Help Print this page 
Title and reference
Istituto dell’Unione europea per gli studi sulla sicurezza

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DE html EN html FR html IT html HU html PL html RO
Multilingual display
Text

Istituto dell’Unione europea per gli studi sulla sicurezza

L’istituto dell’Unione europea per gli studi sulla sicurezza appartiene alle strutture di sostegno della politica estera e di sicurezza comune dell'Unione europea. Il suo ruolo è di fornire un lavoro di ricerca e analisi sulle problematiche internazionali.

ATTO

Azione comune 2001/554/PESC del Consiglio, del 20 luglio 2001, relativa alla creazione di un Istituto dell'Unione europea per gli studi sulla sicurezza [Cfr. atti modificatori].

SINTESI

Questa azione comune crea l’istituto dell’Unione europea per gli studi sulla sicurezza. Grazie al suo lavoro di analisi e ricerca, l’Istituto contribuisce alle scelte europee nel campo della politica estera e di sicurezza comune (PESC). Tra le altre cose, prepara le analisi e offre un tavolo di dibattito in materia di strategia estera dell'Unione europea (UE).

L’azione comune definisce quindi le missioni e la struttura dell'Istituto.

Missioni

La missione dell’Istituto è di contribuire allo sviluppo della PESC e, in particolare, della politica di sicurezza e di difesa comune. L’istituto realizza lavori universitari di ricerca e analisi politiche e fornisce, tra l'altro, analisi e previsioni all'alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

L’Istituto organizza anche conferenze e seminari diverse volte l’anno, al fine di sviluppare il dibattito strategico in Europa. Questi eventi possono, ad esempio, raggruppare esperti e ricercatori provenienti dall’Europa o dal resto del mondo, rappresentanti dell’UE e degli Stati membri o organizzazioni non-governative. Inoltre, le attività dell’istituto devono anche alimentare il dialogo transatlantico.

Peraltro, l’istituto affianca ai propri lavori una rete di scambi con altri istituti di ricerca e gruppi di riflessione in seno e al di fuori dell'UE.

Infine, l’istituto svolge azioni di informazione e comunicazione in ambito PESC. I risultati dei suoi lavori sono divulgati il più ampiamente possibile, salvo per le informazioni classificate come riservate.

Struttura

L’Istituto è diretto da due organi:

  • il consiglio d’amministrazione: composto da un rappresentante per Stato membro e un rappresentante della Commissione. Si riunisce almeno due volte l'anno ed è presieduto dall'alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Il consiglio d'amministrazione ha, tra l'altro, la responsabilità di adottare il programma di lavoro annuo dell'Istituto e il bilancio correlato.
  • il direttore: nominato dal consiglio d'amministrazione per un mandato di tre anni, prorogabili di altri due, assicura l'amministrazione quotidiana dell’istituto e il buon svolgimento delle missioni. Tra le altre cose, si occupa anche della preparazione dei lavori del consiglio d'amministrazione.

Il personale dell’Istituto è inoltre composto da ricercatori e dal personale amministrativo. I ricercatori sono assunti per concorso in funzione delle loro competenze in ambito PESC. I membri del personale dell’Istituto sono tutti agenti contrattuali. Tuttavia, possono essere distaccati presso l’istituto per un periodo limitato esperti dagli Stati membri, funzionari dell'UE o ricercatori associati provenienti dagli Stati membri o da Paesi terzi.

Bilancio

Le entrate e le uscite del bilancio dell’Istituto devono essere equilibrate. Le entrate dell’istituto provengono dai contributi degli Stati membri calcolati su base del loro prodotto nazionale lordo.

Contesto

L’Istituto deriva dalla vecchia Unione dell’Europa occidentale (UEO). Creata nel 1971 e disciolta il 30 giugno 2011, l’UEO includeva strutture specializzate negli studi legate alla PESC, che sono servite da base e poi incorporate nell’Istituto.

Riferimeti

Atto

Entrata in vigore

Termine di recepimento negli Stati membri

Gazzetta Ufficiale

Azione comune 2001/554/PESC del Consiglio

20.7.2001

-

GU L 200, 25.7.2001

Atto/i modificatore/i

Entrata in vigore

Termine di recepimento negli Stati membri

Gazzetta Ufficiale

Azione comune 2006/1002/PESC del Consiglio

21.12.2006

-

GU L 409, 30.12.2006

See also

  • Istituto dell’Unione europea per gli studi sulla sicurezza (EN) (FR)

Ultima modifica: 07.08.2011

Top