EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 52012AR0098

Parere del Comitato delle regioni «Programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie imprese (2014-2020)»

OJ C 391, 18.12.2012, p. 37–48 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

18.12.2012   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 391/37


Parere del Comitato delle regioni «Programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie imprese (2014-2020)»

2012/C 391/08

IL COMITATO DELLE REGIONI

accoglie con favore la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un programma per la competitività delle imprese e le piccole e medie imprese (2014-2020) in quanto impegno a riconoscere il ruolo fondamentale e di primo piano svolto dalla competitività nel garantire all'UE una crescita economica e occupazionale sostenuta;

richiama l'attenzione sulle numerose iniziative adottate dagli enti locali e regionali in tutti gli Stati membri, ad esempio i centri locali per le piccole imprese, la concessione di microcrediti e la consulenza professionale gratuita per l'avvio di piccole imprese, che spesso costituiscono il presupposto del successo per una microimpresa in fase di avviamento;

richiama l'attenzione sulle esigenze dei giovani imprenditori, per i quali spesso l'imprenditorialità rappresenta l'unica possibilità di sviluppo professionale. Essi sono disposti ad assumere i rischi che tale attività comporta, spesso su scala europea, e sono quindi predisposti ad affrontare la concorrenza sui mercati mondiali;

sottolinea che, affinché le imprese siano competitive a livello globale, è indispensabile ovviare alle lacune del mercato europeo, che diminuiscono la capacità delle PMI europee di concorrere con i soggetti analoghi di altre parti del mondo. Occorre inoltre aumentare la partecipazione delle PMI alla realizzazione dei progetti UE e migliorare la loro posizione rispetto alle grandi imprese, che spesso sono le principali esecutrici di tali progetti. A tale fine, sottolinea l'importanza per le PMI di unirsi in reti di imprese.

Relatore

Witold KROCHMAL (PL/AE), membro del consiglio comunale di Wołów

Testo di riferimento

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie imprese (2014-2020)

COM(2011) 834 final

I.   RACCOMANDAZIONI POLITICHE

IL COMITATO DELLE REGIONI

1.

accoglie con favore la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un programma per la competitività delle imprese e le piccole e medie imprese (2014-2020) in quanto impegno a riconoscere il ruolo fondamentale e di primo piano svolto dalla competitività nel garantire all'UE una crescita economica e occupazionale sostenuta;

2.

ritiene che la proposta in esame costituisca un completamento delle iniziative già adottate dalla Commissione europea nel quadro della strategia Europa 2020. La proposta rappresenta infatti un riconoscimento del ruolo svolto dalle PMI nel sistema economico dell'UE e una constatazione delle lacune e delle turbolenze presenti nel contesto in cui esse operano, lacune che possono rallentarne, o persino limitarne lo sviluppo e l'aumento di competitività;

3.

sottolinea che la posizione del CdR è corroborata dai risultati dell'indagine Regioni e città che favoriscono le imprese  (1), svolta presso gli enti locali e regionali dalla piattaforma di monitoraggio Europa 2020 del CdR;

4.

si rende conto che le azioni per ovviare alle lacune del mercato sono principalmente di competenza degli Stati membri e delle regioni. Ritiene tuttavia che in alcuni settori l'UE potrebbe fornire un valido aiuto diffondendo le buone pratiche, garantendo il buon funzionamento del mercato unico e migliorando le condizioni di funzionamento dell'ambiente in cui operano le imprese per consentire a queste ultime, comprese le PMI, di competere in maniera sostenibile su scala globale, il che presuppone un impegno a favore di un'economia a basse emissioni di carbonio ed efficiente nell'impiego delle risorse;

5.

ritiene che il programma in esame consenta di accrescere in modo significativo la fiducia nel settore imprenditoriale europeo sia nei mercati europei che in quelli globali. L'effetto maggiore di questa ritrovata fiducia nei mercati sarà un maggiore interesse per l'imprenditorialità, una politica più espansiva da parte delle imprese esistenti, comprese le PMI, che rappresentano la maggiore fonte di crescita economica (58 % del giro d'affari nell'UE) e di occupazione (67 % dei posti di lavoro nel settore privato); a esse si deve l'85 % dei nuovi posti di lavoro creati in questo settore negli anni 2002-2010;

6.

ritiene giusto che il programma sottolinei l'importanza del turismo in quanto settore economico specifico, caratterizzato da un grande numero di PMI e da un enorme numero di addetti;

7.

sottolinea l'importanza per le imprese e le PMI di poter contare su un sostegno nelle diverse tappe del loro sviluppo, dalla fase di avvio fino a quello di impresa consolidata e nelle ristrutturazioni, purché l'effetto di tale sostegno sia quello di rendere le imprese più competitive nel mercato dell'UE e nei mercati mondiali;

8.

ritiene che la promozione e lo sviluppo di una cultura e di un'etica dell'imprenditorialità nella società dell'UE sia una delle condizioni principali per il successo del programma; per questo motivo è lieto di poter partecipare a livello nazionale, regionale o locale al concorso per il premio Impresa europea e ad altri progetti di questo tipo;

9.

ricorda che ogni anno tre regioni europee ottengono il marchio Regione imprenditoriale europea, in riconoscimento delle condizioni favorevoli da esse fornite alle PMI;

10.

è dell'avviso che la promozione dell'imprenditorialità dovrebbe iniziare sin dalla scuola, affinché con la formazione di atteggiamenti favorevoli all'imprenditorialità e la promozione del lavoro autonomo, gli studenti possano scegliere con cognizione di causa il tipo di attività da esercitare, quando dovranno entrare nel mondo del lavoro. In questo modo, per chi termina gli studi e inizia l'attività di imprenditore con le qualifiche acquisite, le probabilità che vi sia domanda dei servizi da lui prestati saranno molto elevate; occorrerà tuttavia fare attenzione a che l'istruzione non perda di vista le esigenze del mercato;

11.

raccomanda di integrare nella formazione professionale i temi relativi allo sviluppo e alle tendenze delle imprese, poiché la formazione continua per i nostri imprenditori è essenziale per mantenere i livelli di competitività;

12.

richiama l'attenzione sulle esigenze dei giovani imprenditori, per i quali spesso l'imprenditorialità rappresenta l'unica possibilità di sviluppo professionale. Essi sono disposti ad assumere i rischi che tale attività comporta, spesso su scala europea, e sono quindi predisposti ad affrontare la concorrenza sui mercati mondiali;

13.

evidenzia le numerose iniziative adottate dagli enti locali e regionali in tutti gli Stati membri, ad esempio i centri locali per le piccole imprese, la concessione di microcrediti e la consulenza professionale gratuita per l'avvio di piccole imprese, che spesso costituiscono il presupposto del successo per una microimpresa in fase di avviamento;

14.

richiama altresì l'attenzione sulla posizione delle donne imprenditrici e di determinati gruppi di destinatari specifici, compresi fra gli altri gli imprenditori immigrati ed espatriati, che per rendere competitive le loro imprese hanno bisogno di specifiche iniziative, considerate le politiche UE esistenti in questo settore;

15.

invita gli enti locali e regionali ad attuare il programma in esame; sottolinea in particolare la necessità di eliminare o ridurre gli oneri amministrativi e gli ostacoli al reperimento di finanziamenti esterni e di semplificare la documentazione richiesta per le gare d'appalto dispensando dall'obbligo di presentare garanzie bancarie per le opere di piccole dimensioni.

Migliorare la competitività delle imprese dell'UE

16.

sottolinea che, affinché le imprese siano competitive a livello globale, è indispensabile ovviare alle lacune del mercato europeo, che diminuiscono la capacità delle PMI europee di concorrere con soggetti analoghi di altre parti del mondo. Occorre inoltre aumentare la partecipazione delle PMI alla realizzazione dei progetti UE e migliorare la loro posizione rispetto alle grandi imprese, che spesso sono le principali esecutrici di tali progetti. A tale fine, sottolinea l'importanza per le PMI di unirsi in reti di imprese;

17.

ricorda che l'UE, insieme agli Stati membri, deve assicurare un mercato unico efficiente e migliorare le condizioni in cui operano le imprese, eliminare o ridurre le difficoltà incontrate dalle PMI nell'accedere ai finanziamenti, migliorare la loro capacità - attualmente limitata - di espandersi al di là del paese d'origine, sia all'interno che al di fuori del mercato unico, e alleggerire gli eccessivi oneri fiscali e adempimenti amministrativi. Tali condizioni devono essere garantite parallelamente all'accesso alla conoscenza, alle nuove tecnologie innovative e alla cooperazione con gli istituti professionali e di istruzione superiore locali, che nei loro programmi dovrebbero tenere conto delle PMI in quanto forza dinamica dell'economia europea;

18.

insiste affinché il programma attribuisca maggiore importanza al rafforzamento della partecipazione delle PMI ai lavori, progetti e programmi dell'UE in materia di ricerca e innovazione anche attraverso la costituzione di partenariati pubblico-privati. Una maggiore partecipazione ai progetti di ricerca consente infatti di rafforzare le competenze all'interno delle imprese e, di conseguenza, di accrescere la competitività di queste ultime sul piano internazionale.

