Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32013D0766

2013/766/UE: Decisione di esecuzione della Commissione, del 13 dicembre 2013 , che approva taluni programmi modificati per l’eradicazione, la lotta e la sorveglianza di malattie degli animali e di zoonosi per il 2013, che modifica la decisione n. 2008/897/CE recante approvazione dei programmi annuali e pluriennali per il 2009 e gli anni successivi e che modifica la decisione n. 2012/761/UE per quanto riguarda il contributo finanziario dell’Unione a determinati programmi approvati con tale decisione [notificata con il numero C(2013) 8891]

OJ L 338, 17.12.2013, p. 109–114 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec_impl/2013/766/oj

17.12.2013   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 338/109


DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

del 13 dicembre 2013

che approva taluni programmi modificati per l’eradicazione, la lotta e la sorveglianza di malattie degli animali e di zoonosi per il 2013, che modifica la decisione n. 2008/897/CE recante approvazione dei programmi annuali e pluriennali per il 2009 e gli anni successivi e che modifica la decisione n. 2012/761/UE per quanto riguarda il contributo finanziario dell’Unione a determinati programmi approvati con tale decisione

[notificata con il numero C(2013) 8891]

(2013/766/UE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

vista la decisione 2009/470/CE del Consiglio, del 25 maggio 2009, relativa a talune spese nel settore veterinario (1), in particolare l’articolo 27, paragrafi 5 e 6,

considerando quanto segue:

(1)

La decisione 2009/470/CE stabilisce le modalità della partecipazione finanziaria dell’Unione a programmi di eradicazione, lotta e sorveglianza relativi a malattie animali e zoonosi.

(2)

La decisione 2008/341/CE della Commissione (2) dispone che, per essere approvati nel quadro dell’azione finanziaria dell’Unione di cui all’articolo 27, paragrafo 1, della decisione 2009/470/CE, i programmi di eradicazione, di lotta e di sorveglianza relativi alle malattie degli animali e alle zoonosi figuranti all’allegato I di tale decisione, presentati dagli Stati membri alla Commissione, devono rispettare almeno i criteri fissati nell’allegato della suddetta decisione 2008/341/CE.

(3)

La decisione 2008/897/CE della Commissione (3) ha approvato il programma tedesco per l’eradicazione del virus erpetico della carpa koi (KHV) per il periodo dal 1o gennaio 2009 al 31 dicembre 2013.

(4)

La decisione di esecuzione 2012/761/UE della Commissione (4) approva taluni programmi nazionali per il 2013 e fissa la percentuale e l’importo massimo del contributo finanziario dell’Unione per ciascun programma presentato dagli Stati membri.

(5)

La Spagna e la Grecia hanno presentato un programma modificato per la lotta a taluni tipi di salmonella zoonotica nelle popolazioni di pollame. La Germania ha presentato un programma modificato per l’eradicazione del virus erpetico della carpa koi. La Grecia ha presentato un programma modificato per l’eradicazione della brucellosi di ovini e caprini. L’Ungheria e la Romania hanno presentato un programma modificato per l’eradicazione della rabbia.

(6)

La Commissione ha esaminato questi programmi modificati dal punto di vista sia veterinario che finanziario. Essi sono conformi alla pertinente normativa veterinaria dell’Unione, in particolare ai criteri stabiliti nell’allegato della decisione 2008/341/CE. Essi devono pertanto essere approvati.

(7)

La Commissione ha inoltre esaminato le relazioni tecniche e finanziarie intermedie presentate dagli Stati membri a norma dell’articolo 27, paragrafo 7, della decisione 2009/470/CE per quanto riguarda le spese sostenute per finanziare tali programmi. Dall’analisi di tali relazioni emerge che alcuni Stati membri non utilizzeranno interamente gli stanziamenti ad essi assegnati per l’anno 2013, mentre altri sosterranno spese superiori rispetto all’importo concesso.

(8)

Il contributo finanziario dell’Unione per alcuni programmi nazionali va pertanto adeguato. Per ottimizzare l’impiego dei fondi messi a disposizione è opportuno riassegnarli stornando quelli non interamente utilizzati nell’ambito di un programma nazionale per riassegnarli a programmi che probabilmente avranno spese superiori a causa di situazioni sanitarie impreviste in tali Stati membri. La riassegnazione dovrà basarsi sui dati più recenti relativi alle spese effettivamente sostenute dagli Stati membri interessati.

