EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 61979CJ0062

Sentenza della Corte del 18 marzo 1980.
SA Compagnie générale pour la diffusion de la télévision, Coditel, ed altri contro Ciné Vog Films ed altri.
Domanda di pronuncia pregiudiziale: Cour d'appel de Bruxelles - Belgio.
Prestazione di servizi: teledistribuzione.
Causa 62/79.

European Court Reports 1980 -00881

ECLI identifier: ECLI:EU:C:1980:84

61979J0062

SENTENZA DELLA CORTE DEL 18 MARZO 1980. - SA COMPAGNIE GENERALE POUR LA DIFFUSION DE LA TELEVISION, CODITEL, ED ALTRI CONTRO SA CINE VOG FILMS ED ALTRI. - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DALLA COUR D'APPEL DI BRUXELLES). - PRESTAZIONE DI SERVIZI : TELEDISTRIBUZIONE. - CAUSA 62/79.

raccolta della giurisprudenza 1980 pagina 00881
edizione speciale greca pagina 00477
edizione speciale svedese pagina 00089
edizione speciale finlandese pagina 00091
edizione speciale spagnola pagina 00279


Massima
Parti
Oggetto della causa
Motivazione della sentenza
Decisione relativa alle spese
Dispositivo

Parole chiave


1 . LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI - RESTRIZIONI - APPLICAZIONE DELLE LEGISLAZIONI NAZIONALI RELATIVE ALLA TUTELA DEI DIRITTI D ' AUTORE - CESSIONE DEI DIRITTI - AMMISSIBILITA - PRESUPPOSTI

( TRATTATO CEE , ART . 59 )

2 . LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI - RESTRIZIONI - TELEDISTRIBUZIONE IN UNO STATO MEMBRO DI UN FILM PROIETTATO IN UN ALTRO STATO MEMBRO COL CONSENSO DEL TITOLARE DEL DIRITTO - OPPOSIZIONE DEL CONCESSIONARIO DELLA PROIEZIONE PER IL PRIMO STATO - AMMISSIBILITA

( TRATTATO CEE , ART . 59 )

Massima


1 . L ' ART . 59 DEL TRATTATO CEE , BENCHE VIETI LE RESTRIZIONI ALLA LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI , NON RIGUARDA CON CIO I LIMITI ALL ' ESERCIZIO DI DETERMINATE ATTIVITA ECONOMICHE DERIVANTI DALL ' APPLICAZIONE DELLE LEGISLAZIONI NAZIONALI RELATIVE ALLA PROTEZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE , SALVO CHE UN ' APPLICAZIONE DEL GENERE COSTITUISCA UN MEZZO DI DISCRIMINAZIONE ARBITRARIA O UNA RESTRIZIONE DISSIMULATA NELLE RELAZIONI ECONOMICHE FRA GLI STATI MEMBRI . TALE SAREBBE IL CASO SE DETTA APPLICAZIONE PERMETTESSE ALLE PARTI IN UNA CESSIONE DI DIRITTO D ' AUTORE DI CREARE BARRIERE ARTIFICIALI ALLE RELAZIONI ECONOMICHE FRA STATI MEMBRI .

2 . LE DISPOSIZIONI DEL TRATTATO CEE RELATIVE ALLA LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI NON OSTANO A CHE IL CONCESSIONARIO DEI DIRITTI DI PROIEZIONE DI UN FILM CINEMATOGRAFICO IN UNO STATO MEMBRO ESERCITI IL PROPRIO DIRITTO PER FAR VIETARE LA PROIEZIONE DEL FILM IN TALE STATO , SENZA LA PROPRIA AUTORIZZAZIONE , MEDIANTE TELEDISTRIBUZIONE , SE IL FILM COSI PROIETTATO VIENE CAPTATO E TRASMESSO DOPO ESSERE STATO DIFFUSO IN UN ALTRO STATO MEMBRO DA UN TERZO , CON IL CONSENSO DEL TITOLARE ORIGINARIO DEL DIRITTO .

