Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Risorse proprie

Le risorse proprie dell'Unione europea (UE) sono le principali fonti di entrate per il bilancio dell'UE. Le sue spese annue non possono superare le sue entrate (cioè gestisce un bilancio in pareggio).

Sono previsti tre tipi di risorse proprie:

  • tradizionali: queste comprendono principalmente i dazi doganali sulle importazioni verso l'UE e le quote sullo zucchero. I paesi mantengono il 25 % dei dazi riscossi, a copertura delle spese di riscossione;
  • basate sull'imposta sul valore aggiunto (IVA): una percentuale dello 0,3 % della base imponibile IVA di ciascun paese dell'UE è trasferita all'UE;
  • basate sul reddito nazionale lordo (RNL): ogni paese dell'UE trasferisce all'UE un tasso percentuale uniforme del suo RNL. La percentuale è regolata in modo che le entrate complessive corrispondano al livello concordato dei pagamenti. Si tratta della principale fonte di entrate dell'UE.

Meccanismi di correzione sono stati introdotti per correggere ciò che è stato percepito come un contributo eccessivo da parte di alcuni paesi, come ad esempio la Germania, i Paesi Bassi, la Svezia e il Regno Unito.

Nel 2014, il Consiglio ha adottato una nuova decisione sulle risorse proprie che ha introdotto alcune modifiche, specificatamente per quanto riguarda i meccanismi di correzione, per il periodo 2014-2020. Essa entrerà in vigore solo dopo la ratifica nei paesi dell'UE, ma le nuove disposizioni devono essere applicate retroattivamente dal 1° gennaio 2014.

Nel 2014 è stato inoltre istituito un gruppo di alto livello sulle risorse proprie, per proporre miglioramenti al sistema.