Nel programma per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020 proposto dalla Commissione si sottolinea in particolare la necessità di rafforzare la partecipazione delle PMI ai progetti di ricerca. Tale stretta collaborazione permette di agevolare l'accesso delle PMI, che in alcuni casi sono leader mondiali, alle informazioni e alle conoscenze;

19.

ritiene che soltanto un approccio di questo tipo consentirà uno sviluppo delle imprese e delle PMI che sia compatibile con l'impegno a realizzare un'economia a basse emissioni basata sulle più moderne tecnologie ecologiche per conseguire gli obiettivi della politica climatica ed energetica;

20.

giudica positivamente il bilancio previsto per il programma in esame, che ammonta a 2 522 miliardi di euro. Allo stesso tempo, fa notare che la quota degli strumenti finanziari (1,4 miliardi di euro) destinata al sostegno diretto alle imprese e alle PMI rappresenta soltanto il 56 % del bilancio totale. Qualora la richiesta di strumenti finanziari sia più elevata di quanto si possa ragionevolmente prevedere, un'eventuale modifica nella ripartizione delle percentuali dovrebbe essere decisa dal comitato in cui sono rappresentati tutti i paesi beneficiari del programma per la competitività delle imprese e delle PMI (COSME), conformemente al disposto dell'articolo 16 del progetto di regolamento. È quindi la parte rimanente del bilancio, destinata ad azioni a sostegno del contesto in cui operano le PMI, che garantisce un utilizzo efficiente ed efficace delle risorse complessive assegnate al programma per il periodo 2014-2020;

21.

ritiene giusto destinare l'1,7 % del bilancio del programma all'assistenza amministrativa, in quanto risorse di questa entità dovrebbero garantire un'assistenza efficace senza comportare oneri eccessivi per il bilancio;

22.

è dell'avviso che le misure del programma non possano sostituire le iniziative su scala nazionale, regionale o locale, ma che debbano invece potenziarle e renderle più efficaci conferendo loro una dimensione europea tramite un coordinamento efficiente e l'eliminazione degli ostacoli transfrontalieri alla cooperazione tra soggetti privati o autorità pubbliche. Tale cooperazione dovrebbe essere stimolata tramite azioni comuni in rete di tipo orizzontale, e non in modo verticale e centralizzato;

23.

ritiene che l'aiuto concesso dovrebbe essere pienamente giustificato dagli obiettivi e generare ricadute positive in tutta Europa grazie a un effetto moltiplicatore e di accumulo nonché di capitalizzazione dei risultati conseguiti;

24.

sottolinea che la competitività dipende in larga misura dalla produttività, dall'innovazione e dall'efficienza, che sono una fonte di aumento costante delle entrate, dalla capacità delle imprese di sfruttare appieno le possibilità offerte dal mercato unico europeo e dalle scelte istituzionali, che determinano le condizioni per una crescita sostenibile delle imprese. Per questo motivo dovrebbero essere considerati prioritari i progetti atti a potenziare i fattori che più incidono sulla competitività delle imprese e delle PMI;

25.

richiama l'attenzione sul fatto che la partecipazione di paesi terzi al programma a seguito della firma di protocolli aggiuntivi agli accordi di associazione o ad altri tipi di accordi dovrebbe essere considerata un'opportunità per ampliare il raggio d'azione delle imprese operanti nell'area UE e una possibilità di acquisire esperienza nell'ambito del funzionamento delle imprese al di fuori del mercato UE; dovrebbe essere possibile partecipare al programma anche per altri paesi terzi. I finanziamenti dovrebbero essere forniti da altri programmi, destinati specificamente alla cooperazione tra Stati membri dell'UE e paesi terzi;

26.

richiama l'attenzione sull'importanza di sviluppare un'educazione all'imprenditorialità, anche attraverso una formazione continua, e sul fatto che questo processo dovrebbe tendere alla formazione di capacità o di atteggiamenti e all'integrazione della responsabilità sociale delle imprese, in modo che sia possibile raccogliere le sfide del mercato globale di oggi nel rispetto dei principi etici tradizionali dell'attività economica, tipici della cultura europea;

27.

ritiene che delle iniziative per la promozione dell'imprenditorialità e la formazione di atteggiamenti pro imprenditoriali dovrebbero beneficiare anche le persone che intraprendono la strada del lavoro autonomo all'inizio della loro vita professionale - comprese le donne che affrontano questa difficoltà e i rischi che comporta;

28.

