EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 31995R3096

Regolamento (CE) n. 3096/95 del Consiglio, del 22 dicembre 1995, che modifica il regolamento (CEE) n. 1408/71 relativo all' applicazione dei regimi di sicurezza sociale ai lavoratori subordinati, ai lavoratori autonomi e ai loro familiari che si spostano all' interno della Comunità e il regolamento (CEE) n. 574/72 che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CEE) n. 1408/71

OJ L 335, 30.12.1995, p. 10–27 (ES, DA, DE, EL, EN, FR, IT, NL, PT, FI, SV)

No longer in force, Date of end of validity: 01/02/1997; abrog. impl. da 397R0118

ELI: http://data.europa.eu/eli/reg/1995/3096/oj

31995R3096

Regolamento (CE) n. 3096/95 del Consiglio, del 22 dicembre 1995, che modifica il regolamento (CEE) n. 1408/71 relativo all' applicazione dei regimi di sicurezza sociale ai lavoratori subordinati, ai lavoratori autonomi e ai loro familiari che si spostano all' interno della Comunità e il regolamento (CEE) n. 574/72 che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CEE) n. 1408/71

Gazzetta ufficiale n. L 335 del 30/12/1995 pag. 0010 - 0027


REGOLAMENTO (CE) N. 3096/95 DEL CONSIGLIO

del 22 dicembre 1995

che modifica il regolamento (CEE) n. 1408/71 relativo all'applicazione dei regimi di sicurezza sociale ai lavoratori subordinati, ai lavoratori autonomi e ai loro familiari che si spostano all'interno della Comunità e il regolamento (CEE) n. 574/72 che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CEE) n. 1408/71

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare gli articoli 51 e 235,

vista la proposta della Commissione, presentata previa consultazione della commissione amministrativa per la sicurezza sociale dei lavoratori migranti (1),

visto il parere del Parlamento europeo (2),

visto il parere del Comitato economico e sociale (3),

(1) considerando che è opportuno apportare alcune modifiche ai regolamenti (CEE) n. 1408/71 (4) e (CEE) n. 574/72 (5); che alcune di tali modifiche sono legate ai cambiamenti che gli Stati membri hanno apportato alla loro legislazione in materia di sicurezza sociale, mentre altre modifiche rivestono un carattere tecnico e sono destinate a completare tali regolamenti;

(2) considerando che è opportuno, tenuto conto del fatto che la natura e le condizioni di erogazione degli assegni speciali di adozione sono analoghe a quelle per la nascita, completare l'articolo 1, lettera u), punto i) del regolamento (CEE) n. 1408/71, al fine di permettere che essi vengano indicati nella parte II dell'allegato II;

(3) considerando che risulta necessario permettere ai lavoratori subordinati distaccati, ai lavoratori subordinati che esercitano la loro attività sul territorio di diversi Stati membri o sul territorio di uno Stato membro in un'impresa avente sede in un altro Stato membro e attraversata dalla frontiera comune, ai lavoratori non subordinati che si trovano in situazioni analoghe, alla gente del mare che si trova in situazioni comparabili e alle persone che beneficiano di una deroga agli articoli da 13 a 16 del regolamento (CEE) n. 1408/71 per accordo intervenuto fra le autorità competenti, compresi i funzionari pubblici e il personale assimilato, nonché ai familiari che li accompagnano, di beneficiare delle disposizioni di cui all'articolo 22, paragrafo 1, lettera a) del regolamento (CEE) n. 1408/71 per ogni situazione che rende necessarie prestazioni, purché si tratti di un soggiorno professionale;

(4) considerando che, per ragioni di semplificazione e di unificazione delle regole di gestione applicabili, è opportuno sopprimere l'articolo 32 del regolamento (CEE) n. 1408/71;

(5) considerando che l'articolo 49, paragrafo 1, lettera b) consente di liquidare una prestazione tenendo conto soltanto dei periodi maturati sotto legislazione in base alle quali sono riconosciuti dei diritti, in quanto tali periodi bastano per il calcolo delle prestazioni in applicazione delle legislazioni di cui sono soddisfatti i presupposti; che può tuttavia risultare che il fatto di prendere in considerazione periodi maturati sotto legislazioni per cui non sono soddisfatti i presupposti per il riconoscimento dei diritti consente in taluni casi, in base alle legislazioni per cui sono soddisfatti i presupposti, di determinare importi più elevati delle prestazioni; che appare utile di conseguenza completare l'articolo 49, paragrafo 1, lettere i) e ii) per permettere di prendere in considerazione tali periodi in quanto ne risulta per l'interessato un importo delle prestazioni più elevato;

(6) considerando che è necessario modificare la rubrica «B. DANIMARCA» dell'allegato I, parte II del regolamento (CEE) n. 1408/71, al fine di precisare la definizione attuale dell'espressione «familiare»;

(7) considerando che, vista la modifica da introdurre all'articolo 1, lettera u), punto i) del regolamento (CEE) n. 1408/71, il titolo della parte II dell'allegato II deve essere modificato di conseguenza; che è opportuno completare le rubriche «A. BELGIO» e «E. FRANCIA» di tale allegato per tener conto rispettivamente del premio di adozione e dell'assegno di adozione, che sono stati introdotti nelle legislazioni di tali Stati membri in materia di prestazioni familiari;

