Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Semplificazione legislativa

La legislazione comunitaria sostituisce 28 normative nazionali o le allinea in un’unica normativa, offrendo così un contesto giuridico più certo, più mirato su obiettivi comuni, consentendo condizioni di parità per le imprese nel mercato unico. La legislazione in vigore è stata essenziale, ad esempio, nello stabilire il mercato unico dell’Unione europea (UE), nello sviluppo della politica ambientale dell’Unione e nella definizione dei livelli di tutela di lavoratori e consumatori. La normativa deve essere facilmente accessibile e di facile comprensione per garantire la conformità. L’UE mira a mantenere l’onere normativo al minimo per promuovere l’innovazione, la produttività e la crescita.

La semplificazione legislativa significa applicare rigorosamente i principi di necessità e proporzionalità. L’esercizio prevede la semplificazione, la codificazione, la rifusione e il consolidamento dei testi giuridici, nonché l’abrogazione delle disposizioni obsolete. Nel 1996 l’UE ha avviato il programma pilota SLIM (Semplificazione della legislazione relativa al mercato interno), seguito poi da programmi pluriennali di semplificazione e aggiornamento della legislazione comunitaria, come il programma staffetta della Commissione per la semplificazione, avviato nel 2005, che al 2012 ha portato all’identificazione di più di 640 iniziative di semplificazione, codificazione o rifusione. Successivamente sono stati avviati il programma di riduzione degli oneri amministrativi (ABR) e il suo seguito nei paesi dell’UE, ABRPlus, che ha ridotto gli oneri amministrativi per le imprese derivanti dalla legislazione dell’UE di circa il 25 % al 2012.

L’ultimo programma, noto come REFIT (Programma di controllo dell’adeguatezza e dell’efficacia della regolamentazione) è stato avviato nel 2012. REFIT identifica le opportunità per ridurre la burocrazia, eliminare gli oneri normativi, semplificare e migliorare la progettazione e la qualità della legislazione in modo che gli obiettivi politici siano raggiunti in modo più efficiente ed efficace, al minor costo e con un minimo di oneri amministrativi, nel pieno rispetto dei principi di sussidiarietà e proporzionalità stabiliti nei trattati dell’UE.