Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Corte dei conti

La Corte dei conti, che ha sede a Lussemburgo, è stata istituita nel 1975. Essa rappresenta l'organo di controllo delle finanze e il revisore esterno indipendente dell'UE. Opera conformemente alle norme stabilite nel trattato sul funzionamento dell'UE (articoli da 285 a 287).

Comprende 1 membro proveniente da ciascun paese aderente. I membri sono nominati con un mandato di 6 anni (rinnovabile). Essi nominano il Presidente, il cui mandato è pari a 3 anni (rinnovabile). Tutti i membri devono svolgere le proprie mansioni nell'interesse generale dell'UE ed in completa autonomia.

La Corte controlla la legalità e la regolarità delle entrate e delle spese dell'UE (e di ogni organismo creato dall'UE e dagli organismi esterni che ne gestiscono i fondi). Essa accerta la sana gestione finanziaria e fornisce al Parlamento europeo e al Consiglio una dichiarazione che garantisce l'affidabilità dei conti e la legalità e regolarità delle operazioni collegate. Al termine di ogni esercizio finanziario, essa redige una relazione pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Se scopre frodi o casi di irregolarità, deve comunicarlo all’OLAF, l'ufficio antifrode dell'Unione europea.