EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 61978CJ0207

Sentenza della Corte (Prima Sezione) del 31 maggio 1979.
Pubblico ministero contro Gilbert Even e Office national des pensions pour travailleurs salariés (ONPTS).
Domanda di pronuncia pregiudiziale: Cour du travail de Liège - Belgio.
Vantaggi previdenziali.
Causa 207/78.

European Court Reports 1979 -02019

ECLI identifier: ECLI:EU:C:1979:144

61978J0207

SENTENZA DELLA CORTE (PRIMA SEZIONE) DEL 31 MAGGIO 1979. - PUBBLICO MINISTERO CONTRO GILBERT EVEN E OFFICE NATIONAL DES PENSIONS POUR TRAVAILLEURS SALARIES (ONPTS). - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DALLA COUR DU TRAVAIL DI LIEGI). - VANTAGGI PREVIDENZIALI. - CAUSA 207/78.

raccolta della giurisprudenza 1979 pagina 02019
edizione speciale greca pagina 00019


Massima
Parti
Oggetto della causa
Motivazione della sentenza
Decisione relativa alle spese
Dispositivo

Parole chiave


1 . PREVIDENZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI - NORMATIVA COMUNITARIA - CAMPO D ' APPLICAZIONE MATERIALE - PRESTAZIONI CONTEMPLATE E PRESTAZIONI ESCLUSE - CRITERI DI DISTINZIONE

( REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1408/71 , ART . 4 , NN . 1 E 4 )

2 . PREVIDENZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI - NORMATIVA COMUNITARIA - CAMPO D ' APPLICAZIONE MATERIALE - PRESTAZIONI ESCLUSE - PRESTAZIONI ALLE VITTIME DELLA GUERRA O DELLE SUE CONSEGUENZE

( REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1408/71 , ART . 4 , N . 4 )

3 . LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE - LAVORATORI - PARITA DI TRATTAMENTO - VANTAGGI SOCIALI E FISCALI - NOZIONE

( REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1612/68 , ART . 7 , N . 2 )

4 . LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE - LAVORATORI - PARITA DI TRATTAMENTO - VANTAGGI SOCIALI - BENEFICIO FONDATO SULLO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE - ESCLUSIONE

( REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1612/68 , ART . 7 , N . 2 )

Massima


1 . LA CIRCOSTANZA CHE UNA DISPOSIZIONE CHE CONTEMPLA PRESTAZIONI A FAVORE DELLE VITTIME DELLA GUERRA E DELLE SUE CONSEGUENZE RIENTRI IN UNA NORMATIVA NAZIONALE DI PREVIDENZA SOCIALE NON CONSENTE DI PER SE SOLA DI PRONUNZIARSI CIRCA LA NATURA DI PRESTAZIONE PREVIDENZIALE , AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1408/71 , DEL VANTAGGIO CONTEMPLATO DALLA DISPOSIZIONE STESSA , DATO CHE LA DISTINZIONE FRA PRESTAZIONI ESCLUSE DALLA SFERA D ' APPLICAZIONE DI DETTO REGOLAMENTO E PRESTAZIONI CHE VI RIENTRANO , SI BASA ESSENZIALMENTE SUGLI ELEMENTI COSTITUTIVI DI CIASCUNA PRESTAZIONE , IN PARTICOLARE SUI SUOI SCOPI E SUI CRITERI PER LA SUA ATTRIBUZIONE .

2 . L ' ART . 4 , N . 4 , DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 , VA INTERPRETATO NEL SENSO CHE ESSO ESCLUDE DEL PARI DAL CAMPO D ' APPLICAZIONE DI DETTO REGOLAMENTO DEI REGIMI NAZIONALI PARTICOLARI ( QUALE QUELLO CONTEMPLATO DALL ' ART . 1 , 4* , DEL REGIO DECRETO BELGA 27 GIUGNO 1969 ) IL CUI SCOPO ESSENZIALE E DI OFFRIRE AI LAVORATORI CHE HANNO COMBATTUTO LE FORZE ALLEATE FRA IL 1940 E IL 1945 E SONO STATI COLPITI DA INABILITA AL LAVORO IMPUTABILE AD UN FATTO DI GUERRA UNA TESTIMONIANZA DELLA RICONOSCENZA NAZIONALE PER LE PROVE SUBITE DURANTE QUESTO PERIODO E DI ATTRIBUIRE LORO , AUMENTANDO IL TASSO DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA , UN VANTAGGIO A CAUSA DEI SERVIZI COSI RESI AL LORO PAESE .

