Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale

Nel quadro dello spazio di libertà, di sicurezza e di giustizia, la cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale si prefigge di garantire un livello di protezione elevato dei cittadini dell’Unione europea (UE) attraverso la prevenzione e la lotta contro il crimine, il razzismo e la xenofobia. A questo settore è dedicato il titolo V del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (capitoli I, IV e V).

La cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale dell’UE si esprime in tre forme:

  • la cooperazione tra le forze di polizia nazionali;
  • la cooperazione tra le amministrazioni nazionali (in particolare i servizi doganali);
  • la cooperazione tra le autorità giudiziarie nazionali.

La cooperazione è attuata con l’aiuto delle agenzie dell’UE, quali Eurojust, Europol e la rete giudiziaria europea.

La cooperazione tra la magistratura opera principalmente attraverso un meccanismo chiamato riconoscimento reciproco delle sentenze e delle decisioni giudiziarie (ad esempio nel settore della detenzione e del trasferimento di detenuti, il mandato d’arresto europeo, l’ordine europeo d’indagine penale, la confisca e il congelamento dei beni e le sanzioni pecuniarie).