Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 52018DC0491

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE RELAZIONE ANNUALE 2017 SUI RAPPORTI TRA LA COMMISSIONE EUROPEA E I PARLAMENTI NAZIONALI

COM/2018/491 final

Bruxelles, 23.10.2018

COM(2018) 491 final

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

RELAZIONE ANNUALE 2017


SUI RAPPORTI TRA LA COMMISSIONE EUROPEA E I PARLAMENTI NAZIONALI



RELAZIONE ANNUALE 2017
SUI RAPPORTI TRA LA COMMISSIONE EUROPEA E I PARLAMENTI NAZIONALI

1.INTRODUZIONE

I rapporti tra i parlamenti nazionali e la Commissione europea rimangono anche nel 2017 intensi e proficui, sia per quanto riguarda le visite e gli incontri tra i membri della Commissione e i membri dei parlamenti nazionali, sia per il numero dei pareri espressi da questi ultimi nell'ambito del meccanismo di controllo della sussidiarietà o del "dialogo politico".

I parlamenti nazionali hanno partecipato attivamente al dibattito sul futuro dell'Europa, che è stato avviato con il Libro bianco della Commissione nel marzo 2017 e i cinque successivi documenti di riflessione, per i quali la Commissione ha ricevuto complessivamente 23 pareri prima della fine del 2017. Tra le politiche che hanno dato luogo al maggior numero di pareri espressi dai parlamenti nazionali si annoverano l'Unione dell'energia, la mobilità per il trasporto su strada e i servizi pubblici. Anche la sicurezza, la migrazione e l'asilo rimangono temi importanti dei pareri e dei dibattiti parlamentari, al pari del mercato interno e degli affari sociali. La Brexit è stata oggetto di un parere congiunto degli Stati di Visegrad e di 16 pareri della House of Lords.

Il ruolo cruciale svolto dai parlamenti nazionali, già previsto dalla priorità n. 10 della Commissione "Un'Unione di cambiamento democratico", è stato ribadito dal presidente Juncker nel discorso sullo stato dell'Unione pronunciato nel settembre 2017. In tale occasione il presidente ha ricordato che i parlamenti nazionali hanno il compito di intensificare il lavoro sul futuro dell'Europa, e ha promesso di tenerli pienamente informati sin dall'inizio (insieme ai parlamenti regionali) sui negoziati per gli accordi commerciali. Anche i parlamenti regionali con poteri legislativi continuano a esercitare il controllo di sussidiarietà e a partecipare al dibattito sulle questioni politiche e istituzionali che competono loro.

Uno dei principali obiettivi della task force per la sussidiarietà e la proporzionalità e per "fare meno in modo più efficiente", istituita dal presidente Juncker nel novembre 2017, era inoltre quello di proporre soluzioni per un maggiore coinvolgimento dei parlamenti nazionali e delle autorità locali e regionali nella preparazione e nell'attuazione della legislazione dell'UE. La task force, guidata dal primo vicepresidente, ha presentato la propria relazione alla Commissione il 10 luglio 2018 1 .

La presente relazione è incentrata sul dialogo politico tra la Commissione e i parlamenti nazionali, che è stato avviato nel 2006. Il meccanismo di controllo della sussidiarietà, che conferisce ai parlamenti nazionali il diritto di valutare se le proposte legislative, nei settori che non sono di competenza esclusiva dell'Unione europea, rispettano il principio di sussidiarietà, viene esaminato nella relazione annuale 2017 in materia di sussidiarietà e proporzionalità 2 . Quest'ultima relazione viene pubblicata in parallelo e deve essere ritenuta complementare alla presente relazione.

2.DIALOGO POLITICO CON I PARLAMENTI NAZIONALI

a. Osservazioni generali sui pareri scritti 

Nel 2017 i parlamenti nazionali hanno presentato alla Commissione 576 pareri (tra cui 52 pareri motivati). Si registra dunque un modesto calo, pari al 7 %, rispetto al 2016, anno in cui i parlamenti nazionali hanno emesso 620 pareri. Nel 2017 il numero dei pareri motivati presentati (52) è stato inferiore del 20 % rispetto a quello del 2016 (65 pareri motivati), ma la percentuale è rimasta simile (9-10,5 % del numero totale dei pareri).

b. Partecipazione e portata

Al pari degli anni precedenti, si sono registrate sostanziali differenze tra i diversi parlamenti nazionali per quanto riguarda il numero di pareri trasmessi alla Commissione. Le 10 camere più attive hanno emesso il 74 % circa dei pareri (ossia 424 pareri), una percentuale assai simile a quella osservata in precedenza (73 % nel 2016, 70 % nel 2015).

La camera che ha presentato il maggior numero di pareri nel 2017 è stata l'Assembleia da República portoghese. I suoi 64 pareri costituiscono l'11 % circa del numero totale di pareri ricevuti. Gli altri parlamenti o camere nazionali che hanno inviato il maggior numero di pareri nel 2016 sono stati i più attivi anche nel 2017: il Senato della Repubblica italiano (56 pareri); il Senát ceco(53 pareri), la Camera dei Deputati italiana (45 pareri), il Bundesrat tedesco (43 pareri), la Camera Deputaților romena (41 pareri), le Cortes Generales spagnole (38 pareri) 3 , il Senat romeno (33 pareri), il Sénat francese (29 pareri) e la House of Lords britannica (22 pareri). Per informazioni dettagliate, cfr. l'allegato 1.

c. Argomenti principali dei pareri nel dialogo politico

I seguenti pacchetti legislativi, insieme alla serie di documenti di riflessione che hanno fatto seguito al Libro bianco sul futuro dell'Europa, sono stati tra quelli che hanno suscitato maggiore attenzione da parte dei parlamenti nazionali (per ulteriori informazioni, cfr. l'allegato 2):

-Libro bianco sul futuro dell'Europa e documenti di riflessione 4 – 23 pareri;

-pacchetto "Energia pulita per tutti gli europei" 5 – 62 pareri su diversi elementi del pacchetto;

-pacchetto servizi 6 – 22 pareri;

-pacchetto mobilità "L'Europa in movimento" 7 – 21 pareri.

·Libro bianco sul futuro dell'Europa e documenti di riflessione

Il 1° marzo 2017 la Commissione ha adottato un Libro bianco sul futuro dell'Europa 8 , che delinea cinque diversi scenari della possibile evoluzione dell'Unione europea a 27 entro il 2025 e si propone di avviare un processo di riflessione, dibattito e decisione sul futuro dell'Unione. Il Libro bianco è stato integrato da cinque documenti di riflessione su questioni specifiche:

·il documento di riflessione sulla dimensione sociale dell'Europa 9 , adottato il 26 aprile 2017, offre alcune opzioni sui possibili sviluppi futuri della dimensione sociale dell'Europa;

·il documento di riflessione sulla gestione della globalizzazione 10 , adottato il 10 maggio 2017, esamina il modo in cui l'Unione europea può gestire al meglio la globalizzazione e rispondere alle relative opportunità e sfide;

·il documento di riflessione sull'approfondimento dell'Unione economica e monetaria 11 , adottato il 31 maggio 2017, intende stimolare il dibattito sull'Unione economica e monetaria e la sua futura architettura;

·il documento di riflessione sul futuro della difesa europea 12 , adottato il 7 giugno 2018, traccia i possibili scenari per il futuro della difesa europea;

·il documento di riflessione sul futuro delle finanze dell'UE 13 , adottato il 28 giugno 2018, presenta varie possibilità e opzioni di riforma, delineando opportunità, rischi e compromessi per il futuro del bilancio dell'UE.

