Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32014R0245

Regolamento (UE) n. 245/2014 della Commissione, del 13 marzo 2014 , che modifica il regolamento (UE) n. 1178/2011 della Commissione, del 3 novembre 2011 , che stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative relativamente agli equipaggi dell'aviazione civile Testo rilevante ai fini del SEE

OJ L 74, 14.3.2014, p. 33–57 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/reg/2014/245/oj

14.3.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 74/33


REGOLAMENTO (UE) N. 245/2014 DELLA COMMISSIONE

del 13 marzo 2014

che modifica il regolamento (UE) n. 1178/2011 della Commissione, del 3 novembre 2011, che stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative relativamente agli equipaggi dell'aviazione civile

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 216/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 febbraio 2008, recante regole comuni nel settore dell'aviazione civile e che istituisce un'Agenzia europea per la sicurezza aerea e che abroga la direttiva 91/670/CEE, il regolamento (CE) n. 1592/2002 e la direttiva 2004/36/CE (1), in particolare l'articolo 7, paragrafo 5 e l'articolo 7, paragrafo 6,

considerando quanto segue:

(1)

il regolamento (UE) n. 1178/2011 della Commissione (2) stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative relativamente agli equipaggi dell'aviazione civile.

(2)

Alcuni Stati membri hanno constatato che taluni requisiti del regolamento (UE) n. 1178/2011 impongono oneri economici e amministrativi ingiustificati e sproporzionati agli stessi Stati membri o ai soggetti interessati e hanno chiesto di poter derogare a determinati requisiti in conformità all'articolo 14, paragrafo 6, del regolamento (CE) n. 216/2008.

(3)

Le deroghe richieste sono state analizzate dall'Agenzia europea per la sicurezza aerea che, a sua volta, ha indirizzato una raccomandazione alla Commissione invitandola ad adottare determinate deroghe.

(4)

Inoltre, gli Stati membri hanno rilevato nel regolamento (UE) n. 1178/2011 una serie di errori di natura redazionale che hanno determinato difficoltà di attuazione impreviste.

(5)

Pertanto, è necessario modificare i requisiti attuali al fine di introdurre le deroghe con un chiaro effetto normativo e di correggere gli errori redazionali.

(6)

Inoltre, il regolamento (UE) n. 1178/2011 della Commissione presenta nell'allegato I (parte FCL) requisiti relativi ad addestramento e controlli per quanto riguarda l'abilitazione al volo strumentale (IR). I requisiti relativi all'abilitazione per il volo strumentale, per i quali è emersa la necessità di una revisione, erano basati sui precedenti requisiti JAR-FCL.

(7)

È pertanto necessario introdurre requisiti aggiuntivi per la qualifica a operare in condizioni meteorologiche di volo strumentale e requisiti specifici per le operazioni di cloud flying con alianti.

(8)

Al fine di garantire che l'addestramento o l'esperienza maturati prima dell'applicazione del presente regolamento siano riconosciuti ai fini dell'ottenimento delle abilitazioni citate, è necessario definire le condizioni per l'accreditamento dell'addestramento e dell'esperienza maturata nel volo strumentale.

(9)

È necessario che gli Stati membri possano riconoscere l'esperienza di volo strumentale maturata dai detentori di un'abilitazione rilasciata da un paese terzo purché possa essere garantito un livello di sicurezza equivalente a quello specificato dal regolamento (CE) n. 216/2008. È necessario inoltre stabilire anche le condizioni per il riconoscimento dell'esperienza maturata.

(10)

Al fine di garantire una transizione lineare e un elevato grado di uniformità nel campo della sicurezza dell'aviazione civile nell'Unione europea, è opportuno che le misure attuative riflettano lo stato dell'arte, tenendo conto delle migliori pratiche e dei progressi tecnici e scientifici compiuti nel settore dell'addestramento dei piloti. Di conseguenza è opportuno prendere in considerazione e incorporare nella presente serie di norme i requisiti tecnici e le procedure amministrative definiti dall'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (ICAO) e i requisiti già sviluppati nell'allegato I (parte FCL) del regolamento (UE) n. 1178/2011, come pure le legislazioni nazionali esistenti che fanno riferimento a uno specifico contesto nazionale, tenendo conto delle esigenze specifiche dei piloti di aviazione generale in Europa.

(11)

L'Agenzia ha elaborato proposte di norme attuative e le ha presentate, a titolo di parere, alla Commissione a norma dell'articolo 19, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 216/2008.

(12)

È opportuno che gli Stati membri, che hanno definito un sistema nazionale per autorizzare i piloti a operare in condizioni meteorologiche di volo strumentale (IMC) con privilegi limitati e ristretti al loro spazio aereo nazionale e che sono in grado di dimostrare che il sistema è sicuro ed è dettato da una specifica esigenza locale, siano autorizzati a continuare a rilasciare tali autorizzazioni per un periodo limitato e subordinatamente al soddisfacimento di determinate condizioni.

(13)

Il regolamento (UE) n. 965/2012 della Commissione (3) consente di effettuare taluni voli, quali i voli introduttivi e i voli in condivisione dei costi, in conformità a norme applicabili alle operazioni non commerciali di aeromobili non complessi. È pertanto necessario garantire che i privilegi dei piloti di cui al regolamento (UE) n. 1178/2011 siano coerenti con questo approccio.

(14)

È pertanto opportuno consentire che i voli delle categorie citate identificati nel regolamento (UE) n. 965/2012 siano operati da piloti detentori di licenze del tipo PPL, SPL, BPL o LAPL.

(15)

Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea istituito dall'articolo 65 del regolamento (CE) n. 216/2008.

(16)

Occorre pertanto modificare opportunamente il regolamento (UE) n. 1178/2011,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Il regolamento (UE) n. 1178/2011 è modificato come segue:

1)

L'articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

Rilascio di licenza di pilota e del certificato medico

1.   Fatto salvo l'articolo 8 del presente regolamento, i piloti degli aeromobili di cui all'articolo 4, paragrafo 1, lettere b) e c), e all'articolo 4, paragrafo 5, del regolamento (CE) n. 216/2008, devono conformarsi ai requisiti tecnici e alle procedure amministrative di cui agli allegati I e IV del presente regolamento.

2.   Fatti salvi i privilegi dei detentori delle licenze di cui all'allegato I del presente regolamento, i detentori di licenze di pilota rilasciate in conformità alle sottoparti B e C dell'allegato I del presente regolamento possono effettuare i voli di cui all'articolo 6, paragrafo 4, lettera a), del regolamento (UE) n. 965/2012 e ciò senza pregiudicare la conformità a eventuali requisiti aggiuntivi relativi al trasporto di passeggeri o allo sviluppo delle operazioni commerciali di cui alle sottoparti B o C dell'allegato I del presente regolamento.»

2)

All'articolo 4 è aggiunto il seguente paragrafo 8:

«8.   Fino all'8 aprile 2019 uno Stato membro può rilasciare ai piloti un'autorizzazione per esercitare specifici privilegi limitati per pilotare aeromobili secondo le regole del volo strumentale prima che essi abbiano soddisfatto tutti i requisiti necessari per il rilascio di un'abilitazione al volo strumentale in conformità al presente regolamento, subordinatamente alle seguenti condizioni:

a)

lo Stato membro rilascia le predette autorizzazioni soltanto se ciò è giustificato da necessità locali specifiche che non possono essere soddisfatte con le abilitazioni di cui al presente regolamento;

b)

la portata dei privilegi garantiti dall'autorizzazione sono basati su una valutazione del rischio per la sicurezza effettuata dallo Stato membro, tenendo conto della formazione necessaria per il livello previsto di competenza che il pilota deve acquisire;

c)

i privilegi dell'autorizzazione sono limitati allo spazio aereo del territorio nazionale dello Stato membro o a parti dello stesso;

d)

l'autorizzazione è rilasciata a richiedenti che hanno completato una formazione adeguata con istruttori qualificati e hanno dimostrato le competenze richieste a un esaminatore qualificato, come stabilito dallo Stato membro;

e)

gli Stati membri comunicano alla Commissione, all'AESA e agli altri Stati membri le caratteristiche specifiche dell'autorizzazione, nonché la giustificazione della stessa e la valutazione del rischio;

f)

gli Stati membri attuano un monitoraggio delle attività connesse con l'autorizzazione per assicurare un livello accettabile di sicurezza e adottano le misure adeguate qualora individuino un aumento dei rischi o qualsiasi timore per la sicurezza;

g)

gli Stati membri effettuano un riesame degli aspetti di sicurezza connessi con l'applicazione dell'autorizzazione in parola e presentano una relazione alla Commissione entro l'8 aprile 2017.»

3)

All'articolo 12, il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   In deroga al paragrafo 1, fino all'8 aprile 2015 gli Stati membri possono decidere di non applicare le disposizioni del regolamento a piloti che detengono una licenza, e il relativo certificato medico, rilasciati da un paese terzo responsabile dell'utilizzo non commerciale di un aeromobile specificato all'articolo 4, paragrafo 1, lettera b) o c), del regolamento (CE) n. 216/2008.»

4)

Gli allegati I, II, III e VI sono modificati in conformità agli allegati del presente regolamento.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 13 marzo 2014

Per la Commissione

Il presidente

José Manuel BARROSO


(1)  GU L 143 del 30.4.2004, pag. 76.