3 . DAL COMPLESSO DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1612/68 , NONCHE DALLO SCOPO PERSEGUITO , SI DESUME CHE I VANTAGGI SOCIALI E FISCALI CHE DETTO REGOLAMENTO ESTENDE AI LAVORATORI CITTADINI DI ALTRI STATI MEMBRI SONO TUTTI QUELLI CHE , CONNESSI O NO AD UN CONTRATTO DI LAVORO , SONO GENERALMENTE ATTRIBUITI AI LAVORATORI NAZIONALI , IN RAGIONE PRINCIPALMENTE DEL LORO STATUS OBIETTIVO DI LAVORATORI O DEL SEMPLICE FATTO DELLA LORO RESIDENZA NEL TERRITORIO NAZIONALE , E LA CUI ESTENSIONE AI LAVORATORI CITTADINI DI ALTRI STATI MEMBRI RISULTA QUINDI ATTA A FACILITARE LA LORO MOBILITA NELL ' AMBITO DELLA COMUNITA .

4 . UN VANTAGGIO FONDATO SULLO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE ( QUALE QUELLO ATTRIBUITO DAL REGIO DECRETO BELGA 27 GIUGNO 1969 ) NON PUO CONSIDERARSI COME UN VANTAGGIO ATTRIBUITO AL LAVORATORE NAZIONALE IN RAGIONE PRINCIPALMENTE DEL SUO STATUS DI LAVORATORE O DI RESIDENTE NEL TERRITORIO NAZIONALE E , QUINDI , NON POSSIEDE LE CARATTERISTICHE SOSTANZIALI DEI ' VANTAGGI SOCIALI ' DI CUI ALL ' ART . 7 , N . 2 , DEL REGOLAMENTO N . 1612/68 .

NE CONSEGUE CH ' ESSO NON RIENTRA NELLA SFERA D ' APPLICAZIONE MATERIALE DI DETTO REGOLAMENTO E NON E QUINDI SOGGETTO , PER QUANTO RIGUARDA I REQUISITI DI ATTRIBUZIONE , ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO STESSO .

Parti


NEL PROCEDIMENTO 207/78 ,

AVENTE AD OGGETTO LA DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE PROPOSTA ALLA CORTE , A NORMA DELL ' ART . 177 DEL TRATTATO CEE , DALLA COUR DU TRAVAIL DI LIEGI , NELLA CAUSA DINANZI AD ESSA PENDENTE TRA

PUBBLICO MINISTERO

E

1 ) GILBERT EVEN , RESIDENTE IN HERSTAL ,

2 ) OFFICE NATIONAL DES PENSIONS POUR TRAVAILLEURS SALARIES ( ONPTS ), CON SEDE IN BRUXELLES ,

Oggetto della causa


DOMANDA VERTENTE SULL ' INTERPRETAZIONE DI TALUNE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 , IN PARTICOLARE DEGLI ARTT . 3 , N . 1 , E 4 , N . 4 ,

Motivazione della sentenza


1CON SENTENZA 8 SETTEMBRE 1978 , PERVENUTA ALLA CORTE IL 21 DELLO STESSO MESE , LA COUR DU TRAVAIL DI LIEGI HA SOLLEVATO VARIE QUESTIONI PREGIUDIZIALI VERTENTI SULL ' INTERPRETAZIONE DEGLI ARTT . 3 E 4 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 1408/71 , ' RELATIVO ALL ' APPLICAZIONE DEI REGIMI DI SICUREZZA SOCIALE AI LAVORATORI SUBORDINATI E AI LORO FAMILIARI CHE SI SPOSTANO ALL ' INTERNO DELLA COMUNITA ' .