(8) considerando che occorre aggiungere all'allegato II bis del regolamento (CEE) n. 1408/71, alla rubrica «B. DANIMARCA», l'indennità di alloggio dei pensionati, e alla rubrica «O. REGNO UNITO» le indennità per richiedenti lavoro basate sui redditi, che costituiscono prestazioni speciali a carattere non contributivo a norma del paragrafo 2 bis dell'articolo 4 del regolamento (CEE) n. 1408/71;

(9) considerando che sembra opportuno precisare all'allegato III, parti A e B, al punto «35. GERMANIA-AUSTRIA», lettera e) del regolamento (CEE) n. 1408/71, che l'applicazione transitoria delle disposizioni dell'accordo bilaterale fra la Germania e l'Austria rimane valida anche in caso di trasformazione di una pensione;

(10) considerando che risulta necessario, a seguito delle sentenze della Corte di giustizia nella causa 87/76 (Bozzone) e nelle cause riunite 82 e 103/86 (Laborero e Sabato), apportare talune modifiche agli allegati dei regolamenti (CEE) n. 1408/71 e (CEE) n. 574/72 per tener conto del fatto che il regime belga di sicurezza sociale d'oltremare rientra nel campo d'applicazione di detti regolamenti;

(11) considerando che è opportuno modificare la rubrica «O. REGNO UNITO» della parte C dell'allegato IV del regolamento (CEE) n. 1408/71, per permettere alle autorità britanniche competenti di rinunciare al calcolo prorata della pensione quando tale calcolo non fornisce un risultato più favorevole ai beneficiari dal punto di vista finanziario;

(12) considerando che a seguito dei cambiamenti intervenuti nella legislazione tedesca in tale materia, è opportuno un conseguente adattamento della rubrica «C. GERMANIA» dell'allegato VI del regolamento (CEE) n. 1408/71;

(13) considerando che è del pari opportuno sopprimere i punti 1 e 2 e inserire un nuovo punto alla rubrica «L. PORTOGALLO» dell'allegato VI del regolamento (CEE) n. 1408/71 affinché i funzionari pubblici pensionati e i loro familiari possano beneficiare delle prestazioni in natura di malattia e/o maternità in caso di necessità immediata nel corso di un soggiorno sul territorio di un altro Stato membro, ovvero allorché questi vi si recano per ricevere le cure appropriate con riferimento al loro stato di salute, previa autorizzazione dell'istituzione competente portoghese;

(14) considerando che, a seguito degli accordi conclusi tra il Belgio e il Lussemburgo, occorre adattare di conseguenza il punto 1 dell'allegato VII del regolamento (CEE) n. 1408/71;

(15) considerando che è opportuno inserire un nuovo articolo 19 bis nel regolamento (CEE) n. 574/72 per consentire l'attuazione amministrativa e finanziaria del servizio delle prestazioni in natura in caso di soggiorno nello Stato competente dei familiari che hanno la loro residenza in uno Stato membro diverso da quello in cui risiede il lavoratore subordinato o autonomo;

(16) considerando che a seguito di una riorganizzazione amministrativa svoltasi in Austria, è opportuno un conseguente adattamento della rubrica «K. AUSTRIA» degli allegati 1, 2, 3, 4 e 10 del regolamento (CEE) n. 574/72;

(17) considerando che bisogna adattare i punti «4. BELGIO-FRANCIA», «23. DANIMARCA-AUSTRIA», «41. FRANCIA-ITALIA», «82. ITALIA-REGNO UNITO», «84. LUSSEMBURGO-AUSTRIA», «95. AUSTRIA-FINLANDIA» e «97. AUSTRIA-REGNO UNITO» dell'allegato 5 del regolamento (CEE) n. 574/72, per tener conto degli accordi conclusi da tali Stati membri,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Il regolamento (CEE) n. 1408/71 è modificato come segue:

1) All'articolo 1, lettera u), punto i), il testo attuale è sostituito dal testo seguente:

«i) Il termine "prestazioni familiari" designa tutte le prestazioni in natura o in denaro destinate a compensare i carichi familiari nel quadro di una delle legislazioni previste all'articolo 4, paragrafo 1, lettera h), esclusi gli assegni speciali di nascita o di adozione di cui all'allegato II;».

2) Dopo l'articolo 22 è inserito il seguente articolo:

«Articolo 22 ter

Attività svolta in uno Stato membro diverso dallo Stato competente - Soggiorno nello Stato in cui viene svolta l'attività

Il lavoratore subordinato o autonomo di cui all'articolo 13, paragrafo 2, lettera d), all'articolo 14, all'articolo 14 bis, all'articolo 14 ter, all'articolo 14 quater, lettera a) o all'articolo 17, nonché i suoi familiari che lo accompagnano, beneficiano delle disposizioni di cui all'articolo 22, paragrafo 1, punto a) per ogni situazione che renda necessarie prestazioni nel corso di un soggiorno sul territorio dello Stato membro su cui il lavoratore esercita la sua attività professionale o di cui la nave, a bordo della quale il lavoratore svolge la sua attività professionale, batte bandiera.»

3) L'articolo 32 è soppresso.

