Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Consiglio dell'Unione europea

Il Consiglio dell'Unione europea («Consiglio dei ministri» o «Consiglio») è uno dei principali organi decisionali dell'Unione europea (UE). Esso riunisce i ministri dei 28 paesi dell'UE e costituisce quindi l'istituzione dove questi paesi adottano le leggi e coordinano le politiche. La sede del Consiglio è a Bruxelles, ma le riunioni possono aver luogo a Lussemburgo. Le sessioni del Consiglio (ad eccezione del Consiglio Affari esteri) sono convocate dalla Presidenza di turno che ne fissa l'ordine del giorno.

Il Consiglio si riunisce in dieci formazioni nel cui ambito si incontrano i rispettivi ministri dei paesi dell'UE: Affari generali, Affari esteri, Affari economici e finanziari, Giustizia e affari interni, Occupazione, Politica sociale, sanità e consumatori, Competitività, Trasporti, Telecomunicazioni ed energia, Agricoltura e pesca, Ambiente, Istruzione, gioventù e cultura. Il Consiglio «Affari generali» coordina, unitamente alla Commissione, i lavori delle varie formazioni all’interno del Consiglio.

Le decisioni del Consiglio sono preparate dal Comitato dei rappresentanti permanenti dei paesi dell'UE (Coreper), che è assistito da gruppi di lavoro composti da funzionari delle amministrazioni nazionali.

Il Consiglio esercita, con il Parlamento europeo, le funzioni legislative e di bilancio ed è l'istituzione principale con poteri decisionali in materia di politica estera e di sicurezza comune (PESC), oltre che di cooperazione delle politiche economiche (approccio intergovernativo). Esso detiene anche il potere esecutivo che delega generalmente alla Commissione.

Nella maggioranza dei casi, il Consiglio decide su proposta della Commissione europea, secondo la procedura legislativa ordinaria, con il Parlamento europeo. In funzione dei settori da esaminare, esso delibera a maggioranza semplice, a maggioranza qualificata o all'unanimità, anche se la maggioranza qualificata è più ampiamente utilizzata (agricoltura, mercato unico, ambiente, trasporti, occupazione, sanità ecc.).