è del parere che le azioni finalizzate a migliorare l'accesso delle PMI al finanziamento, compreso lo strumento di capitale proprio e lo strumento di garanzia sui prestiti, dovrebbero completare gli strumenti finanziari utilizzati finora nel quadro della politica di coesione. Dovrebbe inoltre essere possibile collegarli ad altri fondi specifici messi a disposizione dagli Stati membri;

29.

sottolinea che la possibilità di concedere crediti e prestiti transfrontalieri svolge un ruolo molto importante, in quanto consente alle PMI di sfruttare l'enorme potenziale del mercato unico. Essa dovrebbe rafforzare la concorrenza e la sostenibilità delle iniziative economiche anche nel settore turistico;

30.

richiama l'attenzione in modo particolare sul ruolo dello strumento di capitale proprio per la crescita (FEG), orientato ai fondi che forniscono capitale di rischio. Sottolinea che il gestore del programma dovrebbe, sulla base di un'adeguata valutazione del rischio, sostenere il numero più elevato possibile di PMI, comprese quelle che nelle normali procedure bancarie hanno poche probabilità di ottenere un sostegno, ma che possono contribuire a rafforzare il potenziale generale delle PMI e a diminuire in misura significativa la disoccupazione;

31.

resta scettico riguardo al livello di prestiti dello strumento di garanzia sui prestiti e sollecita la Commissione a specificare quali criteri sono stati utilizzati per fissare tale livello, visto che il programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP) non prevedeva alcun limite. Sottolinea che i prestiti per l'avvio di un'attività economica, gli investimenti o i trasferimenti vengono spesso concessi per importi significativamente più elevati dei limiti stabiliti ed esprime la preoccupazione che ciò possa dar luogo a una situazione per cui i prestiti più elevati verrebbero garantiti dal programma Horizon, il cui utilizzo dovrebbe invece essere limitato ai progetti di innovazione;

32.

raccomanda quindi di ripristinare il precedente programma CIP, che non prevedeva alcun limite;

33.

ritiene giusto negoziare individualmente con le istituzioni che cercano finanziamenti tramite prestito per quanto riguarda sia l'entità del finanziamento, subordinata alla quota di rischio del portafoglio garantito, che la durata del prestito;

34.

chiede che sia gli strumenti finanziari orientati al capitale di rischio che i fondi destinati alla copertura del portafoglio di debiti delle PMI siano sottoposti a un monitoraggio costante che tenga conto dell'andamento del rischio.

Gestione del programma

35.

ritiene giusto demandare la gestione indiretta del programma al Fondo europeo per gli investimenti (FEI) e alle agenzie esecutive, affidandone invece il monitoraggio constante alla Commissione europea. Questo sistema di gestione garantirà che sia fatto buon uso delle esperienze positive ottenute finora dal FEI in oltre 10 anni di attività come strumento a sostegno delle PMI;

36.

raccomanda di sfruttare le esperienze maturate in quest'ambito dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) e dalla rete europea della imprese, quest'ultima in materia di internazionalizzazione delle PMI anche oltre i confini dell'UE;

37.

ritiene che ai fini di un'efficace attuazione del programma sia necessaria una stretta collaborazione con gli enti regionali e locali e con le istituzioni che gestiscono il programma per consentire la circolazione delle informazioni in ciascuna delle aree di realizzazione del programma;

38.

giudica importanti le esperienze di internazionalizzazione delle PMI oltre i confini dell'UE e la trasmissione delle informazioni in materia, che dovrebbe aiutare le PMI a ridurre i costi delle transazioni collegate all'attività transfrontaliera. Si tratta di un settore che deve essere studiato dagli esperti delle istituzioni dell'Unione in cooperazione con le autorità nazionali e regionali;

39.

segnala inoltre la possibilità di creare dei centri per la diffusione delle informazioni alle PMI. Il Comitato non intende tuttavia suggerire né la natura né le specifiche modalità di funzionamento di tali strutture. Tali aspetti dovrebbero essere definiti nel quadro di accordi di cooperazione multilaterali tra Stati e regioni;

40.

propone che la gestione diretta del programma avvenga principalmente a livello regionale con il sostegno delle autorità nazionali e sotto la loro supervisione. Anche il sistema di monitoraggio dei rischi collegati ai progetti realizzati dovrebbe essere costruito a tale livello;

41.

propone inoltre che, nel valutare la realizzazione di un progetto sulla base degli indicatori di realizzazione degli obiettivi a medio termine che figurano nell'allegato I, se ne consideri anche il monitoraggio. Questo dovrebbe inoltre comprendere informazioni relative alla realizzazione, nel quadro del programma, delle azioni collegate alla protezione del clima e di altri programmi relativi agli ambiti di intervento dell'Unione;

42.

sottolinea che le azioni di cui sopra devono essere conformi alle azioni di controllo adottate dalla Commissione europea, i cui rappresentanti, insieme ai funzionari della Corte dei conti e dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF), condurranno audit, controlli e ispezioni in loco;

43.

ritiene che le strategie di audit dovrebbero servire a una valutazione obiettiva dell'attuazione del programma e non costituire un onere per i suoi beneficiari. I sistemi di controllo dovrebbero tenere conto delle fasi di realizzazione dei progetti in modo da non incidere negativamente sui loro tempi di attuazione e da non generare costi aggiuntivi eccessivi.

