CITTADINI DI ALTRI STATI MEMBRI DI STABILIRSI IN BELGIO E DI GESTIRVI UN LABORATORIO DI ANALISI CLINICHE CHE FRUISCA DEL RIMBORSO DELLA SICUREZZA SOCIALE . SI TRATTA PERTANTO DI UNA NORMATIVA CHE VIENE APPLICATA IN MODO INDISTINTO AI CITTADINI BELGI E A QUELLI DEGLI ALTRI STATI MEMBRI, IL CUI CONTENUTO E FINALITA NON PERMETTONO DI CONCLUDERE CHE E STATA ADOTTATA CON INTENTI DISCRIMINATORI O CHE PRODUCE EFFETTI DI TALE NATURA .

12 STANDO COSI LE COSE, SI DEVE CONCLUDERE CHE LO STATO BELGA, ADOTTANDO IL REGIO DECRETO 30 DICEMBRE 1982, N . 143, NON E VENUTO MENO AGLI OBBLIGHI CHE AD ESSO INCOMBONO IN FORZA DELL' ART . 52 DEL TRATTATO CEE, E IL RICORSO VA RESPINTO .

Decisione relativa alle spese


SULLE SPESE

13 A NORMA DELL' ART . 69, PAR 2, DEL REGOLAMENTO DI PROCEDURA, LA PARTE SOCCOMBENTE E CONDANNATA ALLE SPESE . LA RICORRENTE E RIMASTA SOCCOMBENTE E PERTANTO VA CONDANNATA ALLE SPESE .

Dispositivo


PER QUESTI MOTIVI,

LA CORTE

DICHIARA E STATUISCE :

1 ) IL RICORSO E RESPINTO .

2 ) LA COMMISSIONE E CONDANNATA ALLE SPESE .

Top