31975L0033

Direttiva 75/33/CEE del Consiglio, del 17 dicembre 1974, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative ai contatori d'acqua fredda

Gazzetta ufficiale n. L 014 del 20/01/1975 pag. 0001 - 0009
edizione speciale finlandese: capitolo 13 tomo 4 pag. 0069
edizione speciale greca: capitolo 13 tomo 3 pag. 0022
edizione speciale svedese/ capitolo 13 tomo 4 pag. 0069
edizione speciale spagnola: capitolo 13 tomo 4 pag. 0044
edizione speciale portoghese: capitolo 13 tomo 4 pag. 0044


++++

CONSIGLIO

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO

del 17 dicembre 1974

per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai contatori d ' acqua fredda

( 75/33/CEE )

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE ,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea , in particolare l ' articolo 100 ,

vista la proposta della Commissione ,

visto il parere del Parlamento europeo ( 1 ) ,

visto il parere del Comitato economico e sociale ( 2 ) ,

considerando che negli Stati membri la costruzione e le modalità di controllo dei contatori d ' acqua fredda formano oggetto di disposizioni cogneti che differiscono da uno Stato membro all ' altro e ostacolano quindi gli scambi di tali strumenti ; che occorre pertanto procedere al ravvicinamento di tali disposizioni ;

considerando che la direttiva 71/316/CEE del Consiglio del 26 luglio 1971 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle disposizioni comuni agli strumenti di misura e ai metodi di controllo metrologico ( 3 ) , modificata dall ' atto di adesione ( 4 ) , ha definito le procedure d ' approvazione CEE del modello e di verifica prima CEE ; che , conformemente a tale direttiva , occorre fissare per i contatori d ' acqua fredda le prescrizioni tecniche di realizzazione e di funzionamento alle quali detti strumenti debbono rispondere per poter essere importati , commercializzati e liberamente usati dopo aver subito i controlli ed essere stati muniti dei marchi e dei contrassegni previsti ,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA :

Articolo 1

La presente direttiva si applica ai contatori d ' acqua fredda , che sono apparecchi di misura integratori destinati a determinare in modo continuo il volume dell ' acqua che li attraversa ( escluso ogni altro liquido ) . Tali contatori comprendono un dispositivo di misurazione che aziona un dispositivo indicatore . L ' acqua è considerata « fredda » quando la sua temperatura è compresa fra 0° e 30° C .

Articolo 2

I contatori d ' acqua fredda ai quali possono essere apposti i marchi e i contrassegni CEE sono descritti nell ' allegato della presente direttiva . Essi formano oggetto di un ' approvazione CEE del modello e sono soggetti alla verifica prima CEE .

Articolo 3

Gli Stati membri non possono rifiutare , vietare o limitare l ' immissione sul mercato e in servizio di contatori d ' acqua fredda muniti del contrassegno di approvazione CEE del modello e del marchio di verifica prima CEE per motivi attinenti alle loro qualità metrologiche .

Articolo 4

1 . Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative , regolamentari e amminisatrative necessarie per adeguarsi alla presente direttiva entro un termine di diciotto mesi a decorrere dalla notifica e ne informano immediatamente la Commissione . 2 . Gli Stati membri prendono cura di comunicare alla Commissione il testo delle essenziali disposizioni di diritto interno che essi adottano nel settore contemplato dalla presente direttiva .

Articolo 5

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva .

Fatto a Bruxelles , addì 17 dicembre 1974 .

Per il Consiglio

Il Presidente

M . DURAFOUR

( 1 ) GU n . C 2 del 9 . 1 . 1974 , pag . 62 .

( 2 ) GU n . C 8 del 31 . 1 . 1974 , pag . 6 .

( 3 ) GU n . L 202 del 6 . 9 . 1971 , pag . 1 .

( 4 ) GU n . L 73 del 27 . 3 . 1972 , pag . 14 .

ALLEGATO

1 . TERMINOLOGIA E DEFINIZIONI

1.0 . Il presente allegato si applica esclusivamente ai contatori d ' acqua fredda che utilizzano un procedimento meccanico diretto basato su camere volumetriche a paretimobili o sulla rotazione impressa dalla velocità a un organo mobile ( turbina , elica , ecc . ) .

1.1 . Portata

La portata è il quoziente del volume d ' acqua che attraversa il contatore per il tempo di passaggio di tale volume . Il volume è espresso in metri cubi o in litri e il tempo in ore , minuti o secondi .