(2)  GU L 311 del 25.11.2011, pag. 1.

(3)  Regolamento (UE) n. 965/2012 della Commissione, del 5 ottobre 2012, che stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative per quanto riguarda le operazioni di volo ai sensi del regolamento (CE) n. 216/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 296 del 25.10.2012, pag. 1).


ALLEGATO I

L'allegato I (parte FCL) al regolamento (UE) n. 1178/2011 è modificato come segue:

1)

Il titolo della norma FCL.015 è sostituito dal seguente:

«FCL.015 Richiesta e rilascio, rinnovo e ripristino di licenze, abilitazioni e certificati»

2)

La norma FCL.020 è sostituita dalla seguente:

«FCL.020 Allievo pilota

a)

Un allievo pilota non deve volare come solista a meno che non venga autorizzato e supervisionato da un istruttore di volo.

b)

Per poter effettuare il suo primo volo da solista, l'allievo pilota deve aver compiuto almeno:

1)

per velivoli, elicotteri e dirigibili: 16 anni d'età;

2)

per alianti e palloni liberi: 14 anni d'età.»

3)

La norma FCL.025 è modificata come segue:

a)

il titolo è sostituito dal seguente:

«FCL.025 Esami teorici per il rilascio di licenze e abilitazioni»

b)

alla lettera a), i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1)

I richiedenti si sottopongono all'intera serie di esami di conoscenza teorica per una licenza o un'abilitazione specifica sotto la responsabilità di uno Stato membro.

2)

I richiedenti si sottopongono a un esame di conoscenza teorica solo quando raccomandati da un'organizzazione di addestramento autorizzata (ATO), la quale è responsabile per il loro addestramento, e dopo avere completato a un livello soddisfacente tutti gli elementi previsti del corso di addestramento in materia di conoscenza teorica.»

c)

la lettera b) è così modificata:

i)

il paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

«1)

La sufficienza in un esame di conoscenza teorica viene ottenuta dal richiedente con il raggiungimento di almeno il 75 % dei punti assegnati all'esame. Non viene utilizzato un sistema di punteggio negativo.»

ii)

il paragrafo 3 e il secondo comma della lettera b) sono sostituiti dai seguenti

«3)

Qualora un richiedente non abbia superato uno degli esami di conoscenza teorica in 4 tentativi o non abbia superato tutti gli esami nelle 6 sedute previste o nel periodo di cui al paragrafo 2, il richiedente deve sottoporsi di nuovo a tutti gli esami.

Prima di ripetere gli esami di conoscenza teorica, il richiedente deve sottoporsi a ulteriore addestramento presso un'ATO. L'entità dell'addestramento necessario viene determinata dall'ATO, sulla base delle necessità del richiedente.»

d)

alla lettera c), il paragrafo 1, punto ii) è sostituito dal seguente:

«(ii)

per il rilascio di una licenza di pilota commerciale, l'abilitazione al volo strumentale (IR)o l'abilitazione al volo strumentale in rotta (EIR), per un periodo di 36 mesi;»

4)

La norma FCL.035 è modificata come segue:

a)

la lettera a) è modificata come segue:

i)

il paragrafo 1, e la prima frase del paragrafo 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1)

Salvo diversamente specificato in questa parte, il tempo di volo, affinché possa essere accreditato ai fini del rilascio di una licenza, abilitazione o certificato, deve essere stato eseguito nella stessa categoria di aeromobili per la quale si richiede il rilascio della licenza, dell'abilitazione o del certificato.

2)

Tempo di volo come pilota in comando o di istruzione.»

ii)

il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

Tempo di volo come copilota o PICUS. Salvo diversamente specificato in questa parte, il titolare di una licenza di pilota, quando opera nella funzione di copilota o copilota sotto supervisione (PICUS), ha il diritto di farsi accreditare tutto il tempo di volo svolto come copilota ai fini del tempo di volo totale richiesto per il rilascio di una licenza di pilota di livello più alto.»

b)

la lettera b) è così modificata:

i)

il paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

«1)

Al richiedente che abbia superato l'esame teorico per una licenza di pilota di linea sono accreditati i requisiti in materia di conoscenza teorica per la licenza di pilota di aeromobili leggeri, la licenza di pilota privato, la licenza di pilota commerciale e, eccetto nel caso di elicotteri, le abilitazioni IR e EIR nella stessa categoria di aeromobili.»

ii)

è aggiunto il seguente paragrafo 5:

«5)

In deroga alla lettera b), paragrafo 3, al titolare di un'abilitazione IR(A) che abbia completato un corso modulare IR(A) basato sulla competenza, o al titolare di un'abilitazione EIR, sono accreditati in pieno i requisiti per l'istruzione teorica e l'esame per l'abilitazione IR per un'altra categoria di aeromobili soltanto se ha superato anche l'istruzione teorica e l'esame per l'abilitazione per la parte IFR del corso previsto alla norma FCL.720.A., lettera b), paragrafo 2, punto i).»

5)

La norma FCL.055 è modificata come segue:

a)

la parte introduttiva della lettera d) è sostituita dalla seguente:

«(d)

Requisiti specifici per i titolari di un'abilitazione al volo strumentale (IR) o di un abilitazione al volo strumentale in rotta (EIR). Fatto salvo quanto esposto nei paragrafi di cui sopra, i titolari di un'abilitazione al volo strumentale o di un abilitazione al volo strumentale in rotta devono aver dimostrato la capacità di utilizzare la lingua inglese a un livello che permetta loro di:»

b)

la lettera e) è sostituita dalla seguente:

«e)

La competenza linguistica e l'utilizzo della lingua inglese per i titolari di abilitazioni al volo strumentale (IR) o di un abilitazione al volo strumentale in rotta (EIR) vengono dimostrati mediante un metodo di valutazione stabilito dall'autorità competente.»

6)

Alla norma FCL.060, lettera b), il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

come copilota di rinforzo in crociera, a meno che:

i)

non soddisfi i requisiti di cui alla lettera b), paragrafo 1; o

ii)

non abbia completato nei 90 giorni precedenti almeno 3 tratte come pilota di rinforzo in crociera sullo stesso tipo o classe di aeromobile; o

iii)

non abbia effettuato su un FFS, a intervalli non superiori a 90 giorni, un addestramento volto ad aggiornare e mantenere l'abilità di pilotaggio. Tale addestramento di aggiornamento può essere combinato con l'addestramento di aggiornamento dell'operatore di cui ai pertinenti requisiti della parte ORO.»

7)

Alla norma FCL.105.A, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

I titolari di una licenza LAPL(A) possono trasportare passeggeri solo se hanno completato 10 ore di tempo di volo come piloti in comando su aeromobili o TMG dopo il rilascio della licenza.»

8)

Alla norma FCL.105.S, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

I titolari di una licenza LAPL(S) possono trasportare passeggeri solo se hanno completato 10 ore di tempo di volo o 30 lanci come pilota in comando su alianti o alianti a motore dopo il rilascio della licenza.»

9)

La norma FCL.105.B è sostituita dalla seguente:

«FCL.105.B LAPL(B) — Privilegi

I privilegi dei titolari di una licenza LAPL per palloni liberi consistono nell'operare come pilota in comando su palloni ad aria calda o dirigibili ad aria calda con una capienza massima dell'involucro di 3 400 m3 o palloni a gas con una capienza massima dell'involucro di 1 260 m3, trasportando un numero massimo di 3 passeggeri, in modo che non ci siano mai più di 4 persone a bordo dell'aeromobile.»

10)

Alla norma FCL.110.B, il titolo è sostituito dal seguente:

11)

Alla lettera c) della norma FCL.235, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

Il non superamento di una elemento di una sezione comporta il non superamento di tutta la sezione. Qualora il richiedente non superi una sezione soltanto, può ripetere quella sezione. Il non superamento di più di una sezione comporta invece il non superamento di tutto il test.»

12)

Alla lettera b) della norma FCL.205.A, il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

l'addestramento, le prove e i controlli per le abilitazioni o i certificati connessi con questa licenza.»

13)

Alla lettera b) della norma FCL.205.H, il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

l'addestramento, le prove e i controlli perle abilitazioni e i certificati connessi con questa licenza.»

14)

Alla lettera b) della norma FCL.205.As, il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

l'addestramento, le prove e i controlli per le abilitazioni o i certificati connessi con questa licenza.»

15)

Alla norma FCL.205.S, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

In deroga alla lettera b), paragrafo 2, il titolare di una SPL con privilegi di istruttore o esaminatore può essere retribuito per:

1)

impartire istruzione di volo per la LAPL(S) o la SPL;

2)

condurre test di abilitazione e controlli di professionalità per dette licenze;

3)

l'addestramento, le prove e i controlli per le abilitazioni o i certificati connessi con queste licenze.»

16)

La norma FCL.205.B è modificata come segue:

a)

la lettera a) è sostituita dalla seguente:

«a)

I privilegi di un titolare di una BPL consistono nell'operare come pilota in comando su palloni liberi.»

b)

alla lettera c), il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

l'addestramento, le prove e i controlli per le abilitazioni o i certificati connessi con queste licenze.»

