Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Coesione economica, sociale e territoriale

Sin dall'inizio, un obiettivo fondamentale dell'Unione europea (UE) è stato quello di ridurre le disparità economiche e sociali tra le sue diverse regioni attraverso la sua politica di coesione. Essa utilizza i suoi fondi strutturali per raggiungere gli obiettivi della strategia Europa 2020. Questi fondi si rivolgono alle seguenti problematiche:

  • regioni con svantaggi naturali o demografici gravi e permanenti (per esempio, le regioni a bassissima densità di popolazione, le isole, le regioni transfrontaliere e di montagna,
  • le zone interessate da una transizione industriale, e
  • le zone rurali.

Il trattato di Lisbona ha aggiunto una terza dimensione: la coesione territoriale. Questo significa ricavare il meglio delle forze di ogni territorio, in modo da contribuire allo sviluppo sostenibile ed equilibrato dell'UE nel suo complesso. Si tratta di pianificare congiuntamente un territorio e i suoi paesi confinanti e di implementare soluzioni ottimali per questioni come i trasporti, Internet ecc.

I finanziamenti ai fini della coesione sono messi a disposizione da:

  • Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR)
  • Fondo europeo di sviluppo
  • Fondo europeo di coesione
  • Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)
  • Banca europea per gli investimenti.

Gli articoli da 174 a 178 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea pongono le basi legali per la politica europea di coesione. In concomitanza con l'adozione del quadro finanziario pluriennale dell'UE, l'UE ha adottato una serie di nuovi regolamenti che disciplinano i fondi di cui sopra per il periodo 2014-2020.