Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32017D0905

Decisione di esecuzione (PESC) 2017/905 del Consiglio, del 29 maggio 2017, che attua la decisione 2010/788/PESC concernente misure restrittive nei confronti della Repubblica democratica del Congo

OJ L 138I , 29.5.2017, p. 6–9 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec_impl/2017/905/oj

29.5.2017   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

LI 138/6


DECISIONE DI ESECUZIONE (PESC) 2017/905 DEL CONSIGLIO

del 29 maggio 2017

che attua la decisione 2010/788/PESC concernente misure restrittive nei confronti della Repubblica democratica del Congo

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sull'Unione europea, in particolare l'articolo 31, paragrafo 2,

vista la decisione 2010/788/PESC del Consiglio, del 20 dicembre 2010, concernente misure restrittive nei confronti della Repubblica democratica del Congo e che abroga la posizione comune 2008/369/PESC (1), in particolare l'articolo 6, paragrafo 2,

vista la proposta dell'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza,

considerando quanto segue:

(1)

Il 20 dicembre 2010 il Consiglio ha adottato la decisione 2010/788/PESC.

(2)

Il 12 dicembre 2016 il Consiglio ha adottato la decisione (PESC) 2016/2231 (2) in risposta all'ostruzione del processo elettorale e alle relative violazioni dei diritti umani nella Repubblica democratica del Congo (RDC). Il 6 marzo 2017 il Consiglio ha adottato conclusioni in cui esprime profonda preoccupazione per la situazione politica nell'RDC, provocata dal blocco nell'attuazione dell'accordo politico inclusivo del 31 dicembre 2016 e dalla situazione della sicurezza in diverse regioni del paese in cui si registra un uso sproporzionato della forza.

(3)

Tenuto conto della gravità della situazione nell'RDC, nove persone dovrebbero essere aggiunte all'elenco delle persone e delle entità soggette a misure restrittive riportato nell'allegato II della decisione 2010/788/PESC.

(4)

È opportuno pertanto modificare di conseguenza l'allegato II della decisione 2010/788/PESC,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

L'allegato II della decisione 2010/788/PESC è modificato come indicato nell'allegato della presente decisione.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Fatto a Bruxelles, il 29 maggio 2017

Per il Consiglio

Il presidente

C. CARDONA


(1)  GU L 336 del 21.12.2010, pag. 30.

(2)  Decisione (PESC) 2016/2231 del Consiglio, del 12 dicembre 2016, che modifica la decisione 2010/788/PESC concernente misure restrittive nei confronti della Repubblica democratica del Congo (GU L 336 del 12.12.2016, pag. 7).


ALLEGATO

Le persone seguenti sono aggiunte all'elenco delle persone e delle entità riportato nell'allegato II della decisione 2010/788/PESC:

A.   Persone

 

Nome

Informazioni identificative

Motivi della designazione

Data di inserimento nell'elenco

«8.

Evariste Boshab, ex vice primo ministro e ministro dell'interno e della sicurezza

alias Evariste Boshab Mabub Ma Bileng

Data di nascita: 12.1.1956.

Luogo di nascita: Tete Kalamba (RDC).

Passaporto diplomatico n.: DP 0000003 (validità dal 21.12.2015 al 20.12.2020).

Visto Schengen scaduto il 5.1.2017.

Cittadinanza congolese (RDC).

Nella sua veste di vice primo ministro e ministro dell'interno e della sicurezza dal dicembre 2014 al dicembre 2016, Evariste Boshab era ufficialmente responsabile della polizia e dei servizi di sicurezza e coordinava i lavori dei governatori provinciali.In tale veste, era responsabile degli arresti di attivisti e membri dell'opposizione, nonché dell'uso sproporzionato della forza, compreso tra settembre 2016 e dicembre 2016 in risposta alle manifestazioni a Kinshasa, provocando l'uccisione o il ferimento di un elevato numero di civili da parte dei servizi di sicurezza. Evariste Boshab è stato quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

9.

Gédéon Kyungu Mutanga

Data di nascita: 1974 circa nella provincia del Tanganica.

Cittadinanza congolese (RDC)

In quanto leader della milizia Bakata Katanga nel periodo tra il 2011 e il 2016, Gédéon Kyungu Mutanga è stato implicato in gravi violazioni dei diritti umani e crimini di guerra, quali uccisioni e attacchi contro civili, in particolare nelle zone rurali della regione del Katanga.

Gédéon Kyungu Mutanga è attualmente il leader di un gruppo armato implicato in abusi dei diritti umani nella provincia del Kasaï e sostenitore delle forze governative che commettono violazioni dei diritti umani. Gédéon Kyungu Mutanga è stato quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi abusi o violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

10.

Alex Kande Mupompa, governatore del Kasaï Centrale

alias Alexandre Kande Mupomba; Kande-Mupompa.

Data di nascita: 23.9.1950.

Luogo di nascita: Kananga.

N. di passaporto: OP 0024910 (validità dal 21.3.2016 al 20.3.2021).

Indirizzo: Messidorlaan 217/25, 1180 Uccle, Belgio

Cittadinanza congolese (RDC) e belga

In qualità di governatore del Kasaï Centrale, Alex Kande Mupompa è responsabile dell'uso sproporzionato della forza, della repressione violenta e delle esecuzioni extragiudiziali commesse dal 2016 dalle forze di sicurezza e dalla PNC nel Kasaï Centrale e attualmente in corso, comprese le presunte uccisioni illegali di membri della milizia Kamiuna Nsapu e di civili a Mwanza Lomba, Kasaï Centrale nel febbraio del 2017.

Alex Kande Mupompa è stato quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

11.