Nel 2017 otto parlamenti nazionali 14 hanno presentato un totale di 23 pareri sul Libro bianco e/o sui documenti di riflessione.

Cinque pareri 15 riguardavano il Libro bianco, e sottolineavano in modo particolare la necessità di ottenere un più ampio sostegno per le politiche dell'Unione da parte dei cittadini, nonché di mantenere l'unità dell'Unione europea e respingere un'Europa a più velocità. Alcuni pareri hanno formulato idee sul modo di coinvolgere maggiormente i parlamenti nazionali nella preparazione e nell'attuazione delle politiche dell'Unione, nonché nel controllo della sussidiarietà. Nelle sue risposte la Commissione ha spiegato che il Libro bianco si proponeva di avviare un dibattito a tutto campo con i cittadini per avvicinarli all'Europa, e ha accennato all'organizzazione dei dibattiti sul futuro dell'Europa e al ruolo svolto a tal proposito dai parlamenti nazionali. Ha chiarito altresì che, come già dichiarato nel Libro bianco, ogni scenario presuppone, come punto di partenza, che i 27 Stati membri procedano insieme nel loro cammino come Unione. Inoltre, sebbene i trattati vigenti consentano varie forme di cooperazione in raggruppamenti di diversi Stati membri, tale possibilità non dev'essere presentata né concepita come un nuovo elemento che comprometta l'unità dell'Unione.

Sono stati presentati due pareri 16 in merito al documento di riflessione sulla dimensione sociale dell'Europa: uno sottolinea l'importanza della dimensione sociale dell'Unione e il ruolo che essa dovrebbe svolgere nel rafforzare la competitività dell'Unione stessa, mentre l'altro rimette in discussione la scelta degli scenari presentati dal documento. La Commissione ha risposto sottolineando che l'"Europa sociale" e gli investimenti sociali costituiscono questioni prioritarie nella sua agenda, e ha spiegato che i possibili scenari illustrati dal documento non intendevano limitare il dibattito, ma semplicemente considerare diverse possibilità. 

I tre pareri 17 presentati in merito al documento di riflessione sulla gestione della globalizzazione sottolineavano in modo particolare l'importanza degli accordi commerciali per favorire l'occupazione e la crescita nell'Unione europea, della cibersicurezza e della creazione di un contesto imprenditoriale che stimoli l'innovazione, nonché il ruolo dei fondi strutturali e di investimento per far fronte agli aspetti negativi della globalizzazione. La Commissione ha risposto a tali osservazioni e ha accolto con favore l'apprezzamento espresso dai parlamenti nazionali in relazione agli sforzi profusi, a livello di Unione europea, per affrontare le sfide e cogliere le opportunità della globalizzazione e plasmarle a vantaggio dei cittadini europei.

Tutti e cinque i pareri 18 presentati in merito al documento di riflessione sull'approfondimento dell'Unione economica e monetaria provenivano da Stati membri che attualmente non fanno parte della zona euro. I pareri menzionano la tempistica delle diverse misure indicate nel documento di riflessione, il rischio di un divario tra gli Stati membri in seguito all'istituzione di un bilancio per la zona euro e la necessità di rispettare l'integrità del mercato interno, la partecipazione dei parlamenti nazionali e varie questioni tecniche. Nelle risposte la Commissione ha chiarito soprattutto la sequenza delle misure previste, che saranno realizzate in due fasi (una da concludersi nel 2019 e l'altra nel 2025); ha evidenziato il proprio impegno a favore dell'unità dell'Unione europea e ha ricordato di aver offerto, agli Stati membri che non hanno ancora adottato l'euro, l'assistenza tecnica e finanziaria necessaria per consentire loro di farlo, godendo appieno dei benefici offerti dall'adesione all'UE. 

Sono stati presentati quattro pareri 19 in merito al documento di riflessione sul futuro della difesa europea, che sottolineano la complementarità tra l'Unione europea e la NATO e manifestano preoccupazioni sull'accesso al Fondo europeo per la difesa e al relativo finanziamento. La Commissione ha risposto concordando sulla necessità di evitare duplicazioni con la NATO e ha spiegato che i programmi e gli strumenti sviluppati nell'ambito del Fondo europeo per la difesa sarebbero stati inclusivi e aperti alla partecipazione dei beneficiari di tutti gli Stati membri, tra cui le piccole e medie imprese, e non avrebbero influito negativamente sui programmi esistenti.

I quattro pareri 20 concernenti il documento di riflessione sul futuro delle finanze dell'UE contengono osservazioni o suggerimenti dettagliati su diversi aspetti del futuro quadro finanziario pluriennale, tra cui spesa, entrate, andamento generale e volume, nonché sulla durata che i parlamenti nazionali ritengono preferibile per questo quadro finanziario pluriennale. Alcuni parlamenti nazionali, inoltre, hanno messo in evidenza la complementarità tra i bilanci nazionali e quello dell'Unione europea per il conseguimento dei risultati che più contano per i cittadini europei. La Commissione ha apprezzato queste osservazioni, giudicandole contributi importanti per preparare le proposte del maggio 2018 concernenti il prossimo quadro finanziario pluriennale.

·Pacchetto "Energia pulita per tutti gli europei"

Come ha annunciato nella sua strategia dell'Unione dell'energia, il 30 novembre 2016 la Commissione ha presentato il pacchetto "Energia pulita per tutti gli europei", che consiste in una comunicazione 21 e otto proposte legislative 22 , quattro delle quali riguardano l'approvvigionamento di energia elettrica. Le misure proposte dalla Commissione mirano ad accelerare, trasformare e consolidare la transizione dell'economia dell'Unione all'energia pulita, creando posti di lavoro e favorendo la crescita nell'ambito di settori economici e modelli imprenditoriali nuovi. Le proposte del pacchetto riguardano l'efficienza energetica, le energie rinnovabili, l'assetto del mercato dell'energia elettrica, la sicurezza dell'approvvigionamento elettrico e le norme sulla governance per l'Unione dell'energia. Inoltre, la Commissione ha proposto una nuova soluzione per la progettazione ecocompatibile e una strategia per la mobilità connessa e automatizzata.