17)

Alla lettera a) della norma FCL.230.B, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

Un (1) volo di addestramento con un istruttore in un pallone libero nella classe appropriata e nel gruppo più grande per il quale hanno privilegi;»

18)

Alla lettera c) della norma FCL.510.A, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

I titolari di una licenza di ingegnere di bordo rilasciata conformemente alle norme nazionali applicabili ricevono crediti pari al 50% del tempo di volo effettuato come ingegnere di bordo fino a un massimo di 250 ore. Queste 250 ore possono essere accreditate al fine di soddisfare il requisito di 1 500 ore di cui alla lettera b), e il requisito di 500 ore di cui alla lettera b), paragrafo 1, sempre che il credito totale riconosciuto a norma di ciascuno di tali punti non ecceda le 250 ore.»

19)

La norma FCL.600 è sostituita dalla seguente:

«FCL.600 IR — Generalità

Salvo quanto previsto alla norma FCL.825, le operazioni in condizioni IFR con un velivolo, elicottero, dirigibile o convertiplano possono essere condotte dai titolari di una licenza PPL, CPL, MPL e ATPL con una IR adeguata alla categoria di aeromobili o quando stanno effettuando un test di abilitazione o addestramento a doppio comando.»

20)

La norma FCL.610 è modificata come segue:

a)

alla lettera a), il paragrafo 1, punto i) è sostituito dal seguente:

«i)

dei privilegi per effettuare voli notturni conformemente alla norma FCL.810, se i privilegi IR vengono utilizzati di notte; oppure»

b)

la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

aver completato almeno 50 ore di volo di navigazione come pilota in comando su velivoli, TMG, elicotteri o dirigibili di cui almeno 10 o, nel caso di dirigibili, 20 devono essere effettuate sulla categoria di aeromobili pertinente.»

21)

Alla norma FCL.615, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

Esame. I richiedenti devono dimostrare di possedere un livello di conoscenza teorica appropriato ai privilegi rilasciati nei seguenti ambiti:

regolamentazione aeronautica,

conoscenza generale dell'aeromobile — strumentazione,

pianificazione del volo e monitoraggio,

prestazioni umane,

meteorologia,

radionavigazione,

comunicazioni IFR.»

22)

Alla lettera a) della norma FCL.625.H, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

se non in combinazione con il rinnovo di un'abilitazione per tipo, devono completare soltanto la sezione 5 e le parti pertinenti della sezione 1 dei controlli di professionalità specificati nell'appendice 9 di questa parte per il tipo di elicotteri appropriato. In questo caso può essere utilizzato un FTD 2/3 o un FFS rappresentativo del tipo di elicottero appropriato, ma per quanto riguarda i controlli di professionalità per il rinnovo di una IR(H) in queste circostanze almeno uno ogni due controlli (alternativamente) deve essere effettuato su un elicottero.»

23)

Alla norma FCL.710, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

Se non viene effettuato alcun volo sulla variante entro un periodo di 2 anni a seguito dell'addestramento sulle differenze, viene richiesto un addestramento sulle differenze aggiuntivo o controlli di professionalità sulla variante in questione al fine di poter mantenere i privilegi, con l'eccezione dei tipi o varianti appartenenti alle abilitazioni per classe dei monomotore a pistoni o TMG.»

24)

Alla lettera b) della norma FCL.725, il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4)

Per velivoli a equipaggio singolo che sono classificati come velivoli ad alte prestazioni, l'esame è un esame scritto e comprende almeno 100 domande a scelta multipla distribuite opportunamente sulle materie del programma di studio.»

25)

Alla norma FCL.720.A, la lettera e) è sostituita dalla seguente:

«e)

In deroga alla lettera d), uno Stato membro può rilasciare un'abilitazione per tipo con privilegi ristretti per un velivolo a equipaggio plurimo che consenta al titolare di tale abilitazione di agire come copilota di rinforzo in crociera al di sopra del livello di volo FL 200, a condizione che due altri membri dell'equipaggio siano titolari di un'abilitazione per tipo conformemente alla lettera d).»

26)

Alla lettera a) della norma FCL.740.A, il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4)

Il rinnovo di un'abilitazione al volo strumentale in rotta (EIR) o di un'IR(A), se del caso, può essere svolto in combinazione con i controlli di professionalità per il rinnovo di un'abilitazione per classe o per tipo.»

27)

Alla norma FCL.735.As, la lettera a) è sostituita dalla seguente:

«a)

Il corso di addestramento per la cooperazione in equipaggio plurimo (MCC) deve includere almeno:

1)

12 ore di istruzione teorica ed esercizi; e

2)

5 ore di addestramento pratico MCC;

devono essere utilizzati un FNPT II o III qualificato per la MCC, un FTD 2/3 o un FFS.»

28)

Alla norma FCL.810, il paragrafo 1 della lettera a) è modificato come segue:

a)

il primo comma del paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

«1)

Se i privilegi di una LAPL, SPL o PPL per velivoli, TMG o dirigibili sono esercitati in condizioni VFR notturne, i richiedenti devono aver completato un corso di addestramento presso un'ATO. Il corso deve includere:»

b)

il punto ii) è sostituito dal seguente:

«(ii)

almeno 5 ore di volo notturno nella categoria di aeromobili appropriata, di cui almeno 3 di istruzione a doppio comando e almeno 1 ora di navigazione con almeno 1 volo di navigazione a doppio comando di almeno 50 km (27 NM) e 5 decolli come solista e 5 atterraggi completi come solista.»

29)

Sono aggiunte le seguenti nuove norme FCL.825 e FCL.830:

«FCL.825 Abilitazione al volo strumentale in rotta (EIR)

a)

Privilegi e condizioni

1)

I privilegi del titolare di un'abilitazione al volo strumentale in rotta (EIR) consistono nel condurre voli diurni in IFR nella fase di rotta (en route) del volo, con un velivolo per il quale possiede un'abilitazione per classe o per tipo. I privilegi possono essere estesi per condurre voli notturni in IFR nella fase di rotta del volo se il pilota possiede un'abilitazione al volo notturno conformemente alla norma FCL.810.

2)

Il titolare di un'EIR può soltanto iniziare o continuare un volo sul quale intende esercitare i privilegi della propria abilitazione se le ultime informazioni meteorologiche disponibili indicano che:

i)

le condizioni meteorologiche alla partenza sono tali da permettere di condurre il segmento del volo dal decollo a una transizione pianificata da VFR a IFR conformemente alle regole VFR; e

ii)

all'orario stimato di arrivo all'aeroporto di destinazione previsto, le condizioni meteorologiche saranno tali da permettere di condurre il segmento del volo da una transizione da IFR a VFR fino all'atterraggio conformemente alle regole VFR.

b)

Prerequisiti. I richiedenti di un'EIR devono essere almeno titolari di una PPL(A) e aver completato almeno 20 ore di volo di navigazione come pilota in comando su velivoli.

c)

Corso di addestramento. I richiedenti di un'EIR devono aver completato in un periodo di 36 mesi presso un'ATO:

1)

almeno 80 ore di istruzione teorica conformemente alla norma FCL.615; e

2)

istruzione di volo strumentale, durante la quale:

i)

l'addestramento di volo per un'EIR monomotore deve includere almeno 15 ore di volo strumentale in addestramento; e

ii)

l'addestramento di volo per un'EIR plurimotore deve includere almeno 16 ore di volo strumentale in addestramento, delle quali almeno 4 ore devono essere su velivoli plurimotore.

d)

Conoscenze teoriche. Prima di sostenere il test di abilitazione, il richiedente deve dimostrare un livello di conoscenze teoriche adeguato ai privilegi concessi nelle materie di cui alla norma FCL.615, lettera b).

e)

Test di abilitazione. Dopo aver completato l'addestramento, il richiedente deve superare un test di abilitazione in un velivolo con un'IRE. Per una EIR plurimotore, il test di abilitazione deve essere sostenuto in un velivolo plurimotore. Per un'EIR monomotore, il test deve essere sostenuto in un velivolo monomotore.

f)

In deroga alle lettere c) e d), il titolare di una EIR monomotore titolare anche di un'abilitazione plurimotore per classe o per tipo che desideri ottenere una EIR plurimotore per la prima volta, deve completare un corso presso un'ATO che includa almeno 2 ore di volo strumentale in addestramento nella fase di rotta del volo su velivoli plurimotore e deve superare il test di abilitazione di cui alla lettera e).

g)

Validità, rinnovo e ripristino.

1)

Un'EIR ha validità di 1 anno.

2)

I richiedenti il rinnovo di un'EIR devono:

i)

superare i controlli di professionalità in un velivolo entro un periodo di 3 mesi immediatamente precedente la data di scadenza dell'abilitazione; o

ii)

entro i 12 mesi precedenti la data di scadenza dell'abilitazione, completare 6 ore come pilota in comando in IFR e un volo di addestramento di almeno 1 ora con un istruttore titolare dei privilegi per fornire addestramento per l'IR(A) o l'EIR.

3)

Per ciascun rinnovo successivo alternato, il titolare di un'EIR deve superare i controlli di professionalità conformemente alla lettera g), paragrafo 2, punto i).

4)

Se un'EIR è scaduta, ai fini del ripristino dei privilegi i richiedenti devono:

i)

completare corsi di aggiornamento impartiti da un istruttore titolare dei privilegi per fornire addestramento per l'IR(A) o EIR al fine acquisire il livello di professionalità richiesto; e

ii)

completare i controlli di professionalità.

5)

Se l'EIR non viene rinnovata o ripristinata entro 7 anni dall'ultima data di validità, il titolare deve anche sottoporsi nuovamente agli esami teorici EIR conformemente alla norma FCL.615, lettera b).

6)

Per un'EIR plurimotore i controlli di professionalità per il rinnovo o il ripristino e il volo di addestramento richiesti alla lettera g), paragrafo 2, punto ii), devono essere effettuati in un velivolo plurimotore. Se il pilota è titolare anche di un'EIR monomotore, tali controlli di professionalità consentiranno anche il rinnovo o il ripristino dell'EIR monomotore.

h)

Se il richiedente una EIR ha completato le ore di volo strumentali in addestramento con un IRI(A) o un FI(A) titolare del privilegio di fornire addestramento per la IR o EIR, queste ore di volo possono essere accreditate in relazione alle ore di volo richieste alla lettera c), paragrafo 2, punti i) e ii), fino a un massimo rispettivamente di 5 o 6 ore. Le 4 ore di addestramento al volo strumentale in velivoli plurimotore di cui alla lettera c), paragrafo 2, punto ii), non sono soggette a questo credito.

1)

Al fine di determinare il numero di ore da accreditare e per stabilire i requisiti per l'addestramento, il richiedente deve completare una valutazione iniziale presso l'ATO.

2)

Il completamento dell'addestramento al volo strumentale fornito da un IRI(A) o FI(A) deve essere provato in una specifica documentazione riguardante l'addestramento che deve essere firmata dall'istruttore.

i)

I richiedenti l'abilitazione EIR titolari di una PPL o CPL (parte FCL) e di una valida IR(A) rilasciata da un paese terzo conformemente ai requisiti dell'allegato 1 della convenzione di Chicago possono ricevere un accredito completo ai fini dei requisiti del corso di addestramento indicati alla lettera c). Ai fini del rilascio dell'EIR, il richiedente deve:

1)

completare con successo il test di abilitazione per l'EIR;

2)

in deroga alla lettera d), dimostrare all'esaminatore durante il test di abilitazione di avere acquisito un livello adeguato di conoscenza teorica in materia di regolamentazione aeronautica, meteorologia e pianificazione del volo e prestazioni in volo (IR);

3)

avere un'esperienza minima di almeno 25 ore di volo in IFR come pilota in comando su velivoli.»

«FCL.830 Abilitazione al cloud flying con alianti

a)

I titolari di una licenza di pilota con privilegi per operare alianti possono operare un aliante o un aliante a motore, con l'esclusione di TMG, nelle nubi soltanto se sono titolari di un'abilitazione al cloud flying con alianti.

b)

I richiedenti un'abilitazione al cloud flying con alianti devono aver completato almeno:

1)

30 ore come pilota in comando su alianti o alianti a motore a seguito del rilascio della licenza;

2)

un corso di addestramento presso un'ATO, comprendente:

i)

istruzione teorica; e

ii)

almeno 2 ore di addestramento in volo a doppio comando su alianti o alianti a motore, con il controllo dell'aliante esclusivamente a mezzo degli strumenti, delle quali non più di 1 ora può essere effettuata su TMG; e

3)

un test di abilitazione con un esaminatore di volo (FE) qualificato a tal fine.

c)

I titolari di una EIR o una IR(A) possono ricevere crediti ai fini del requisito della lettera b), paragrafo 2), punto i). In deroga alla lettera b), paragrafo 2, punto ii), deve essere effettuata almeno 1 ora di addestramento a doppio comando su un aliante o aliante a motore, con l'esclusione di TMG, con il controllo dell'aliante esclusivamente a mezzo degli strumenti.

d)

I titolari di un'abilitazione al cloud flying possono esercitare i propri privilegi soltanto se hanno completato negli ultimi 24 mesi almeno 1 ora di volo, o 5 voli come pilota in comando esercitando i privilegi dell'abilitazione al cloud flying, su alianti o alianti a motore, con l'esclusione di TMG.

e)

I titolari di un'abilitazione al cloud flying che non soddisfano i requisiti di cui alla lettera d) devono, prima di poter riprendere a esercitare i loro privilegi:

1)

sottoporsi a controlli di professionalità con un esaminatore di volo (FE) qualificato a tal fine; o

2)

completare il tempo di volo aggiuntivo o i voli richiesti alla lettera d) con un istruttore qualificato.

f)

I titolari di una valida EIR o una IR(A) vengono accreditati integralmente ai fini dei requisiti della lettera d).»

30)

Alla lettera b), paragrafo 2, della norma FCL.915, il testo del punto i) è sostituito dal seguente:

«i)

aver completato almeno 15 ore di volo come pilota sulla classe o tipo di aeromobile sulla quale deve essere fornita l'istruzione di volo, di cui un massimo di 7 ore possono essere svolte in un FSTD rappresentativo della classe o tipo di aeromobile, ove applicabile; oppure»

31)

La norma FCL.905.FI è modificata come segue:

a)

la lettera f) è sostituita dalla seguente:

«f)

un'abilitazione al traino, al volo acrobatico o, nel caso di un FI(S), al cloud flying,, purché sia in possesso di tali privilegi e l'FI abbia dimostrato di possedere la capacità di impartire istruzione per tale abilitazione a un FI qualificato conformemente al punto i);»

b)

la frase introduttiva della lettera g) è sostituita dalla seguente:

«g)

una EIR o una IR ella categoria di aeromobili appropriata, sempre che l'FI abbia:»

c)

alla lettera g), il paragrafo 3, punto i) è sostituito dal seguente:

«i)

per velivoli plurimotore, soddisfatto i requisiti di un certificato CRI per velivoli plurimotore;»

d)

alla lettera h), il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

nel caso degli elicotteri, i requisiti stabiliti nella norma FCL.910.TRI, lettera c), paragrafo 1), e i prerequisiti per il corso di addestramento TRI(H) stabiliti nella norma FCL.915.TRI(lettera d)paragrafo 2;»

32)

Alla lettera a) della norma FCL.910.FI, il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

per le abilitazioni per classe e per tipo per aeromobili monomotore a equipaggio singolo, fatta eccezione per i velivoli complessi ad alte prestazioni ad equipaggio singolo, estensioni per classe e gruppo nel caso di palloni liberi e estensioni per classe nel caso di alianti;»

33)

Alla norma FCL.915.FI, la lettera e) è sostituita dalla seguente:

«e)

per un FI(S), aver completato 100 ore di volo e 200 lanci come pilota in comando su alianti. Inoltre, qualora il richiedente intenda impartire istruzione di volo su TMG, deve aver completato 30 ore di volo come pilota in comando su TMG e una valutazione aggiuntiva di competenza su TMG conformemente alla norma FCL.935 con un FI qualificato conformemente alla norma FCL.905.FI, lettera i);»

34)

Alla lettera b) della norma FCL.930.FI, il paragrafo 3, è modificato come segue:

a)

il punto v) è sostituito dal seguente:

«(v)

nel caso di un FI(B), almeno 3 ore di istruzione di volo, compresi 3 decolli.»

b)

al paragrafo 3, il secondo comma è sostituito dal seguente:

«4)

Quando richiedono un certificato FI in un'altra categoria di aeromobili, ai piloti che sono o sono stati titolari di un FI(A), (H) o (As) vengono accreditate 55 ore ai fini del requisito di cui alla lettera b), paragrafo 2, punto i), o 18 ore ai fini dei requisiti di cui alla lettera b), paragrafo 2, punto ii).»

35)

Alla norma FCL.905.TRI, dopo frase introduttiva, la lettera a) è sostituita dalla seguente:

«a)

il rinnovo e il ripristino di abilitazioni EIR o IR, sempre che l'istruttore TRI possieda una IR valida;»

36)

La norma FCL.905.CRI è modificata come segue:

a)

alla lettera a) della norma FCL.905.CRI, il paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

«1)

il rilascio, rinnovo e ripristino delle abilitazioni per classe o per tipo per velivoli a equipaggio singolo, con l'eccezione dei velivoli complessi ad alte prestazioni a equipaggio singolo, se il richiedente intende ottenere i privilegi per operare in operazioni a equipaggio singolo;»

b)

è inserita la seguente nuova lettera c):

«c)

i richiedenti un certificato CRI per velivoli plurimotore in possesso di un certificato CRI per velivoli monomotore devono soddisfare i prerequisiti per un certificato CRI di cui alla norma FCL.915.CRI, lettera a) e i requisiti di cui alla norma FCL.930.CRI, lettera a), paragrafo 3 e alla norma FCL.935.»

37)

Alla norma FCL.905.IRI, la lettera a) è sostituita dalla seguente:

«a)

I privilegi di un IRI consistono nel impartire istruzione ai fini del rilascio, rinnovo e ripristino di una EIR o una IR per la categoria di aeromobili appropriata.»

38)

Alla lettera a) della norma FCL.915.IRI, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

nel caso di richiedenti di un IRI(A) per velivoli plurimotore, soddisfare i requisiti di cui alle norme FCL.915.CRI, lettera a), FCL.930.CRI e FCL.935;»

39)

Alla lettera d) della norma FCL.905.SFI, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

addestramento MCC, qualora lo SFI abbia i privilegi per impartire istruzione su elicotteri a equipaggio plurimo.»

40)

Alla lettera b) della norma FCL.915.MCCI, il paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

«1)

nel caso di velivoli, dirigibili e convertiplani, 1 500 ore di esperienza di volo come pilota in operazioni a equipaggio plurimo;»

41)

La norma FCL.940.MI è sostituita dalla seguente:

«FCL.940.MI Validità del certificato MI

Il certificato MI rimane valido per tutto il periodo di validità del certificato FI, TRI o CRI.»

42)

La norma FCL.1015 è modificata come segue:

a)

alla lettera b) sono aggiunti i seguenti paragrafi 4 e 5:

«4)

istruzioni sulla necessità di riesaminare e applicare i punti di cui al paragrafo 3 quando si effettuano test di abilitazione, controlli di professionalità o valutazioni delle competenze di richiedenti per i quali l'autorità competente non sia la stessa che ha rilasciato il certificato all'esaminatore; e

5)

istruzioni su come avere accesso alle procedure e requisiti nazionali di altre autorità competenti quando necessario;»

b)

la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

I titolari di un certificato di esaminatore non possono condurre test di abilitazione, controlli di professionalità o valutazioni delle competenze con i richiedenti per i quali l'autorità competente non sia la stessa che ha rilasciato il certificato all'esaminatore, a meno che non abbiano riesaminato le ultime informazioni disponibili sulle pertinenti procedure nazionali dell'autorità competente dei richiedenti.»

43)

Alla lettera b) della norma FCL.1030, il paragrafo 3, è modificato come segue:

a)

è aggiunto un nuovo punto iv):

«(iv)

una dichiarazione che l'esaminatore ha riesaminato e applicato le procedure e i requisiti dell'autorità competente del richiedente, qualora l'autorità competente responsabile per la licenza del richiedente non sia la stessa che ha rilasciato il certificato all'esaminatore;»

b)

è aggiunto un nuovo punto v):

«v)

una copia del certificato di esaminatore indicante la portata dei suoi privilegi di esaminatore ai fini di test di abilitazione, controlli di professionalità o valutazioni delle competenze di richiedenti per i quali l'autorità competente non sia la stessa che ha rilasciato il certificato all'esaminatore;»

44)

La norma FCL.1005.FE è modificata come segue:

a)

alla lettera a) è aggiunto il seguente paragrafo 5:

«5)

i controlli di professionalità per il rinnovo o il ripristino di EIR, sempre che l'esaminatore di volo (FE) abbia completato almeno 1 500 ore come pilota su velivoli e soddisfi i requisiti della norma FCL.1010.IRE, lettera a), paragrafo 2.»

b)

alla lettera d), il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

«3)

test di abilitazione per l'estensione dei privilegi SPL o LAPL(S) a TMG, sempre che l'esaminatore abbia completato 300 ore di volo come pilota su alianti o alianti a motore, comprendenti 50 ore di istruzione di volo su TMG.;

4)

test di abilitazione e controlli di professionalità per l'abilitazione al cloud flying, sempre che l'esaminatore abbia completato almeno 200 ore di volo come pilota su alianti o alianti a motore, con almeno 5 ore o 25 voli di istruzione di volo per l'abilitazione cloud flying o almeno 10 ore di istruzione di volo per la EIR o la IR(A).»

45)

Alla lettera a) della norma FCL.1005.TRE, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2)

controlli di professionalità per il rinnovo o ripristino delle abilitazioni per tipo, EIR e IR;»

46)

alla lettera b), paragrafo 5, della norma FCL.1010.TRE, il punto ii) è sostituito dal seguente:

«(ii)

essere titolare di una CPL(H) o ATPL(H).»

47)

alla lettera b) della norma FCL.1005.CRE è aggiunto il seguente paragrafo 3:

«3)

il rinnovo e ripristino delle abilitazioni EIR, sempre che un CRE abbia completato almeno 1 500 ore come pilota su velivoli e soddisfi i requisiti di cui alla norma FCL.1010.IRE, lettera a), paragrafo 2.»

48)

La norma FCL.1005.IRE è sostituita dalla seguente:

«FCL.1005.IRE IRE — Privilegi

I privilegi del titolare di un certificato IRE consistono nel condurre test di abilitazione per il rilascio e controlli di professionalità per il rinnovo o il ripristino di abilitazioni EIR o IR.»

49)

L'appendice 1 dell'allegato I (parte FCL) è modificata come segue:

a)

il punto 3.2 è sostituito dal seguente:

«3.2.

Il richiedente deve superare gli esami teorici, come definito in questa parte, per le materie seguenti nelle corrispondenti categorie di aeromobili:

021— conoscenza generale dell'aeromobile: cellula e sistemi, impianto elettrico, impianto motopropulsori, equipaggiamenti di emergenza,

022— conoscenza generale dell'aeromobile: strumentazione,

032/034— prestazioni velivoli o elicotteri, ove applicabile,

070— procedure operative, e

080— principi del volo»

b)

Il punto 4.1 è sostituito dal seguente:

«4.1.

Il richiedente una IR o una EIR che abbia superato i corrispondenti esami teorici per una CPL nella stessa categoria di aeromobili ottiene crediti relativi ai requisiti teorici nelle seguenti materie:

prestazioni umane,

meteorologia.»

50)

L'appendice 3 dell'allegato I (parte FCL) è modificata come segue:

a)

alla sezione E, alla voce GENERALITÀ, la lettera d) del paragrafo 12 è sostituita dalla seguente:

«d)

6 ore di volo devono essere effettuate in un velivolo plurimotore, se per il test di abilitazione è utilizzato un velivolo plurimotore.»

b)

alla sezione K, alla voce GENERALITÀ, la lettera a) del paragrafo 3 è sostituita dalla seguente:

«a)

aver completato 155 ore di volo come pilota su elicotteri, di cui almeno 50 ore come pilota in comando e di cui almeno 10 ore di navigazione. Le ore effettuate come pilota in comando di altre categorie di aeromobili possono essere considerate ai fini delle 155 ore di volo, come indicato al paragrafo 11 della sezione K;»

51)

All'appendice 5 dell'allegato I (Parte FCL) alla voce GENERALITÀ, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2.

L'autorizzazione per un corso di addestramento MPL deve essere data soltanto a un'ATO che sia parte di un operatore di trasporto aereo commerciale certificato conformemente alla parte ORO o che abbia un accordo specifico con un siffatto operatore. La licenza viene ristretta a tale operatore specifico fino al completamento del corso di conversione per l'operatore di linea.»

52)

L'appendice 6 alla parte FCL è modificata come segue:

a)

la sezione A è modificata come segue:

i)

il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2.

Il richiedente un corso modulare IR(A) deve essere titolare di un PPL(A) o CPL(A). Il richiedente un modulo di procedure di volo strumentale che non possieda una licenza CPL(A) deve essere titolare di un certificato attestante il completamento del corso per il modulo volo strumentale di base.

L'ATO deve assicurare che il richiedente un corso per l'abilitazione IR(A) su plurimotore che non ha posseduto l'abilitazione per classe o per tipo su velivolo plurimotore abbia frequentato l'addestramento su plurimotore specificato nella sottoparte H prima di cominciare l'addestramento di volo per il corso IR(A).»

ii)

il punto 10.2 è sostituito dal seguente:

«10.2.

L'ammontare totale dell'addestramento richiesto ai punti 7 e 8 di cui sopra può essere ridotto a 10 ore per il titolare di un' abilitazione IR(H).»

b)

È inserita una nuova sezione A bis:

«A bis   IR(A) — Corso di addestramento in volo modulare basato sulla competenza

GENERALITÀ

1.

Lo scopo del corso di addestramento in volo modulare basato sulla competenza consiste nell'addestrare i titolari di PPL o CPL per l'abilitazione strumentale, tenendo conto della loro istruzione di volo strumentale ed esperienza precedenti. Il corso è progettato per fornire il livello di professionalità necessario per poter operare su velivoli secondo le regole IFR e in condizioni IMC. Il corso consiste di una combinazione di istruzione di volo strumentale fornita da un IRI(A) o un FI(A) titolare del privilegio di fornire addestramento per l'abilitazione IR e istruzione di volo presso un'ATO.

2.

Il richiedente tale corso modulare basato sulla competenza IR(A) deve essere titolare di un PPL(A) o CPL(A).

3.

Il corso di istruzione teorica deve essere completato in un periodo di 18 mesi. L'istruzione di volo strumentale e il test di abilitazione devono essere completati entro il periodo di validità del superamento degli esami teorici.

4.

Il corso deve includere:

a)

istruzione teorica al livello richiesto per l'IR(A);

b)

istruzione di volo strumentale.

CONOSCENZE TEORICHE

5.

Un corso modulare basato sulla competenza approvato IR(A) deve includere almeno 80 ore di istruzione teorica. Il corso teorico può contenere formazione basata su computer ed elementi su supporto elettronico. Deve essere fornita una quantità minima di insegnamento in classe, come richiesto dalla ORA.ATO.305.

ADDESTRAMENTO IN VOLO

6.

