Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Parità tra uomini e donne

Il principio della parità tra uomini e donne è stato sancito dal trattato di Roma del 1957, per quanto riguarda la parità di retribuzione. Da allora, una serie di leggi europee (direttive) ha esteso l’applicazione del principio di parità tra uomini e donne alle condizioni di lavoro, alla sicurezza sociale, all’accesso a beni e servizi, alla protezione della maternità e del congedo parentale. Il principio di parità quale valore comune dell'Unione europea (UE) è stato sancito dal trattato di Lisbona.

La Commissione ha adottato la strategia per la parità fra donne e uomini 2010-2015, sulla base della tabella di marcia 2006-2010, illustrando le azioni chiave previste e promuovendo, tra le altre cose:

  • la parità dell'indipendenza economica;
  • la parità di retribuzione per lavori di pari valore;
  • la parità nel processo decisionale;
  • la dignità, l'integrità e la fine della violenza di genere;
  • la promozione della parità tra i sessi al di fuori dell'UE;
  • le questioni orizzontali (ruoli legati al genere, tra cui il ruolo degli uomini, degli strumenti di legislazione e di governance).

Lo strumento europeo Progress di microfinanza, lanciato nel 2010, promuove l'accesso ai finanziamenti per le persone vulnerabili, comprese le donne. Attualmente fa parte del programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) per il periodo 2014-2020.