Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 52017XC1005(01)

Sintesi della decisione della Commissione, del 21 giugno 2017, relativa a un procedimento a norma dell’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dell’articolo 53 dell’accordo SEE (Caso AT.40013 — Sistemi di illuminazione) [notificata con il numero C(2017) 4100]

OJ C 333, 5.10.2017, p. 4–6 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

5.10.2017   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 333/4


Sintesi della decisione della Commissione

del 21 giugno 2017

relativa a un procedimento a norma dell’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dell’articolo 53 dell’accordo SEE

(Caso AT.40013 — Sistemi di illuminazione)

[notificata con il numero C(2017) 4100]

(Il testo in lingua inglese è il solo facente fede)

(2017/C 333/04)

Il 21 giugno 2017 la Commissione ha adottato una decisione relativa a un procedimento a norma dell’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dell’articolo 53 dell’accordo SEE. Conformemente al disposto dell’articolo 30 del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio  (1), la Commissione pubblica i nomi delle parti e il contenuto essenziale della decisione, comprese le sanzioni irrogate, tenendo conto del legittimo interesse delle imprese alla protezione dei loro segreti aziendali.

1.   INTRODUZIONE

(1)

La decisione riguarda un’infrazione unica e continua dell’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dell’articolo 53 dell’accordo SEE.

(2)

La decisione è destinata alle seguenti entità: Valeo SA, Valeo Service SAS e Valeo Vision SAS (in prosieguo, congiuntamente: «Valeo»); Magneti Marelli SpA e Automotive Lighting Reutlingen GmbH (in prosieguo congiuntamente: «Automotive Lighting») e Hella KGaA Hueck & Co. (in prosieguo: «Hella»), (denominate anche «le parti» o, individualmente «la parte»).

(3)

I prodotti interessati dall’infrazione sono i sistemi di illuminazione per il settore automobilistico. I destinatari della presente decisione hanno avuto una serie di contatti anticoncorrenziali relativi ai pezzi di ricambio originali (original equipment spare parts, «OES») dopo la fine della produzione in serie, che hanno anche riguardato i prezzi e altre condizioni commerciali.

2.   DESCRIZIONE DEL CASO

2.1.   Procedimento

(4)

Il caso è stato avviato a seguito di una domanda di immunità presentata da Valeo nel gennaio 2012. Nel luglio 2012, la Commissione ha effettuato alcune ispezioni senza preavviso, a norma dell’articolo 20, paragrafo 4, del regolamento (CE) n. 1/2003, e ha poi inviato una serie di richieste di informazioni ai sensi dell’articolo 18, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1/2003 e del punto 12 della comunicazione sul trattamento favorevole (2).

(5)

Nell’agosto 2012 Automotive Lighting ha presentato una richiesta di trattamento favorevole, seguito da Hella nel settembre 2012.

(6)

Il 18 maggio 2016 è stato aperto il procedimento, per avviare con le parti discussioni in vista di una transazione. Successivamente le parti hanno presentato alla Commissione una richiesta formale di transazione a norma dell’articolo 10 bis, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 773/2004 (3).

(7)

Il 10 maggio 2017 la Commissione ha adottato una comunicazione degli addebiti nei confronti delle parti, alla quale queste hanno replicato confermandone la corrispondenza con il contenuto delle loro proposte e ribadendo l’impegno a seguire la procedura di transazione.

(8)

Il 20 giugno 2017 il comitato consultivo in materia di intese e posizioni dominanti ha emesso parere favorevole.

(9)

La Commissione ha adottato la presente decisione il 21 giugno 2017.

2.2.   Durata

(10)

Le seguenti imprese hanno violato l’articolo 101 del TFUE e l’articolo 53 dell’accordo SEE adottando, nei periodi di seguito indicati, pratiche lesive della concorrenza nel settore della fornitura di sistemi di illuminazione per il settore automobilistico.

Impresa

Durata

Valeo

7 luglio 2004 - 25 ottobre 2007

Automotive Lighting

7 luglio 2004 - 25 ottobre 2007

Hella

1 gennaio 2006 - 25 ottobre 2007

2.3.   Sintesi dell’infrazione

(11)

La decisione riguarda la fornitura all’interno del SEE di sistemi d’illuminazione per il settore automobilistico («sistemi di illuminazione») tra il 7 luglio 2004 e il 25 ottobre 2007, con differenze tra le parti per quanto riguarda la data di inizio. La durata complessiva dell’infrazione risulta quindi di 3 anni e 3 mesi.

(12)

I prodotti oggetto dell’intesa sono i sistemi di illuminazione, che comprendono fari anteriori, luci di marcia diurna, fari posteriori, luci di arresto montate in posizione elevata, fari fendinebbia e luci ausiliarie. I fornitori vendono i sistemi di illuminazione come dotazioni per i veicoli nuovi o come pezzi di ricambio. Il cartello ha riguardato la fornitura di sistemi di illuminazione nel mercato SEE degli OES, dopo la fine della loro produzione in serie.

(13)

Il cartello ha agito mediante una serie di contatti anticoncorrenziali riguardanti i prezzi e altre condizioni commerciali. Le discussioni collusive hanno riguardato le strategie di fissazione dei prezzi e di negoziato, le situazioni dei negoziati con i clienti in materia di aumento dei prezzi, le posizioni delle parti rispetto ai singoli clienti relativamente ai modelli di fissazione dei prezzi degli OES, le richieste di prezzi da parte dei clienti e scambi di informazioni sulle prospettive e tendenze future dell’industria degli OES.