(9)

Tale esercizio di riassegnazione rende necessario apportare numerose modifiche a taluni contributi finanziari dell’Unione previsti dalla decisione di esecuzione 2012/761/UE. Per motivi di trasparenza, è opportuno indicare l’intera gamma dei contributi finanziari dell’Unione ai programmi approvati per il 2013 interessati da tali modifiche.

(10)

Inoltre, l’esperienza recente dimostra che eseguire alla lettera l’articolo 13, paragrafo 3 della decisione di esecuzione 2012/761/UE potrebbe portare a risultati non equi. Tale disposizione va quindi soppressa.

(11)

Occorre pertanto modificare di conseguenza la decisione di esecuzione 2012/761/UE.

(12)

Le misure di cui alla presente decisione sono conformi al parere del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Approvazione dei programmi modificati di lotta a taluni tipi di salmonella zoonotica presentati dalla Spagna e dalla Grecia

Il programma modificato di lotta a taluni tipi di salmonella zoonotica nelle popolazioni di pollame presentato dalla Spagna il 26 dicembre 2012 è approvato per il periodo dal 1o gennaio 2013 al 31 dicembre 2013.

Il programma modificato di lotta a taluni tipi di salmonella zoonotica nelle popolazioni di pollame presentato dalla Grecia il 24 ottobre 2013 è approvato per il periodo dal 1o gennaio 2013 al 31 dicembre 2013.

Articolo 2

Approvazione del programma modificato per l’eradicazione della brucellosi ovina e caprina presentato dalla Grecia

Il programma modificato relativo alla brucellosi ovina e caprina presentato dalla Grecia il 29 luglio 2013 è approvato per il periodo dal 1o gennaio 2013 al 31 dicembre 2013.

Articolo 3

Approvazione dei programmi modificati di eradicazione della rabbia presentati dall’Ungheria e dalla Romania

I programmi modificati di eradicazione della rabbia presentati dall’Ungheria il 1o ottobre 2013 e dalla Romania il 30 ottobre 2013 sono approvati per il periodo dal 1o gennaio 2013 al 31 dicembre 2013.

Articolo 4

Modifica della decisione 2008/897/CE

L’articolo 16 della decisione 2008/897/CE è sostituito dal seguente:

«Articolo 16

Malattie degli animali d’acquacoltura

Il programma pluriennale di eradicazione della setticemia emorragica virale (VHS) presentato dalla Danimarca è approvato per il periodo dal 1o gennaio 2009 al 31 dicembre 2013.

Il programma di eradicazione del virus erpetico della carpa koi (KHV) presentato dalla Germania è approvato per il periodo dal 1o gennaio 2009 al 31 dicembre 2014.»

Articolo 5

Modifiche alla decisione di esecuzione 2012/761/UE

La decisione di esecuzione 2012/761/UE è modificata come segue:

1)

nell’articolo 1, paragrafo 2, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

3 440 000 EUR per la Spagna;

ii)

100 000 EUR per la Croazia;

iii)

2 000 000 EUR per l’Italia;

iv)

940 000 EUR per il Portogallo;

v)

800 000 EUR per il Regno Unito.»;

2)

nell’articolo 2, paragrafo 2, lettera a), il punto i) è sostituito dal seguente:

«i)

0,5 EUR per animale domestico sottoposto a campionamento per il test del gamma interferone e sospettato come positivo nel macello»;

3)

nell’articolo 2, paragrafo 2, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

12 000 000 EUR per l’Irlanda;

ii)

13 390 000 EUR per la Spagna;

iii)

400 000 EUR per la Croazia;

iv)

4 000 000 EUR per l’Italia;

v)

2 230 000 EUR per il Portogallo;

vi)

31 900 000 EUR per il Regno Unito.»;

4)

nell’articolo 3, paragrafo 2, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

8 200 000 EUR per la Spagna;

ii)

3 380 000 EUR per l’Italia;

iii)

170 000 EUR per Cipro;

iv)

1 760 000 EUR per il Portogallo.»;

5)

nell’articolo 3, paragrafo 3, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

non deve superare 1 740 000 EUR»;

6)

nell’articolo 4, paragrafo 2, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

non deve superare i seguenti importi:

i)