INFATTI , SE IL DIRITTO D ' AUTORE IMPLICA IL DIRITTO DI ESIGERE REMUNERAZIONI PER OGNI RAPPRESENTAZIONE DI UN FILM CINEMATOGRAFICO , LE NORME DEL TRATTATO NON POSSONO , IN LINEA DI PRINCIPIO , OPPORSI AI LIMITI GEOGRAFICI CHE LE PARTI NEI CONTRATTI DI CESSIONE HANNO CONVENUTO PER PROTEGGERE L ' AUTORE ED I SUOI AVENTI CAUSA IN PROPOSITO . IL SOLO FATTO CHE DETTI LIMITI GEOGRAFICI POSSANO COINCIDERE CON LE FRONTIERE NAZIONALI NON IMPLICA UNA SOLUZIONE DIVERSA NELLA SITUAZIONE IN CUI L ' ORGANIZZAZIONE DELLA TELEVISIONE NEGLI STATI MEMBRI SI BASA IN LARGA MISURA SU MONOPOLI LEGALI DI TRASMISSIONE , IL CHE IMPLICA CHE UNA DIVERSA LIMITAZIONE DEL CAMPO D ' APPLICAZIONE GEOGRAFICO DELLA CESSIONE SAREBBE SPESSO IMPRATICABILE .

Parti


NEL PROCEDIMENTO 62/79 ,

AVENTE AD OGGETTO LA DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE PROPOSTA ALLA CORTE , AI SENSI DELL ' ART . 177 DEL TRATTATO CEE , DALLA COUR D ' APPEL DI BRUXELLES , II SEZIONE CIVILE , NELLA CAUSA DINANZI AD ESSA PENDENTE TRA

SA COMPAGNIE GENERALE POUR LA DIFFUSION DE LA TELEVISION , CODITEL , BRUXELLES ,

SA CODITEL BRABANT , BRUXELLES ,

SA COMPAGNIE LIEGEOISE POUR LA DIFFUSION DE LA TELEVISION , CODITEL LIEGE , LIEGI ,

APPELLANTI ,

E

SA CINE VOG FILMS , SCHAERBEEK ,

ASBL CHAMBRE SYNDICALE BELGE DE LA CINEMATOGRAPHIE , ST-JOSSE-TEN-NOODE ,

SA DI DIRITTO FRANCESE ' LES FILMS LA BOETIE ' , PARIGI ,

CHAMBRE SYNDICALE DES PRODUCTEURS ET EXPORTATEURS DE FILMS FRANCAIS , PARIGI ,

APPELLATI ,

IN PRESENZA DI

INTERMIXT , ENTE DI PUBBLICA UTILITA , BRUXELLES ,

UNION PROFESSIONNELLE DE RADIO ET TELEDISTRIBUTION , SCHAERBEEK ,

INTER-REGIES , ASSOCIAZIONE COOPERATIVA INTERCOMUNALE , BRUXELLES ,

INTERVENIENTI ,

Oggetto della causa


DOMANDA VERTENTE SULL ' INTERPRETAZIONE DELL ' ART . 59 DEL TRATTATO CEE ,

Motivazione della sentenza


1 CON SENTENZA DEL 30 MARZO 1979 , PERVENUTA ALLA CORTE IL 17 APRILE SEGUENTE , LA COUR D ' APPEL DI BRUXELLES HA POSTO , AI SENSI DELL ' ART . 177 DEL TRATTATO CEE , DUE QUESTIONI RELATIVE ALL ' INTERPRETAZIONE DELL ' ART . 59 E DELLE ALTRE DISPOSIZIONI DEL TRATTATO IN MATERIA DI LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI .

2 LE QUESTIONI SONO STATE SOLLEVATE A PROPOSITO DI UN ' AZIONE INTENTATA DA UNA SOCIETA BELGA DI DISTRIBUZIONE DI FILM CINEMATOGRAFICI , LA SA CINE VOG FILMS - APPELLATA DINANZI ALLA COUR D ' APPEL - PER LESIONE DI DIRITTI D ' AUTORE . L ' AZIONE E DIRETTA CONTRO UNA SOCIETA FRANCESE , LES FILMS LA BOETIE , E CONTRO TRE SOCIETA BELGHE DI TELEDISTRIBUZIONE , IN PROSIEGUO DENOMINATE COLLETTIVAMENTE SOCIETA CODITEL , ED E INTESA AD OTTENERE LA RIPARAZIONE DEL PREGIUDIZIO CHE SI ASSERISCE CAUSATO ALLA CINE VOG DALLA RICEZIONE IN BELGIO DI UNA TRASMISSIONE DELLA TELEVISIONE TEDESCA DEDICATA ALLA PROIEZIONE DEL FILM ' LE BOUCHER ' , PER IL QUALE LA CINE VOG HA OTTENUTO DALLA SOCIETA ' LES FILMS LA BOETIE ' IL DIRITTO DI DISTRIBUZIONE ESCLUSIVA IN BELGIO .