2DETTE QUESTIONI SONO STATE SOLLEVATE NEL CORSO DI UNA LITE TRA L ' OFFICE NATIONAL DES PENSIONS POUR TRAVAILLEURS SALARIES ( ONPTS ) DI BRUXELLES E UN CITTADINO FRANCESE TITOLARE , A PARTIRE DALL ' ETA DI 60 ANNI , D ' UNA PENSIONE ANTICIPATA EROGATA DAL SUDDETTO OFFICE .

3IN FORZA DELL ' ART . 5 DEL REGIO DECRETO BELGA 24 OTTOBRE 1967 , N . 50 , LA PENSIONE , LIQUIDATA NELLA MISURA NORMALE ALL ' ETA DI 65 ANNI , PUO ESSER ATTRIBUITA , A SCELTA E A DOMANDA DELL ' INTERESSATO , NEI CINQUE ANNI CHE PRECEDONO L ' ETA NORMALE DEL PENSIONAMENTO , MA IN TAL CASO ESSA VIENE RIDOTTA DEL 5 % PER CIASCUN ANNO DI ANTICIPO .

4CIONODIMENO , L ' ART . 1 , N . 4 , DEL REGIO DECRETO 27 GIUGNO 1969 , CHE CONTEMPLA I CASI IN CUI LO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE DA DIRITTO ALLA PENSIONE PER LAVORATORI SUBORDINATI ANTICIPATA E NON RIDOTTA , DISPONE CHE LA SUMMENZIONATA RIDUZIONE NON SI APPLICA NEI CONFRONTI DEI CITTADINI BELGI CHE HANNO PRESTATO SERVIZIO EFFETTIVO NELLE FORZE ARMATE ALLEATE FRA IL 10 MAGGIO 1940 E L ' 8 MAGGIO 1945 E FRUISCONO DI UNA PENSIONE MILITARE DI INVALIDITA , CORRISPOSTA DA UNA NAZIONE ALLEATA PER INABILITA AL LAVORO CAGIONATA DA UN EVENTO BELLICO .

5NELLA FATTISPECIE L ' INTERESSATO , ESSENDO TITOLARE , IN FORZA DELLA LEGISLAZIONE FRANCESE , D ' UNA PENSIONE MILITARE DI INVALIDITA DEFINITIVA DEL 10 % , A SEGUITO DI UNA FERITA SUBITA IN COMBATTIMENTO IL 13 MAGGIO 1940 , RECLAMA IL VANTAGGIO , ATTRIBUITO DA DETTA DISPOSIZIONE , DELLA PENSIONE ANTICIPATA NON RIDOTTA , INVOCANDO IL PRINCIPIO DELLA PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI NAZIONALI E LAVORATORI CITTADINI D ' UN ALTRO STATO MEMBRO , PRINCIPIO SANCITO DALLA NORMATIVA COMUNITARIA .

6EGLI ASSUME , CHE FATTA ECCEZIONE PER LA CITTADINANZA , EGLI E IN POSSESSO DI TUTTI I REQUISITI RICHIESTI DALL ' ART . 1 , N . 4 , DEL REGIO DECRETO 27 GIUGNO 1969 PER L ' ATTRIBUZIONE DEL VANTAGGIO SOCIALE DI CUI TRATTASI , E CHE IL RIFIUTO DI TALE BENEFICIO IMPLICA UNA DISCRIMINAZIONE FONDATA SULLA CITTADINANZA , CONTRARIA AL TRATTATO .

7PER RISOLVERE TALE PROBLEMA , LA COUR DU TRAVAIL DI LIEGI , STATUENDO IN APPELLO SULLA SENTENZA DEL TRIBUNAL DU TRAVAIL DI LIEGI CHE AVEVA ACCOLTO LA DOMANDA DELL ' INTERESSATO , HA SOTTOPOSTO ALLA CORTE LE QUESTIONI SEGUENTI :