Minacce che gravano attualmente sul programma

44.

richiama l'attenzione sul fatto che, nella difficile situazione di bilancio in cui versano molti Stati, i governi ricorrono al modo più semplice per aumentare le entrate di bilancio, che consiste nell'aumentare il livello dei vari oneri che gravano sul costo del lavoro: ciò in realtà provoca il crollo delle PMI o il loro passaggio all'economia sommersa. Per questo invitiamo a proteggere le PMI, in quanto la politica sopradescritta rallenta l'uscita dalla crisi economica e può in realtà azzerare il valore aggiunto del programma. Le PMI sono uno strumento efficace per ridurre la disoccupazione;

45.

è del parere che in molti Stati membri gli oneri amministrativi legati all'avvio di un'attività economica e gli oneri fiscali che gravano sulle attività di un'impresa possono frenare le PMI e le imprese nella loro ricerca di competitività; raccomanda pertanto di ridurre gli oneri amministrativi netti legati all'insieme della legislazione UE pertinente del 25 % entro il 2020; osserva inoltre che sarebbe opportuno considerare anche l'eliminazione di altre barriere che intralciano l'attività degli operatori del settore delle PMI;

46.

ritiene che nel programma si dovrebbero proporre premi aggiuntivi per gli Stati e le regioni che adottano i sistemi più favorevoli alle PMI, consentendone lo sviluppo, il miglioramento della competitività e l'espansione sul mercato esterno, in modo da sostenere tali iniziative. La promozione di atteggiamenti positivi è volta a incoraggiare tendenze appropriate nei diversi Stati e regioni;

47.

propone che la Commissione europea si adoperi per migliorare l'accesso all'informazione sullo sviluppo dei mercati nei paesi in rapido sviluppo, i principi da seguire nell'investire in tali paesi, i sistemi giuridici in vigore e i costumi locali dominano prevalenti nell'attività economica;

48.

è dell'avviso che le informazioni riguardanti i mercati esterni debbano essere facilmente accessibili alle PMI, vale a dire abbordabili economicamente, precise e tempestive. In quest'ambito, oltre ai centri di diffusione delle informazioni alle PMI potrebbero svolgere un ruolo di rilievo le rappresentanze diplomatiche dell'UE in tali regioni del mondo;

49.

sottolinea che per rafforzare l'imprenditorialità dei cittadini dell'UE è necessario modificare il sistema di istruzione e formazione: si tratta di un compito a lungo termine e, in questo senso, si corre il rischio di non riuscire a realizzare gli obiettivi fissati per il medio e il lungo termine;

50.

richiama l'attenzione sulla possibilità di una regolamentazione eccessiva a livello dell'Unione, nazionale o locale, della sfera d'attività delle PMI, che potrebbe rendere ingiustificatamente complicati i processi collegati allo svolgimento dell'attività stessa e all'ottenimento di un sostegno nel quadro di diversi programmi - aspetto, questo, che incide negativamente sulla competitività delle PMI. La riduzione degli oneri amministrativi e la rimozione delle barriere collegate all'avvio e all'esercizio di un'attività economica devono essere considerati prioritari.

II.   PROPOSTE DI EMENDAMENTO

Emendamento 1

COM(2011) 834 final

Considerando 1

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Nel marzo 2010 la Commissione ha adottato la comunicazione Europa 2020 - Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva  (2) (di seguito "la strategia Europa 2020"). La comunicazione è stata approvata dal Consiglio europeo nel giugno 2010. La strategia Europa 2020 risponde alla crisi economica ed è volta a preparare l'Europa per il prossimo decennio. Stabilisce cinque obiettivi ambiziosi in materia di clima ed energia, di occupazione, di innovazione, di istruzione e di inclusione sociale da raggiungere entro il 2020 e identifica i fattori determinanti della crescita per rendere l'Europa più dinamica e competitiva. Sottolinea inoltre l'importanza di aumentare la crescita dell'economia europea e al contempo di offrire livelli elevati di occupazione, un'economia a ridotte emissioni di carbonio e a basso uso di energia e di risorse e la coesione sociale.

Nel marzo 2010 la Commissione ha adottato la comunicazione Europa 2020 - Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva  (2) (di seguito "la strategia Europa 2020"). La comunicazione è stata approvata dal Consiglio europeo nel giugno 2010. La strategia Europa 2020 risponde alla crisi economica ed è volta a preparare l'Europa per il prossimo decennio. Stabilisce cinque obiettivi ambiziosi in materia di clima ed energia, di occupazione, di innovazione, di istruzione e di inclusione sociale da raggiungere entro il 2020 e identifica i fattori determinanti della crescita per rendere l'Europa più dinamica e competitiva. Sottolinea inoltre l'importanza di aumentare la crescita dell'economia europea e al contempo di offrire livelli elevati di occupazione, un'economia a ridotte emissioni di carbonio e a basso uso di energia e di risorse e la coesione sociale.