3 DAL FASCICOLO RISULTA CHE LE SOCIETA CODITEL PRESTANO , CON L ' AUTORIZZAZIONE DELL ' AMMINISTRAZIONE BELGA , UN SERVIZIO DI TELEDISTRIBUZIONE CHE COPRE UNA PARTE DEL TERRITORIO BELGA . I TELEVISORI DEGLI ABBONATI A QUESTO SERVIZIO SONO COLLEGATI VIA CAVO AD UN ' ANTENNA CENTRALE CHE PRESENTA CARATTERISTICHE TECNICHE SPECIALI , LE QUALI PERMETTONO DI CAPTARE I PROGRAMMI BELGI E DETERMINATI PROGRAMMI STRANIERI CHE L ' ABBONATO NON POTREBBE SEMPRE CAPTARE CON UN ' ANTENNA INDIVIDUALE , E MIGLIORANO INOLTRE LA QUALITA DELLE IMMAGINI E DEL SUONO RICEVUTI DALL ' ABBONATO .

4 IL TRIBUNAL DE PREMIERE INSTANCE DI BRUXELLES , INVESTITO DELLA DOMANDA , L ' HA DICHIARATA INFONDATA IN QUANTO RIVOLTA CONTRO LES FILMS LA BOETIE , MA HA CONDANNATO LE SOCIETA CODITEL AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN FAVORE DELLA CINE VOG . LE SOCIETA CODITEL HANNO INTERPOSTO APPELLO CONTRO TALE SENTENZA ; L ' APPELLO E STATO DICHIARATO IRRICEVIBILE DALLA COUR D ' APPEL PER LA PARTE IN CUI ERA DIRETTO CONTRO LA SOCIETA LES FILMS LA BOETIE , LA QUALE , ALLO STATO ATTUALE DELLA LITE , E QUINDI MESSA FUORI CAUSA .

5 I FATTI DI CAUSA IMPORTANTI IN RELAZIONE ALLA SOLUZIONE DELLA CONTROVERSIA SONO STATI RIASSUNTI COME SEGUE DALLA COUR D ' APPEL . CON CONVENZIONE IN DATA 8 LUGLIO 1969 LES FILMS LA BOETIE , QUALE TITOLARE DI TUTTI I DIRITTI ALLO SFRUTTAMENTO DEL FILM ' LE BOUCHER ' , HA ATTRIBUITO ALLA CINE VOG IL ' MANDATO ESCLUSIVO ' DI DISTRIBUIRE IL FILM IN BELGIO PER 7 ANNI . IL FILM E STATO PROIETTATO NELLE SALE CINEMATOGRAFICHE BELGHE A PARTIRE DAL 15 MAGGIO 1970 . TUTTAVIA , IL 5 GENNAIO 1971 , IL PRIMO CANALE DELLA TELEVISIONE TEDESCA NE HA DIFFUSO UNA VERSIONE TEDESCA E LA TRASMISSIONE HA POTUTO ESSERE CAPTATA IN BELGIO . LA CINE VOG HA RITENUTO CHE LA TRASMISSIONE AVESSE COMPROMESSO LE PROSPETTIVE COMMERCIALI DEL FILM IN BELGIO . ESSA NE HA FATTO ADDEBITO SIA A ' LES FILMS LA BOETIE ' , PER NON AVER RISPETTATO L ' ESCLUSIVITA AD ESSA CONCESSA , SIA ALLE SOCIETA CODITEL , PER AVER TRASMESSO IL PROGRAMMA DI CUI SI TRATTA SULLE LORO RETI DI TELEDISTRIBUZIONE .