9 000 EUR per il Belgio;

ii)

11 000 EUR per la Bulgaria;

iii)

5 000 EUR per la Repubblica ceca;

iv)

86 000 EUR per la Germania;

v)

10 000 EUR per l’Irlanda;

vi)

78 000 EUR per la Grecia;

vii)

1 200 000 EUR per la Spagna;

viii)

650 000 EUR per l’Italia;

ix)

10 000 EUR per la Lettonia;

x)

10 000 EUR per la Lituania;

xi)

2 000 EUR per il Lussemburgo;

xii)

3 000 EUR per l’Ungheria;

xiii)

10 000 EUR per Malta;

xiv)

10 000 EUR per i Paesi Bassi;

xv)

10 000 EUR per l’Austria;

xvi)

50 000 EUR per la Polonia;

xvii)

145 000 EUR per il Portogallo;

xviii)

130 000 EUR per la Romania;

xix)

18 000 EUR per la Slovenia;

xx)

40 000 EUR per la Slovacchia;

xxi)

10 000 EUR per la Finlandia.»;

7)

nell’articolo 5, paragrafo 2, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

910 000 EUR per il Belgio;

ii)

30 000 EUR per la Bulgaria;

iii)

810 000 EUR per la Repubblica ceca;

iv)

90 000 EUR per la Danimarca;

v)

790 000 EUR per la Germania;

vi)

10 000 EUR per l’Estonia;

vii)

160 000 EUR per l’Irlanda;

viii)

970 000 EUR per la Grecia;

ix)

1 760 000 EUR per la Spagna;

x)

1 210 000 EUR per la Francia;

xi)

200 000 EUR per la Croazia;

xii)

3 520 000 EUR per l’Italia;

xiii)

60 000 EUR per Cipro;

xiv)

200 000 EUR per la Lettonia;

xv)

10 000 EUR per il Lussemburgo;

xvi)

950 000 EUR per l’Ungheria;

xvii)

40 000 EUR per Malta;

xviii)

2 940 000 EUR per i Paesi Bassi;

xix)

640 000 EUR per l’Austria;

xx)

2 900 000 EUR per la Polonia;

xxi)

25 000 EUR per il Portogallo;

xxii)

460 000 EUR per la Romania;

xxiii)

10 000 EUR per la Slovenia;

xxiv)

450 000 EUR per la Slovacchia;

xxv)

60 000 EUR per il Regno Unito.»;

8)

nell’articolo 6, paragrafo 2, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

non deve superare i seguenti importi:

i)

200 000 EUR per la Bulgaria;

ii)

950 000 EUR per la Germania;

iii)

100 000 EUR per la Croazia;

iv)

224 000 EUR per l’Ungheria;

v)

1 100 000 EUR per la Romania;

vi)

25 000 EUR per la Slovenia;

vii)

400 000 EUR per la Slovacchia.»;

9)

nell’articolo 7, paragrafo 2, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

non deve superare 1 060 000 EUR.»;

10)

nell’articolo 8, paragrafo 2, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

«b)

non deve superare 1 400 000 EUR.»;

11)

nell’articolo 9, paragrafo 2, lettera a), il punto i) è sostituito dal seguente:

«i)

0,5 EUR per volatile domestico sottoposto a campionamento.»;

12)

nell’articolo 9, paragrafo 2, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

24 000 EUR per il Belgio;

ii)

9 000 EUR per la Bulgaria;

iii)

14 000 EUR per la Repubblica ceca;

iv)

53 000 EUR per la Danimarca;

v)

135 000 EUR per la Germania;

vi)

62 000 EUR per l’Irlanda;

vii)

8 000 EUR per la Grecia;

viii)

67 000 EUR per la Spagna;

ix)

108 000 EUR per la Francia;

x)

40 000 EUR per la Croazia;

xi)

1 300 000 EUR per l’Italia;

xii)

4 000 EUR per Cipro;

xiii)

13 000 EUR per la Lettonia;

xiv)

5 000 EUR per la Lituania;

xv)

6 000 EUR per il Lussemburgo;

xvi)

61 000 EUR per l’Ungheria;

xvii)

8 000 EUR per Malta;

xviii)

154 000 EUR per i Paesi Bassi;

xix)