4) All'articolo 36, paragrafo 1 sono soppressi i termini «fatte salve le disposizioni dell'articolo 32».

5) L'articolo 49, paragrafo 1, lettera b) è modificato come segue:

a) al punto i), dopo i termini «dell'articolo 46, paragrafo 2», sono aggiunti i seguenti termini:

«a meno che il fatto di tenere conto dei suddetti periodi non consenta di determinare un importo della prestazione più elevato»;

b) il punto ii) è sostituito dal seguente testo:

«ii) se l'interessato soddisfa le condizioni di un'unica legislazione senza che sia necessario ricorrere ai periodi di assicurazione o di residenza maturati sotto le legislazioni le cui condizioni non sono soddisfatte, l'importo della prestazione dovuta è calcolato, a norma dell'articolo 46, paragrafo 1, lettera a), punto i), secondo le disposizioni dell'unica legislazione le cui condizioni sono soddisfatte e tenuto conto unicamente dei periodi maturati sotto tale legislazione, a meno che il fatto di prendere in considerazione i periodi maturati sotto le legislazioni le cui disposizioni non sono soddisfatte non consenta di determinare, a norma dell'articolo 46, paragrafo 1, lettera a), punto ii), un importo della prestazione più elevato».

6) All'allegato I, parte II, rubrica «B. DANIMARCA», il testo attuale è sostituito dal testo seguente:

«B. DANIMARCA

Allorché si decide se a norma del regolamento esiste un diritto alle prestazioni in natura in caso di malattia o di maternità a norma dell'articolo 22, paragrafo 1, punto a) e dell'articolo 31 del regolamento, l'espressione "familiare" designa:

1. il coniuge di un lavoratore subordinato, di un lavoratore autonomo o di un'altra persona che ha la qualità di avente diritto a norma del regolamento, purché la stessa persona non abbia a titolo personale la qualità di avente diritto a norma del regolamento, o

2. un figlio di età inferiore a 18 anni affidato a una persona che ha la qualità di avente diritto del regolamento.»

7) All'allegato II la parte II è modificata come segue:

a) Il titolo è sostituito dal seguente testo:

«II. Assegni speciali di nascita o di adozione esclusi dal campo d'applicazione del regolamento a norma dell'articolo 1, lettera u), punto i)»

b) Il testo della rubrica «A. BELGIO» è sostituito dal testo seguente:

«A. BELGIO

a) L'assegno di nascita

b) Il premio di adozione.»

c) Il testo della rubrica «E. FRANCIA» è sostituito dal testo seguente:

«E. FRANCIA

a) L'assegno per il figlio in tenera età erogato fino all'età di tre mesi

b) L'assegno di adozione.»

8) L'allegato II bis è modificato come segue:

a) Il testo della rubrica «B. DANIMARCA» è sostituito dal testo seguente:

«B. DANIMARCA

Spese di alloggio ai pensionati (legge sull'aiuto all'alloggio individuale, codificata con la legge n. 204 del 29 marzo 1995».

b) La rubrica «O. REGNO UNITO» è completata dal seguente punto:

«h) Indennità per richiedenti lavoro basate sui redditi [Jobseekers Act 1995, 28 giugno 1995, Sezioni I (2) (d) (ii) e 3 e Jobseekers (Northern Ireland) Order 1995, 18 ottobre 1995, articoli 3 (2) (d) (ii) e 5].»

9) L'allegato III, parte A è modificato come segue:

a) Il testo del punto 8 è sostituito dal testo seguente:

«8. BELGIO-LUSSEMBURGO

Articoli 2 e 4 dell'accordo del 27 ottobre 1971 (sicurezza sociale d'oltremare).»

b) Il testo del punto 9 è sostituito dal testo seguente:

«9. BELGIO-PAESI BASSI

Articoli 2 e 4 dell'accordo del 4 febbraio 1969 (attività professionale d'oltremare).»

c) Il testo del punto 11 è sostituito dal testo seguente:

«11. BELGIO-PORTOGALLO

Articoli 1 e 5 della convenzione del 13 gennaio 1965 (sicurezza sociale degli impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi), nella formulazione di cui all'accordo in forma di scambio di lettere in data 18 giugno 1982.»

d) Al punto «35. GERMANIA-AUSTRIA», lettera e), il testo dei punti i) e ii) è sostituito dal testo seguente:

«i) la prestazione sia già stata concessa o possa essere concessa al 1° gennaio 1994;

ii) la persona interessata abbia stabilito la propria residenza in Austria anteriormente al 1° gennaio 1994 e la concessione di pensioni a titolo di un'assicurazione pensioni e infortuni sia iniziata anteriormente al 31 dicembre 1994;

ciò vale anche per i periodi di riscossione di un'altra pensione, compresa una pensione di reversibilità, in sostituzione della prima, allorché i periodi di riscossione si susseguono senza interruzione.»