Nel 2017 i parlamenti nazionali hanno presentato in totale 62 pareri 23 , tra cui 19 pareri motivati 24 , su singoli documenti del pacchetto. La maggioranza dei pareri, che coprono un'ampia gamma di tematiche, condivide il contenuto delle proposte del pacchetto. Eccezion fatta per le preoccupazioni in materia di sussidiarietà, riguardanti soprattutto la proposta sul mercato interno dell'energia elettrica, le camere parlamentari si sono concentrate sui seguenti fattori: la necessità di un'equa distribuzione tra Stati membri in vista del momento in cui l'Unione conseguirà il proprio obiettivo nel campo delle energie rinnovabili; la presunta interferenza della proposta sulle energie rinnovabili con la libertà degli Stati membri di scegliere il proprio mix energetico; i contributi nazionali al conseguimento dell'obiettivo dell'UE. Le camere hanno manifestato altre preoccupazioni per quanto riguarda i poteri conferiti all'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia e il nuovo processo decisionale proposto per il comitato dei regolatori dell'Agenzia; hanno inoltre messo in discussione l'istituzione di centri operativi regionali nel mercato interno dell'energia elettrica. Alcune camere hanno anche manifestato preoccupazione per gli obblighi imposti ai proprietari e ai locatari dalla proposta che modifica la direttiva sulla prestazione energetica nell'edilizia.

Nelle sue risposte, la Commissione ha trattato le varie argomentazioni avanzate dai parlamenti nazionali, e ha respinto l'idea che il pacchetto contenesse proposte tali da mettere a rischio le prerogative degli Stati membri di decidere in merito al proprio mix energetico. Per quanto riguarda la proposta sull'efficienza energetica, la Commissione ha confermato che essa è stata articolata in modo da offrire agli Stati membri una flessibilità sufficiente ad adottare misure che consentano una maggiore diffusione delle energie rinnovabili nel settore. Quanto ai centri operativi regionali, la Commissione ha dichiarato che era necessario istituire enti regionali operanti nell'interesse dell'intera regione, al fine di evitare l'applicazione di soluzioni inefficienti a livello regionale a causa di un mancato accordo tra i gestori dei sistemi di trasmissione.

·Pacchetto servizi

25 26 Il 10 gennaio 2017, nell'ambito della tabella di marcia definita dalla strategia per il mercato unico, la Commissione ha presentato le proposte sul pacchetto servizi, allo scopo di sfruttare appieno il potenziale del mercato unico. Il pacchetto servizi comprende una comunicazione relativa alle raccomandazioni di riforma per la regolamentazione dei servizi professionali e quattro iniziative legislative: una proposta di regolamento che introduce una carta elettronica europea dei servizi, una proposta di direttiva relativa al quadro giuridico e operativo della carta elettronica europea dei servizi, una proposta di direttiva relativa a un test della proporzionalità prima dell'adozione di una nuova regolamentazione delle professioni e una proposta di direttiva che istituisce una procedura di notifica dei regimi di autorizzazione e dei requisiti relativi ai servizi. Le proposte relative alla carta elettronica mirano a semplificare il rispetto delle formalità amministrative da parte dei fornitori di servizi, mentre le proposte sulla procedura di notifica riveduta e sull'analisi della proporzionalità intendono garantire che le nuove misure introdotte dagli Stati membri siano conformi al diritto dell'UE e tengano conto delle esperienze e delle buone prassi di altri Stati membri. Tutte le proposte mirano a una migliore applicazione delle norme vigenti nell'UE nel settore dei servizi, giacché è stato dimostrato che la loro piena attuazione imprimerebbe una spinta significativa all'economia dell'UE.

27 Nel 2017 i parlamenti nazionali hanno presentato in totale 22 pareri sull'intero pacchetto o su alcune delle proposte, tra cui 14 pareri motivati. Eccezion fatta per questi ultimi, la maggioranza dei parlamenti nazionali si è detta d'accordo con la valutazione formulata dalla Commissione, secondo la quale occorre favorire la libera prestazione di servizi, ridurre la burocrazia e sviluppare ulteriormente il mercato unico dell'UE. Alcuni hanno manifestato timori ritenendo ingiustificata la rimozione di tutti gli ostacoli giuridici alla libera circolazione di professionisti e all'insediamento delle imprese, allo scopo di stimolare l'attività economica, poiché tali misure metterebbero a rischio l'esistenza di alcuni settori e professioni, data la loro specificità.

Nelle sue risposte la Commissione ha spiegato che quasi 50 milioni di persone, ossia il 22 % della forza lavoro europea, svolgono professioni cui si può accedere a condizione di possedere qualifiche specifiche o per le quali è prevista la protezione di un titolo specifico, per esempio quella di farmacista o di architetto. La regolamentazione è spesso giustificata per una serie di professioni, per esempio quelle correlate alla sicurezza e alla sanità pubblica. Tuttavia la mobilità dei professionisti e l'accesso di candidati qualificati a tali professioni potrebbero essere ostacolati da norme inutilmente onerose e datate, anche a danno dei consumatori.

·L'Europa in movimento – Pacchetto Mobilità

Il 31 maggio 2017 la Commissione ha presentato un "Pacchetto mobilità" per il trasporto su strada, che consiste di otto proposte legislative 28 , volte a: migliorare le condizioni di concorrenza nel settore, le condizioni di lavoro dei conducenti e la sicurezza stradale; ridurre le emissioni e altre esternalità negative del trasporto su strada; semplificare e chiarire le norme esistenti; aumentare l'efficienza dell'applicazione; e tagliare gli oneri amministrativi.

29 30 Nel 2017, i parlamenti nazionali hanno presentato in totale 21 pareri, tra cui due pareri motivati, sull'intero pacchetto o su alcune delle proposte. La maggioranza dei parlamenti nazionali si è dichiarata a favore degli obiettivi del pacchetto, sebbene alcuni abbiano espresso preoccupazioni per la parte concernente le norme per conducenti in materia sociale, e altri per la liberalizzazione del cabotaggio. Hanno suscitato perplessità anche la riduzione dell'autonomia degli Stati membri e la discrezionalità politica in materia di pedaggi stradali.

Rispondendo alle specifiche preoccupazioni manifestate, la Commissione ha sottolineato la coerenza del pacchetto e in particolare l'importanza che norme sociali adeguate (in particolare le condizioni di riposo) rivestono per la sicurezza stradale, nonché quella di un approccio equilibrato tra protezione del diritto dei conducenti a un salario dignitoso e necessità di garantire un buon funzionamento del mercato interno. Quanto al cabotaggio, la Commissione ha spiegato che le proposte non intendono né aprire il mercato, né chiuderlo rispetto alla situazione attuale, ma piuttosto agevolarne l'applicazione, senza peraltro limitare il margine di manovra degli Stati membri nel settore della fiscalità.

d. Pareri congiunti d'iniziativa

Nel 2017 la Commissione ha ricevuto dai parlamenti nazionali quattro pareri congiunti d'iniziativa, concernenti soprattutto le principali questioni istituzionali dell'Unione europea.

31 Il parere d'iniziativa firmato da 26 parlamenti/camere in materia di trasparenza del processo decisionale politico nell'UE (dopo la presentazione in sede di riunione plenaria della COSAC, effettuata dalla Tweede Kamer olandese), invita in particolare a rendere immediatamente pubblici i documenti legislativi del Consiglio, esorta il Consiglio stesso ad adottare norme specifiche in materia di comunicazione sulle deliberazioni legislative, e afferma la necessità di formalizzare le riunioni informali del Consiglio europeo o del Consiglio (per esempio quando questo si riunisce nel formato Brexit UE-27), nonché le riunioni dell'Eurogruppo, anche applicando al proprio interno il regolamento 1049/2001 sull'accesso ai documenti.