Il metodo per conseguire una IR(A) seguendo questo corso modulare è basato sulla competenza. Tuttavia, il richiedente deve completare i requisiti minimi seguenti. Può essere richiesto un addestramento aggiuntivo al fine di raggiungere le competenze richieste.

a)

Un corso modulare basato sulla competenza IR(A) su monomotore deve includere almeno 40 ore di istruzione di volo strumentale, di cui fino a 10 possono essere di tempo strumentale su simulatore in un FNPT I, o fino a 25 in un FFS o FNPT II. Un massimo di 5 ore di FNPT II o di tempo strumentale su simulatore FFS possono essere condotte in un FNPT I.

i)

Nel caso in cui il richiedente abbia:

(A)

completato l'istruzione di volo strumentale fornita da un IRI(A) o un FI(A) titolare del privilegio di fornire addestramento per la IR; o

(B)

ore di volo precedenti in IFR come pilota in comando su velivoli, con un'abilitazione che fornisce i privilegi di volare in IFR e in IMC;

queste ore possono essere accreditate ai fini delle 40 ore di cui sopra fino a un massimo di 30 ore.

ii)

Nel caso in cui il richiedente abbia ore di volo strumentali precedenti effettuate in addestramento diverse da quelle specificate alla lettera a), punto (i), queste ore possono essere accreditate ai fini delle 40 ore richieste fino a un massimo di 15 ore.

iii)

In ogni caso, l'addestramento di volo deve includere almeno 10 ore di volo strumentale in addestramento su un velivolo presso un'ATO.

iv)

La quantità totale di istruzione strumentale a doppio comando non deve essere inferiore a 25 ore.

b)

Un corso modulare basato sulla competenza IR(A) su plurimotore deve includere almeno 45 ore di istruzione di volo strumentale, di cui fino a 10 possono essere di tempo strumentale su simulatore in un FNPT I, o fino a 30 in un FFS o FNPT II. Un massimo di 5 ore di FNPT II o di tempo strumentale su simulatore FFS possono essere condotte in un FNPT I.

i)

Nel caso in cui il richiedente abbia:

(A)

completato l'istruzione di volo strumentale fornita da un IRI(A) o un FI(A) titolare del privilegio di fornire addestramento per la IR; o

(B)

ore di volo precedenti in IFR come pilota in comando su velivoli, con un'abilitazione che fornisce i privilegi di volare in IFR e in IMC;

queste ore possono essere accreditate ai fini delle 45 ore di cui sopra fino a un massimo di 35 ore.

ii)

Nel caso in cui il richiedente abbia ore di volo strumentali precedenti effettuate in addestramento diverse da quelle specificate alla lettera b), punto (i), queste ore possono essere accreditate ai fini delle 45 ore richieste fino a un massimo di 15 ore.

iii)

In ogni caso, l'addestramento di volo deve includere almeno 10 ore di volo strumentale in addestramento su un velivolo plurimotore presso un'ATO.

iv)

La quantità totale di istruzione strumentale a doppio comando non deve essere inferiore a 25 ore, delle quali almeno 15 ore devono essere effettuate su un velivolo plurimotore.

c)

Al fine di determinare il numero di ore accreditate e per stabilire i requisiti per l'addestramento, il richiedente deve completare una valutazione iniziale presso un'ATO.

d)

Il completamento dell'addestramento al volo strumentale fornito da un IRI(A) o FI(A) conformemente alla lettera a), punto i) o lettera b), punto i), deve essere provato in una specifica documentazione riguardante l'addestramento che deve essere firmata dall'istruttore.

7.

L'istruzione di volo per l'abilitazione IR(A) modulare basata sulla competenza deve includere:

a)

procedure e manovre per il volo strumentale di base che includano almeno:

i)

volo strumentale di base senza riferimenti visivi esterni;

ii)

volo orizzontale;

iii)

salita;

iv)

discesa;

v)

virate in volo livellato, in salita, in discesa;

vi)

circuito strumentale;

vii)

virate strette;

viii)

radionavigazione;

ix)

uscita da assetti inusuali;

x)

cruscotto ridotto; e

xi)

riconoscimento e uscita dallo stallo incipiente e completo;

b)

procedure pre-volo per voli IFR, compreso l'utilizzo del manuale di volo e dei documenti relativi ai servizi del traffico aereo durante la preparazione di un piano di volo IFR;

c)

procedure e manovre per operazioni IFR in condizioni normali, anormali e di emergenza che includano almeno:

i)

la transizione dal volo a vista al volo strumentale durante il decollo;

ii)

partenze e arrivi strumentali standard;

iii)

procedure IFR in rotta;

iv)

procedure di attesa;

v)

avvicinamenti strumentali con minimi specificati;

vi)

procedure di mancato avvicinamento; e

vii)

atterraggi da avvicinamenti strumentali, compreso il circuito a vista;

d)

manovre in volo e caratteristiche di volo particolari;

e)

se richiesto, utilizzo di un velivolo plurimotore nelle esercitazioni precedentemente descritte, compreso:

i)

l'utilizzo del velivolo con riferimento soltanto agli strumenti con la simulazione di un motore non operativo;

ii)

arresto e riavvio del motore (da svolgere a una altitudine di sicurezza a meno che venga svolta in un FFS o FNPT II).

8.

I richiedenti l'abilitazione IR(A) modulare basata sulla competenza titolari di una PPL o CPL, di cui alla parte FCL, e di una valida IR(A) rilasciata da un paese terzo conformemente ai requisiti dell'allegato 1 della convenzione di Chicago, possono essere accreditati integralmente ai fini dei requisiti del corso di addestramento indicati al punto 4. Ai fini del rilascio della IR(A), il richiedente deve:

a)

completare con successo il test di abilitazione per la IR(A) conformemente all'appendice 7;

b)

dimostrare all'esaminatore durante il test di abilitazione di avere acquisito un livello adeguato di conoscenza teorica in materia di regolamentazione aeronautica, meteorologia e pianificazione del volo e prestazioni in volo (IR); e

c)

avere un'esperienza minima di almeno 50 ore di volo in IFR come pilota in comando su velivoli.

VALUTAZIONE PRELIMINARE

9.

Il contenuto e la durata della valutazione preliminare devono essere determinati dall'ATO sulla base dell'esperienza strumentale precedente del richiedente.

PLURIMOTORE

10.

Il titolare di un'abilitazione IR(A) monomotore che possiede anche un'abilitazione per classe o per tipo su plurimotore e che desidera ottenere un'abilitazione IR(A) su plurimotore per la prima volta, deve completare un corso presso un'ATO comprendente almeno 5 ore di istruzione di volo strumentale in velivoli plurimotore, di cui 3 ore possono essere effettuate in un FFS o FNPT II e deve superare un test di abilitazione.»

c)

La sezione B è modificata come segue:

i)

il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2.

Il richiedente un corso modulare IR(H) deve essere titolare di una licenza PPL(H), CPL(H) o ATPL(H). Prima dell'inizio della fase di istruzione sull'aeromobile del corso IR(H), il richiedente deve essere titolare dell'abilitazione per tipo sull'elicottero utilizzato per il test di abilitazione IR(H) o deve aver completato un addestramento approvato per l'abilitazione per tipo su quel tipo. Il richiedente deve essere titolare di un certificato attestante il completamento soddisfacente della MCC qualora il test di abilitazione vada eseguito in condizioni di equipaggio plurimo.»

ii)

il punto 9.2 è sostituito dal seguente:

«9.2.

Per il titolare di un'abilitazione IR(A) l'ammontare dell'addestramento richiesto può essere ridotto a 10 ore.»

iii)

è aggiunto il seguente paragrafo 9.3:

«9.3.

Per il titolare di una licenza PPL(H) con l'abilitazione al volo notturno in elicottero o di una licenza CPL(H) l'ammontare richiesto delle ore di volo strumentale effettuate in addestramento può essere ridotto di 5 ore.»

53)

L'appendice 9 dell'allegato I (parte FCL) è modificata come segue:

a)

alla sezione B, il punto i) del paragrafo 5, lettera f), è sostituito dal seguente:

«i)

la qualificazione del FFS o FNPT II, come stabilito nei pertinenti requisiti della parte ARA e della parte ORA;»

b)

la sezione C è modificata come segue:

i)

al paragrafo 4 il testo della frase introduttiva è sostituito dal seguente:

«4.

I limiti applicabili sono i seguenti, corretti per tenere conto di condizioni di turbolenza e delle caratteristiche di manovra e prestazioni dell' elicottero utilizzato.»

ii)

al paragrafo 10, la lettera i) è sostituita dalla seguente:

«i)

la qualificazione del FSTD come stabilito nei pertinenti requisiti della parte ARA e della parte ORA;»

iii)

alla sezione D il paragrafo 8, lettera a) è sostituito dal seguente:

«a)

la qualificazione dei dispositivi di simulazione per addestramento, come stabilito nei pertinenti requisiti della parte ARA e della parte ORA;»

iv)

alla sezione E la frase introduttiva e la lettera a) del paragrafo 8 sono sostituite dalle seguenti:

«8.

I dispositivi di addestramento al volo simulato sono impiegati per l'addestramento pratico ed il test se fanno parte di un corso approvato per l'abilitazione per tipo. Per l'approvazione del corso si applicano i seguenti criteri:

a)

la qualificazione dei i dispositivi di simulazione per addestramento, come stabilito nei pertinenti requisiti della parte ARA e della parte ORA;».