(14)

Le parti hanno inoltre convenuto di puntare ad un aumento dei prezzi dopo la fine della produzione in serie e hanno concordato un termine per la fine della disponibilità contrattuale dei pezzi di ricambio dopo la fine della produzione in serie.

(15)

Anche se il cartello ha operato principalmente sulla base di contatti bilaterali, è stato organizzato almeno un incontro multilaterale. Dal punto di vista geografico, le discussioni anticoncorrenziali si sono svolte nel SEE, principalmente in Francia e in Germania. Tra il 2004 e il 2006, le parti hanno progressivamente esteso i loro contatti anticoncorrenziali alle vendite a tutti i costruttori di apparecchiature originali (original equipment manufacturers, «OEM») che nel 2007 erano clienti delle parti nel SEE.

2.4.   Destinatari

(16)

Nella sua decisione la Commissione ha attribuito la responsabilità alle seguenti entità giuridiche:

a)

Valeo SA, Valeo Service SAS e Valeo Vision SAS, in solido;

b)

Magneti Marelli SpA e Automotive Lighting Reutlingen GmbH, in solido e

c)

Hella KGaA Hueck & Co.

2.5.   Misure Correttive

(17)

La decisione relativa al presente caso applica gli orientamenti del 2006 per il calcolo dell’importo delle ammende (4).

2.5.1.   Importo di base dell’ammenda

(18)

Per rispecchiare quanto più accuratamente possibile l’impatto effettivo del cartello, come base per il calcolo dell’importo di base dell’ammenda è stato utilizzato un indicatore del valore annuo delle vendite (basato sul valore effettivo delle vendite nel SEE di sistemi di illuminazione OES effettuate dopo la fine della produzione in serie dalle imprese nel rispettivo periodo di partecipazione all’infrazione).

(19)

Tenuto conto della natura e della portata geografica dell’infrazione (il SEE), per l’infrazione in oggetto la percentuale relativa all’importo variabile dell’ammenda e all’importo supplementare («diritto di ingresso») è stata fissata al 16 % del valore delle vendite.

(20)

L’importo variabile viene moltiplicato per il numero di anni o per le frazioni di anno in cui le parti hanno partecipato all’infrazione, in modo da tenere conto con precisione della durata della partecipazione di ciascuna impresa all’infrazione. La Commissione tiene conto della durata effettiva della partecipazione all’infrazione considerando anni, mesi e giorni completi.

(21)

Considerando che il campo di applicazione della pratica (anticoncorrenziale) in termini di clienti OEM che ne hanno subito le conseguenze si è gradualmente ampliato, passando da alcuni costruttori OEM a tutti i costruttori OEM che erano clienti delle parti nel SEE nel 2007, sono stati individuati tre distinti gruppi di clienti per i quali il valore delle vendite è stato calcolato separatamente, applicando coefficienti moltiplicatori diversi.

2.5.2.   Adeguamenti dell’importo di base

(22)

Nella presente decisione non si è ritenuto opportuno applicare né circostanze aggravanti, né circostanze attenuanti, né alcun coefficiente moltiplicatore di dissuasione.

2.5.3.   Applicazione del massimale del 10 % del fatturato

(23)

Nessuna delle ammende calcolate supera il 10 % del fatturato complessivo realizzato dalle imprese nell’esercizio precedente la data della decisione.

2.5.4.   Applicazione della comunicazione del 2006 sul trattamento favorevole: riduzione dell’importo delle ammende

(24)

A Valeo, la prima impresa a fornire informazioni ed elementi di prova che rispettassero le condizioni di cui al punto 8, lettera a), della comunicazione sul trattamento favorevole, viene concessa l’immunità dalle ammende.

(25)

A Automotive Lighting, la prima impresa a soddisfare i requisiti di cui ai punti 24 e 25 della comunicazione sul trattamento favorevole del 2006, viene concessa una riduzione del 35 % dell’ammenda.

(26)

A Hella, la seconda impresa a soddisfare i requisiti di cui ai punti 24 e 25 della comunicazione sul trattamento favorevole, viene concessa una riduzione del 20 % dell’ammenda.

2.5.5.   Applicazione della comunicazione concernente la transazione

(27)

Le ammende inflitte a Automotive Lighting e Hella vengono ridotte di un ulteriore 10 % in applicazione della comunicazione concernente la transazione.

3.   CONCLUSIONI

(28)

Le ammende inflitte ai sensi dell’articolo 23, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1/2003 sono le seguenti.

a)

Valeo: 0 EUR

b)

Automotive Lighting: 16 347 000 EUR

c)

Hella 10 397 000 EUR.


(1)  GU L 1 del 4.1.2003, pag. 1.

(2)  Comunicazione della Commissione relativa all’immunità dalle ammende e alla riduzione dell’importo delle ammende nei casi di cartelli tra imprese (GU C 298 dell'8.12.2006, pag. 17).

(3)  Regolamento (CE) n. 773/2004 della Commissione, del 7 aprile 2004, relativo ai procedimenti svolti dalla Commissione a norma degli articoli 81 e 82 del trattato CE (GU L 123 del 27.4.2004, pag. 18).

(4)  GU C 210 dell'1.9.2006, pag. 2.


Top