10) L'allegato III, parte B è modificato come segue:

a) Il testo del punto 8 è sostituito dal testo seguente:

«8. BELGIO-LUSSEMBURGO

Articoli 2 e 4 dell'accordo del 27 ottobre 1971 (sicurezza sociale d'oltremare).»

b) Il testo del punto 9 è sostituito dal testo seguente:

«9. BELGIO-PAESI BASSI

Articoli 2 e 4 dell'accordo del 4 febbraio 1969 (attività professionale d'oltremare).»

c) Il testo del punto 10 è sostituito dal testo seguente:

«10. BELGIO-PORTOGALLO

Articoli 1 e 5 della convenzione del 13 gennaio 1965 (Sicurezza sociale degli impiegati del Congo belga e del Ruanda-Urundi) nella formulazione di cui all'accordo in forma di scambio di lettere in data 18 giugno 1982.»

d) punto «35. GERMANIA-AUSTRIA», lettera e), il testo dei punti i) e ii) è sostituito dal testo seguente:

«i) la prestazione sia già stata concessa o possa essere concessa al 1° gennaio 1994;

ii) la persona interessata abbia stabilito la propria residenza in Austria anteriormente al 1° gennaio 1994 e la concessione di pensioni a titolo di un'assicurazione pensioni e infortuni sia iniziata anteriormente al 31 dicembre 1994;

ciò vale anche per i periodi di riscossione di un'altra pensione, compresa una pensione di reversibilità, in sostituzione della prima, allorché i periodi di riscossione si susseguono senza interruzione.»

11) All'allegato IV, parte A, il testo della rubrica «A. BELGIO» è sostituito dal testo seguente:

«A. BELGIO

a) Le legislazioni relative al regime generale di invalidità, al regime speciale di invalidità dei minatori, al regime speciale della gente di mare della marina mercantile.

b) La legislazione riguardante l'assicurazione contro l'inabilità al lavoro a favore dei lavoratori autonomi.

c) La legislazione concernente l'invalidità nel regime di sicurezza sociale d'oltremare e il regime di invalidità degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi.»

12) All'allegato IV, parte C, il testo della rubrica «O. REGNO UNITO» è sostituito dal testo seguente:

«O. REGNO UNITO

Tutte le domande di pensione di anzianità e di vedova presentate in applicazione delle disposizioni di cui al titolo III capitolo 3 del regolamento, ad eccezione di quelle per le quali:

a) durante un esercizio fiscale con inizio il 6 aprile 1975 o successivo,

i) l'interessato ha maturato periodi di assicurazione, di occupazione o di residenza sotto la legislazione del Regno Unito e di un altro Stato membro; e

ii) uno (o più di uno) degli esercizi fiscali di cui al punto i) non è considerato come un anno di qualifica a norma della legislazione del Regno Unito.

b) I periodi di assicurazione maturati sotto la legislazione vigente nel Regno Unito per i periodi anteriori al 5 luglio 1948 sarebbero presi in considerazione a norma dell'articolo 46, paragrafo 2 del regolamento mediante l'applicazione di periodi di assicurazione, di occupazione o di residenza sotto la legislazione di un altro Stato membro.»

13) All'allegato V la tabella della rubrica «BELGIO» è sostituita dalla tabella seguente:

«BELGIO

>SPAZIO PER TABELLA>

»14) L'allegato VI è modificato come segue:

a) La rubrica «C. GERMANINA» è modificata come segue:

i) Il testo dei paragrafi da 1 a 8 è sostituito dal testo seguente:

«1. L'articolo 10 del regolamento non pregiudica le disposizioni a norma delle quali gli infortuni (e malattie professionali) sopravvenuti fuori del territorio della Repubblica federale di Germania, nonché i periodi maturati fuori da tale territorio, non danno luogo o danno luogo soltanto a determinate condizioni al pagamento di prestazioni, quando i titolari risiedono fuori del territorio della Repubblica federale di Germania.

2. a) Il periodo forfettario di imputazione (pauschale Anrechnungszeit) è determinato esclusivamente in funzione dei periodi tedeschi.

b) Per la presa in considerazione dei periodi tedeschi di pensione per l'assicurazione della pensione dei minatori si applica unicamente la legislazione nazionale tedesca.

c) Per la presa in considerazione dei periodi tedeschi di sostituzione (Ersatzzeiten) si applica unicamente la legislazione nazionale tedesca.

3. Qualora l'applicazione del regolamento o di regolamenti successivi in materia di sicurezza sociale comporti oneri eccezionali per talune istituzioni di assicurazione malattia, tali oneri possono essere totalmente o parzialmente compensati. L'associazione federale delle casse locali generali, in quanto organismo di collegamento (assicurazione malattia), decide in merito a tale compensazione di comune accordo con le altre federazioni centrali di casse malattia. I fondi necessari per effettuare la compensazione sono forniti da tasse imposte a tutte le istituzioni di assicurazione malattia, in proporzione al numero medio dei membri nell'anno precedente esclusi i pensionati.