6 LA COUR D ' APPEL HA DAPPRIMA PRESO IN ESAME LE ATTIVITA DELLE SOCIETA DI TELEDISTRIBUZIONE DAL PUNTO DI VISTA DELLA VIOLAZIONE DEL DIRITTO D ' AUTORE . ESSA HA RITENUTO CHE TALI SOCIETA AVESSERO PROCEDUTO AD UNA ' COMUNICAZIONE AL PUBBLICO ' DEL FILM AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI APPLICABILI IN MATERIA ED AVESSERO QUINDI BISOGNO , SUL PIANO DELLA LEGISLAZIONE RELATIVA AL DIRITTO D ' AUTORE E CON RISERVA DELL ' INCIDENZA , SU DI ESSA , DEL DIRITTO COMUNITARIO , DELL ' AUTORIZZAZIONE DELLA CINE VOG PER TRASMETTERE IL FILM SULLE PROPRIE RETI . DA QUESTE CONSIDERAZIONI RISULTA CHE , SECONDO IL RAGIONAMENTO SEGUITO DALLA COUR D ' APPEL , L ' AUTORIZZAZIONE , DATA DAL TITOLARE DEL DIRITTO D ' AUTORE , A DIFFONDERE IL FILM ALLA TELE VISIONE TEDESCA NON COMPRENDEVA L ' AUTORIZZAZIONE A TRASMETTERE IL FILM SULLE RETI DI TELEDISTRIBUZIONE ESISTENTI AL DI FUORI DEL TERRITORIO TEDESCO , OD ALMENO SU QUELLE COSTITUITE IN BELGIO .

7 LA COUR D ' APPEL HA POI PRESO IN ESAME , PER QUANTO RIGUARDA L ' INCIDENZA DEL DIRITTO COMUNITARIO , L ' ARGOMENTO DELLE SOCIETA CODITEL , SECONDO IL QUALE L ' EVENTUALE DIVIETO DI TRASMETTERE FILM PER I QUALI IL DIRITTO D ' AUTORE E STATO CONCESSO DAL PRODUTTORE AD UN ' IMPRESA DI DISTRIBUZIONE PER TUTTO IL TERRITORIO BELGA , SAREBBE CONTRARIO AL TRATTATO CEE , E PIU IN PARTICOLARE ALL ' ART . 85 ED AGLI ARTT . 59 E 60 . DOPO AVER RESPINTO L ' ARGOMENTO TRATTO DALL ' ART . 85 , LA COUR D ' APPEL SI E CHIESTA SE L ' AZIONE INTENTATA NEI CONFRONTI DELLE SOCIETA DI TELEDISTRIBUZIONE DA PARTE DELLA CINE VOG , ' IN QUANTO ESSA LIMITA LA POSSIBILITA PER UN ' EMITTENTE UBICATA IN UN PAESE LIMITROFO DEL BELGIO , PAESE DEI DESTINATARI DELLA PRESTAZIONE , DI EFFETTUARLA LIBERAMENTE ' , FOSSE IN CONTRASTO CON L ' ART . 59 . SECONDO LE SOCIETA APPELLANTI L ' ART . 59 VA INTESO NEL SENSO CHE ESSO VIETA LE RESTRIZIONI ALLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI E NON SOLTANTO ALLA LIBERA ATTIVITA DEI PRESTATORI DI SERVIZI E CHE ABBRACCIA TUTTE LE IPOTESI IN CUI LA PRESTAZIONE DI SERVIZIO RICHIEDE , O HA RICHIESTO , IN UNA FASE ANTERIORE , O RICHIEDERA , IN UNA FASE ULTERIORE , L ' ATTRAVERSAMENTO DELLE FRONTIERE INTRACOMUNITARIE .

8 RITENENDO CHE TALE MEZZO RIGUARDI L ' INTERPRETAZIONE DEL TRATTATO , LA COUR D ' APPEL HA DEFERITO ALLA CORTE DI GIUSTIZIA LE DUE QUESTIONI SEGUENTI :

' PRIMA QUESTIONE :

SE LE RESTRIZIONI VIETATE DALL ' ART . 59 DEL TRATTATO CHE ISTITUISCE LA COMUNITA ECONOMICA EUROPEA SIANO SOLO QUELLE CHE OSTANO ALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI TRA CITTADINI RESIDENTI IN STATI MEMBRI DIVERSI OVVERO COMPRENDANO PURE LE RESTRIZIONI DELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI TRA CITTADINI RESIDENTI NELLO STESSO STATO MEMBRO , MA RIGUARDANTI UNA PRESTAZIONE LA CUI SOSTANZA GIUNGE DA UN ALTRO STATO MEMBRO .