1.2 . Volume erogato

Il volume erogato è il volume totale d ' acqua che ha attraversato il contatore in un determinato intervallo di tempo .

1.3 . Portata massima : Qmax

La portata massima Qmax è la portata più alta alla quale il contatore deve poter funzionare per intervalli di tempo limitati senza guastarsi n rispettando gli errori massimi tollerati e senza superare il valore massimo della caduta di pressione .

1.4 . Portata nominale : Qn

la portata nominale Qn è uguale alla metà della portata massima Qmax . Espressa in metri cubi/ora , serve a designare il contatore .

Alla portata nominale Qn il contatore deve poter funzionare in regime normale , ossia in modo permanente e intermittente , rispettando gli errori massimi tollerati .

1.5 . Portata minima : Qmin

La portata Qmin è la portata a partire dalla quale contatore deve rispettare gli errori massimi tollerti . Essa è stabilita in funzione di Qn .

1.6 . Campo di portata

Il campo di portata di un contatore d ' acqua è delimitato dalia portata massima Qmax e della portata minima Qmin . Essa è divisa in due zone , dette inferiore e superiore , dove gli errori massimi tollerati sono diversi .

1.7 . Portata di transizione : Qt

La portata di transizione Qt è la portata che separa la zona inferiore dalla zona superiore del campo di portata e alla quale gli errori massimi tollerati sono discontinui .

1.8 . Errore massimo tollerato

L ' errore massimo tollerato è il valore limite dell ' errore tollerato dalla presente direttiva al momento dell ' approvazione CEE del modello e della verifica prima CEE di un contatore d ' acqua .

1.9 . Caduta di pressione

Per caduta di pressione si deve intendere quella dovuta all presenza del contatore d ' acqua nella condotta

II . CARATTERISTICHE METROLOGICHE

2.1 . Errori massimi tollerati

L ' errore massimo tollerato nella zona inferiore , da Qmin incluso a Qt escluso , è di ± 5 % .

L ' errore massimo tollerato nella zona superiore , da Qt incluso a Qmax incluso è di ± 2 % .

2.2 . Classi metrologiche

I contatori d ' acqua sono ripartiti , a seconda dei valori Qmin e Qt sopra definiti , in tre classi metrologiche , conformemente alla seguente tabella :

Classi * Qn * 15 m2/h * 15 m2/h *

Classe A * * *

Valore di Qmin * 0,04 Qn * 0,08 Qn *

Valore di Qt * 0,10 Qn * 0,30 Qn *

Classe B * * *

Valore di Qmin * 0,02 Qn * 0,03 Qn *

valore di Qt * 0,08 Qn * 0,20 Qn *

Classe C * * *

Valore di Qmin * 0,01 Qn * 0,005 Qn *

Valore di Qt * 0,015 Qn * 0,015 Qn *

II . CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE

3.1 . Costruzione - Disposizioni generali

I contatori devono essere costruiti :

1 ) in modo da assicurare un servizio durevole con garanzia contro le frodi ,

2 ) in modo da osservare le prescrizioni della presente direttiva ,

in normali condizioni di impiego .

Essi devono poter soppotare un eventuale riflusso accidentale d ' acqua senza deterioramento o altrerazione delle loro qualità merologiche nonchù operare il relativo deconteggio . 3.2 . Materiali

Il contatore d ' acqua deve essere realizzato con materiali che abbiano resistenza e indeformabilità adeguate al ' uso . Le varie parti del contatore devono essere realizzate con materiali resistenti alla normale corrosione interna ed esterna , assicurandone , se necessario , la protezione mediante l ' applicazione di un adeguato trattamento della superficie . Variazioni di temperatura dell ' acqua entro i limiti dell ' escursione delle temperature di servizio non devono altrerare i materiali impiegati nella costruzione del contatore d ' acqua .

3.3 . Tenuta - Resistenza alla pressione

I contatori devono poter sopportare permanentemente e senza difetti di funzionamento fughe , trasudamenti attraverso le pareti o deformazioni permanenti , la pressione continua dell ' acqua per cui sono progettati , detta pressione massima di servizio . Il valore minimo di tale pressione è di 10 bar .

3.4 . Caduta di pressione

La caduta di pressione attraverso il contatore è determinata nel corso delle prove d ' approvazione CEE del modello ; essa non deve mai superare 0,25 bar alla portata normale e 1 bar alla portata massima .

In base ai risultati delle prove i modelli sono ripartiti in quattro gruppi secondo che la loro caduta di pressione rispetti uno dei seguenti valori massimi : 1 - 0,6 - 0,3 e 0,1 bar . Tale valore è indicto nel certificato di approvazione CEE del modello .