4. L'articolo 7 del libro VI del codice sociale si applica ai cittadini degli altri Stati membri, nonché agli apolidi e ai rifugiati residenti sul territorio degli altri Stati membri, secondo le seguenti modalità:

Ove le condizioni generali siano soddisfatte, possono essere versati contributi volontari all'assicurazione tedesca per la pensione:

a) qualora l'interessato abbia il suo domicilio o residenza nel territorio della Repubblica federale di Germania;

b) qualora l'interessato abbia il suo domicilio o residenza nel territorio di un altro Stato membro e sia stato precedentemente iscritto, in un qualsiasi momento, ad un'assicurazione tedesca obbligatoria o volontaria per la pensione;

c) qualora l'interessato, cittadino di un altro Stato membro, abbia il suo domicilio o residenza nel territorio di uno Stato terzo, abbia versato contributi per almeno sessanta mesi all'assicurazione tedesca per la pensione o possa essere ammesso all'assicurazione volontaria a norma dell'articolo 232 del libro VI del codice sociale e non sia stato assicurato a titolo obbligatorio o volontario a norma della legislazione di un altro Stato membro.»

ii) Il testo del paragrafo 12 è sostituito dal testo seguente:

«12. I periodi di assicurazione obbligatoria maturati sotto la legislazione di un altro Stato membro, in base ad un regime speciale per artigiani o, in mancanza di ciò, in base ad un regime speciale per lavoratori autonomi o in base al regime generale, sono computati per giustificare il compimento dei diciotto anni di contributi obbligatori richiesti per l'esenzione dall'affiliazione obbligatoria all'assicurazione pensioni degli artigiani autonomi.»

iii) Il testo dei paragrafi 15 e 16 è sostituito dal testo seguente:

«15. Gli insegnanti greci che hanno lo status di funzionario statale e che per aver insegnato nelle scuole tedesche hanno versato contributi al regime obbligatorio tedesco di assicurazione pensioni, nonché al regime speciale greco per funzionari pubblici e che hanno cessato di essere coperti dall'assicurazione obbligatoria tedesca dopo il 31 dicembre 1978, possono, su domanda, essere rimborsati dei contributi obbligatori versati a norma dell'articolo 210 del libro VI del codice sociale. Le domande di rimborso di contributi vanno presentate nel corso dell'anno successivo alla data di entrata in vigore della presente disposizione. L'interassato può del pari far valere il suo diritto entro sei mesi civili a decorrere dalla data in cui ha cessato di essere soggetto all'assicurazione obbligatoria.

L'articolo 210, paragrafo 6, del libro VI del codice sociale si applica soltanto per quanto riguarda i periodi durante i quali i contributi obbligatori al regime di assicurazione pensioni sono stati versati in aggiunta ai contributi al regime speciale greco per funzionari pubblici e per quanto riguarda i periodi di imputazione immediatamente successive ai periodi durante i quali tali contributi obbligatori sono stati versati.»

iv) Dopo il paragrafo 19 è inserito il testo seguente:

«20. Nel caso in cui si applichino le disposizioni del diritto tedesco sulle pensioni in vigore al 31 dicembre 1991, si applicano del pari le disposizioni dell'allegato VI nella loro versione in vigore al 31 dicembre 1991.»

b) Il testo della rubrica «L. PORTOGALLO» è sostituito dal testo seguente:

«L. PORTOGALLO

I funzionari pubblici in attività o in pensione, nonché i loro familiari, coperti da un regime speciale in materia di cure sanitarie, possono beneficiare delle prestazione in natura di malattia e di maternità in caso di necessità immediata nel corso di un soggiorno sul territorio di un altro Stato membro o allorché vi si recano per ricevere le cure appropriate in relazione al loro stato di salute, previa autorizzazione dell'istituzione competente portoghese, secondo le modalità di cui all'articolo 22, paragrafo 1, lettere a) e c), paragrafo 2, seconda frase e paragrafo 3 nonché all'articolo 31, lettera a) del regolamento (CEE) n. 1408/71, alle stesse condizioni dei lavoratori subordinati e autonomi coperti dal regime generale di sicurezza sociale.»

15) All'allegato VII il testo del punto 1 è sostituito dal testo seguente:

«1. Esercizio di un'attività autonoma in Belgio e di un'attività subordinata in un altro Stato membro.»

Articolo 2

Il regolamento (CEE) n. 574/72 è modificato come segue:

1) Dopo l'articolo 19 è inserito il testo seguente:

«Applicazione dell'articolo 21, paragrafo 2, secondo comma del regolamento

Articolo 19 bis

Prestazioni in natura in caso di soggiorno nello Stato competente - Familiari aventi la residenza in uno Stato membro diverso da quello in cui risiede il lavoratore subordinato o autonomo

1. Per beneficiare delle prestazioni in natura a norma dell'articolo 21 del regolamento, i familiari sono tenuti a presentare all'istituzione del luogo di soggiorno un attestato da cui risulti che essi hanno diritto a tali prestazioni. Tale attestato, che viene rilasciato all'istituzione del luogo di residenza dei familiari, se possibile prima che questi lascino il territorio dello Stato membro in cui risiedono, indica segnatamente, se del caso, la durata massima di erogazione delle prestazioni in natura, così come è previsto dalla legislazione di tale Stato membro. In caso di mancata presentazione di tale attestato da parte dei familiari, l'istituzione del luogo di soggiorno si rivolge all'istituzione del luogo di residenza per ottenerlo.

2. Si applicano per analogia le disposizioni dell'articolo 17, paragrafi 6, 7 e 9 del regolamento di applicazione. In tale caso, l'istituzione del luogo di residenza dei membri della famiglia viene considerata come l'istituzione competente.»

2) All'allegato 1, rubrica «K. AUSTRIA», il testo del punto 2 è sostituito dal testo seguente:

«2. Bundesminister fuer Jugend und Familie (Ministro federale della gioventù e della famiglia), Wien.»