La Commissione ha risposto osservando che il rafforzamento della trasparenza costituisce una delle sue priorità principali, che è già stata messa in pratica tramite numerose iniziative e misure adottate per rendere più aperto e trasparente il processo legislativo preparatorio. Ha inoltre incoraggiato gli sforzi miranti ad aumentare la trasparenza del processo legislativo e si è detta pronta a sostenere eventuali misure che i colegislatori potrebbero introdurre in materia.

Ecco gli altri pareri congiunti d'iniziativa ricevuti nel 2017:

-due pareri firmati da sei parlamenti/camere dei paesi del gruppo di Visegrad, contenenti le conclusioni delle riunioni congiunte delle loro commissioni sugli affari europei in materia di rafforzamento del ruolo dei parlamenti nazionali nell'UE, Brexit, futuro dell'Europa e duplice livello di qualità nei prodotti alimentari. 

-una dichiarazione congiunta sul futuro della politica agricola comune per il 2020, cofirmata dal Sénat, francese, dal Dáil irlandese, dal Senato della Repubblica italiano e dal Senat polacco.

3.RUOLO DEI PARLAMENTI REGIONALI

32 I parlamenti regionali contribuiscono indirettamente alle relazioni della Commissione con i parlamenti nazionali. Secondo il protocollo n. 2 dei trattati sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e proporzionalità, nello svolgere il controllo di sussidiarietà dei progetti di atti legislativi dell'UE in vista del rilascio di pareri motivati, i parlamenti nazionali consultano, se del caso, i parlamenti regionali dotati di poteri legislativi. Membri dei parlamenti regionali sono presenti anche nel Comitato delle regioni, che svolge attività di controllo attraverso la rete di monitoraggio della sussidiarietà e la sua piattaforma online progettata per sostenere la partecipazione dei parlamenti delle regioni con poteri legislativi al meccanismo di allarme preventivo sulla sussidiarietà (REGPEX). L'attività del Comitato delle regioni per il controllo della sussidiarietà è descritta in maggiore dettaglio nella relazione annuale 2017 in materia di sussidiarietà e proporzionalità.

Nel 2017, 30 dei 66 contributi presentati in totale dai partner REGPEX provenivano dai parlamenti regionali. I parlamenti regionali più attivi sono stati l'assemblea legislativa regionale dell'Emilia Romagna (nove pareri) e il parlamento del Land della Turingia (sette pareri). Le proposte che hanno suscitato il maggior numero di reazioni da parte dei parlamenti regionali sono il "Pacchetto servizi" (cinque) e la proposta relativa all'equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza (tre).

Sebbene non esistano disposizioni esplicite nei trattati per un'interazione diretta tra la Commissione e i parlamenti regionali, taluni di essi, e in particolare alcuni parlamenti di Länder in Austria e Germania, hanno presentato nel 2017 una serie di pareri alla Commissione commentando vari aspetti relativi alla sussidiarietà ma anche alle proposte della Commissione. La Commissione ha preso nota di tutte le questioni sollevate, affrontandole in generale nelle risposte trasmesse ai parlamenti regionali.

I firmatari della "dichiarazione di Heiligendamm" 33 del 2015 hanno adottato due dichiarazioni nel 2017. Nella "dichiarazione di Feldkirch" 34 del 13 giugno 2017, i presidenti dei parlamenti tedeschi e austriaci con poteri legislativi 35 sottolineano l'importante ruolo dei parlamenti regionali per l'attuazione delle politiche dell'Unione e il collegamento con i cittadini dell'UE. Essi si impegnano a rafforzare il dialogo con le istituzioni europee e le invitano a coinvolgere più intensamente i parlamenti regionali nei propri dibattiti (compreso quello sul futuro d'Europa), anche fornendo i documenti in tedesco.

Lo stesso gruppo ha adottato la "dichiarazione di Bruxelles" 36 in occasione della conferenza sul futuro dell'Europa tenutasi a Bruxelles nel novembre 2017, alla quale ha partecipato il capo di gabinetto del presidente Juncker, che ha illustrato il lavoro svolto dalla Commissione in tema di futuro dell'Europa, sussidiarietà e proporzionalità. La dichiarazione di Bruxelles ribadisce la necessità di rispettare scrupolosamente il principio di sussidiarietà e propone modifiche della procedura di controllo della sussidiarietà, tra cui l'estensione del periodo di controllo di otto settimane e l'abbassamento della soglia per l'avvio delle procedure di cartellino "giallo" e "arancione". Propone di discutere il futuro dell'Europa, non in termini astratti bensì in relazione a politiche concrete, ed elenca una serie di settori in cui scorge un evidente valore aggiunto dell'azione a livello di Unione. La dichiarazione invita anche ad ampliare i diritti istituzionali degli organismi legislativi a livello subnazionale (tra l'altro potenziando il ruolo del comitato delle regioni) e a rafforzarne la funzione nel quadro dei processi consultivi della Commissione.

Nel discorso sullo stato dell'Unione, pronunciato il 13 settembre 2017, il presidente Juncker ha sottolineato l'importante ruolo svolto dai parlamenti nazionali e regionali nel contesto degli accordi commerciali; egli ha affermato la necessità di mantenerli informati sin dall'inizio dei negoziati, al pari dei deputati al Parlamento europeo.

Nel corso dell'anno il presidente Juncker ha incontrato anche i rappresentanti di numerosi governi e parlamenti regionali, tra cui quelli di Baden-Württemberg, Bassa Sassonia, Sassonia, Turingia (Germania), Austria superiore, Tirolo (Austria), Paese basco, Comunità valenciana (Spagna), Fiandre, Federazione Vallonia-Bruxelles (Belgio) e Île de France (Francia). Altri membri della Commissione hanno tenuto riunioni analoghe con i governi e i parlamenti regionali di Belgio, Francia, Germania, Grecia, Italia, Austria e Spagna.

Mappa: numero totale di visite e riunioni dei membri della Commissione presso Parlamenti nazionali nel 2017: 215

4.VISITE E CONTATTI BILATERALI

Analogamente agli anni precedenti, nel 2017 i membri della Commissione hanno svolto visite a quasi tutti i parlamenti nazionali. Molte camere hanno ricevuto più di una visita dal presidente Juncker, dal primo vicepresidente Timmermans, dai vicepresidenti o dai commissari. Inoltre, molti parlamenti nazionali hanno inviato delegazioni a Bruxelles per incontrare i membri della Commissione. In totale, nel 2017 si sono svolte più di 190 visite e riunioni. Anche Michel Barnier, capo negoziatore della task force della Commissione per la preparazione e lo svolgimento dei negoziati con il Regno Unito ai sensi dell'articolo 50 del TUE, ha incontrato vari parlamenti nazionali per informarli in merito ai negoziati. Durante il 2017, funzionari della Commissione, generalmente di alto rango, hanno partecipato a oltre 80 riunioni di commissioni dei parlamenti nazionali per discutere proposte legislative a un livello più tecnico. Inoltre, i funzionari della Commissione sono stati invitati a illustrare iniziative fondamentali o importanti tematiche (come la Brexit) in 18 riunioni dei rappresentanti permanenti dei parlamenti nazionali insediati a Bruxelles. Infine, i funzionari dei semestri europei, insediati nelle rappresentanze della Commissione negli Stati membri, sono rimasti in contatto con i parlamenti nazionali in merito al semestre europeo e ad altre questioni economiche.