30 000 EUR per l’Austria;

xx)

70 000 EUR per la Polonia;

xxi)

14 000 EUR per il Portogallo;

xxii)

350 000 EUR per la Romania;

xxiii)

29 000 EUR per la Slovenia;

xxiv)

16 000 EUR per la Slovacchia;

xxv)

25 000 EUR per la Finlandia;

xxvi)

30 000 EUR per la Svezia;

xxvii)

100 000 EUR per il Regno Unito.»;

13)

nell’articolo 10, paragrafo 2, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

290 000 EUR per il Belgio;

ii)

360 000 EUR per la Bulgaria;

iii)

380 000 EUR per la Repubblica ceca;

iv)

300 000 EUR per la Danimarca;

v)

4 700 000 EUR per la Germania;

vi)

60 000 EUR per l’Estonia;

vii)

1 300 000 EUR per l’Irlanda;

viii)

1 700 000 EUR per la Grecia;

ix)

3 000 000 EUR per la Spagna;

x)

10 900 000 EUR per la Francia;

xi)

3 600 000 EUR per l’Italia;

xii)

230 000 EUR per la Croazia;

xiii)

950 000 EUR per Cipro;

xiv)

80 000 EUR per la Lettonia;

xv)

435 000 EUR per la Lituania;

xvi)

50 000 EUR per il Lussemburgo;

xvii)

790 000 EUR per l’Ungheria;

xviii)

25 000 EUR per Malta;

xix)

1 000 000 EUR per i Paesi Bassi;

xx)

500 000 EUR per l’Austria;

xxi)

2 600 000 EUR per la Polonia;

xxii)

1 000 000 EUR per il Portogallo;

xxiii)

1 400 000 EUR per la Romania;

xxiv)

160 000 EUR per la Slovenia;

xxv)

220 000 EUR per la Slovacchia;

xxvi)

160 000 EUR per la Finlandia;

xxvii)

210 000 EUR per la Svezia;

xxviii)

2 520 000 EUR per il Regno Unito.»;

14)

nell’articolo 11, paragrafo 2, la lettera d) è sostituita dalla seguente:

«d)

non deve superare i seguenti importi:

i)

1 650 000 EUR per la Bulgaria;

ii)

1 500 000 EUR per la Grecia;

iii)

620 000 EUR per l’Estonia;

iv)

190 000 EUR per l’Italia;

v)

2 200 000 EUR per la Lituania;

vi)

1 080 000 EUR per l’Ungheria;

vii)

7 240 000 EUR per la Polonia;

viii)

2 300 000 EUR per la Romania;

ix)

810 000 EUR per la Slovenia;

x)

380 000 EUR per la Slovacchia.»;

15)

nell’articolo 12, paragrafo 3, la lettera c) è sostituita dalla seguente:

«c)

non deve superare i seguenti importi:

i)

1 500 000 EUR per la Lettonia;

ii)

400 000 EUR per la Finlandia.»;

16)

nell’articolo 13, il paragrafo 3 è soppresso.

Articolo 6

Destinatari

Gli Stati membri sono destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, il 13 dicembre 2013

Per la Commissione

Tonio BORG

Membro della Commissione


(1)  GU L 155 del 18.6.2009, pag. 30.

(2)  Decisione 2008/341/CE della Commissione, del 25 aprile 2008, che fissa i criteri comunitari applicabili ai programmi nazionali di eradicazione, di lotta e di sorveglianza relativi a talune malattie degli animali e zoonosi (GU L 115 del 29.4.2008, pag. 44).

(3)  Decisione della Commissione 2008/897/CE, del 28 novembre 2008, recante approvazione dei programmi annuali e pluriennali di eradicazione, lotta e sorveglianza relativi a talune malattie animali e zoonosi presentati dagli Stati membri per il 2009 e gli anni successivi, nonché del contributo finanziario della Comunità a detti programmi (GU L 322 del 2.12.2008, pag. 39).

(4)  Decisione di esecuzione 2012/761/UE della Commissione, del 30 novembre 2012, che approva i programmi annuali e pluriennali di eradicazione, lotta e sorveglianza di talune malattie animali e zoonosi presentati dagli Stati membri per il 2013, nonché del contributo finanziario dell’Unione a tali programmi (GU L 336 dell’8.12.2012, pag. 83).


Top