EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32019R1111

Decisioni in materia di responsabilità matrimoniale e genitoriale: competenza, riconoscimento ed esecuzione

Decisioni in materia di responsabilità matrimoniale e genitoriale: competenza, riconoscimento ed esecuzione

 

SINTESI DI:

Regolamento (UE) 2019/1111 relativo alla competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, e alla sottrazione internazionale di minori

QUAL È LO SCOPO DEL REGOLAMENTO?

  • Esso abroga il regolamento (CE) n. 2201/2003, noto come il regolamento «Bruxelles II bis», per fornire norme più efficaci a tutela dei minori e dei loro genitori coinvolti in controversie transfrontaliere in materia di responsabilità genitoriale, ad esempio in materia di affidamento, diritti di visita e sottrazione di minori.
  • Ha lo scopo di accelerare le procedure a causa della necessità di muoversi rapidamente per proteggere l’interesse superiore del minore in molte di queste circostanze.

PUNTI CHIAVE

Il regolamento si applica alle materie civili* relative a:

  • divorzio;
  • separazione personale;
  • annullamento del matrimonio;
  • responsabilità genitoriale (attribuzione, esercizio, delega, revoca totale o parziale), in particolare:
    • il diritto di affidamento e il diritto di visita;
    • la tutela, la curatela* ed altri istituti analoghi;
    • minori in affidamento presso una famiglia o un istituto;
    • protezione del minore legata ai beni del minore.

Le obbligazioni alimentari sono escluse dall’ambito del regolamento.

In un contesto transfrontaliero, il regolamento prevede quanto segue:

  • stabilisce norme uniformi sulla competenza in materia di divorzio, separazione personale e annullamento del matrimonio;
  • stabilisce norme uniformi sulla competenza in materia di controversie riguardanti la responsabilità genitoriale quali il diritto di affidamento e il diritto di visita di un minore in un altro Stato membro;
  • procedimenti di ritorno migliorati in caso di sottrazione di minore con l’introduzione di scadenze chiare affinché i casi possano essere risolti in tempi brevi; le autorità giurisdizionali di primo e secondo grado decidono entro sei settimane;
  • promuove la mediazione;
  • viene data ai minori l’opportunità di essere sentiti nei procedimenti in cui sono coinvolti;
  • elimina la necessità di una procedura intermediaria («exequatur») per le decisioni in materia di responsabilità genitoriale, risparmiando tempo e spese agli individui;
  • norme più chiare sulla collocazione dei minori in un altro Stato membro, che comprendono la necessità del consenso in tutte le situazioni, con l’eccezione dei minori collocati presso un genitore.
  • una più efficace attuazione delle decisioni, introducendo possibili motivazioni per la sospensione o il rifiuto dell’esecuzione;
  • facilita la circolazione delle decisioni, degli atti pubblici* e di taluni accordi all’interno dell’UE stabilendo disposizioni relative alla loro esecuzione in altri Stati membri;
  • migliore cooperazione tra le autorità centrali e i diversi Stati membri e tra le autorità giurisdizionali, nel rispetto dei diritti delle parti e della riservatezza.

L’interesse superiore del minore rimane la considerazione primaria, in conformità con l’articolo 24 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e con la Convenzione sui diritti del fanciullo delle Nazioni Unite del 20 novembre 1989, come attuati dal diritto e dalle relative procedure nazionali.

Il regolamento integra la Convenzione dell’Aia del 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori che tratta le decisioni che ordinano il ritorno del minore al proprio paese di origine.

Abrogazione

Il regolamento (UE) 2019/1111 abroga il regolamento (CE) n. 2201/2003 a partire dal 1 agosto 2022.

DA QUANDO È IN VIGORE IL REGOLAMENTO?

Esso si applica dal 1o agosto 2022. Alcune disposizioni riguardanti gli atti delegati e l’obbligo per gli Stati membri di fornire informazioni alla Commissione europea si applicano a partire dal 22 luglio 2019.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, si consulti:

TERMINI CHIAVE

Materie civili: i procedimenti giudiziari civili e le decisioni che ne derivano. Ai fini del regolamento, la nozione dovrebbe applicarsi alle domande, ai provvedimenti o alle decisioni in materia di «responsabilità genitoriale» ai sensi del regolamento e conformemente ai suoi obiettivi e sulla base della giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea.
Curatela: istituto in base al quale un individuo è legalmente incaricato di prendersi cura degli interessi di un soggetto che, a causa della sua giovane età, o incapacità di intendere e di volere, o per altra motivazione, non è in grado di occuparsene autonomamente. Si applica al tutore dei beni del minore preso a carico (cioè un bambino posto dall’autorità giudiziaria sotto la cura di un tutore) come distinto dal tutore della persona.
Atti pubblici: definiti nel regolamento (CE) n. 805/2004 come:
  • qualsiasi documento che sia stato formalmente redatto o registrato come atto pubblico e la cui autenticità:
    • riguardi la firma e il contenuto dell’atto; e
    • sia stata attestata da un’autorità pubblica o da altra autorità a ciò autorizzata dallo Stato membro di origine; o
  • qualsiasi convenzione in materia di obbligazioni alimentari conclusa davanti alle autorità amministrative o da queste autenticata.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Regolamento (UE) 2019/1111 del Consiglio, del 25 giugno 2019, relativo alla competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, e alla sottrazione internazionale di minori (GU L 178 del 2.7.2019, pag. 1).

DOCUMENTI CORRELATI

Regolamento (CE) n. 2201/2003 del Consiglio, del 27 novembre 2003, relativo alla competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, che abroga il regolamento (CE) n. 1347/2000 (GU L 338 del 23.12.2003, pag. 1).

Le successive modifiche al Regolamento (CE) n. 2201/2003 sono state integrate nel documento di base. Questa versione consolidata ha solo un valore documentario.

Regolamento (CE) n. 4/2009 del Consiglio, del 18 dicembre 2008, relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni e alla cooperazione in materia di obbligazioni alimentari (GU L 7 del 10.1.2009, pag. 1).

Si veda la versione consolidata.

Ultimo aggiornamento: 13.11.2019

In alto