Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Compromesso di Ioánnina

Il compromesso di Ioánnina prende il nome da una riunione informale dei ministri degli Affari esteri dell'Unione europea (UE) svoltasi a Ioánnina, in Grecia, alla fine del marzo 1994. In occasione di questa riunione, il Consiglio ha adottato una decisione in merito alla questione specifica del voto a maggioranza qualificata all’interno dell’UE allargata a sedici membri. La decisione è stata in seguito modificata per tener conto della mancata adesione della Norvegia. Il compromesso raggiunto prevedeva che qualora i membri del Consiglio, che rappresentavano tra i 23 voti (precedente soglia della minoranza di blocco) ed i 26 voti (nuova soglia della minoranza di blocco), manifestassero la loro intenzione di opporsi all'adozione da parte del Consiglio di una decisione a maggioranza qualificata, il Consiglio avrebbe fatto tutto quanto in suo potere per pervenire, entro un congruo termine, ad una soluzione soddisfacente che potesse essere adottata con almeno 68 voti su 87.

L'articolo 16 del trattato sull’Unione europea introduce una nuova definizione della regola di maggioranza qualificata, che si applica a partire dal 1° novembre 2014. Tra questa data e il 31 marzo 2017 sarà tuttavia possibile per qualsiasi paese dell'UE esigere l’applicazione delle precedenti regole di ponderazione. Sarà inoltre possibile fare applicare il «compromesso di Ioánnina». Ciò permetterà ai paesi rappresentanti almeno i tre quarti della popolazione dell’UE o almeno i tre quarti del numero di paesi dell'UE necessari a costituire una minoranza di blocco, di opporsi a un voto per un atto a maggioranza qualificata dal Consiglio, onde poter trovare una soluzione entro un termine ragionevole. A partire dal 1° aprile 2017, la nuova regola sulla maggioranza qualificata diventerà obbligatoria. Le soglie per l’applicazione del «compromesso di Ioánnina» saranno abbassate ad almeno il 55 % della popolazione dell’UE o ameno il 55 % del numero dei paesi dell'UE necessari alla costituzione di una minoranza di blocco.