ALLEGATO II

L'allegato II del regolamento (UE) n. 1178/2011 è modificato come segue:

1)

Il punto 1 della sezione A. «VELIVOLI» è modificato come segue:

a)

la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

dimostrare di conoscere le parti pertinenti dei requisiti operativi e la parte FCL;»

b)

la lettera d) è sostituita dalla seguente:

«d)

soddisfare i requisiti specificati nella tabella seguente:

Licenza nazionale posseduta

Ore di volo totali

Ogni altro requisito

Sostituzione licenza parte FLC e limitazioni (ove applicabile)

Rimozione delle limitazioni

 

(1)

(2)

(3)

(4)

(5)

 

ATPL(A)

> 1 500 come pilota in comando su velivoli ad equipaggio plurimo

Nessuno

ATPL(A)

Non applicabile

a)

ATPL(A)

> 1 500 su velivoli ad equipaggio plurimo

Nessuno

come alla lettera c), punto 4)

come alla lettera c), punto 5)

b)

ATPL(A)

> 500 su velivoli ad equipaggio plurimo

Dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione del volo e prestazioni di cui alla norma FCL.515

ATPL(A), con abilitazione per tipo limitata a copilota

Dimostrare la capacità ad operare come pilota in comando secondo l'appendice 9 alla parte FCL

c)

CPL/IR(A) e aver superato un esame teorico ICAO ATPL nello Stato membro che ha rilasciato la licenza

 

i)

dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione e prestazioni del volo di cui alla norma FCL.310 e alla norma FCL.615, lettera b)

ii)

soddisfare i rimanenti requisiti della norma FCL.720.A, lettera c)

CPL/IR(A) con accredito della teoria ATPL

Non applicabile

d)

CPL/IR(A)

> 500 su velivoli ad equipaggio plurimo, o in operazioni ad equipaggio plurimo su velivoli ad equipaggio singolo CS-23 della categoria da collegamento o equivalente conformemente ai pertinenti requisiti della parte CAT e della parte ORO per il trasporto aereo commerciale

i)

superare un esame teorico per la licenza ATPL(A) nello Stato membro che ha rilasciato la licenza (1)

ii)

soddisfare i rimanenti requisiti della norma FCL.720.A, lettera c)

CPL/IR(A) con accredito della teoria ATPL

Non applicabile

e)

CPL/IR(A)

< 500 come pilota in comando su velivoli ad equipaggio singolo

Dimostrare la conoscenza in materia di pianificazione del volo e prestazioni di volo per il livello CPL/IR

Come al punto 4), lettera f)

Ottenere l'abilitazione per tipo ad equipaggio plurimo conformemente alla parte FCL

g)

CPL(A)

> 500 come pilota in comando su velivoli ad equipaggio singolo

Abilitazione al volo notturno, se applicabile

CPL(A) con abilitazioni per tipo/classe limitate a velivoli ad equipaggio singolo

 

h)

CPL(A)

< 500 come pilota in comando su velivoli ad equipaggio singolo

i)

abilitazione al volo notturno, se applicabile;

ii)

dimostrare conoscenze in materia di pianificazione e prestazioni del volo di cui alla norma FCL.310

Come al punto 4), lettera h)

 

i)

PPL/IR(A)

≥75 in conformità alle regole IFR

 

PPL/IR(A) (IR limitata a PPL)

Dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione del volo e prestazioni di cui alla norma FCL.615, lettera b)

j)

PPL(A)

≥ 70 su velivoli

Dimostrare la capacità di usare i radioaiuti

PPL(A)

 

k)

2)

Il punto 1 della sezione B. «ELICOTTERI» è modificato come segue:

a)

la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

dimostrare di conoscere le parti pertinenti dei requisiti operativi e la parte FCL;»

b)

la lettera d) è sostituita dalla seguente:

«d)

soddisfare i requisiti specificati nella tabella seguente:

Licenza nazionale posseduta

Ore di volo totali

Ogni altro requisito

Sostituzione licenza parte FLC e limitazioni (ove applicabile)

Rimozione delle limitazioni

 

(1)

(2)

(3)

(4)

(5)

 

ATPL(H) con abilitazione IR(H) valida

> 1 000 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio plurimo

nessuno

ATPL(H) e IR

Non applicabile

a)

ATPL(H) senza privilegi IR(H)

> 1 000 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio plurimo

nessuno

ATPL(H)

 

b)

ATPL(H) con abilitazione IR(H) valida

> 1 000 su elicotteri ad equipaggio plurimo

Nessuno

ATPL(H), e IR con abilitazione per tipo limitata a copilota

Dimostrare la capacità ad operare come pilota in comando secondo l'appendice 9 alla parte FCL

c)

ATPL(H) senza privilegi IR(H)

> 1 000 su elicotteri ad equipaggio plurimo

Nessuno

ATPL(H), con abilitazione per tipo limitata a copilota

Dimostrare la capacità ad operare come pilota in comando secondo l'appendice 9 alla parte FCL

d)

ATPL(H) con abilitazione IR(H) valida

> 500 su elicotteri ad equipaggio plurimo

dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione e prestazioni del volo di cui alla norma FCL.515 e alla norma FCL.615, lettera b)

Come al punto 4, lettera c)

Come al punto 5, lettera c)

e)

ATPL(H) senza privilegi IR(H)

> 500 su elicotteri ad equipaggio plurimo

Come al punto 3, lettera e)

Come al punto 4, lettera d)

Come al punto 5, lettera d)

f)

CPL/IR(H) e superato un esame teorico ICAO ATPL(H) nello Stato membro che ha rilasciato la licenza

 

i)

dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione e prestazioni del volo di cui alla norma FCL.310 e alla norma FCL.615, lettera b)

ii)

soddisfare i rimanenti requisiti della norma FCL.720.H, lettera b)

CPL/IR(H) con accredito della teoria ATPL(H), sempre che l'esame teorico ICAO ATPL(H) sia riconosciuto a livello della ATPL parte FCL

Non applicabile

g)

CPL/IR(H)

> 500 ore su elicotteri ad equipaggio plurimo

i)

superare un esame teorico per la licenza ATPL(H) parte FCL nello Stato membro che ha rilasciato la licenza (2)

ii)

soddisfare i rimanenti requisiti della norma FCL.720.H, lettera b)

CPL/IR(H) con accredito della teoria ATPL(H) parte FCL

Non applicabile

h)

CPL/IR(H)

> 500 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio singolo

Nessuno

CPL/IR(H) con abilitazioni per tipo limitate a elicotteri ad equipaggio singolo

ottenere l'abilitazione per tipo ad equipaggio plurimo come prescritto dalla parte FCL

i)

CPL/IR(H)

< 500 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio singolo

dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione prestazioni del volo di cui alla norma FCL.310 e alla norma FCL.615, lettera b)

Come al punto 4, lettera i)

j)

CPL(H)

> 500 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio singolo

Abilitazione al volo notturno

CPL(H), con abilitazioni per tipo limitate a elicotteri ad equipaggio singolo

k)

CPL(H)

< 500 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio singolo

Abilitazione al volo notturno, dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione e prestazioni del volo di cui alla norma FCL.310

Come al punto 4, lettera k)

l)

CPL(H) senza abilitazione al volo notturno

> 500 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio singolo

 

Come al punto 4, lettera k) e limitata ad operazioni in VFR di giorno

Ottenere l'abilitazione per tipo ad equipaggio plurimo come prescritto dalla parte FCL e un'abilitazione al volo notturno

m)

CPL(H) senza abilitazione al volo notturno

< 500 come pilota in comando su elicotteri ad equipaggio singolo

Dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione e prestazioni del volo di cui alla norma FCL.310

Come al punto 4, lettera k) e limitata ad operazioni in VFR di giorno

n)

PPL/IR(H)

≥ 75 in conformità alle regole IFR

 

PPL/IR(H) (IR limitata a PPL)

Dimostrare le conoscenze in materia di pianificazione del volo e prestazioni di cui alla norma FCL.615, lettera b)

o)

PPL(H)

≥ 75 su elicotteri

Dimostrare la capacità di usare i radioaiuti

PPL(H)

 

p)


(1)  I titolari di licenza CPL che già possiedono un'abilitazione per tipo su velivoli ad equipaggio plurimo non devono dimostrare di aver superato un esame delle conoscenze teoriche ATPL(A) fino a quando continuano ad operare sullo stesso tipo di velivolo, ma non riceveranno il credito per la teoria della licenza ATPL(A) per una licenza parte FCL. Se richiedono un'altra abilitazione per tipo per un velivolo ad equipaggio plurimo differente, devono soddisfare i requisiti indicati nella colonna 3), riga e), punto i), della tabella precedente.»

(2)  I titolari di licenza CPL che già possiedono un'abilitazione per tipo su elicotteri ad equipaggio plurimo non devono dimostrare le conoscenze teoriche ATPL(H) fino a quando continuano ad operare sullo stesso tipo di elicottero, ma non riceveranno il credito per la teoria della licenza ATPL(H) per una licenza parte FCL. Se richiedono un'altra abilitazione per tipo per un elicottero ad equipaggio plurimo differente, devono soddisfare i requisiti indicati nella colonna 3, riga h), punto i), della tabella.»


ALLEGATO III

L'allegato III del regolamento (UE) n. 1178/2011 è modificato come segue:

1)

La sezione A. «Convalida delle licenze» è modificata come segue:

a)

il punto 1 è sostituito dal seguente:

«1.

Una licenza di pilotaggio rilasciata in conformità ai requisiti dell'allegato 1 della convenzione di Chicago da un paese terzo può essere convalidata dall'autorità competente di uno Stato membro.