Emendamento 2

COM(2011) 834 final

Considerando 6

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Per contribuire all'aumento della competitività e della sostenibilità delle imprese dell'Unione, in particolare delle PMI, al progresso della società della conoscenza e a uno sviluppo basato su una crescita economica equilibrata, è opportuno stabilire un programma per la competitività delle imprese e le PMI (di seguito "il programma").

Per contribuire all'aumento della competitività delle imprese dell'Unione, in particolare delle PMI, è opportuno stabilire un programma per la competitività delle imprese e le PMI (di seguito "il programma").

Motivazione

Competitività e sostenibilità non dovrebbero essere intese come obiettivi distinti. Al contrario, la competitività va vista in funzione della sostenibilità. Secondo la Relazione 2010 sulla competitività europea, la competitività sostenibile è la capacità di raggiungere e di mantenere la competitività dell'industria rispettando gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Emendamento 3

COM(2011) 834 final

Considerando 18

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Come descritto nella comunicazione della Commissione, del 30 giugno 2010, intitolata L'Europa, prima destinazione turistica mondiale - un nuovo quadro politico per il turismo europeo  (3), approvata dal Consiglio europeo nelle sue conclusioni dell'ottobre 2010, il turismo è un settore importante dell'economia dell'Unione. Le imprese di questo settore contribuiscono in modo significativo al prodotto interno lordo dell'Unione (PIL) e alla creazione di posti di lavoro e hanno un grande potenziale di sviluppo dell'attività imprenditoriale, trattandosi soprattutto di PMI. Il Trattato di Lisbona riconosce l'importanza del turismo definendo le competenze specifiche dell'Unione in questo campo che integrano le azioni degli Stati membri. L'iniziativa in materia di turismo a livello dell'Unione ha un chiaro valore aggiunto, soprattutto per quanto concerne la fornitura di dati e analisi, lo sviluppo di strategie promozionali transnazionali e lo scambio delle migliori pratiche.

Come descritto nella comunicazione della Commissione, del 30 giugno 2010, intitolata L'Europa, prima destinazione turistica mondiale - un nuovo quadro politico per il turismo europeo  (3), approvata dal Consiglio europeo nelle sue conclusioni dell'ottobre 2010, il turismo è un settore importante dell'economia dell'Unione. Le imprese di questo settore contribuiscono in modo significativo al prodotto interno lordo dell'Unione (PIL) e alla creazione di posti di lavoro e hanno un grande potenziale di sviluppo dell'attività imprenditoriale, trattandosi soprattutto di PMI. Il Trattato di Lisbona riconosce l'importanza del turismo definendo le competenze specifiche dell'Unione in questo campo che integrano le azioni degli Stati membri., soprattutto per quanto concerne la fornitura di dati e analisi, , lo sviluppo di e lo scambio delle migliori pratiche.

Emendamento 4

COM(2011) 834 final

Considerando 20

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Il programma deve integrare altri programmi dell'Unione, riconoscendo al contempo che ciascuno strumento deve funzionare secondo le proprie procedure specifiche. Pertanto, gli stessi costi ammissibili non vanno finanziati due volte. Al fine di ottenere valore aggiunto e un impatto incisivo dei finanziamenti dell'Unione, è opportuno stabilire strette sinergie tra il programma, altri programmi dell'Unione e i fondi strutturali.

Il programma deve integrare altri programmi dell'Unione, riconoscendo al contempo che ciascuno strumento deve funzionare secondo le proprie procedure specifiche. Pertanto, gli stessi costi ammissibili non vanno finanziati due volte. Al fine di ottenere valore aggiunto e un impatto incisivo dei finanziamenti dell'Unione, è opportuno stabilire strette sinergie tra il programma, altri programmi dell'Unione e i fondi strutturali.

Emendamento 5

COM(2011) 834 final

Considerando 24

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

L'accordo sullo Spazio economico europeo e i protocolli degli accordi di associazione prevedono la partecipazione dei paesi interessati ai programmi dell'Unione. La partecipazione di altri paesi terzi deve essere possibile ogniqualvolta gli accordi e le procedure lo consentono.

L'accordo sullo Spazio economico europeo e i protocolli degli accordi di associazione prevedono la partecipazione dei paesi interessati ai programmi dell'Unione. La partecipazione di altri paesi terzi deve essere possibile ogniqualvolta gli accordi e le procedure lo consentono.

Emendamento 6

COM(2011) 834 final

Articolo 2, paragrafo 1

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 2

Obiettivi generali

Articolo 2

Obiettivi generali

Il programma deve contribuire ai seguenti obiettivi generali, con particolare attenzione per le esigenze specifiche delle PMI a livello europeo e mondiale:

Il programma deve contribuire ai seguenti obiettivi generali, con particolare attenzione per le esigenze specifiche delle PMI a livello europeo e mondiale:

(a)

rafforzare la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione, anche nel settore del turismo;

(a)

rafforzare la competitività delle imprese dell'Unione,

(b)

promuovere una cultura imprenditoriale nonché la creazione e la crescita delle PMI.

