Glossario delle sintesi

Guida Esporta come PDF Stampa questa pagina 

Bilancio

Tutte le entrate e le spese dell’Unione europea (UE) sono iscritte nel suo bilancio sulla base di previsioni annuali. Tali previsioni devono essere in linea con il quadro finanziario pluriennale (QFP), il piano di spesa a medio termine dell’UE, come previsto dal trattato di Lisbona (articolo 312 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea). L’ultimo QFP riguarda il periodo 2014-2020.

Il bilancio è finanziato dalle «risorse proprie» dell’UE (vale a dire una percentuale del reddito nazionale lordo di ciascun paese dell’UE e una parte dei loro introiti da IVA, dazi doganali e altre imposte).

Ogni anno, la Commissione europea presenta un progetto preliminare di bilancio al Consiglio e al Parlamento europeo, che condividono l’autorità di bilancio. Il Consiglio deve adottare un parere sul progetto di bilancio entro il 1° ottobre dell’anno che precede quello per il quale il bilancio è stato proposto. Se il Parlamento approva il parere del Consiglio, il bilancio è da ritenersi adottato.

Se invece il Parlamento europeo adotta emendamenti al parere del Consiglio, è necessario convocare il comitato di conciliazione per raggiungere un accordo. Spetta al presidente del Parlamento constatare che il bilancio è definitivamente adottato.