5.PRINCIPALI RIUNIONI E CONFERENZE

Nel corso del 2017 la Commissione ha continuato a coinvolgere i parlamenti nazionali partecipando a una serie di importanti incontri e conferenze interparlamentari 37 , tra cui la Conferenza degli organi parlamentari specializzati negli affari dell'Unione (COSAC) 38 , la Conferenza dei presidenti dei parlamenti dell'Unione europea, la settimana parlamentare europea 39 , la Conferenza interparlamentare sulla stabilità, il coordinamento economico e la governance 40 e le Conferenze interparlamentari per la politica estera e di sicurezza comune e per la politica di sicurezza e di difesa comune (PESC/PESD) 41 .

Conferenza degli organi parlamentari specializzati negli affari dell'Unione (COSAC)

Nel 2017 la Commissione è stata rappresentata alle riunioni della COSAC e ha fornito una risposta scritta ai contributi adottati dalla COSAC nelle sue due riunioni plenarie tenutesi nel corso dell'anno 42 . Nella riunione dei presidenti della COSAC, tenuta a La Valletta (Malta) il 23 gennaio 2017, cui ha partecipato il primo vicepresidente della Commissione, i delegati hanno discusso il programma di lavoro 2017 della Commissione, le sfide connesse alla Brexit e le modalità di risposta all'apparente mancanza di fiducia nel progetto europeo, manifestata da molti cittadini.

Il primo vicepresidente ha partecipato anche alla LVII riunione plenaria della COSAC svoltasi nel maggio 2017, nel corso della quale è proseguito il dibattito sul ruolo dei parlamenti nazionali e sul modo in cui una maggiore trasparenza da parte del Consiglio e del Parlamento, sulla scia dell'esempio della Commissione, potrebbe contribuire a ripristinare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni dell'UE. Altri dibattiti si sono imperniati sull'attuale situazione della Brexit, con la partecipazione del capo negoziatore della Commissione, e su una politica marittima integrata dell'Unione europea più sostenibile.

La riunione dei presidenti della COSAC, tenuta a Tallinn (Estonia) il 10 luglio 2017, ha offerto l'occasione per discutere le priorità della presidenza estone. È stato esaminato anche il sostegno dell'Unione alla crescita delle imprese in fase di avviamento e di espansione.

Nella LVIII riunione plenaria, svoltasi a Tallinn dal 26 al 28 novembre, la COSAC ha discusso un ampio ventaglio di argomenti, tra cui il futuro dell'Unione europea, concentrandosi in particolare sulle conseguenze della Brexit, anche in questo caso con la partecipazione del capo negoziatore della Commissione. Sono state anche esaminate le modalità con cui i parlamenti nazionali possono più efficacemente condividere le buone prassi per avvicinare l'Unione europea ai cittadini. Alcuni dibattiti sono stati dedicati al mercato unico digitale, con particolare riguardo alle esperienze relative alla transizione dell'Estonia alla digitalizzazione dell'economia e della pubblica amministrazione, nonché alla dimensione esterna della migrazione. Julian King, commissario per l'Unione della sicurezza, ha illustrato le attuali iniziative dell'Unione in questo campo. È stata inoltre discussa la partecipazione dei parlamenti nazionali alla task force per la sussidiarietà e la proporzionalità e per "fare meno in modo più efficiente".

Conferenza dei presidenti dei parlamenti dell'Unione europea

La Conferenza dei presidenti dei parlamenti dell'Unione europea 43 ha avuto luogo a Bratislava il 24 e il 25 aprile 2017. Nel suo discorso iniziale in occasione della conferenza, il vicepresidente Katainen ha caldamente incoraggiato i parlamenti nazionali a coinvolgere i cittadini e a condividere le proprie opinioni in merito al Libro bianco sul futuro dell'Europa. La Conferenza ha adottato le modalità definitive del gruppo di controllo parlamentare congiunto su Europol. Il gruppo, composto da deputati dei parlamenti nazionali e al Parlamento europeo, e mirante a garantire l'adeguato controllo democratico delle attività di Europol, si è riunito per la prima volta il 9 ottobre 2017.

6.CONCLUSIONI E PROSPETTIVE

Nel 2017 il dialogo politico tra Commissione e parlamenti nazionali è proseguito sulla scia del 2016, sia per quanto riguarda l'elevato numero dei pareri presentati dai parlamenti nazionali, sia per le frequenti riunioni che si sono svolte tra questi e i membri del Collegio. Come negli anni precedenti, il numero dei pareri motivati (52) rispetto al numero totale dei pareri presentati (576) indica il costante interesse con cui i parlamenti nazionali si impegnano su questioni che vanno al di là degli aspetti di sussidiarietà delle iniziative della Commissione, fornendo un prezioso contributo sul contenuto di queste iniziative. Oltre a impegnarsi sulle iniziative presenti nei programmi annuali della Commissione, i parlamenti nazionali hanno dedicato la propria attenzione a tematiche trasversali e in particolare alla riflessione sul futuro dell'Unione europea a 27, nonché sulle sfide più importanti che attendono l'Europa come la sicurezza, i problemi economici e le conseguenze della Brexit. Nel 2017 i parlamenti nazionali hanno intensificato gli sforzi per presentare le proprie opinioni in pareri congiunti, impegnandosi maggiormente per coordinare il proprio contributo al dialogo politico con la Commissione.

Nel gennaio 2018 sono iniziati i lavori della task force per la sussidiarietà e la proporzionalità e per "fare meno in modo più efficiente", con la partecipazione di rappresentanti dei parlamenti nazionali e del Comitato delle regioni. La task force ha rinnovato l'interesse dei parlamenti nazionali e regionali per una discussione, anche a livello di COSAC, sul loro ruolo nel controllo della sussidiarietà e più in generale sulle questioni dell'UE, così da rinsaldare il legame tra istituzioni dell'Unione e cittadini. La task force ha anche cercato di individuare i settori d'intervento per i quali, in futuro, il processo decisionale e/o l'attuazione potrebbero essere riattribuiti, in tutto o in parte, o restituiti in via definitiva agli Stati membri, o per i quali la legislazione vigente dovrebbe essere riesaminata o addirittura abrogata. Nella relazione finale 44 , presentata al presidente Juncker il 10 luglio 2018, la task force ha avanzato proposte di miglioramento, all'interno del quadro vigente, per il coinvolgimento dei parlamenti nazionali e regionali, e delle autorità regionali e locali, nella preparazione e nell'attuazione della legislazione dell'Unione, e ha indicato quei miglioramenti che richiederebbero una modifica dei trattati. Nel contesto delle riflessioni e degli scenari riguardanti l'Unione europea a 27 Stati membri, oltre che nella prospettiva del 2025, la Commissione ha dato una prima risposta al lavoro della task force in una comunicazione, adottata insieme alla presente relazione 45 , che include la sua visione dell'ulteriore sviluppo dei rapporti tra Commissione europea e parlamenti nazionali entro la fine del 2018.