(b)

promuovere una cultura imprenditoriale la creazione e la crescita delle PMI.

Motivazione

Competitività e sostenibilità non dovrebbero essere intese come obiettivi distinti, in quanto la competitività nel lungo periodo dipende dalla sostenibilità e le politiche dovrebbero essere basate su una strategia di lungo termine.

Nell'iniziativa politica chiamata Uno Small Business Act per l'Europa si sottolinea la necessità di creare una cultura a sostegno della figura dell'imprenditore, nonché di promuovere e incoraggiare tale figura professionale, in modo da evidenziarne e valorizzarne gli sforzi e la capacità di superare le difficoltà.

Emendamento 7

COM(2011) 834 final

Articolo 2, paragrafo 2

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 2

Obiettivi generali

Articolo 2

Obiettivi generali

La realizzazione degli obiettivi di cui al paragrafo 1 sarà misurata in base ai seguenti indicatori:

La realizzazione degli obiettivi di cui al paragrafo 1 sarà misurata in base ai seguenti indicatori:

(a)

percentuale di crescita del settore industriale dell'Unione in relazione alla crescita totale del prodotto interno lordo (PIL),

(a)

percentuale di crescita del settore industriale dell'Unione in relazione alla crescita totale del prodotto interno lordo (PIL),

(b)

crescita della produzione manifatturiera nel settore delle ecoindustrie dell'Unione,

(b)

crescita della produzione manifatturiera nel settore delle ecoindustrie dell'Unione,

(c)

modifiche degli oneri amministrativi delle PMI,

(c)

modifiche degli oneri amministrativi delle PMI,

(d)

crescita delle PMI in termini di valore aggiunto e numero di dipendenti,

,

(e)

tasso di turnover delle PMI.

()

crescita delle PMI in termini di valore aggiunto e numero di dipendenti,

 

()

tasso di turnover delle PMI.

Emendamento 8

COM(2011) 834 final

Articolo 3, paragrafo 1

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 3

Obiettivi specifici

Articolo 3

Obiettivi specifici

Gli obiettivi specifici del programma sono i seguenti:

Gli obiettivi specifici del programma sono i seguenti:

(a)

migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione, incluse quelle del settore del turismo;

(a)

migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione;

(b)

promuovere l'imprenditorialità, anche tra gruppi di destinatari specifici;

(b)

promuovere l'imprenditorialità, anche tra gruppi di destinatari specifici;

(c)

migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti sotto forma di capitale proprio e di debito;

(c)

migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti sotto forma di capitale proprio e di debito;

(d)

migliorare l'accesso ai mercati nell'Unione e su scala mondiale.

(d)

migliorare l'accesso ai mercati nell'Unione e su scala mondiale.

Emendamento 9

COM(2011) 834 final

Articolo 6, paragrafo 1

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 6

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

Articolo 6

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

1.   La Commissione sostiene le azioni volte a migliorare e rafforzare la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione, in particolare delle PMI, in modo da rendere più efficaci e coerenti le politiche nazionali a favore della competitività, della sostenibilità e della crescita delle imprese in Europa.

1.   La Commissione sostiene le azioni volte a migliorare la competitività delle imprese dell'Unione, in particolare delle PMI, in modo da rendere più efficaci e coerenti le politiche nazionali a favore della competitività, della sostenibilità e della crescita delle imprese in Europa.

Emendamento 10

COM(2011) 834 final

Articolo 6, paragrafo 2, lettera a)

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

[…]

[…]

2.   La Commissione può sostenere le azioni volte a sviluppare nuove strategie di competitività, tra cui:

2.   La Commissione può sostenere le azioni volte a sviluppare nuove strategie di competitività, tra cui:

(a)

le misure per migliorare l'elaborazione, l'attuazione e la valutazione delle politiche a favore della competitività e della sostenibilità delle imprese, inclusa la resilienza alle catastrofi, e per garantire lo sviluppo di infrastrutture appropriate, cluster a livello mondiale e reti di imprese, condizioni quadro e prodotti sostenibili, servizi e processi;

(a)

le misure per migliorare l'elaborazione, l'attuazione e la valutazione delle politiche a favore della competitività e della sostenibilità delle imprese, inclusa la resilienza alle catastrofi, e per garantire lo sviluppo di infrastrutture appropriate, cluster a livello mondiale e reti di imprese, condizioni quadro e prodotti sostenibili, servizi e processi;

Motivazione

Quando occorre sostenere gli sforzi delle PMI, uno dei primi passi dovrebbe consistere nel convincerle dei benefici che potrebbero trarre dalla realizzazione congiunta di azioni concrete, che altrimenti risulterebbero inattuabili o meno proficue se realizzate a livello di singola impresa. La cooperazione tra imprese ha dimostrato di essere una delle azioni più efficaci e dall'effetto più immediato.

