201806080241931502018/C 221/402572018TC22120180625IT01ITINFO_JUDICIAL20180424343521

Causa T-257/18: Ricorso proposto il 24 aprile 2018 — Iberpotash / Commissione


C2212018IT3410120180424IT0040341352

Ricorso proposto il 24 aprile 2018 — Iberpotash / Commissione

(Causa T-257/18)

2018/C 221/40Lingua processuale: l’inglese

Parti

Ricorrente: Iberpotash SA (Suria, Spagna) (rappresentanti: N. Niejahr e B. Hoorelbeke, avvocati)

Convenuta: Commissione europea

Conclusioni

La ricorrente chiede che il Tribunale voglia:

annullare la decisione (UE) 2018/118 della Commissione del 31 agosto 2017 relativa all’aiuto di Stato SA.35818 (2016/C) (ex 2015/NN) (ex 2012/CP) cui la Spagna ha dato esecuzione a favore della Iberpotash [notificata con il numero C(2017) 5877] ( 1 );

in subordine:

annullare la decisione impugnata nella parte in cui essa ritiene che la misura 1 contenga aiuti di Stato e ne dispone il recupero, con gli interessi, presso la ricorrente, e/o

annullare la decisione impugnata nei limiti in cui determina l’importo dell’aiuto illegittimo ma compatibile ricevuto dalla ricorrente, contenuto nella misura 4, in EUR 3902461,30, e quello dell’aiuto illegale da recuperare, con gli interessi, presso la ricorrente in EUR 3958109,70;

condannare la Commissione a sopportare le proprie spese nonché le spese della ricorrente relative al presente procedimento.

Motivi e principali argomenti

A sostegno del ricorso, la ricorrente deduce cinque motivi.

1.

Primo motivo, vertente sulla violazione dell’articolo 107, paragrafo 1, TFUE da parte della Commissione per aver dichiarato che la misura 1 implica il trasferimento di risorse statali.

2.

Secondo motivo, vertente sulla violazione dell’articolo 107, paragrafo 1, TFUE da parte della Commissione per aver dichiarato che la misura 1 conferisce un vantaggio economico selettivo alla ricorrente. In via subordinata, si contesta alla Commissione di non aver correttamente determinato l’importo dell’eventuale aiuto di Stato illegittimo e incompatibile derivante dalla misura 1, in violazione dell’articolo 16, paragrafo 1, del regolamento di procedura ( 2 ).

3.

Terzo motivo, vertente, in subordine, sulla violazione, da parte della Commissione, dell’articolo 16, paragrafo 1, del regolamento di procedura relativo alla misura 1, per averne disposto il recupero, poiché tale recupero viola il legittimo affidamento della ricorrente e/o il principio di certezza del diritto.

4.

Quarto motivo, vertente sulla violazione dell’articolo 107, paragrafo 1, TFUE da parte della Commissione per aver dichiarato che la misura 4 conferisce un vantaggio economico selettivo alla ricorrente.

5.

Quinto motivo, vertente, in subordine, sulla violazione, da parte della Commissione, dell’articolo 16, paragrafo 1, del regolamento di procedura per non aver correttamente determinato l’importo dell’eventuale aiuto di Stato illegittimo e incompatibile derivante dalla misura 4.


( 1 ) GU 2018 L 28, pag. 25.

( 2 ) Regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio, del 13 luglio 2015, recante modalità di applicazione dell'articolo 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (GU 2015, L 248, pag. 9).