(1)     https://ec.europa.eu/commission/sites/beta-political/files/report-task-force-subsidiarity-proportionality-doing-less-more-efficiently_1.pdf  
(2)    COM(2018) 490.
(3)    Considerati come 38 pareri congiunti da due camere.
(4)    COM(2017) 2025 final del 1° marzo 2017 e COM(2017) 206 del 26 aprile 2017; COM(2017) 240 del 10 maggio 2017; COM(2017) 291 del 31 maggio 2017; COM(2017) 315 del 7 giugno 2017; COM(2017) 358 del 28 giugno 2017.
(5)    COM(2016) 759, 761, 763, 765 e 767 e COM(2016) 861, 862, 863 e 864 del 30 novembre 2016.
(6)    COM(2016) 820, 821, 822, 823 e 824 del 10 gennaio 2017.
(7)    COM(2016) 275, 276, 277, 278, 279, 280, 281 e 282 del 31 maggio 2017.
(8)    COM(2017) 2025.
(9)    COM(2017) 206.
(10)    COM(2017) 240.
(11)    COM(2017) 291.
(12)    COM(2017) 315.
(13)    COM(2017) 358.
(14)    Bundesrat austriaco, Poslanecká sněmovna ceca, Senát ceco, Hrvatski Sabor croato, Senato della Repubblica italiano, Camera Deputaților romena, Senat romeno, Riksdag svedese.
(15)    Bundesrat austriaco, Senát ceco, Hrvatski Sabor croato, Camera Deputaților romena, Riksdag svedese
(16)    Senát ceco, Camera Deputaților romena.
(17)    Poslanecká sněmovna ceca, Camera Deputaților romena, Riksdag svedese.
(18)    Poslanecká sněmovna ceca, Senát ceco, Camera Deputaților romena, Senat romeno, Riksdag svedese.
(19)    Senát ceco, Senato della Repubblica italiano, Camera Deputaților romena, Riksdag svedese.
(20)    Senát ceco, Camera Deputaților romena, Senat romeno, Riksdag svedese.
(21)    Comunicazione "Energia pulita per tutti gli europei"{COM(2016) 860 final}.
(22)    Proposta di regolamento sulla governance dell'Unione dell'energia {COM(2016) 759 final}; proposta di direttiva riveduta sull'efficienza energetica {COM(2016) 761 final}; proposta di direttiva riveduta sulla prestazione energetica nell'edilizia {COM(2016) 765 final}; proposta di rifusione della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul l'energia da fonti rinnovabili {COM(2016) 767 final}; proposta di rifusione del regolamento sul mercato interno dell'energia elettrica {COM(2016) 861 final}; proposta di regolamento sulla preparazione ai rischi nel settore dell'energia elettrica e che abroga la direttiva sulla sicurezza dell'approvvigionamento {COM(2016) 862 final}; proposta di rifusione del regolamento che istituisce un'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia (rifusione) {COM(2016) 863 final}; proposta di rifusione della direttiva relativa a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica (rifusione) {COM(2016) 864 final}.
(23)    Pareri provenienti dal Bundesrat austriaco (4 pareri), dal Senát ceco (3 pareri), dalla Poslanecká sněmovna ceca (5 pareri), dal Sénat francese (4 pareri), dal Bundesrat tedesco (4 pareri), dal Bundestag tedesco (2 pareri), dal Congreso de los Diputados/Senato spagnolo (4 pareri), dal Folketing danese (1 parere), dalla Eerste Kamer olandese (1 parere), dalla Tweede Kamer olandese (1 parere), dal Senato della Repubblica italiano (3 pareri), dalla Camera dei Deputati italiana (7 pareri), dallo Országgyűlés ungherese (2 pareri), dal Senat polacco (3 pareri), dal Sejm polacco (2 pareri), dall'Assembleia da República portoghese (5 pareri), dal Senat romeno (4 pareri), dalla Camera Deputaților romena (4 pareri), dalla Národná rada slovacca (3 pareri) e dal Riksdag svedese (1 parere).
(24)    Per informazioni sui pareri motivati concernenti il pacchetto, è possibile consultare la relazione annuale 2017 sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e proporzionalità: COM(2018) 490, sezione 3.1.
(25)    COM(2016) 820 del 10 gennaio 2017.
(26)    Rispettivamente COM(2016) 824, COM(2016) 823, COM(2016) 822 e COM(2016) 821 del 10 gennaio 2017.
(27)    Per ulteriori informazioni si rimanda alla relazione annuale in materia di sussidiarietà e proporzionalità, punto 3.2.
(28)    Proposte concernenti la tariffazione stradale (proposta di direttiva, COM (2017) 275 final), tassazione a carico di autoveicoli (proposta di direttiva, COM(2017) 276 final), norme per conducenti in materia sociale (proposta di regolamento, COM(2017) 277 final), distacco di conducenti (proposta di direttiva, COM(2017) 278 final), monitoraggio e comunicazione dei dati relativi alle emissioni di CO2 (proposta di regolamento, COM(2017) 279 final), l'interoperabilità dei sistemi di telepedaggio stradale (proposta di direttiva, COM(2017) 280 final), accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada (proposta di regolamento, COM(2017) 281 final) e il quadro per l'impiego di veicoli noleggiati per il trasporto di merci (proposta di direttiva, COM(2017) 282 final).
(29)    Pareri provenienti dal Bundesrat austriaco (2 pareri), dal Senát ceco (2 pareri), dalla Poslanecká sněmovna ceca (1 parere), dal Sénat francese (1 parere), dalla Tweede Kamer olandese (1 parere), dal Senato della Repubblica italiano (1 parere), dallo Országgyűlés ungherese (1 parere), dal Senat polacco (3 pareri), dall'Assembleia da República portoghese (2 pareri), dal Senat romeno (7 pareri).
(30)    Dal Bundesrat austriaco sulla COM (2017) 275 e dal Senat polacco sulla COM (2017) 278. 
(31)    Cfr.:  http://ec.europa.eu/dgs/secretariat_general/relations/relations_other/npo/docs/netherlands/own_initiative/ oi_transparency_of_political_decision_making_in_the_eu/oi_transparency_of_political_decision_making_in_the_eu_tweedekamer_opinion_en.pdf  
(32)    Articolo 6, primo comma, del Protocollo n. 2 sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità.
(33)    La "dichiarazione di Heiligendamm" del 16 giugno 2015 è stata adottata congiuntamente dai presidenti dei parlamenti dei Länder tedeschi e austriaci e del parlamento dell'Alto Adige. La dichiarazione richiede una maggiore inclusione dei parlamenti regionali con poteri legislativi nella vigilanza e nel controllo del principio di sussidiarietà e chiede che le risoluzioni adottate dai parlamenti regionali dotati di poteri legislativi nell'ambito del sistema di allarme preventivo sulla sussidiarietà siano menzionate dalla Commissione europea nei documenti ufficiali, quali le sue relazioni annuali sulla sussidiarietà e la proporzionalità e sui rapporti con i parlamenti nazionali.
(34)     https://www.bayern.landtag.de/aktuelles/presse/pressemitteilungen/pressemitteilungen-2017/landtagspraesidentenkonferenz-verabschiedet-europapolitische-erklaerung-von-feldkirch-barbara-stamm-gesetzgebende-regionen-staerker-in-bruessel-einbinden/
(35)      Hanno partecipato anche il parlamento dell'Alto Adige e il presidente della comunità germanofona del Belgio.
(36)       http://www.pdg.be/PortalData/34/Resources/dokumente/diverses/Bruesseler_Erklaerung.pdf
(37)    Per ulteriori dettagli su queste riunioni, si rimanda alla relazione 2017 del Parlamento europeo sulle relazioni tra il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali ai sensi del trattato di Lisbona:     http://www.europarl.europa.eu/relnatparl/en/about/annual-reports.html
(38)    La COSAC è l'unico forum interparlamentare sancito dai trattati, ai sensi del protocollo n. 1 sul ruolo dei parlamenti nazionali nell'Unione europea. Si è riunita in due occasioni in ciascuno degli Stati membri che hanno esercitato la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea nel 2017. In seno alla COSAC la Commissione ha lo status di osservatore.
(39)    Alla settimana parlamentare europea, tenutasi presso il Parlamento europeo il 30 gennaio e il 1° febbraio 2017, sono intervenuti Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'euro e il dialogo sociale e Pierre Moscovici, commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane. Per ulteriori informazioni: http://www.europarl.europa.eu/relnatparl/en/conferences/european-parliamentary-week.html
(40)    A questa conferenza, tenutasi a Tallinn il 30 e il 31 ottobre 2017, sono intervenuti Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'euro e il dialogo sociale, e Günther Oettinger, commissario per il Bilancio e le risorse umane. Per ulteriori informazioni: http://www.ipex.eu/IPEXL-WEB/conference/getconference.do?id=082dbcc55d1a225d015d1c0237bc00f5  
(41)    La decima e l'undicesima sessione congiunta di queste conferenze si sono svolte rispettivamente dal 26 al 28 aprile 2017 a La Valletta, e dal 7 al 9 settembre 2017 a Tallinn. Federica Mogherini, Alto rappresentante/vicepresidente della Commissione, ha partecipato a entrambe. Per ulteriori informazioni: http://www.ipex.eu/IPEXL-WEB/conference/getconference.do?id=082dbcc55898c90b01589adfe78c014b e http://www.ipex.eu/IPEXL-WEB/conference/getconference.do?id=082dbcc55d0fd5e3015d12272613017c
(42)    Il sito web della COSAC http://www.cosac.eu/en/ contiene relazioni dettagliate delle sue riunioni nonché copie dei contributi della COSAC e le relative risposte della Commissione.
(43)    La Conferenza è organizzata annualmente nello Stato membro che ha esercitato la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea nella seconda metà dell'anno precedente. Per la conferenza del 2017 cfr.  http://www.ipex.eu/IPEXL-WEB/euspeakers/getspeakers.do?id=082dbcc55898c90b01589abbb37500fa
(44)     https://ec.europa.eu/commission/sites/beta-political/files/report-task-force-subsidiarity-proportionality-doing-less-more-efficiently_1.pdf
(45)    COM(2018) 703.
Top