SECONDA QUESTIONE :

IN CASO DI SOLUZIONE POSITIVA DELLA PRIMA PARTE DELLA QUESTIONE PRECEDENTE , SE SIA CONFORME ALLE DISPOSIZIONI DEL TRATTATO RELATIVE ALLA LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI IL FATTO CHE IL CESSIONARIO DI DIRITTI DI PROIEZIONE D ' UN FILM CINEMATOGRAFICO IN UNO STATO MEMBRO INVOCHI IL SUO DIRITTO PER FAR VIETARE AL CONVENUTO LA RAPPRESENTAZIONE DI DETTO FILM NELLO STESSO STATO MEDIANTE LA TELEDI STRIBUZIONE , QUALORA IL FILM COSI PROIETTATO SIA CAPTATO DAL CONVENUTO MENTRE E DIFFUSO IN UN ALTRO STATO MEMBRO , DA UN TERZO , CON IL CONSENSO DEL TITOLARE ORIGINARIO DEL DIRITTO ' .

9 SECONDO IL SUO TENORE LETTERALE , LA SECONDA QUESTIONE E POSTA PER IL CASO DI SOLUZIONE AFFERMATIVA DELLA PRIMA PARTE DELLA PRIMA QUESTIONE , MA LA COUR D ' APPEL SI E MANIFESTAMENTE VOLUTA RIFERIRE AL CASO DI UNA SOLUZIONE CHE AFFERMI CHE , IN LINEA DI PRINCIPIO , GLI ARTT . 59 E SEGG . DEL TRATTATO SI APPLICANO ALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI CUI E CAUSA , DATO CHE LA SECONDA QUESTIONE HA UN SENSO SOLTANTO IN TALE IPOTESI .

10 LA CORTE DI GIUSTIZIA PRENDERA IN ESAME DAPPRIMA LA SECONDA QUESTIONE . SE LA SOLUZIONE DI QUESTA QUESTIONE DOVESSE RISULTARE NEGATIVA , NON ESSENDO LA PRASSI IVI DESCRITTA CONTRARIA ALLE DISPOSIZIONI DEL TRATTATO RELATIVE ALLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI , NELL ' IPOTESI IN CUI DETTE DISPOSIZIONI SIANO APPLICABILI , IL GIUDICE NAZIONALE DISPORREBBE DI TUTTI GLI ELEMENTI NECESSARI PER RISOLVERE IL PROBLEMA GIURIDICO DI CUI E INVESTITO , IN CONFORMITA COL DIRITTO COMUNITARIO .

11 LA SECONDA QUESTIONE SOLLEVA IL PROBLEMA SE GLI ARTT . 59 E 60 DEL TRATTATO SI OPPONGANO AD UNA CESSIONE , LIMITATA AL TERRITORIO DI UNO STATO MEMBRO , DI UN DIRITTO D ' AUTORE RIGUARDANTE UN FILM , DATO CHE UNA SERIE DI CESSIONI DEL GENERE POTREBBE AVERE PER RISULTATO LA COMPARTIMENTAZIONE DEL MERCATO COMUNE DAL PUNTO DI VISTA DELL ' ESERCIZIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE RELATIVE ALLA CINEMATOGRAFIA .

12 IL FILM CINEMATOGRAFICO APPARTIENE ALLA CATEGORIA DELLE OPERE LETTERARIE E ARTISTICHE MESSE A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO PER MEZZO DI RAPPRESENTAZIONI CHE POSSONO RIPETERSI ALL ' INFINITO . AL RIGUARDO , I PROBLEMI CHE IL RISPETTO DEL DIRITTO D ' AUTORE IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE DEL TRATTATO IMPLICA NON SONO GLI STESSI DI QUELLI RIGUARDANTI LE OPERE LETTERARIE ED ARTISTICHE LA CUI MESSA A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO SI CONFONDE CON LA CIRCOLAZIONE DEL SUPPORTO MATERIALE DELL ' OPERA , COME NEL CASO DEL LIBRO O DEL DISCO .