' A ) SE L ' ART . 4 , N . 4 , DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE 14 GIUGNO 1971 , N . 1408 , RELATIVO ALL ' APPLICAZIONE DEI REGIMI DI PREVIDENZA SOCIALE AI LAVORATORI SUBORDINATI ED AI LORO FAMILIARI CHE SI SPOSTANO ALL ' INTERNO DELLA COMUNITA , A NORMA DEL QUALE IL REGOLAMENTO STESSO NON SI APPLICA AI REGIMI DI PRESTAZIONI A FAVORE DELLE VITTIME DI GUERRA O DELLE SUE CONSEGUENZE , VADA INTERPRETATO RESTRITTIVAMENTE NEL SENSO CHE ESSO CONTEMPLA SOLO UNA O PIU LEGISLAZIONI , CONSIDERATE NEL LORO COMPLESSO , CHE ISTITUISCONO E DISCIPLINANO UNO O PIU REGIMI SPECIFICI DI PRESTAZIONI A FAVORE DELLE VITTIME DI GUERRA O DELLE SUE CONSEGUENZE , MANIFESTAMENTE ESTRANEI ALL ' AMBITO DEI REGIMI PREVIDENZIALI ESISTENTI , OPPURE ESTENSIVAMENTE , NEL SENSO CH ' ESSO COMPRENDE ANCHE TALUNE DISPOSIZIONI GIURIDICHE PARTICOLARI , COME QUELLE CONTENUTE NEL REGIO DECRETO 27 GIUGNO 1969 CHE CONTEMPLA I CASI IN CUI LO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE DA DIRITTO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA PER LAVORATORI SUBORDINATI ANTICIPATA E NON RIDOTTA - E SEGNATAMENTE QUELLE DI CUI ALL ' ART . 1 , SUB . 4* ), DEL SUDDETTO REGIO DECRETO - LE QUALI INTEGRANO IL REGIME PENSIONISTICO BELGA CONCERNENTE I LAVORATORI SUBORDINATI , ISTITUITO E DISCIPLINATO DAL REGIO DECRETO 24 OTTOBRE 1967 , N . 50 , CONTEMPLANDO LA CONCESSIONE , A CARICO DIRETTO ED ESCLUSIVO DELLO STATO BELGA , DI VANTAGGI ' ' SPECIALI ' ' DI PENSIONE A FAVORE DELLE VARIE CATEGORIE DI TITOLARI DELLO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE , ENUMERATE DALLE STESSE DISPOSIZIONI .

B ) NEL CASO IN CUI LA CORTE DI GIUSTIZIA SI PRONUNZIASSE PER UN ' INTERPRETAZIONE RESTRITTIVA DELL ' ART . 4 , N . 4 , DEL REGOLAMENTO CEE N . 1408/71 : SE LA STESSA CORTE RITENGA CHE , CONFORMEMENTE ALLA RISERVA FIGURANTE NELL ' ART . 3 , N . 1 , IN FINE , DI TALE REGOLAMENTO , IL QUALE SANCISCE IL PRINCIPIO DELLA PARITA DI TRATTAMENTO ' ' FATTE SALVE LE DISPOSIZIONI PARTICOLARI DEL ( PRESENTE ) REGOLAMENTO ' ' , POSSANO ESSERVI EFFETTIVAMENTE NEL SUDDETTO REGOLAMENTO OPPURE NEL REGOLAMENTO ( CEE ) N . 574/72 , CHE NE STABILISCE LE MODALITA DI ATTUAZIONE , UNA O PIU DISPOSIZIONI PARTICOLARI LE QUALI OSTINO , PER QUANTO CONCERNE LA MATERIA DELLE PENSIONI DI CUI TRATTASI , ALL ' APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO SECONDO CUI ' ' LE PERSONE CHE RISIEDONO NEL TERRITORIO DI UNO DEGLI STATI MEMBRI E ALLE QUALI SONO APPLICABILI LE DISPOSIZIONI DEL . . . REGOLAMENTO , . . . SONO AMMESSE AL BENEFICIO DELLA LEGISLAZIONE DI CIASCUNO STATO MEMBRO ALLE STESSE CONDIZIONI DEI CITTADINI DI TALE STATO ' ' .