Bruxelles, 23.10.2018

COM(2018) 491 final

ALLEGATI

della

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE


SUI RAPPORTI TRA LA COMMISSIONE EUROPEA E I PARLAMENTI NAZIONALI


ALLEGATO 1

Numero di pareri ricevuti dalla Commissione nel 2017 per parlamento/camera nazionale (dialogo politico e meccanismo di controllo della sussidiarietà)

Stato membro

Camera

Numero
totale
dei pareri 1

Numero
di pareri
motivati
(protocollo n. 2) 2

Portogallo

Assembleia da República

64

0

Italia

Senato della Repubblica

56

1

Repubblica ceca

Senát

53

0

Italia

Camera dei Deputati

45

0

Germania

Bundesrat

43

3

Romania

Camera Deputaților

41

1

Spagna

Las Cortes Generales:
Senado de España e
Congreso de los Diputados

38 3

2

Romania

Senatul

33

2

Francia

Sénat

29

7

Regno Unito

House of Lords

22

0

Repubblica ceca

Poslanecká sněmovna

17

1

Svezia

Riksdag

17

4

Francia

Assemblée nationale

16

2

Austria

Bundesrat

14

6

Polonia

Senat Rzeczypospolitej Polskiej

14

4

Ungheria

Országgyűlés

8

2

Germania

Bundestag

6

6

Paesi Bassi

Eerste Kamer

6

2

Polonia

Sejm Rzeczypospolitej Polskiej

6

2

Irlanda

Houses of the Oireachtas:
Dáil e Seanad Éireann

6

1

Danimarca

Folketing

6

0

Slovacchia

Národná rada

6

0

Paesi Bassi

Tweede Kamer

5

2

Cipro

Vouli ton Antiprosopon /
Βουλή των Αντιπροσώπων

4

0

Regno Unito

House of Commons

3

2

Grecia

Vouli ton Ellinon

3

0

Irlanda

Houses of the Oireachtas:
Seanad Éireann

2

1

Belgio

Chambre des Représentants de Belgique / Belgische Kamer van volksvertegenwoordigers

2

0

Croazia

Hrvatski Sabor

2

0

Lituania

Seimas

2

0

Irlanda

Houses of the Oireachtas:
Dáil Éireann

1

1

Austria

Nationalrat

1

0

Belgio

Sénat de Belgique / Belgische Senaat

1

0

Bulgaria

Narodno Sabranie

1

0

Lussemburgo

Chambre des Députés

1

0

Malta

Kamra tad-Deputati

1

0

Slovenia

Državni svet

1

0

Estonia

Riigikogu

0

0

Finlandia

Eduskunta

0

0

Lettonia

Saeima

0

0

Slovenia

Državni zbor

0

0

TOTALE

576

52



ALLEGATO 2

Documenti della Commissione riguardo ai quali, nel 2017, è stato presentato il maggior numero di pareri 4 alla Commissione (dialogo politico e meccanismo di controllo della sussidiarietà)

Documento
della Commissione

Titolo

Numero
totale
dei
pareri 5

Numero
di pareri
motivati
(protocollo n. 2) 6

1

COM(2016) 861

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

16 7

11

2

COM(2017) 253

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa all'equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza e che abroga la direttiva 2010/18/UE del Consiglio

10 8

4

3

COM(2016) 864

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

10 9

3

4

COM(2016) 767

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili (rifusione)

10 10

0

5

COM(2017) 10

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al rispetto della vita privata e alla tutela dei dati personali nelle comunicazioni elettroniche e che abroga la direttiva 2002/58/CE (regolamento sulla vita privata e le comunicazioni elettroniche)

10 11

0

6

COM(2016) 822

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a un test della proporzionalità prima dell'adozione di una nuova regolamentazione delle professioni

9 12

5

7

COM(2016) 863

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia (rifusione)

9 13

3

8

COM(2016) 821

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente l'applicazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno, che istituisce una procedura di notifica dei regimi di autorizzazione e dei requisiti relativi ai servizi, e che modifica la direttiva 2006/123/CE e il regolamento (UE) n. 1024/2012 relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno

8 14

4

9

COM(2016) 815

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e il regolamento (CE) n. 987/2009 che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 883/2004

8

1

10

COM(2016) 710

Programma di lavoro della Commissione per il 2017: Realizzare un'Europa che protegge, dà forza e difende

8

0

11

COM(2016) 765

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell'edilizia

7 15

2

12

COM(2016) 723

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante i quadri di ristrutturazione preventiva, la seconda opportunità e misure volte ad aumentare l'efficacia delle procedure di ristrutturazione, insolvenza e liberazione dai debiti e che modifica la direttiva 2012/30/UE

7

2

13

COM(2016) 759

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulla governance dell'Unione dell'energia, che modifica la direttiva 94/22/CE, la direttiva 98/70/CE, la direttiva 2009/31/CE, il regolamento (CE) n. 663/2009 e il regolamento (CE) n. 715/2009, la direttiva 2009/73/CE, la direttiva 2009/119/CE del Consiglio, la direttiva 2010/31/UE, la direttiva 2012/27/UE, la direttiva 2013/30/UE e la direttiva (UE) 2015/652 del Consiglio, e che abroga il regolamento (UE) n. 525/2013

7 16

0

14

COM(2017) 277

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 561/2006 per quanto riguarda le prescrizioni minime in materia di periodi di guida massimi giornalieri e settimanali, di interruzioni minime e di periodi di riposo giornalieri e settimanali e il regolamento (UE) n. 165/2014 per quanto riguarda il posizionamento per mezzo dei tachigrafi

7 17

0



ALLEGATO 3

Numero di pareri ricevuti dalla Commissione nel 2017 per servizio della Commissione (dialogo politico e meccanismo di controllo della sussidiarietà)

Servizio della Commissione

Numero totale
dei pareri 18

Segretariato generale

101

DG Energia

65

DG Mercato interno, industria, imprenditoria e PMI (GROW)

52

DG Migrazione e affari interni

41

DG Giustizia e consumatori

38

DG Mobilità e trasporti

36

DG Stabilità finanziaria, servizi finanziari e mercati dei capitali (FISMA)

33

DG Reti di comunicazione, contenuti e tecnologie

32

DG Fiscalità e unione doganale

29

DG Istruzione, gioventù, sport e cultura

25

DG Occupazione, affari sociali e inclusione

22

DG Agricoltura e sviluppo rurale

15

DG Ambiente

11

Servizio europeo per l'azione esterna

10 19

DG Commercio

10

Task force articolo 50

9 20

DG Eurostat - Statistiche europee

8

DG Concorrenza

6

DG Politica regionale e urbana

6

DG Bilancio

5

DG Affari economici e finanziari

4

DG Affari marittimi e pesca

4

DG Cooperazione internazionale e sviluppo

3

DG Politica europea di vicinato e negoziati di allargamento

3

DG Ricerca e innovazione (RTD)

3

DG Salute e sicurezza alimentare

3

DG Azione per il clima

2

TOTALE

576

(1)      Comprende sia i pareri, sia i pareri motivati pervenuti dai parlamenti nazionali.
(2)      Per essere considerato parere motivato ai sensi del protocollo n. 2, il parere deve indicare chiaramente una violazione del principio di sussidiarietà ed essere inviato alla Commissione entro un termine di otto settimane dalla data di trasmissione della proposta ai parlamenti nazionali.
(3)    Considerati come 38 pareri congiunti da due camere.
(4)      La tabella elenca tutti i documenti della Commissione per i quali sono stati ricevuti almeno sette pareri.
(5)      Comprende sia i pareri, sia i pareri motivati pervenuti dai parlamenti nazionali.
(6)      Per essere considerato parere motivato ai sensi del protocollo n. 2, il parere deve indicare chiaramente una violazione del principio di sussidiarietà ed essere inviato alla Commissione entro un termine di otto settimane dalla data di trasmissione della proposta ai parlamenti nazionali.
(7)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, COM(2016) 862, COM(2016) 863 e COM(2016) 861. Un parere dell'Assembleia da República, PT, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, COM(2016) 863 e COM(2016) 861.
(8)      Due pareri, provenienti dall'Assembleia da República, PT, e dalla Camera Deputaților, RO, riguardavano collettivamente i documenti COM(2017) 253 e COM(2017) 252.
(9)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dalle Cortes Generales, ES, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, e COM(2016) 767. Un parere proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, COM(2016) 862, COM(2016) 863 e COM(2016) 861. Un parere dell'Assembleia da República, PT, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, COM(2016) 863 e COM(2016) 861.
(10)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 759 e COM(2016) 767. Un parere proveniente dalla Poslanecká sněmovna, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 759, COM(2016) 767, COM(2016) 761 e COM(2016) 760.
(11)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dalla Poslanecká sněmovna, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2017) 10, COM(2017) 8 e COM(2017) 7.
(12)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dall'Assembleia da República, PT, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 824, COM(2016) 823, COM(2016) 821, COM(2016) 822 e COM(2016) 820. Un parere, proveniente dalle Cortes Generales, ES, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 824, COM(2016) 823 e COM(2016) 822.
(13)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, COM(2016) 862, COM(2016) 863 e COM(2016) 861. Un parere dell'Assembleia da República, PT, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 864, COM(2016) 863 e COM(2016) 861. Un parere, proveniente dal Senát, FR, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 863 e COM(2016) 861. Un parere, proveniente dal Bundesrat, AT, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 862 e COM(2016) 863.
(14)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dall'Assembleia da República, PT, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 824, COM(2016) 823, COM(2016) 863, COM(2016) 822 e COM(2016) 820.
(15)      Due pareri, provenienti dal Bundesrat, AT, e dall'Assembleia da República, PT, riguardavano collettivamente i documenti COM(2016) 765 e COM(2016) 761. Un parere proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2017) 277, COM(2016) 765 e COM(2016) 761.
(16)      Uno dei pareri riguardanti questo documento della Commissione, proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 759 e COM(2016) 767. Un parere proveniente dalla Poslanecká sněmovna, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 759, COM(2016) 767, COM(2016) 761 e COM(2016) 860. Un parere, proveniente dal Sejm, PL, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 759 e COM(2016) 860. Un parere, proveniente dalle Cortes Generales, ES, riguardava collettivamente i documenti COM(2016) 759 e COM(2016) 862.
(17)      Due pareri, provenienti dall'Országgyűlés, HU, e dall'Assembleia da República, PT, riguardavano collettivamente i documenti COM(2017) 277 e COM(2017) 278. Un parere proveniente dal Sénat, FR, riguardava collettivamente i documenti COM(2017) 277, COM(2017) 278 e COM(2017) 281. Un parere proveniente dal Senát, CZ, riguardava collettivamente i documenti COM(2017) 282, COM(2017) 277, COM(2017) 278 e COM(2017) 281.
(18)      Comprende sia i pareri, sia i pareri motivati pervenuti dai parlamenti nazionali.
(19)      Il Servizio europeo per l'azione esterna non è un servizio della Commissione ma un organismo indipendente.
(20)      La task force articolo 50 non è un servizio della Commissione ma un organismo indipendente.
Top