3.5 . Dispositivo indicatore

Il dispositivo indicatore deve consentire , mediante semplice giustapposizione delle indicazioni dei vari elementi che lo compongono , una lettura sicura , facile e univoca del volume d ' acqua misurato , espresso in metri cubi .

Il volume è indicato :

a ) dalla posizione di una o più lancette su scale circolari , o

b ) da cifre allineate consecutive che appaiono in una o più finestre , o

c ) dalla combinazione di questi due sistemi .

Il colore nero indica il metro cubo e i suoi multipli , il colore rosso i sottomultipli del metro cubo .

L ' altezza reale o apparente delle cifre allineate non può essere inferiore a 4 mm .

Sugli indicatori a cifre allineate ( tipi b e c ) lo spostamento visibile di tutte le cifre deve effettuarsi dal basso verso l ' alto .

L ' avanzamento di una unità di una cifra di un ordine qualsiasi deve effettuarsi completamente mentre la cifra di ordine immediatamente inferiore descrive l ' ultimo decimo di giro ; il rullo che riporta le cifre dell ' ordine più basso può avere un movimento continuo nel caso del tipo c . Il numero intero di metri cubi deve essere indicato chiaramente .

Sugli indicatori a lancette ( tipi a e c ) il senso di rotazione deve essere quello orario . Il valore , espresso in metri cubi , dell ' intervallo di ciascuna scala , deve essere della forma 10n , dove n è un numero interno positivo , negativo o uguale a 0 , in modo da costituire un sistema di decadi consecutive . A lato di ogni scala devono essere indicati i valori × 1000 - × 100 - × 10 - × 1 - × 0,1 - × 0,01 - × 0,001 .

In entrambi i casi ( lancette e cifre allineate ) :

- il simbolo dell 'unità m3 deve figurare sul quadrante o immediatamente vicino all ' indicazione in cifre ;

- l ' elemento graduato più rapido osservabile visivamente , che costituisce l 'elemento di controllo e il cui intervallo è detto « intervallo di verifica » , deve avere un movimento continuo . Questo elemento di controllo può essere inserito in modo permanente o realizzato temporaneamente con l ' applicazione di pezzi amovibili ; tale applicazione non deve avere un ' influenza apprezzabile sulle qualità metrologiche del contatore .

La lunghezza dell ' intervallo di verifica non deve essere inferiore a 1 mm , nù superiore a 5 mm . Detto intervallo viene realizzato :

- con trattini di uguale spessore non superiore ad un quarto della distanza fra gli assi di due trattini consecutivi ; i trattini possono differenziarsi tra loro soltanto per la lunghezza , oppure

- con strisce a contrasto la cui larghezza costante corrisponde alla lunghezza dell ' intervallo .

Tuttavia , per 6 anni e 6 mesi dalla notifica della presente direttiva :

a ) lo spostamento delle cifre allineate dell ' alto verso il basso sarà tollerato e sarà indicato con una freccia ,

b ) la lunghezza dell ' intervallo potrà essere uguale a 0,8 mm .

3.6 . Numero di cifre e valori dell ' intervallo di verifica

Il dispositivo indicatore deve poter registrare , senza ritornare a zero , almeno un volume al massimo uguale a quello , espresso in metri cubi , corrispondente a 1 999 ore di funzionamento alla portata nominale .

L 'intervallo di verifica deve essere della forma 1 × 10n o 2 × 10n o 5 × 10n . Esso deve essere abbastanza piccolo perchù , al momento della verifica , sia garantira una imprecisione di misura del 0,5 % al massimo ( ammettendo possibile un errore non superiore alla metà della lunghezza dall ' intervallo più breve ) e sia richiesta un ' erogazione alquano bassa , alla portata minima , in modo che la prova a tale portata non duri più di un ' ora e mezza .

Tuttavia per 6 anni e 6 mesi dalla notifica della presente direttiva , sarà tollerata una durata massima di 7 ore .

Può essere aggiunto un dispositivo supplementare ( stella , disco con riferimento , ecc . ) per mettere in evidenza il movimento del dispositivo di misurazione prima che lo spostamento del medesimo sia chiaramente percettibile sul dispositivo indicatore .

3.7 . Dispositivo di regolazione

I contatori possono essere muniti di un dispositivo di regolazione che consenta di modificare il rapporto fra il volume erogato . Questo dispositivo è obbligatorio per i contatori che sfruttano la rotazione impressa dalla velocità dell ' acqua a un orgno mobile .