Jean-Claude Kazembe Musonda, ex governatore dell'Alto Katanga

Data di nascita: 17.5.1963. Luogo di nascita: Kashobwe (RDC).

Cittadinanza congolese (RDC).

In qualità di governatore dell'Alto Katanga fino all'aprile 2017, Jean-Claude Kazembe Musonda è stato responsabile dell'uso sproporzionato della forza e della repressione violenta compiuti dalle forze di sicurezza e dalla PNC nell'Alto Katanga, compreso tra il 15 e il 31 dicembre 2016 quando 12 civili sono stati uccisi e 64 sono stati feriti a causa dell'uso della forza letale da parte delle forze di sicurezza, compresi gli agenti della PNC, in risposta alle proteste a Lubumbashi.

Jean-Claude Kazembe Musonda è stato quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

12.

Lambert Mende, ministro delle comunicazioni e dei media nonché portavoce del governo

alias Lambert Mende Omalanga

Data di nascita: 11.2.1953. Luogo di nascita: Okolo (RDC).

Passaporto diplomatico n. DB0008442 (rilasciato il 4.5.2017, con scadenza il 3.5.2022).

Cittadinanza congolese (RDC)

In qualità di ministro delle comunicazioni e dei media dal 2008, Lambert Mende è responsabile della politica repressiva applicata nella RDC nei confronti dei media, che viola il diritto alla libertà di espressione e d'informazione e compromette una soluzione consensuale e pacifica a favore di elezioni nella RDC. Il 12 novembre 2016 ha adottato un decreto che limita la possibilità di trasmettere nella RDC da parte dei mezzi di informazione stranieri.

In violazione dell'accordo politico raggiunto il 31 dicembre 2016 tra la maggioranza presidenziale e i partiti di opposizione, a tutto il maggio 2017 una serie di mezzi di informazione non hanno ancora ripreso le trasmissioni.

In qualità di ministro delle comunicazioni e dei media, Lambert Mende è quindi responsabile di ostacolare una soluzione consensuale e pacifica a favore di elezioni nella RDC, anche mediante atti di violenza, repressione o incitamento alla violenza, oppure compromettendo lo stato di diritto.

29.5.2017

13.

Muhindo Akili Mundos, comandante della 31a brigata delle FARDC

alias Charles Muhindo Akili Mundos; Charles Muhindo Akilimani Mundos.

Data di nascita: 10.11.1972.

Luogo di nascita: Kirotse (RDC).

Numero della carta d'identità militare: 1-72-96-80384-52.

Cittadinanza congolese (RDC).

Muhindo Akili Mundos è stato comandante delle FARDC nell'operazione Sukola I responsabile delle operazioni militari contro le ADF dall'agosto 2014 al giugno 2015. Egli avrebbe reclutato ed equipaggiato ex combattenti di gruppi armati locali affinché partecipassero a esecuzioni extragiudiziali e massacri iniziati nell'ottobre 2014.

Muhindo Akili Mundos è stato quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

14.

Brigadier Generale Eric Ruhorimbere, vicecomandante della 21a regione militare (Mbuji-Mayi)

alias Eric Ruhorimbere Ruhanga; Tango Two; Tango Deux.

Data di nascita: 16.7.1969.

Luogo di nascita: Minembwe (RDC).

Numero della carta d'identità militare: 1-69-09-51400-64.

Cittadinanza congolese (RDC)

In qualità di vicecomandante della 21a regione militare dal 18 settembre 2014, Eric Ruhorimbere è stato responsabile dell'uso sproporzionato della forza e delle esecuzioni extragiudiziali commesse dalle forze delle FARDC, segnatamente nei confronti della milizia Nsapu e di donne e minori.

Eric Ruhorimbere è stato quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

15.

Ramazani Shadari, vice primo ministro e ministro dell'interno e della sicurezza

alias Emmanuel Ramazani Shadary Mulanda; Shadary.

Data di nascita: 29.11.1960.

Luogo di nascita: Kasongo (RDC).

Cittadinanza congolese (RDC)

In qualità di vice primo ministro e ministro dell'interno e della sicurezza dal 20 dicembre 2016, Ramazani Shadari è ufficialmente responsabile della polizia e dei servizi di sicurezza, nonché del coordinamento dei lavori dei governatori provinciali. In questa veste, è responsabile dei recenti arresti di attivisti e membri dell'opposizione, nonché dell'uso sproporzionato della forza dalla sua nomina, come le violente misure repressive nei confronti dei membri del movimento Bundu Dia Kongo (BDK) nel Kongo Central, la repressione a Kinshasa nel gennaio-febbraio 2017 e l'uso sproporzionato della forza e la repressione violenta nelle province del Kasaï.

In questa veste, Ramazani Shadari è quindi implicato nel pianificare, dirigere o compiere atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017

16.

Kalev Mutondo, capo (formalmente amministratore generale) del Servizio di intelligence nazionale (ANR)

alias Kalev Katanga Mutondo, Kalev Motono, Kalev Mutundo, Kalev Mutoid, Kalev Mutombo, Kalev Mutond, Kalev Mutondo Katanga, Kalev Mutund.

Data di nascita: 3.3.1957.

Passaporto n.: DB0004470 (rilasciato: 8.6.2012, con scadenza il 7.6.2017).

In qualità di capo del servizio di intelligence nazionale (ANR) a lungo termine, Kalev Mutondo è coinvolto e responsabile di arresti arbitrari, detenzione e maltrattamento di membri dell'opposizione, di attivisti della società civile e di altri. Ha pertanto compromesso lo stato di diritto e ostacolato una soluzione consensuale e pacifica a favore di elezioni nella RDC, nonché pianificato o diretto atti che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani nella RDC.

29.5.2017»


Top