EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32006D0544

2006/544/CE: Decisione del Consiglio, del 18 luglio 2006 , relativa a orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione

OJ L 215, 5.8.2006, p. 26–27 (ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, IT, LV, LT, HU, NL, PL, PT, SK, SL, FI, SV)
OJ L 76M , 16.3.2007, p. 203–204 (MT)
Special edition in Bulgarian: Chapter 05 Volume 008 P. 276 - 277
Special edition in Romanian: Chapter 05 Volume 008 P. 276 - 277

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec/2006/544/oj

5.8.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 215/26


DECISIONE DEL CONSIGLIO

del 18 luglio 2006

relativa a orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione

(2006/544/CE)

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea e in particolare l'articolo 128, paragrafo 2,

vista la proposta della Commissione,

visto il parere del Parlamento europeo (1),

visto il parere del Comitato economico e sociale europeo (2),

previa consultazione del Comitato delle regioni,

visto il parere del Comitato per l'occupazione (3),

considerando quanto segue:

(1)

La riforma della strategia di Lisbona nel 2005 ha posto l'accento sulla crescita e sulla occupazione. Gli orientamenti a favore dell'occupazione (4), in seno alla strategia europea per l'occupazione, e gli indirizzi di massima per le politiche economiche (5) sono stati approvati come pacchetto integrato: la strategia europea per l'occupazione funge da guida per raggiungere gli obiettivi della strategia di Lisbona nel campo dell'occupazione e del mercato del lavoro.

(2)

L'Unione europea deve dispiegare tutte le necessarie risorse nazionali e comunitarie, compresa la politica di coesione, secondo le tre dimensioni della strategia di Lisbona (economica, sociale e ambientale) così da sfruttare meglio le sinergie in un contesto generale di sviluppo sostenibile.

(3)

Gli orientamenti a favore dell'occupazione e gli indirizzi di massima per le politiche economiche vanno interamente rivisti solo ogni 3 anni. Negli anni intermedi fino al 2008 ci si dovrebbe limitare a pochi aggiornamenti per garantire il livello di stabilità necessario per un'attuazione efficace.

(4)

Dall'esame dei programmi nazionali di riforma degli Stati membri che figura nella relazione annuale della Commissione sullo stato di avanzamento e nella relazione comune sull'occupazione emerge che gli Stati membri dovrebbero continuare a compiere ogni sforzo per affrontare le seguenti priorità:

attrarre e mantenere più persone sul mercato del lavoro, aumentare la disponibilità di forza lavoro e ammodernare i sistemi di protezione sociale,

migliorare l'adattabilità dei lavoratori e delle imprese,

aumentare gli investimenti in capitale umano migliorando l'istruzione e le competenze.

(5)

Il Consiglio europeo del 23 e 24 marzo 2006 ha sottolineato il ruolo centrale svolto dalle politiche a favore dell'occupazione nel quadro dell'agenda di Lisbona e la necessità di aumentare le opportunità di occupazione per le categorie prioritarie, nell'ambito di un approccio al lavoro basato sul ciclo di vita. Al riguardo ha approvato il patto europeo per la parità di genere che dovrebbe accrescere ulteriormente la visibilità dell'integrazione di genere e dare un impulso al miglioramento delle prospettive e delle possibilità delle donne su vasta scala.

(6)

L'eliminazione degli ostacoli alla mobilità dei lavoratori, quale prevista dai trattati, inclusi i trattati di adesione, dovrebbe rafforzare il funzionamento del mercato interno e accrescerne il potenziale di crescita e occupazione.

(7)

Alla luce dell'esame, da parte della Commissione, dei programmi nazionali di riforma e delle conclusioni del Consiglio europeo, è opportuno concentrarsi ora su un'attuazione efficace e tempestiva, rivolgendo particolare attenzione agli obiettivi quantitativi convenuti negli orientamenti a favore dell'occupazione 2005-2008, e in linea con le conclusioni del Consiglio europeo.

(8)

Gli Stati membri dovrebbero tener conto degli orientamenti a favore dell'occupazione quando programmano l'uso dei finanziamenti comunitari, in particolare del Fondo sociale europeo.

(9)

Data la natura unitaria del pacchetto degli orientamenti, gli Stati membri dovrebbero attuare fino in fondo gli indirizzi di massima per le politiche economiche,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Gli orientamenti per le politiche a favore dell'occupazione degli Stati membri fissati nell'allegato della decisione 2005/600/CE sono mantenuti per il 2006. Gli Stati membri ne tengono conto nelle loro politiche a favore dell'occupazione.

Articolo 2

Gli Stati membri sono i destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, addì 18 luglio 2006.

Per il Consiglio

Il presidente

J. KORKEAOJA


(1)  Parere del 4 aprile 2006 (non ancora pubblicato nella Gazzetta ufficiale).

(2)  Parere del 17 maggio 2006 (non ancora pubblicato nella Gazzetta ufficiale).

(3)  Parere del 27 aprile 2006.

(4)  Decisione 2005/600/CE del Consiglio, del 12 luglio 2005, sugli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione (GU L 205 del 6.8.2005, pag. 21).

(5)  Raccomandazione 2005/601/CE del Consiglio, del 12 luglio 2005, relativa agli indirizzi di massima per le politiche economiche degli Stati membri e delle Comunità (per il periodo 2005-2008) (GU L 205 del 6.8.2005, pag. 28).


Top