Help Print this page 
Title and reference
Regolamento interno della Commissione europea

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DA html DE html EL html EN html FR html IT html HU html NL html PL html PT html RO html FI html SV
Multilingual display
Text

Regolamento interno della Commissione europea

La Commissione europea è una delle sette istituzioni dell'Unione europea. Essa tutela gli interessi generali dell'Unione europea e la rappresenta in ambiti quali la negoziazione di accordi commerciali tra l'Unione e paesi terzi. La Commissione ha il potere di iniziativa legislativa e assicura l'applicazione dei trattati e del diritto dell'Unione. Inoltre gestisce e attua le politiche dell'Unione europea e cura l'esecuzione del bilancio.

ATTO

Regolamento interno della Commissione [Cfr atti modificativi].

SINTESI

Il termine Commissione può riferirsi all'istituzione, al collegio di commissari e al personale amministrativo.

Il regolamento interno della Commissione europea ne stabilisce il funzionamento e l'organizzazione.

Tale regolamento concerne, tra le altre cose, i seguenti aspetti relativi al lavoro della Commissione:

ORGANIZZAZIONE DELLA COMMISSIONE

Collegio dei commissari

I membri della Commissione sono chiamati collettivamente Commissari. La Commissione agisce come collegio. In base al principio di responsabilità collegiale i membri della Commissione hanno pari diritto di esprimere la propria opinione nel processo decisionale, le decisioni sono prese congiuntamente e i membri hanno una responsabilità collettiva, in termini di politica, per le decisioni prese dalla Commissione.

Il presidente della Commissione stabilisce gli orientamenti politici della Commissione e li rappresenta. Il presidente prende decisioni in merito all'organizzazione interna della Commissione e attribuisce a ciascun commissario responsabilità specifiche (portafogli), con la facoltà di modificare i rispettivi incarichi durante il mandato. Il Segretario generale assiste il presidente in alcune funzioni.

Gli uffici della Commissione

Le direzioni generali e gli uffici preparano ed eseguono l'azione della Commissione, attuando così le priorità e gli orientamenti politici stabiliti dal presidente. In linea di principio, le direzioni generali e gli uffici sono suddivisi in divisioni, a loro volta ripartite in unità.

PROCESSO DECISIONALE INTERNO

Quattro procedimenti di formazione delle decisioni

Le decisioni della Commissione sono adottate attraverso:

  • procedimento orale: le decisioni sono prese durante le riunioni del collegio dei commissari;
  • procedimento scritto: l'accordo tra i commissari è ottenuto attraverso un procedimento scritto, previo consenso da parte dell'ufficio giuridico e degli altri uffici consultati;
  • procedimento di delegazione orizzontale: la Commissione delega a uno o più commissari la gestione o l'amministrazione in suo nome, in conformità a certi limiti e condizioni;
  • procedimento di delegazione verticale: nel rispetto di talune condizioni, la Commissione delega ai direttori generali o ai capi servizio l'adozione di certe misure di gestione o amministrazione.

Riunioni della Commissione (procedimento orale)

La Commissione si riunisce in collegio, di norma una volta alla settimana. La riunione si tiene per lo più il mercoledì a Bruxelles. Quando il Parlamento europeo si riunisce a Strasburgo, generalmente la riunione della Commissione si tiene il martedì. Il presidente può inoltre convocare riunioni straordinarie della Commissione.

In caso di assenza di un membro della Commissione, il suo capo di Gabinetto può assistere alla riunione e, su invito del presidente, esporre l'opinione del membro che rappresenta, pur senza poter votare.

Il presidente stabilisce l'ordine del giorno di ciascuna riunione della Commissione. Un membro della commissione può proporre che venga iscritta all'ordine del giorno una questione, in conformità a determinate condizioni (in particolare riguardanti le scadenze). La Commissione può, su richiesta del presidente, deliberare su un punto non iscritto all'ordine del giorno. Può altresì decidere di non esaminare un punto iscritto all'ordine del giorno.

Le riunioni della Commissione non sono pubbliche, ma gli ordini del giorno e il processo verbale delle riunioni sono pubblicati sul sito del registro della Commissione.

La Commissione può tenere deliberazioni valide ed emanare decisioni legalmente vincolanti solo se la maggioranza dei membri prevista dal trattato è presente (quorum). In pratica la Commissione adotta decisioni per consenso. Si procederà tuttavia a votazione, potenzialmente segreta, su richiesta del presidente o di un membro della Commissione. In questo caso, perché venga adottata la maggioranza del numero dei membri previsto dal trattato deve votare a favore della proposta o della decisione.

Preparazione ed esecuzione delle decisioni

I commissari dispongono di Gabinetti incaricati di assisterli nell'espletamento delle loro funzioni e nella preparazione delle decisioni della Commissione. A tal fine, impartiscono istruzioni agli uffici interessati.

Per assicurare la qualità e la coerenza del lavoro della Commissione, sono fondamentali una stretta cooperazione e un efficiente coordinamento tra le direzioni generali e gli uffici coinvolti. Tale coordinamento si estende dalla progettazione di un'iniziativa, alla sua presentazione alla Commissione fino alla fase interistituzionale.

Il segretario generale è responsabile dell'esecuzione del processo decisionale e assicura che le decisioni della Commissione siano attuate. Gestisce la notificazione e la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE degli atti della Commissione e la loro trasmissione alle altre istituzioni.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento interno della Commissione

01.01.2001

-

GU L 308 del 08.12.2000

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Decisione 2010/138/UE, Euratom della Commissione

6.3.2010

-

GU L 55 del 5.3.2010

Decisione 2011/737/UE, Euratom della Commissione

16.11.2011

-

GU L 296 del 15.11.2011

ATTI COLLEGATI

Articolo 17 del Trattato sull'Unione europea

Articoli dal 248 al 250 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea

Regolamento (UE, Euratom) n. 904/2012 del Consiglio, del 24 settembre 2012 , che modifica il regolamento n. 422/67/CEE, n. 5/67/Euratom, relativo alla fissazione del trattamento economico del presidente e dei membri della Commissione, del presidente, dei giudici, degli avvocati generali e del cancelliere della Corte di giustizia nonché del presidente, dei membri e del cancelliere del Tribunale di primo grado, nonché del presidente, dei membri e del cancelliere del Tribunale della funzione pubblica dell’Unione europea [Gazzetta ufficiale L 269 del 4.10.2012].

Decisione 2013/272/UE del Consiglio europeo, del 22 maggio 2013, relativa al numero dei membri della Commissione europea [Gazzetta Ufficiale L 165, 18.6.2013]

Ultima modifica: 28.05.2014

Top