C ) NEL CASO IN CUI VENISSE DICHIARATO CHE IL PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE SANCITO DAL SUMMENZIONATO ART . 3 VA APPLICATO : SE TALE PRINCIPIO IMPLICHI CHE UNA DISPOSIZIONE CHE PRESCRIVE IL REQUISITO DELLA CITTADINANZA COME QUELLA FIGURANTE NELL ' ART . 1 , SUB 4* ), DEL REGIO DECRETO 27 GIUGNO 1969 ( ' ' ESSERE CITTADINO BELGA ' ' ) DEV ' ESSERE CONSIDERATA COME NON SCRITTA E , DI CONSEGUENZA , INEFFICACE NEI CONFRONTI DEI CITTADINI DEGLI STATI MEMBRI DELLE COMUNITA EUROPEE DIVERSI DAL BELGIO . '

8ONDE RISOLVERE LA PRIMA QUESTIONE , E OPPORTUNO IN SOSTANZA ESAMINARE SE UN VANTAGGIO COME QUELLO DI CUI ALL ' ART . 1 , 4* ), DEL REGIO DECRETO BELGA 27 GIUGNO 1969 , POSSA CONSIDERARSI COME UNA PRESTAZIONE PREVIDENZIALE AI SENSI DELL ' ART . 4 , 1* , LETT . C ), DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 E RIENTRI QUINDI NELLA SFERA D ' APPLICAZIONE MATERIALE DI TALE REGOLAMENTO , SFERA DEFINITA DAL SUDDETTO ART . 4 .

9COME PRECISA IL GIUDICE NAZIONALE NELLA SENTENZA DI RIMESSIONE , L ' ART . 1 , 4* ), DEL REGIO DECRETO BELGA 27 GIUGNO 1969 ' INTEGRA IL REGIME PENSIONISTICO BELGA CONCERNENTE I LAVORATORI SUBORDINATI , ISTITUITO E DISCIPLINATO DAL REGIO DECRETO 24 OTTOBRE 1967 , N . 50 ' .

10CIONONDIMENO , LA CIRCOSTANZA CHE UNA DISPOSIZIONE DI TALE GENERE RIENTRI O NO IN UNA NORMATIVA NAZIONALE IN MATERIA DI PREVIDENZA SOCIALE NON CONSENTE DI PER SE SOLA DI PRONUNZIARSI CIRCA LA NATURA DI PRESTAZIONE PREVIDENZIALE , AI SENSI DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 , DEL VANTAGGIO CONTEMPLATO DALLA SUDDETTA DISPOSIZIONE .

11INFATTI - COME LA CORTE HA AFFERMATO NELLA SENTENZA 6 LUGLIO 1978 , PRONUNZIATA NELLA CAUSA 9/78 ( GILLARD ) - LA DISTINZIONE FRA PRESTAZIONI ESCLUSE DALLA SFERA D ' APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 E PRESTAZIONI CHE VI RIENTRANO SI BASA ESSENZIALMENTE SUGLI ELEMENTI COSTITUTIVI DI CIASCUNA PRESTAZIONE , IN PARTICOLARE SUI SUOI SCOPI E SUI CRITERI PER LA SUA ATTRIBUZIONE .

12DAL FASCICOLO RISULTA CHE IL VANTAGGIO ATTRIBUITO DALLE DISPOSIZIONI NAZIONALI DI CUI TRATTASI HA LO SCOPO ESSENZIALE D ' OFFRIRE AI LAVORATORI BELGI , CHE HANNO COMBATTUTO NELLE FORZE ARMATE ALLEATE TRA IL 10 MAGGIO 1940 E L ' 8 MAGGIO 1945 E SONO STATI COLPITI DA INABILITA AL LAVORO CAGIONATA DA UN EVENTO BELLICO , UNA TESTIMONIANZA DELLA GRATITUDINE DELLA NAZIONE PER LE PROVE SUBITE IN TALE PERIODO , E DI ATTRIBUIRE LORO , COLL ' AUMENTO DEL TASSO DI PENSIONE ANTICIPATA , UN VANTAGGIO IN CONSIDERAZIONE DEI SERVIZI COSI RESI AL LORO PAESE .

13ALLA LUCE DI QUESTO SCOPO E DELLE CONDIZIONI D ' ATTRIBUZIONE , UN SIFFATTO VANTAGGIO NON POSSIEDE LE CARATTERISTICHE INTRINSECHE D ' UNA PRESTAZIONE PREVIDENZIALE AI SENSI DELL ' ART . 4 , N . 1 , DEL REGOLAMENTO .