13 COSI STANDO LE COSE , IL TITOLARE DEL DIRITTO D ' AUTORE SU UN FILM ED I SUOI AVENTI CAUSA HANNO UN INTERESSE , GIURIDICAMENTE TUTELATO , A CALCOLARE LE REMUNERAZIONI DOVUTE PER L ' AUTORIZZAZIONE A RAPPRESENTARE IL FILM IN FUNZIONE DEL NUMERO EFFETTIVO O PROBABILE DELLE RAPPRESENTAZIONI E A NON AUTORIZZARE UNA TRASMISSIONE TELEVISIVA DEL FILM , CHE POSSA ESSERE CAPTATA DA UN GRANDE PUBBLICO , SE NON DOPO UN DETERMINATO PERIODO DI PROIEZIONE NELLE SALE CINEMATO GRAFICHE . DAL FASCICOLO RISULTA CHE , NELLA FATTISPECIE , IL CONTRATTO STIPULATO TRA LES FILMS LA BOETIE E LA CINE VOG PREVEDEVA CHE IL DIRITTO ESCLUSIVO CONCESSO COMPRENDESSE LA FACOLTA DI FAR RAPPRESENTARE PUBBLICAMENTE IL FILM ' LE BOUCHER ' IN BELGIO SOTTO FORMA DI PROIEZIONE NELLE SALE CINEMATOGRAFICHE E DI TRASMISSIONI TELEVISIVE , NON POTENDO PERO IL DIRITTO DI FAR DIFFONDERE IL FILM DALLA TELEVISIONE BELGA ESSERE ESERCITATO CHE QUARANTA MESI DOPO LA PRIMA USCITA DEL FILM IN BELGIO .

14 QUESTE CONSTATAZIONI HANNO DOPPIA IMPORTANZA . DA UN LATO , ESSE METTONO IN LUCE CHE LA FACOLTA , PER IL TITOLARE DEL DIRITTO D ' AUTORE E DEI SUOI AVENTI CAUSA , DI ESIGERE REMUNERAZIONI PER QUALSIASI RAPPRESENTAZIONE DI UN FILM FA PARTE DELLA FUNZIONE ESSENZIALE DEL DIRITTO D ' AUTORE RIGUARDANTE TALE GENERE DI OPERE LETTERARIE OD ARTISTICHE . D ' ALTRO LATO , ESSE DIMOSTRANO CHE LA FRUIZIONE DEI DIRITTI D ' AUTORE SUI FILM , NONCHE DELLE RELATIVE REMUNERAZIONI , NON PUO ESSERE ORGANIZZATA INDIPENDENTEMENTE DALLE PROSPETTIVE DI TRASMISSIONE TELEVISIVA DEI FILM . LA QUESTIONE SE LA CESSIONE DEL DIRITTO D ' AUTORE LIMITATA AL TERRITORIO DI UNO STATO MEMBRO POSSA COSTITUIRE RESTRIZIONE ALLA LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DEV ' ESSERE VALUTATA IN TALE AMBITO .

15 SE L ' ART . 59 DEL TRATTATO VIETA LE RESTRIZIONI ALLA LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI , ESSO NON RIGUARDA CON CIO I LIMITI ALL ' ESERCIZIO DI DETERMINATE ATTIVITA ECONOMICHE DERIVANTI DALL ' APPLICAZIONE DELLE LEGISLAZIONI NAZIONALI RELATIVE ALLA PROTEZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE , SALVO CHE UN ' APPLICAZIONE DEL GENERE COSTITUISCA MEZZO DI DISCRIMINAZIONE ARBITRARIA O RESTRIZIONE DISSIMULATA NELLE RELAZIONI ECONOMICHE FRA GLI STATI MEMBRI . TALE SAREBBE IL CASO SE DETTA APPLICAZIONE PERMETTESSE ALLE PARTI IN UNA CESSIONE DI DIRITTO D ' AUTORE DI CREARE BARRIERE ARTIFICIALI ALLE RELAZIONI ECONOMICHE FRA STATI MEMBRI .

16 NE RISULTA CHE , SE IL DIRITTO D ' AUTORE IMPLICA LA FACOLTA DI ESIGERE REMUNERAZIONI PER OGNI RAPPRESENTAZIONE , LE NORME DEL TRATTATO NON POSSONO , IN LINEA DI PRINCIPIO , OPPORSI AI LIMITI GEOGRAFICI CHE LE PARTI NEI CONTRATTI DI CESSIONE HANNO CONVENUTO PER PROTEGGERE L ' AUTORE ED I SUOI AVENTI CAUSA IN PROPOSITO . IL SOLO FATTO CHE DETTI LIMITI GEOGRAFICI POSSONO COINCIDERE CON LE FRONTIERE NAZIONALI NON IMPLICA UNA SOLUZIONE DIVERSA NELLA SITUAZIONE IN CUI L ' ORGANIZ ZAZIONE DELLA TELEVISIONE NEGLI STATI MEMBRI SI BASI IN LARGA MISURA SU MONOPOLI LEGALI DI TRASMISSIONE , IMPLICANDO CIO CHE UNA DIVERSA LIMITAZIONE DEL CAMPO DI APPLICAZIONE GEOGRAFICO DELLA CESSIONE SAREBBE SPESSO IMPRATICABILE .