I piloti devono presentare richiesta all'autorità competente dello Stato membro dove risiedono o sono stabiliti. Se non risiedono nel territorio di uno Stato membro, i piloti devono presentare domanda all'autorità competente dello Stato membro in cui si trova la sede principale dell'operatore per il quale effettuano o intendono effettuare attività di volo , o in cui è immatricolato il velivolo con cui effettuano o intendono effettuare attività di volo.»

b)

Il paragrafo 3 è modificato come segue:

i)

le lettere b) e c) sono sostituite dalle seguenti:

«b)

dimostrare di aver acquisito conoscenza delle parti pertinenti dei requisiti operativi e della parte FCL;

c)

dimostrare di aver acquisito le competenze linguistiche in conformità alle disposizioni della norma FCL.055;»

ii)

la lettera e) è sostituita dalla seguente:

«e)

nel caso di velivoli, soddisfare i requisiti di esperienza indicati nella tabella seguente:

Licenza posseduta

Ore di volo totali

Privilegi

 

(1)

(2)

(3)

 

ATPL(A)

> 1 500 ore come pilota in comando su velivoli ad equipaggio plurimo

Trasporto aereo commerciale su velivoli ad equipaggio plurimo come pilota in comando

a)

ATPL(A) o CPL(A)/IR (1)

> 1 500 ore come pilota in comando o copilota su velivoli ad equipaggio plurimo conformemente ai requisiti operativi

Trasporto aereo commerciale su velivoli ad equipaggio plurimo come copilota

b)

CPL(A)/IR

> 1 000 ore come pilota in comando in trasporto aereo commerciale dall'ottenimento di un'abilitazione IR

Trasporto aereo commerciale su velivoli ad equipaggio singolo come pilota in comando

c)

CPL(A)/IR

> 1 000 ore come pilota in comando o copilota su velivoli ad equipaggio singolo conformemente ai requisiti operativi

Trasporto aereo commerciale su velivoli ad equipaggio singolo come copilota conformemente ai requisiti operativi

d)

ATPL(A), CPL (A)/IR, CPL(A)

> 700 ore su velivoli diversi dai TMG, incluse 200 ore nel ruolo delle attività per il quale si voglia ottenere l'accettazione, e 50 ore in quel ruolo negli ultimi 12 mesi

Esercizio dei privilegi in velivoli in operazioni diverse dal trasporto aereo commerciale

e)

CPL(A)

> 1 500 come pilota in comando nel trasporto aereo commerciale, incluse 500 ore in operazioni con idrovolante

Trasporto aereo commerciale su velivoli ad equipaggio singolo come pilota in comando

f)

c)

Il paragrafo 4 è modificato come segue:

i)

la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

dimostrare di aver acquisito le competenze linguistiche in conformità alle disposizioni della norma FCL.055;»

ii)

la lettera e) è sostituita dalla seguente:

«e)

possedere un'esperienza minima di almeno 100 ore di tempo di volo strumentale come pilota in comando nella corrispondente categoria di aeromobili.»

d)

al punto 6, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

sia assunto direttamente o indirettamente da un produttore di aeromobili.»

2)

Alla sezione B. «CONVERSIONE DELLE LICENZE», il punto 1 è sostituito dal seguente:

«1.

Una licenza PPL/BPL/SPL, CPL o una licenza ATPL rilasciata in conformità ai requisiti dell'allegato 1 della convenzione di Chicago da un paese terzo può essere convertita in una licenza PPL/BPL/SPL parte FCL con un'abilitazione per classe o per tipo ad equipaggio singolo dall'autorità competente di uno Stato membro.»


(1)  I titolari della CPL(A)/IR su velivoli ad equipaggio plurimo devono aver dimostrato di possedere un livello di conoscenza teorica ICAO ATPL(A) prima dell'accettazione.»


ALLEGATO IV

L'allegato VI del regolamento (UE) n. 1178/2011 è modificato come segue:

1)

Alla sezione II, sottoparte FCL, ARA.FCL.205, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

'b)

L'autorità competente mantiene un elenco degli esaminatori che ha certificato. L'elenco indica i privilegi degli esaminatori e deve essere pubblicato e mantenuto aggiornato dall'autorità competente.'

2)

Alla sezione II, sottoparte FCL, la norma ARA.FCL.210 è sostituita dalla seguente:

'ARA.FCL.210 Informazioni per gli esaminatori

a)

L'autorità competente comunica all'Agenzia le procedure amministrative e i requisiti nazionali per la protezione dei dati personali, nonché in materia di responsabilità, assicurazione per gli incidenti e costi applicabili sul suo territorio, che saranno utilizzati dagli esaminatori ai fini dei test di abilitazione, dei controlli di professionalità o delle valutazioni delle competenze di richiedenti per i quali l'autorità competente non sia la stessa che ha rilasciato il certificato all'esaminatore.

b)

Per facilitare la diffusione delle (e l'accesso alle) informazioni ricevute dalle autorità competenti di cui alla lettera a), l'Agenzia pubblica dette informazioni in un formato da essa stabilito.

c)

L'autorità competente può fornire agli esaminatori che ha certificato e agli esaminatori certificati da altre autorità competenti che esercitano i propri privilegi nel loro territorio i criteri di sicurezza da rispettare quando prove di abilità e controlli di professionalità vengono condotte in un aeromobile.'

3)

La SOTTOPARTE MED è modificata come segue:

a)

Alla sezione I, la norma ARA.MED.130 è sostituita dalla seguente:

'ARA.MED.130 Formato del certificato medico

Il certificato medico è conforme alle seguenti specifiche:

a)

Contenuto

1)

Lo Stato in cui la licenza di pilota è stata rilasciata o richiesta (I)

2)

Classe del certificato medico (II)

3)

Numero del certificato che inizia con il codice ONU dello Stato in cui la licenza di pilota è stata rilasciata o richiesta, seguito da un codice formato da numeri e/o lettere in numeri arabi e caratteri latini (III)

4)

Nome del titolare (IV)

5)

Nazionalità del titolare (VI)

6)

Data di nascita del titolare: (gg/mm/aaaa) (XIV),

7)

Firma del titolare (VII)

8)

Limitazioni (XIII)

9)

Data di scadenza del certificato medico (IX) per:

i)

classe 1: operazioni commerciali di trasporto passeggeri a pilotaggio singolo,

ii)

classe 1: altre operazioni commerciali,

iii)

classe 2,

iv)

LAPL

10)

Data dell'esame medico

11)

Data dell'ultimo elettrocardiogramma

12)

Data dell'ultimo audiogramma

13)

Data di rilascio e firma dell'AME o dell'ispettore medico che ha rilasciato il certificato. In questo campo può essere aggiunto un GMP se dispone della competenza per rilasciare certificati medici secondo la legge nazionale dello Stato membro in cui viene rilasciato il certificato.

14)

Sigillo o timbro (XI)

b)

Materiale: ad eccezione del caso di una LAPL rilasciata da un GMP, la carta o altro materiale utilizzato impedisce o mostra prontamente qualsiasi alterazione o cancellatura. Tutte le registrazioni o cancellazioni sul modulo devono essere chiaramente autorizzate dall'autorità competente per il rilascio delle licenze.

c)

Lingua: i certificati sono redatti nella lingua o nelle lingue nazionali e in inglese e nelle altre lingue ritenute opportune dall'autorità competente per il rilascio delle licenze.

d)

Tutte le date sul certificato medico sono riportate nel formato gg/mm/aaaa.'

b)

Alla sezione II, punto ARA.MED.200 esaminatori aeromedici (AME), la lettera b) è sostituita dalla seguente:

'b)

Se soddisfatta della rispondenza dell'AME ai criteri applicabili, l'autorità competente rilascia, rinnova o ripristina il certificato AME per un periodo non superiore a 3 anni, utilizzando il modulo riportato nell'appendice VII di questa parte.'

4)

Nell' appendice II 'Formato standard AESA per gli attestati di equipaggio di cabina', la parte 'Istruzioni' è modificata come segue:

a)

le lettere a) e b) sono sostituite dalle seguenti:

'a)

L'attestato di equipaggio di cabina comprende tutte le voci specificate nel modulo 142 AESA in conformità alle voci da 1 a 12 elencate e descritte di seguito;

b)

Le dimensioni sono pari a 105mm x 74mm (un ottavo di A4) o a 85mm x 54mm, e il materiale utilizzato impedisce o mostra prontamente qualsiasi alterazione o cancellatura.'

b)

La voce 8 è sostituita dalla seguente:

'Voce 8: vanno indicati gli estremi identificativi dell'autorità competente dello Stato membro in cui viene rilasciato l'attestato e il nome completo dell'autorità competente, l'indirizzo postale e il sigillo, o timbro o logo ufficiali se del caso.'

c)

La prima frase della voce 9 è sostituita dalla seguente:

'se l'autorità competente è l'ente che rilascia la licenza, si riporta la dicitura "Autorità competente" e il sigillo , o timbro o logo ufficiali.'

5)

L'appendice V "CERTIFICATO PER I CENTRI AEROMEDICI" (AeMC) è sostituita dalla seguente:

«Appendice V DELL'ALLEGATO VI, PARTE ARA

Image

6)

Il contenuto dell'appendice VI è soppresso e sostituito dal seguente:

'(PAGINA IN BIANCO)'


Top