14L ' ART . 4 DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 , CHE DEFINISCE LA SFERA D ' APPLICAZIONE MATERIALE DI TALE TESTO , DISPONE , AL N . 4 , CHE IL REGOLAMENTO NON SI APPLICA , FRA L ' ALTRO ' AI REGIMI DI PRESTAZIONI A FAVORE DELLE VITTIME DI GUERRA O DELLE SUE CONSEGUENZE ' .

15PER QUESTI MOTIVI , LA PRIMA QUESTIONE VA RISOLTA NEL SENSO CHE L ' ART . 4 , N . 4 , DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 VA INTERPRETATO NEL SENSO CHE ESSO COMPRENDE PURE REGIMI PARTICOLARI COME QUELLI CONTEMPLATI DALL ' ART . 1 , 4* ), DEL REGIO DECRETO BELGA 27 GIUGNO 1969 , IL QUALE CONTEMPLA I CASI IN CUI I TITOLARI DELLO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE HANNO DIRITTO ALLA PENSIONE ANTICIPATA NON RIDOTTA .

16ALLA LUCE DI QUESTA SOLUZIONE LE ALTRE QUESTIONI SOLLEVATE DAL GIUDICE NAZIONALE DIVENGONO PRIVE DI OGGETTO .

17CIONONDIMENO , LA COMMISSIONE SOSTIENE NELLE SUE OSSERVAZIONI CHE UN VANTAGGIO COME QUELLO DELLA FATTISPECIE , PUR SE NON COSTITUISCE UNA PRESTAZIONE PREVIDENZIALE AI SENSI DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 , PUO TUTTAVIA CONSIDERARSI COME UN VANTAGGIO SOCIALE AI SENSI DELL ' ART . 7 , N . 2 , DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO 15 OTTOBRE 1968 , N . 1612 , ' RELATIVO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL ' INTERNO DELLA COMUNITA ' ( GU 1968 , N . L 257 , PAG . 2 ), E RIENTRA QUINDI NELLA SFERA D ' APPLICAZIONE DI QUESTO REGOLAMENTO .

18ESSA NE DEDUCE CHE L ' ATTRIBUZIONE D ' UN VANTAGGIO DEL GENERE , PUR SE ESULA DAL REGOLAMENTO N . 1408/71 , IVI COMPRESO L ' ART . 3 , N . 1 , RESTA SOGGETTO AL REGOLAMENTO N . 1612/68 , IN PARTICOLARE ALL ' ART . 7 , N . 2 , SECONDO IL QUALE IL LAVORATORE CITTADINO D ' UNO STATO MEMBRO GODE , NEL TERRITORIO DEGLI ALTRI STATI MEMBRI , ' DEGLI STESSI VANTAGGI SOCIALI E FISCALI DEI LAVORATORI NAZIONALI ' .

19E OPPORTUNO ESAMINARE LA FONDATEZZA DI UNA TESI DEL GENERE .

20IL REGOLAMENTO N . 1612/68 , EMANATO IN APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 48 E 49 DEL TRATTATO E NELL ' AMBITO DEI PROVVEDIMENTI ADOTTATI DAL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO 25 MARZO 1964 , N . 38 ( GU 1964 , N . 62 , PAG . 965 ), MIRA A REALIZZARE LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI NELL ' AMBITO DELLA COMUNITA .

21A TAL FINE ESSO DISPONE L ' ABOLIZIONE DI QUALSIASI DISPARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI NAZIONALI E LAVORATORI CITTADINI DEGLI ALTRI STATI MEMBRI PER QUANTO RIGUARDA LE CONDIZIONI DI IMPIEGO , DI LAVORO E DI RETRIBUZIONE , ED APRE AI LAVORATORI CITTADINI DEGLI ALTRI STATI MEMBRI NONCHE AI MEMBRI DELLA LORO FAMIGLIA L ' ACCESSO AI VANTAGGI SOCIALI E FISCALI DI CUI FRUISCONO NELLO STATO D ' IMPIEGO I LAVORATORI NAZIONALI .

