Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Presidente della Commissione europea

Ai sensi dell’articolo 17 del trattato sull’Unione europea, il Consiglio europeo, deliberando a maggioranza qualificata, propone al Parlamento europeo il candidato alla carica di presidente della Commissione europea. Tale candidato deve riflettere i risultati delle elezioni del Parlamento europeo e deve essere eletto dalla maggioranza dei membri del Parlamento europeo. Se il candidato non ottiene la maggioranza, il Consiglio europeo deve proporre un nuovo candidato entro un mese.

Facendo seguito alle proposte provenienti dai paesi dell’Unione europea, il presidente della Commissione deve essere d’accordo con il Consiglio dell’Unione europea sulla lista dei membri della Commissione. È necessario il suo consenso alla nomina dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza (che diventa anche vicepresidente della Commissione).

Il presidente:

  • decide i portafogli dei Commissari e l’organizzazione interna della Commissione;
  • definisce gli orientamenti politici che consentono alla Commissione di assolvere i propri compiti;
  • conduce i lavori della Commissione;
  • presiede il collegio delle riunioni dei commissari;
  • rappresenta l’Unione europea in tutto il mondo, a livello di capi di Stato o di governo, in questioni che rientrano sotto la responsabilità della Commissione, ad esempio nelle riunioni del G7;
  • partecipa al Consiglio europeo, così come ai dibattiti più importanti del Parlamento europeo.

Jean-Claude Juncker, già primo ministro del Lussemburgo, è stato eletto presidente per il periodo dal 1º novembre 2014 al 31 Ottobre 2019.