17 IL CESSIONARIO ESCLUSIVO DEI DIRITTI DI RAPPRESENTAZIONE DI UN FILM PER TUTTO IL TERRITORIO DI UNO STATO MEMBRO PUO QUINDI FAR VALERE IL PROPRIO DIRITTO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETA DI TELEDISTRIBUZIONE CHE HANNO TRASMESSO IL FILM SULLE LORO RETI DI DISTRIBUZIONE DOPO AVERLO CAPTATO DA UNA STAZIONE EMITTENTE TELEVISIVA STABILITA IN UN ALTRO STATO MEMBRO , SENZA CHE IL DIRITTO COMUNITARIO VI SI OPPONGA .

18 DI CONSEGUENZA , SI DEVE RISOLVERE LA SECONDA QUESTIONE POSTA DALLA COUR D ' APPEL DI BRUXELLES NEL SENSO CHE LE DISPOSIZIONI DEL TRATTATO RELATIVE ALLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI NON SI OPPONGONO AL FATTO CHE IL CESSIONARIO DEI DIRITTI DI RAPPRESENTAZIONE DI UN FILM CINEMATOGRAFICO IN UNO STATO MEMBRO ESERCITI IL PROPRIO DIRITTO PER FAR VIETARE LA RAPPRESENTAZIONE DEL FILM IN TALE STATO , SENZA LA PROPRIA AUTORIZZAZIONE , MEDIANTE TELEDISTRIBUZIONE , SE IL FILM COSI RAPPRESENTATO VIENE CAPTATO E TRASMESSO DOPO ESSERE STATO DIFFUSO IN UN ALTRO STATO MEMBRO DA UN TERZO , CON IL CONSENSO DEL TITOLARE ORIGINARIO DEL DIRITTO .

19 DALLA SOLUZIONE DATA ALLA SECONDA QUESTIONE RISULTA CHE IL DIRITTO COMUNITARIO , NELL ' IPOTESI IN CUI SI APPLICHI ALLE ATTIVITA DELLE SOCIETA DI TELEDISTRIBUZIONE OGGETTO DELLA CONTROVERSIA PENDENTE DINANZI AL GIUDICE NAZIONALE , NON INCIDE SULL ' APPLICAZIONE , DA PARTE DI DETTO GIUDICE , DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGISLAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO D ' AUTORE IN UN CASO COME QUELLO DELLA FATTISPECIE . NON E QUINDI PIU NECESSARIO RISOLVERE LA PRIMA QUESTIONE .

Decisione relativa alle spese


SULLE SPESE

20 LE SPESE SOSTENUTE DAL GOVERNO DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GEMANIA , DAL GOVERNO DEL REGNO UNITO E DALLA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE , CHE HANNO PRESENTATO OSSERVAZIONI ALLA CORTE , NON POSSONO DAR LUOGO A RIFUSIONE . NEI CONFRONTI DELLE PARTI NELLA CAUSA PRINCIPALE , IL PRESENTE PROCEDIMENTO INVESTE IL CARATTERE DI UN INCIDENTE SOLLEVATO DINANZI AL GIUDICE NAZIONALE , CUI SPETTA STATUIRE SULLE SPESE .

Dispositivo


PER QUESTI MOTIVI ,

LA CORTE ,

PRONUNZIANDOSI SULLE QUESTIONI AD ESSA SOTTOPOSTE DALLA COUR D ' APPEL DI BRUXELLES CON SENTENZA DEL 30 MARZO 1979 , DICHIARA :

LE DISPOSIZIONI DEL TRATTATO RELATIVE ALLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI NON SI OPPONGONO A CHE IL CESSIONARIO DEI DIRITTI DI RAPPRESENTAZIONE DI UN FILM CINEMATOGRAFICO IN UNO STATO MEMBRO ESERCITI IL PROPRIO DIRITTO PER FAR VIETARE LA RAPPRESENTAZIONE DEL FILM IN TALE STATO , SENZA PROPRIA AUTORIZZAZIONE , MEDIANTE TELEDISTRIBUZIONE , SE IL FILM COSI RAPPRESENTATO VIENE CAPTATO E TRASMESSO DOPO ESSERE STATO DIFFUSO IN UN ALTRO STATO MEMBRO DA UN TERZO , CON IL CONSENSO DEL TITOLARE ORIGINARIO DEL DIRITTO .

Top