Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Cittadinanza europea

La cittadinanza europea è stata introdotta per la prima volta negli articoli 9-12 del trattato sull’Unione europea (UE). Gli articoli 18-25 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea stabiliscono i diritti derivanti dalla cittadinanza europea.

Ciascun cittadino di un paese dell’UE è considerato un cittadino dell’UE. La cittadinanza europea non sostituisce la cittadinanza nazionale, ma si aggiunge ad essa. La cittadinanza dà diritto a:

  • circolare e soggiornare su tutto il territorio dell’UE;
  • votare ed essere eletto alle elezioni municipali e del Parlamento europeo nello stato di residenza;
  • ricevere al di fuori dell’Unione la protezione diplomatica e consolare delle autorità di ogni paese dell’UE se lo Stato di cui l’individuo è cittadino non è rappresentato;
  • presentare una petizione al Parlamento europeo e ricorrere al mediatore europeo;
  • rivolgersi alle istituzioni europee in una delle sue lingue ufficiali e ricevere una risposta nella stessa lingua;
  • non essere discriminato per motivi riguardanti nazionalità, genere, razza, religione, disabilità, età o orientamento sessuale;
  • invitare la Commissione a presentare una proposta legislativa (iniziativa dei cittadini);
  • accedere ai documenti di istituzioni e organismi, a determinate condizioni (articolo 15 del TFUE).