3.8 . Dispositivo acceleratore

È vietato qualsiasi dispositivo diretto ad accelerare il funzionamento del contatore al di sotto di Qmin .

IV . ISCRIZIONE E MARCHI

4.1 . Iscrizioni di identificazione

Su ogni contatore devono essere apposte in modo leggibile e indelebile , ragrippate o ripartite sull ' involucro , sul quadrante del dispositivo indicatore o sulla targhetta segnaletica , le seguenti indicazioni :

a ) il nome o la ragione sociale del fabbricante oppure il marchio di fabbrica ,

b ) la classe metrologica e la portata nominale Qn in metri cui all ' ora ,

c ) l ' anno di fabbricazione , il numero inidviduale di fabbricazione ,

d ) una o due frecce che indichino il senso del flusso ,

e ) il contrassegno attestante l ' approvazione CEE del modello ,

f ) la pressione massima di servizio in bar , se può essere superiore a 10 bar ,

g ) « V » o « H » se il contratore può funzionare correttamente soltanto in posizione verticale ( V ) o orizzontale ( H ) .

4.2 . Ubicazione dei marchi di verifica

Per apporre i marchi di verifica CEE deve essere previsto uno spazio su un componente essenziale ( generalmente l ' involucro ) , visibile senza montaggio .

4.3 . Sigilli

I contatori devono essere muniti di dispositivi di protezione essere sigillati in modo da impedire , sia prima che dopo la corretta installazione del contatore , lo smontaggio o la modifica del contatore o del suo dispositivo di regolazione senza deterioramento di tali dispositivi .

V . APPROVAZIONE CEE DEL MODELLO

5.1 . Procedura

La procedura di approvazione CEE del modello è conforme alla direttiva 71/316/CEE .

5.2 . Prove del modello

Dopo che sulla scorta della documentazione della domanda di approvazione è stato costatato che il modello è conforme alle prescrizioni della presente dirretiva , un certo numero di apparecchi viene sottoposto a prove di laboratorio nelle seguenti condizioni :

5.2.1 . Numero di contatori da sottoporre alle prove :

Il numero di contatori che dovrà essere presentato dal fabbricante è indicato nella tabella che segue :

Portata nominale Qn in m3/h * Numero di contatori *

Qn * 5 * 10 *

5 < Qn * 50 * 6 *

50 < Qn * 1000 * 2 *

Qn > 1000 * 1 *

5.2.2 . Pressione

Nelle prove metrologiche ( punto 5.2.4 . ) la pressione all ' uscita dal contatore deve essere sufficiente ad evitare la cavitazione .

5.2.3 . Materiale di prova

In linea di massima i contatori vengono sottoposti alle prove separatamente e , comunque , in modo da poter individuare senza ambiguità le caratteristiche di ognuno di essi .

Il servizio di metrologia dello Stato membro prende tutte le disposizioni necessarie affinchù , tenuto conto delle varie cause di errore dell ' impianto , l ' incertezza massima di precisione relativa nelle misurazione del volume erogato sia dello 0,2 % .

L ' incertezza massima di precisione relativa dell ' impianto è del 5 % per la misurazione delle pressione e del 2,5 % per la misurazione della caduta di pressione .

Durante ciascuna prova , la variazione relativa del valore della portata non deve superare il 2,5 % da Qmin a Qt e 5 % da Qt a Qmax .

Indipendemente dal luogo in cui vengono effettuate le prove , l ' impianto deve essere approvato dal servizio di metrologia dello Stato membro interessato .

5.2.4 . Esecuzione delle prove

Le prove comprendono le seguenti operazioni , effettuate nell ' ordine indicato :

1 ) prove di tenuta ,

2 ) determinazione delle curve di errore in funzione della portata , cercando l 'influenza della pressione e tenendo conto delle condizioni d ' installazione ( lungherezze delle rubazioni in linea retta a monte e a valle , strozzamenti , ostacoli ecc . ) normali per questo tipo di contatore , previste dal fabbricante ,

3 ) determinazione delle perdite di pressione ,

4 ) studio accelerato dell ' usura .

L ' esame della tenuta comprende le seguenti due prove :

a ) ciascun contatore deve sopportare per quindici minuti , senza perdite e senza trasudamenti attraverso le pareti , una pressione pari a 16 bar o a 1,6 volte la pressione massima di servizio ( cfr . punto 4.1 . lettera f ) ;

b ) ciascun contatore deve sopportare per un minuto , senza venir distrutto o bloccato , una pressione pari a 20 bar o a 2 vole la pressione massima di servizio ( cfr . punto 4.1 . lettera f ) .