3) L'allegato 2 è modificato come segue:

a) La rubrica «A. BELGIO» è modificata come segue:

i) Al punto 1 a) ii) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «onder belgische vlag» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguente:

«iii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iv) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

ii) Al punto 1 b) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «onder belgische vlag» «naviganti sotto bandiera belga».

iii) Al punto 2 c) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «onder belgische vlag» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguento:

«d) invalidità delle persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

e) invalidità degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

iv) Il testo del punto 3 è sostituito dal testo seguente:

«3. Vecchiaia-Morte (pensioni)

a) regime generale (operai, impiegati, minatori e marittimi):

Office national des pensions / Rijksdienst voor pensioenen (Ufficio nazionale delle pensioni), Bruxelles

b) regime dei lavoratori autonomi:

Institut national d'assurances sociales pour travailleurs indépendants / Rijksinstituut voor de sociale verzekeringen der zelfstandigen (Istituto nazionale di assicurazioni sociali per lavoratori autonomi), Bruxelles

c) regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

d) regime degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

v) Al punto 4 è aggiunto il testo seguente:

«e) regime degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

vi) Il testo del punto 5 è sostituito dal testo seguente:

«5. Malattie professionali

a) in linea generale:

Fonds des maladies professionelles / Fonds voor beroepsziekten (Fondo per le malattie professionali), Bruxelles

b) regime degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

vii) Al punto 6 a) ii) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «onder belgische vlag» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguente:

«iii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iv) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

viii) Al punto 6 b) è aggiunto il testo seguente:

«iii) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

ix) Il testo del punto 6 c) è sostituito dal testo seguente:

«c) Malattie professionali

i) in linea generale:

Fonds des accidents du travail / Fonds voor arbeidsongevallen (Fondo per le malattie professionali), Bruxelles

ii) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

x) Il testo del punto 8 è sostituito dal testo seguente:

8. Prestazioni familiari

«a) regime dei lavoratori subordinati:

Office national des allocations familiales pour travailleurs salariés / Rijksdienst voor werknemers (Ufficio nazionale degli assegni familiari per lavoratori subordinati), Bruxelles

b) regime dei lavoratori autonomi:

Institut national d'assurances sociales pour travailleurs indépendants / Rijksinstituut voor de sociale verzekeringen der zelfstandigen (Istituto nazionale di assicurazioni sociali per lavoratori autonomi), Bruxelles

c) regime degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer / Dienst voor overzeese sociale zekerheid (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

b) Il testo della rubrica «K. AUSTRIA» è modificato come segue:

i) la disposizione di cui al punto 2 è preceduta dalla lettera a) ed è aggiunto il seguente testo:

«b) per l'applicazione dell'articolo 45, paragrafo 6 del regolamento, se non è stato maturato nessun periodo contributivo sotto la legislazione austriaca:

Pensionsversicherungsanstalt der Angestellten (Istituto di assicurazione pensione per i lavoratori subordinati), Wien»;

ii) al punto 3 a) e b) al punto 4 b) i termini «Arbeitsamt (Ufficio di collocamento)» sono sostituiti dai termini «Regionale Geschaeftsstelle des Arbeitsmarktservice (Ufficio locale del servizio del mercato del lavoro)».

4. L'allegato 3 è modificato come segue:

a) La rubrica «A. BELGIO» è modificata come segue:

i) Il testo del punto I 1 a) è sostituito dal testo seguente:

«a) Per l'applicazione degli articoli 17, 18, 22, 25, 28, 29, 30 e 32 del regolamento di applicazione:

i) in generale:

gli organismi assicuratori

ii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iii) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

ii) Al punto I 1 b) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguente:

«iii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iv) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

iii) Al punto I 2 c) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguente:

«d) invalidità delle persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

e) invalidità degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

iv) Il testo del punto I 3 è sostituito dal testo seguente:

«3. Vecchiaia, morte (pensioni)

a) regime generale (operai, impiegati, minatori e marittimi):

Office national des pensions (Ufficio nazionale delle pensioni), Bruxelles

b) regime dei lavoratori autonomi:

Institut national d'assurances sociales pour travailleurs indépendants (Istituto nazionale di assicurazioni sociali per lavoratori autonomi), Bruxelles

c) regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

d) regime degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

v) Al punto I 4, dopo i termini «gli organismi assicuratori», è aggiunta una nuova riga con i termini «Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

vi) Al punto I 5, dopo i termini «Fonds des maladies professionelles, Bruxelles (Fondo per le malattie professionali, Bruxelles)» è aggiunta una nuova riga con i termini «Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

vii) Il testo del punto I 6 è sostituito dal testo seguente:

«6. Assegni in caso di morte

i) in generale:

gli organismi assicuratori, unitamente all'Institut national d'assurance maladie-invalidité (Istituto nazionale di assicurazione malattia-invalidità), Bruxelles

ii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iii) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

viii) Il testo del punto I 8 è sostituito dal testo seguente:

«8. Prestazioni familiari

a) Lavoratori subordinati:

Office national des allocations familiales pour travailleurs salariés (Ufficio nazionale degli assegni familiari per lavoratori subordianti), Bruxelles

b) Lavoratori autonomi:

Institut national d'assurances sociale pour travailleurs indépendants (Istituto nazionale di assicurazioni sociali per lavoratori autonomi), Bruxelles

c) Ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

ix) Il testo del punto II è sostituito dal testo seguente:

«II. ISTITUZIONI DEL LUOGO DI DIMORA

1. Malattia, maternità:

Institut national d'assurance maladie-invalidité (Istituto nazionale di assicurazione malattia-invalidità), Bruxelles, tramite gli organismi assicuratori;

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale, d'oltremare), Bruxelles.

