Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Ripartizione delle competenze

Il trattato di Lisbona chiarisce la ripartizione delle competenze tra l'Unione europea (UE) e i suoi paesi. Oltre ai principi di sussidiarietà e di proporzionalità, sussiste anche il principio di attribuzione [articolo 5 del trattato sull'Unione europea (TUE)].

Secondo tale principio, l’Unione europea agisce esclusivamente nei limiti delle competenze che le sono attribuite nei trattati dell'UE. Queste competenze sono definite negli articoli da 2 a 6 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE).

Sono previste 4 categorie di competenze:

  • le competenze esclusive (articolo 3 del TFUE), per le quali solo l'UE è autorizzata ad agire in questi settori, quali ad esempio l'unione doganale e la politica commerciale;
  • le competenze condivise tra l'UE e i paesi dell'UE (articolo 4 del TFUE). I paesi dell'UE possono agire solo se l'UE ha scelto di non esercitare la sua competenza, ad esempio nell'ambito della politica di coesione, dell'energia e dell'ambiente. I paesi dell'UE possono chiedere alla Commissione di abrogare un atto legislativo adottato in una delle aree condivise in modo da garantire un maggiore rispetto dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità (dichiarazione n. 18 allegata al trattato di Lisbona);
  • L'UE stabilisce le modalità entro cui i paesi dell'UE devono coordinare la politica (articolo 5 del TFUE), ad esempio la politica economica;
  • L'UE può sostenere, coordinare o completare le azioni dei paesi dell'UE (articolo 6 del TFUE), ad esempio nei settore della cultura e del turismo.