Emendamento 11

COM(2011) 834 final

Articolo 6, paragrafo 2, lettera c)

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 6

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

Articolo 6

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

[…]

[…]

(c)

il sostegno allo sviluppo delle politiche a favore delle PMI e alla cooperazione tra decisori, in particolare al fine di agevolare l'accesso delle PMI ai programmi e alle misure.

(c)

il sostegno allo sviluppo delle politiche a favore delle PMI e alla cooperazione tra decisori, in particolare al fine di agevolare l'accesso delle PMI ai programmi e alle misure.

Emendamento 12

COM(2011) 834 final

Articolo 6, paragrafo 2, lettera d)

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento

Articolo 6

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

Articolo 6

Azioni per migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'Unione

[…]

[…]

 

Motivazione

Visto l'importante ruolo negli obiettivi strategici riguardanti il settore del turismo, si propone di includere questo tipo di misure, in linea con la strategia Europa 2020 che pone tra i suoi obiettivi la crescita intelligente, cosa che implica lo sviluppo di un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Emendamento 13

COM(2011) 834 final

Articolo 8, paragrafo 1

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 8

Azioni per migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti

Articolo 8

Azioni per migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti

La Commissione sostiene le azioni volte a migliorare l'accesso ai finanziamenti delle PMI nella loro fase di avvio e di crescita, integrando l'uso da parte degli Stati membri degli strumenti finanziari per le PMI a livello nazionale e regionale. Per garantirne la complementarietà, le azioni devono essere coordinate con quelle prese nel quadro della politica di coesione e a livello nazionale. Tali azioni mirano a stimolare l'offerta di finanziamenti sia di capitale che di debito.

La Commissione sostiene le azioni volte a migliorare l'accesso ai finanziamenti delle PMI nella loro fase di avvio e di crescita, integrando l'uso da parte degli Stati membri degli strumenti finanziari per le PMI a livello nazionale e regionale. Per garantirne la complementarietà, le azioni devono essere coordinate con quelle prese nel quadro della politica di coesione e a livello nazionale. Tali azioni mirano a stimolare l'offerta di finanziamenti sia di capitale che di debito.

Emendamento 14

COM(2011) 834 final

Articolo 8, paragrafo 2

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Articolo 8

Azioni per migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti

Articolo 8

Azioni per migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti

2.   Nell'ambito delle azioni di cui al paragrafo 1 la Commissione, in base alla domanda del mercato, svilupperà misure per migliorare il finanziamento transfrontaliero e multinazionale, in modo da aiutare le PMI ad internazionalizzare le loro attività conformemente alla normativa dell'Unione.

2.   Nell'ambito delle azioni di cui al paragrafo 1 la Commissione, in base alla domanda del mercato, svilupperà misure per migliorare il finanziamento transfrontaliero e multinazionale, in modo da aiutare le PMI ad internazionalizzare le loro attività conformemente alla normativa dell'Unione.

Emendamento 15

COM(2011) 834 final

Allegato II - Titolo Strumento di garanzia dei prestiti (LGF)

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Strumento di garanzia dei prestiti (LGF)

Strumento di garanzia dei prestiti (LGF)

Emendamento 16

COM(2011) 834 final

Allegato II - Titolo Strumento di garanzia dei prestiti (LGF), paragrafo 3

Testo proposto dalla Commissione

Emendamento del Comitato delle regioni

Strumento di garanzia dei prestiti (LGF)

Strumento di garanzia dei prestiti (LGF)

[…]

[…]

Ad eccezione dei prestiti del portafoglio cartolarizzato, l'LGF copre i prestiti fino a 150 000 EUR e con una scadenza minima di 12 mesi. L'LGF è strutturato in modo che sia possibile presentare un rendiconto sulle PMI innovative sostenute, indicando sia il numero che il volume dei prestiti.

L'LGF L'LGF è strutturato in modo che sia possibile presentare un rendiconto sulle PMI innovative sostenute, indicando sia il numero che il volume dei prestiti.

Motivazione

Il nuovo massimale non ha molto senso, in quanto al massimo pochi progetti riusciranno a rientrare in questa linea di bilancio. Bisognerebbe mantenere il vecchio sistema, che non prevedeva alcun massimale.

Bruxelles, 9 ottobre 2012

Il presidente del Comitato delle regioni

Ramón Luis VALCÁRCEL SISO


(1)  http://portal.cor.europa.eu/europe2020/news/Pages/InvitationtoparticipateintheSurveyonSME-friendlyRegionsandCities.aspx.

(2)  COM(2010) 2020 final.

(3)  COM(2010) 352 final.


Top