Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Politica delle imprese

La politica delle imprese dell'Unione europea (UE) ha l'obiettivo di creare un ambiente più favorevole alla costituzione e allo sviluppo delle imprese, in particolare delle piccole e medie imprese (PMI). La politica ha ricevuto un nuovo impulso negli ultimi anni con il riconoscimento del ruolo fondamentale svolto dalle PMI, in particolare in termini di creazione di posti di lavoro.

Lo «Small Business Act» per l'Europa, un insieme di dieci principi che puntano a migliorare il contesto imprenditoriale e a ridurre gli oneri normativi per le PMI, è stato adottato nel 2008 ed è stato poi rivisto nel 2011. Nuove azioni sono state create per rispondere alle sfide derivanti dalla crisi economica concentrandosi su 4 settori prioritari: oneri ridotti alle imprese, accesso ai finanziamenti, accesso ai mercati e promozione dell'imprenditorialità.

Il piano d'azione per l'imprenditorialità 2020 è stato adottato nel 2013. Esso si concentra su 6 aree:

  • accesso ai finanziamenti;
  • sostegno alle fasi di avvio e di sviluppo delle PMI;
  • stimolo per le imprese ad abbracciare le tecnologie dell'informazione e della comunicazione;
  • trasferimento di proprietà delle imprese più semplice;
  • una seconda possibilità per gli imprenditori onesti, dopo il fallimento;
  • riduzione della burocrazia.

Il piano sottolinea anche l'importanza dell'istruzione e della formazione nello sviluppo delle nuove generazioni di imprenditori. Questo si collega con l'iniziativa prioritaria della strategia Europa 2020 dal titolo «Un'agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro».