Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

SCS - lo strumento UE per il finanziamento della cooperazione allo sviluppo (2014-2020)

SCS - lo strumento UE per il finanziamento della cooperazione allo sviluppo (2014-2020)

Attraverso il suo strumento per la cooperazione allo sviluppo (SCS), l'Unione Europea (UE) mira a ridurre la povertà nei paesi in via di sviluppo, nonché a promuovere uno sviluppo economico, sociale e ambientale sostenibile, la democrazia, lo Stato di diritto, i diritti umani e il buon governo.

ATTO

Regolamento (UE) n. 233/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2014, che istituisce uno strumento per il finanziamento della cooperazione allo sviluppo per il periodo 2014-2020.

SINTESI

In conformità con la sua politica delineata nel documento «Un programma di cambiamento», l'Unione europea intende destinare i suoi fondi per la cooperazione allo sviluppo nei luoghi in cui essi avranno maggior impatto. La priorità va ai paesi più bisognosi: i paesi meno sviluppati in termini di reddito nazionale lordo basso e debole capitale umano, quelli in situazioni di crisi o post-crisi e quelli fragili o vulnerabili. L'Unione europea adotta un approccio differenziato in risposta ai bisogni, alle capacità e alle prestazioni dei paesi partner.

Lo strumento per la cooperazione allo sviluppo dell'UE (SCS) comprende:

  • 1

    Programmi geografici: supportano i programmi di cooperazione bilaterali e regionali in settori che coprono i bisogni essenziali (sanità e istruzione), l'occupazione, le infrastrutture, i diritti umani, la democrazia, il buon governo e lo sviluppo sostenibile. Questi programmi riguardano i paesi in via di sviluppo in Asia, Asia centrale, Medio Oriente e America latina, nonché il Sud Africa.

  • 2
    Programmi tematici: rientrano in 2 gruppi:
    • «Beni pubblici e sfide globali»: copre aspetti come i cambiamenti climatici, l'ambiente, l'energia, lo sviluppo umano, la sicurezza alimentare e la migrazione, garantendo nel contempo la coerenza con l'obiettivo di riduzione della povertà . Il 27 % di questo programma sarà speso per gli obiettivi ambiente e cambiamenti climatici e almeno il 25 % del programma sosterrà l'inclusione sociale e lo sviluppo umano.
    • «Organizzazioni della società civile e autorità locali»: questo programma incoraggerà la società civile [ovvero attori non statali, organizzazioni non governative (ONG) e organizzazioni di cittadini] e le autorità locali a svolgere un ruolo più incisivo nelle strategie di sviluppo.
  • 3

    Programma panafricano: Oltre ai programmi di cui sopra, grazie a un nuovo programma panafricano, l’SCS sosterrà un partenariato strategico dell'UE con l'Africa. Questo programma sarà complementare ad altri strumenti di finanziamento che vengono utilizzati in Africa, come il Fondo europeo di sviluppo e lo strumento europeo di vicinato. Le attività previste dal programma saranno di natura transregionale, continentale o mondiale.

Dotazione finanziaria

Con una dotazione di oltre 19,6 miliardi di euro (cifre attuali) per il periodo 2014-2020, lo strumento SCS tocca tutti i paesi in via di sviluppo.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (UE) n. 233/2014

1.1.2014

-

GU L 77 del 15.3.2014

ATTO COLLEGATO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, «Potenziare l'impatto della politica di sviluppo dell'Unione europea: un programma di cambiamento» COM(2011) 637 final del 13 ottobre 2011.

Ultimo aggiornamento: 18.06.2014

Top