22DAL COMPLESSO DELLE SUE DISPOSIZIONI , NONCHE DALLO SCOPO PERSEGUITO , RISULTA CHE I VANTAGGI CHE TALE REGOLAMENTO ESTENDE AI LAVORATORI CITTADINI DI ALTRI STATI MEMBRI SONO TUTTI QUELLI CHE , CONNESSI O NO AD UN CONTRATTO DI LAVORO , SONO GENERALMENTE ATTRIBUITI AI LAVORATORI NAZIONALI , IN RAGIONE PRINCIPALMENTE DEL LORO STATUS OBIETTIVO DI LAVORATORI O DEL SEMPLICE FATTO DELLA LORO RESIDENZA NEL TERRITORIO NAZIONALE , E LA CUI ESTENSIONE AI LAVORATORI CITTADINI D ' ALTRI STATI MEMBRI RISULTA QUINDI ATTA A FACILITARE LA LORO MOBILITA NELL ' AMBITO DELLA COMUNITA .

23COME E STATO GIA ACCERTATO , UN VANTAGGIO COME QUELLO ATTRIBUITO DALLA LEGISLAZIONE NAZIONALE BELGA DI CUI TRATTASI A DETERMINATE CATEGORIE DI LAVORATORI NAZIONALI TROVA INVECE LA SUA CAUSA PRINCIPALE NEI SERVIZI CHE I BENEFICIARI HANNO RESO IN TEMPO DI GUERRA AL LORO PAESE ED HA PER FINALITA ESSENZIALE DI OFFRIRE A TALI CITTADINI NAZIONALI UN VANTAGGIO IN RAGIONE DELLE PROVE SUBITE PER DETTO PAESE .

24UN VANTAGGIO DEL GENERE , BASATO SULLO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE , NON PUO QUINDI CONSIDERARSI COME UN VANTAGGIO ATTRIBUITO AL LAVORATORE NAZIONALE IN RAGIONE PRINCIPALMENTE DEL SUO STATUS DI LAVORATORE O DI RESIDENTE NEL TERRITORIO NAZIONALE E QUINDI NON POSSIEDE LE CARATTERISTICHE SOSTANZIALI DEI ' VANTAGGI SOCIALI ' DI CUI ALL ' ART . 7 , N . 2 , DEL REGOLAMENTO N . 1612/68 .

25NE CONSEGUE CHE IL VANTAGGIO DI CUI TRATTASI NON RIENTRA NELLA SFERA D ' APPLICAZIONE MATERIALE DEL REGOLAMENTO N . 1612/68 E NON E QUINDI SOGGETTO , PER QUANTO RIGUARDA I REQUISITI D ' ATTRIBUZIONE , ALLE DISPOSIZIONI DI TALE REGOLAMENTO .

Decisione relativa alle spese


SULLE SPESE

26LE SPESE SOSTENUTE DALLA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE , CHE HA PRESENTATO OSSERVAZIONI ALLA CORTE , NON POSSONO DAR LUOGO A RIFUSIONE ; NEI CONFRONTI DELLE PARTI NELLA CAUSA PRINCIPALE , IL PRESENTE PROCEDIMENTO HA IL CARATTERE DI UN INCIDENTE SOLLEVATO DINANZI AL GIUDICE NAZIONALE , CUI SPETTA QUINDI PRONUNZIARSI SULLE SPESE .

Dispositivo


PER QUESTI MOTIVI ,

LA CORTE ( PRIMA SEZIONE ),

PRONUNZIANDOSI SULLE QUESTIONI SOTTOPOSTELE DALLA COUR DU TRAVAIL DI LIEGI , CON SENTENZA 8 SETTEMBRE 1978 ,

DICHIARA :

L ' ART . 4 , N . 4 , DEL REGOLAMENTO N . 1408/71 VA INTERPRETATO NEL SENSO CH ' ESSO CONTEMPLA PURE REGIMI PARTICOLARI COME QUELLO DI CUI ALL ' ART . 1 , 4* ), DEL REGIO DECRETO BELGA 27 GIUGNO 1969 CHE CONTEMPLA I CASI IN CUI I TITOLARI DELLO STATUS DI BENEMERITO DELLA NAZIONE HANNO DIRITTO ALLA PENSIONE ANTICIPATA NON RIDOTTA .

Top