Help Print this page 
Title and reference
Sicurezza dei repellenti per insetti, dei disinfettanti e di altri prodotti chimici industriali (biocidi) nell’Unione europea

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Sicurezza dei repellenti per insetti, dei disinfettanti e di altri prodotti chimici industriali (biocidi) nell’Unione europea

SINTESI DI:

Regolamento (UE) n. 528/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 maggio 2012, relativo alla messa a disposizione sul mercato e all’uso dei biocidi

SINTESI

I biocidi (disinfettanti per la casa, insetticidi e altri prodotti chimici) sono utilizzati per eliminare organismi nocivi (parassiti, funghi, batteri ecc.) o per proteggere i materiali. Tuttavia, dal momento che le loro proprietà possono creare rischi per le persone, gli animali e l’ambiente, essi sono regolati a livello dell’Unione europea (UE).

CHE COSA FA IL PRESENTE REGOLAMENTO?

Armonizza le norme dell’UE relative alla vendita e all’uso dei biocidi, garantendo al tempo stesso un elevato livello di protezione della salute umana e animale e dell’ambiente.

PUNTI CHIAVE

Approvazione

Per poter essere venduti in Europa, tutti i biocidi richiedono una licenza. Anche i principi attivi che essi contengono devono essere approvati.

La valutazione dei principi attivi dei biocidi viene effettuata a livello comunitario. Per ogni principio attivo che deve essere valutato, viene nominato un paese dell’UE in qualità di «relatore» , responsabile della produzione di una relazione di valutazione che viene poi discussa da tutti i paesi dell’UE, al fine di giungere a una decisione a livello comunitario per approvare o meno la sostanza.

I principi attivi che soddisfano i criteri di esclusione non sono approvati. Si tratta di sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione, interferenti endocrini, persistenti*, bioaccumulabili* e tossici (PBT) o molto persistenti e molto bioaccumulabili (vPvB). Alcune esenzioni sono tuttavia possibili, se i rischi sono trascurabili.

I rischi associati ai biocidi contenenti nanomateriali* devono essere valutati in modo specifico.

L’approvazione di un principio attivo è concessa per un periodo non superiore a 10 anni.

I principi attivi approvati sono elencati sul sito Internet dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA).

Autorizzazione

Una volta approvato un principio attivo, le aziende devono richiedere una licenza commerciale per immettere il proprio prodotto sul mercato:

o inviando una richiesta di autorizzazione UE all’ECHA: se il prodotto è considerato sicuro, può essere venduto direttamente nell’Unione senza la necessità di ottenere una specifica autorizzazione nazionale;

o inviando una richiesta di autorizzazione nazionale se il prodotto deve essere venduto in un singolo paese. Se l’autorizzazione viene concessa, le aziende possono immettere il prodotto sul mercato di altri paesi dell’UE sulla base del principio del riconoscimento reciproco dell’autorizzazione del prodotto.

Esiste anche una procedura di autorizzazione semplificata per i prodotti meno nocivi che rispondono a determinati criteri, come quelli che non contengono sostanze potenzialmente pericolose o nanomateriali.

Condivisione dei dati

Per ridurre al minimo i costi e l’uso di test su animali, il regolamento prevede la condivisione di dati sulle sostanze approvate e sui prodotti autorizzati nell’UE. L’Agenzia ha pertanto istituito un sistema informativo (registro per i biocidi).

Articoli trattati

Il presente regolamento riguarda gli articoli che sono stati trattati con o contengono biocidi (come mobili e imballaggi alimentari). Gli articoli possono essere trattati solo con i principi attivi approvati nell’UE a tale scopo e devono essere etichettati come tali.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

A decorrere dal 1o settembre 2013.

CONTESTO

TERMINI CHIAVE

* Persistente: si tratta di sostanze chimiche che persistono nell’ambiente (cioè non si decompongono) e che quindi possono essere dannosi per la salute umana. Il pesticida DDT ne è un esempio.

* Bioaccumulabile: l’accumulo di una sostanza come una sostanza chimica in un organismo. Il bioaccumulo si verifica quando questa sostanza è assorbita più rapidamente dall’organismo di quanto non venga eliminata.

* Tossico: sostanza che può nuocere all’ambiente o alla salute se inalata, ingerita o assorbita attraverso la pelle.

* Biocida contenente nanomateriali: un biocida prodotto usando un nanomateriale. I nanomateriali sono sostanze chimiche o materiali che vengono prodotti e utilizzati su scala molto ridotta. I nanomateriali hanno caratteristiche uniche e più pronunciate rispetto allo stesso materiale senza caratteristiche di nanoscala (fonte Agenzia chimica europea).

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (UE) n. 528/2012

17.7.2012

GU L 167 del 27.6.2012, pagg. 1-123

Atti modificatori

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (UE) n. 736/2013

20.8.2013

GU L 204 del 31.7.2013, pag. 25

Regolamento (UE) n. 837/2013

23.9.2013

GU L 234 del 3.9.2013, pagg. 1-2

Regolamento (UE) n. 334/2014

25.4.2014

GU L 103 del 5.4.2014, pagg. 22-32

ATTI COLLEGATI

Regolamento (UE) n. 283/2013 della Commissione, del 1o marzo 2013, che stabilisce i requisiti relativi ai dati applicabili alle sostanze attive, conformemente al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari (GU L 93 del 3.4.2013, pagg. 1-84)

Regolamento (UE) n. 284/2013 della Commissione, del 1o marzo 2013, che stabilisce i requisiti relativi ai dati applicabili ai prodotti fitosanitari, conformemente al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari (GU L 93 del 3.4.2013, pagg. 85-152)

Regolamento di esecuzione (UE) n. 354/2013 della Commissione, del 18 aprile 2013, sulle modifiche dei biocidi autorizzati a norma del regolamento (UE) n. 528/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 109 del 19.4.2013, pagg. 4-13)

Regolamento di esecuzione (UE) n. 88/2014 della Commissione, del 31 gennaio 2014, che specifica una procedura per la modifica dell’allegato I del regolamento (UE) n. 528/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla messa a disposizione sul mercato e all’uso dei biocidi (GU L 32 dell’1.2.2014, pagg. 3-5)

Ultimo aggiornamento: 26.10.2015

Top