2. Infortuni sul lavoro:

Institut national d'assurance maladie-invalidité (Istituto nazionale di assicurazione malattia-invalidità), Bruxelles, tramite gli organismi assicuratori:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

3. Malattie professionali:

Fonds des maladies professionelles (Fondo per le malattie professionali), Bruxelles

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

b) Alla rubrica «K. AUSTRIA», punti 4 e 5 b), i termini «Arbeitsamt (Ufficio di collocamento)» sono sostituiti dai termini «Regionale Geschaeftsstelle des Arbeitsmarktservice (Ufficio locale del servizio del mercato del lavoro)».

5) L'allegato 4 è modificato come segue:

a) La rubrica punto « A. BELGIO» è modificata come segue:

i) Al punto 1 b) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguente:

«c) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

d) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

ii) Al punto 2 c) i termini sono soppressi «naviguant sous pavillon belge» «naviganti sotto bandiera belga» ed aggiunto il testo seguente:

«d) invalidità delle persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

e) invalidità degli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

iii) Il testo del punto 3 è sostituito dal testo seguente:

«3. Vecchiaia, morte (pensioni)

a) per l'applicazione degli articoli 41, 42 e 43 e da 45 a 50 del regolamento d'applicazione:

i) per operai, impiegati, minatori e marittimi:

Office national des pensions (Ufficio nazionale delle pensioni), Bruxelles

ii) per i lavoratori autonomi:

Institut national d'assurances sociales pour travailleurs indépendants (Istituto nazionale di assicurazioni socali per lavoratori autonomi), Bruxelles

iii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iv) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

b) per l'applicazione dell'articolo 45 (istituzione di pagamento), dell'articolo 53, paragrafo 1, dell'articolo 110 e dell'articolo 111, paragrafi 1 e 2, del regolamento d'applicazione:

i) per operai, impiegati, minatori e matitimi e lavoratori autonomi:

Office national des pensions (Ufficio nazionale delle pensioni), Bruxelles

ii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iii) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

iv) Al punto 4 a), dopo i termini «Fonds des accidents du travail (Fondo per gli infortuni sul lavoro), Bruxelles» è aggiunta una nuova riga con i termini «Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

v) Al punto 4 b), dopo i termini «Ministère de la prévoyance sociale (Ministero della previdenza sociale), Bruxelles», è aggiunta una nuova riga con i termini «Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

vi) Al punto 5 b) sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «naviganti sotto bandiera belga» ed è aggiunto il testo seguente:

«c) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

d) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

vii) Il testo del punto 7 è sostituito dal testo seguente:

«7. Prestazioni familiari

a) per i lavoratori subordinati:

Office national des allocations familiales pour travailleurs salariés (Ufficio nazionale degli assegni familiari per lavoratori subordinati), Bruxelles

b) per i lavoratori autonomi:

Institut national d'assurances sociales pour travailleurs indépendants (Istituto nazionale di assicurazioni sociali per lavoratori autonomi), Bruxelles

c) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

b) La rubrica «K. AUSTRIA» è modificata come segue:

i) al punto 2 a) i termini «Landesarbeitsamt Salzburg (Ufficio di collocamento del Land di Salisburgo), Salzburg» sono sostituiti dai termini «Landesgeschaeftsstelle Salzburg des Arbeitsmarktservice (Ufficio regionale di Salisburgo del servizio del mercato del lavoro), Salzburg»;

ii) al punto 2 b), i termini «Landesarbeitsamt Wien (Ufficio di collocamento del Land di Vienna), Wien» sono sostituiti dai termini «Landesgeschaeftsstelle Wien des Arbeitsmarktservice (Ufficio regionale di Vienna del servizio del mercato del lavoro), Wien»;

iii) al punto 3 a) i termini «Bundesministerium fuer Umwelt, Jugend und Familie (Ministero federale dell'ambiente, della gioventù e della famiglia)» sono sostituiti dai termini «Bundesministerium fuer Jugend und Familie (Ministero federale della gioventù e della famiglia)»;

iv) il testo del punto 3 b) è sostituito dal testo seguente:

«b) Karenzurlaubsgeld (assegno speciale di maternità):

i) relazioni con la Germania:

Landesgeschaeftsstelle Salzburg des Arbeitsmarktservice (Ufficio regionale di Salisburgo del servizio del mercato del lavoro), Salzburg

ii) in tutti gli altri casi:

Landesgeschaeftsstelle Wien des Arbeitsmarktservice (Ufficio regionale di Vienna del servizio del mercato del lavoro), Wien».