Dai risultati delle prove 2 e 3 si deve ricavare un numero di punti sufficiente per tracciare con sicurezza le curve relative all ' interno campo di portata .

Lo studio accelerato dell ' usura viene svolto nelle seguenti condizioni :

Portata nominale Qn in m2/h * Portata di prova * Natura della prova * Numero di cicli * Durata delle pause in secondi * Durata de funzionamento alla portata di prova * Durata delle fasi di avviamento e di arresto in secondi *

* Qn * discontinua * 100 000 * 15 * 15 secondi * 0,15 ( Qn ) ( * ) secondi con un minimo di 1 secondo *

Qn * 10 * * * * * * *

* 2 Qn * continua * * * 100 h * *

* Qn * continua * * * 800 h * *

Qn > 10 * * * * * * *

* 2 Qn * continua * * * 200 h * *

( * ) ( Qn * è un numero uguale al valore di Qn espresso in m3/h .

Prima della prima prova o dopo ogni serie di prove si determinano gli errori di misurazione almeno per le seguenti portate :

Qmin - Qt - 0,3 Qn - 0,5 Qn - 1 Qn - 2 Qn

Per ogni prova , il volume erogato deve essere tale che la lancetta o il rullo dell ' intervallo di verifica compia uno o più giri completi e che siano eliminati gli effetti della distorsione ciclica .

5.2.5 . Condizione per l ' approvazione CEE del modello

Un modello di contatore d ' acqua è approvato quando soddisfa alle seguenti condizioni :

a ) è conforme alle prescrizioni amministrative , tecniche e metrologiche della direttiva e del suo allegato ,

b ) le prove 1 - 2 - 3 previste al punto 5.2.4 . indicano che esso soddisfa alle caratteristiche metrologiche e tecnologiche delle parti II e III del presente allegato ,

c ) dopo ogni prova del programma d ' usura accelerato :

1 . non sono state costatate variazioni di misurazione rispetto alla curva iniziale superiori all 1,5 % fra Qt e Qmax e superiori al 3 % fra Qmin e Qt ;

2 . il contatore rispetta un errore massimo di ± 6 % tra Qmin e di ± 2,5 % tra Qt e Qmax .

VI . VERIFICA PRIMA CEE

Il luogo della verifica prima CEE deve essere approvato dal servizio di metrologia dello Stato membro . La disposizione dei locali e del materiale di prova deve consentire di effettuare la verifica in modo esatto e sicuro , senza perdite di tempo per l ' addetto al controllo . Le prescrizioni del punto 5.2.3 . devono essere rispettate ; i contatori possono tuttavia essere disposti in serie . In tal caso la pressione in uscita in tutti i contatori deve rimanere sufficiente ad evitare la cavitazione e si possono richiedere provvedimenti particolari per evitare interazioni fra i contatori .

L ' impianto può comprendere dispositivi automatici , derivazioni , reduzioni di sezione , ecc . purchù ogni circuito di prova fra contatori da verificare e serbatoi di controllo sia chairamente definito e la su tenuta interna possa verificata in continuazione .

È autorizzato qualsiasi d ' acqua ; ma in caso di funzionamento in parallelo di più circuiti di prova , non deve essere possibile alcuna interazione fra di loro incompatibile con le disposizioni del punto 5.2.3 .

Se un serbatoio di controllo è diviso in più camere , la rigidità delle pareti di separazione deve essere tale che il volume di una camera possa variare più dello 0,2 % secondo che le camere adiacenti siano piene o vuote .

La verifica comporta una prova di precisione effettuata almeno alle tre portate seguenti :

a ) fra 0,9 % Qmax e Qmax

b ) fra Qt e 1,1 Qt

c ) fra Qmin e 1,1 Qmin

Nella prima di tali prove si controlla che le caduta di pressione rimanga inferiore al valore indicato nel certificato di approvazione CEE del modello .

Gli errori massimi tollerati sono quelli del punto 2.1 .

Per ogni prova il volume erogato deve essere tale che la lancetta o il rullo dell ' intervallo di verifica compia uno o più giri completi e che siano eliminati gli effetti della distorsione ciclica .

Qualora gli errori siano tutti dello stesso segno , il contatore deve essere regolato in modo che non tutti gli errori superino lametà dell ' errore massimo tollerato .