6) L'allegato 5 è modificato come segue:

a) al punto «4. BELGIO-FRANCIA», è aggiunto il punto seguente:

«i) Lo scambio di lettere del 21 novembre 1994 e dell'8 febbraio 1995 riguardante le modalità di compensazione dei crediti reciproci a norma degli articoli 93, 94, 95 e 96 del regolamento di applicazione».

b) Al punto «8. BELGIO-LUSSEMBURGO» le lettere a), b) e f) sono soppresse.

c) Al punto «23. DANIMARCA-AUSTRIA» il termine «nulla» è sostituito dal testo seguente:

«Accordo del 13 febbraio 1995 riguardante il rimborso delle spese nel settore della sicurezza sociale.»

d) Al punto «53. FRANCIA-ITALIA», è aggiunta la seguente lettera:

«c) Lo scambio di lettere complementare del 22 marzo e del 15 aprile 1994 sulle modalità di compensazione dei crediti reciproci a norma degli articoli 93, 94, 95 e 96 del regolamento di applicazione.»

e) Al punto «82. ITALIA-REGNO UNITO», il termine «nulla» è sostituito dal testo seguente:

«Lo scambio di lettere del 1° febbraio e del 16 febbraio 1995 riguardanti l'articolo 36, paragrafo 3 e l'articolo 63, paragrafo 3 del regolamento (rimborso o rinuncia al rimborso delle spese per prestazioni in natura) e l'articolo 105, paragrafo 2 del regolamento di applicazione (rinuncia al rimborso delle spese di controllo amministrativo e medico).»

f) Al punto «84. LUSSEMBURGO-AUSTRIA» il termine «nulla» è sostituito dal testo seguente:

«Accordo del 22 giugno 1995 riguardante il rimborso delle spese nel settore della sicurezza sociale.»

g) Al punto «95. AUSTRIA-FINLANDIA» il termine «nulla» è sostituito dal testo seguente:

«Accordo del 23 giugno 1994 riguardante il rimborso delle spese nel settore della sicurezza sociale.»

h) Al punto «97. AUSTRIA-REGNO UNITO», è aggiunta la lettera seguente:

«c) Accordo del 30 novembre 1994 riguardante il rimborso delle spese per le prestazioni di sicurezza sociale».

7) L'allegato 10 è modificato come segue:

a) La rubrica punto «A. BELGIO» è modificata come segue:

i) Al punto 2 sono soppressi i termini «naviguant sous pavillon belge» «naviganti sotto bandiera belga».

ii) Il testo del punto 6 a) è sostituito dal testo seguente:

«a) Malattia, maternità e infortuni sul lavoro:

i) in generale:

Institut national d'assurance maladie-invalidité (Istituto nazionale di assicurazione malattia-invalidità), Bruxelles

ii) per le persone soggette al regime di sicurezza sociale d'oltremare:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles

iii) per gli ex impiegati del Congo Belga e del Ruanda-Urundi:

Office de sécurité sociale d'outre-mer (Ufficio di sicurezza sociale d'oltremare), Bruxelles».

b) Alla rubrica «J. PAESI BASSI», al punto 1, i termini «Sociale verzekeringsraad (Consiglio delle assicurazioni sociali), Zoetermeer» sono sostituiti dai termini «Sociale Verzekzringsbank (Banca assicurazioni sociali), Amstelveen»;

c) La rubrica «K. AUSTRIA» è modificata come segue:

i) Il punto 1 è soppresso.

ii) Al punto 2 i termini «Bundesminister fuer Umwelt, Jugend und Familie (Ministro federale dell'ambiente, della gioventù e della famiglia)» sono sostituiti dai termini «Bundesminister fuer Jugend und Familie (Ministro federale della gioventù e della famiglia)».

iii) Dopo il punto 2 è inserito il punto seguente:

«3. Per l'applicazione dell'articolo 14 quinquies, paragrafo 3 del regolamento istituzione competente».

iv) Ai punti 5 e 6 i termini «Arbeitsamt (Ufficio di collocamento)» sono sostituiti dai termini «Regionale Geschaeftsstelle des Arbeitsmarktservice (Ufficio regionale del servizio del mercato del lavoro)».

v) Al punto 7 b) i termini «Landesarbeitsamt Wien (Ufficio di collocamento del Land di Vienna)» sono sostituiti dai termini «Landesgeschaeftsstelle Wien des Arbeitsmarktservice (Ufficio regionale di Vienna del servizio del mercato del lavoro)».

Articolo 3

Il presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo a quello della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

Per quanto riguarda le prestazioni di vecchiaia e le prestazioni di reversibilità, l'articolo 1, paragrafo 5 si applica a decorrere dal 1° giugno 1992.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stato membro.

Fatto a Bruxelles, addì 22 dicembre 1995.

Per il Consiglio

Il Presidente

L. ATIENZA SERNA

(1) GU n. C 260 del 5. 10. 1995, pag. 13.

(2) GU n. C 339 del 18. 12. 1995.

(3) Parere espresso il 23 novembre 1995 (non ancora pubblicato nella Gazzetta ufficiale).

(4) GU n. L 149 del 5. 7. 1971, pag. 2. Regolamento modificato da ultimo dall'atto di adesione del 1994.

(5) GU n. L 74 del 27. 3. 1972, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dall'atto di adesione del 1994.

Top