Help Print this page 
Title and reference
Appalti pubblici nei settori della difesa e della sicurezza

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Appalti pubblici nei settori della difesa e della sicurezza

 

SINTESI

Sono necessarie norme specifiche in materia di appalti per i settori della difesa e della sicurezza, al fine di aprire i mercati della difesa europea senza mettere a rischio gli interessi legittimi dei paesi dell’Unione europea (UE) in materia di sicurezza. La presente direttiva aumenta la concorrenza e la trasparenza in tali settori, permettendo alle imprese europee di presentare offerte per un numero maggiore di appalti in materia di difesa e sicurezza in tutta l’UE.

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

Stabilisce le norme d’appalto UE, adattate alle specificità dei settori della difesa e della sicurezza.

PUNTI CHIAVE

Ambito di applicazione: la direttiva si applica, in linea di principio, a tutti gli appalti per l’acquisto di materiale militare, di lavori e di servizi militari e a tutti gli acquisti sensibili destinati alla sicurezza e che contengono informazioni classificate.

I paesi dell’UE conservano il diritto di escludere alcuni appalti dalla presente direttiva ai sensi dell’articolo 346 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Tale diritto è necessario ai fini della protezione dei loro interessi essenziali in materia di sicurezza.

Alcune tipologie specifiche di appalto sono perciò escluse dalla presente direttiva. Si includono:

appalti per attività di intelligence o connessi allo stazionamento di truppe, aggiudicati conformemente alle norme di organizzazioni internazionali che vogliano acquistare per tali scopi;

appalti aggiudicati tra governi relativamente alla fornitura di materiale militare o materiale sensibile.

La direttiva consente procedure di ricorso (ossia la possibilità, per un offerente*, di contestare l’aggiudicazione di un appalto a un altro offerente) volte a fornire protezione giuridica agli offerenti coinvolti. Le procedure favoriscono altresì la trasparenza e la non discriminazione nell’aggiudicazione di appalti senza compromettere le esigenze di riservatezza dei paesi dell’UE.

La direttiva è connessa alla direttiva 2009/43/CE sui trasferimenti all’interno dell’UE di prodotti destinati alla difesa. I trasferimenti semplificati di prodotti destinati alla difesa tra i paesi dell’UE garantiti dalla direttiva 2009/43/CE sono necessari per il corretto funzionamento delle gare d’appalto transfrontaliere.

Nel giugno 2014, la Commissione europea ha presentato una tabella di marcia per le misure atte a rafforzare il mercato unico europeo e promuovere la concorrenza nel settore della difesa. La tabella di marcia intende attuare la comunicazione della Commissione in materia di difesa e sicurezza del luglio 2013. Le misure pianificate includono la modifica della direttiva per fronteggiare meglio le rimanenti distorsioni del mercato e il miglioramento della sicurezza della fornitura di materiale militare e sensibile tra i paesi dell’UE.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

La direttiva è entrata in vigore il 21 agosto 2009 e doveva essere recepita dalle legislazioni dei paesi dell’UE entro il 21 agosto 2011.

CONTESTO

Politica industriale europea nel settore della difesa

TERMINI CHIAVE

* Offerente: un’organizzazione o un consorzio che presenti un’offerta in risposta a un bando di gara.

ATTO

Direttiva 2009/81/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa al coordinamento delle procedure per l’aggiudicazione di taluni appalti di lavori, di forniture e di servizi nei settori della difesa e della sicurezza da parte delle amministrazioni aggiudicatrici/degli enti aggiudicatori, e recante modifica delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE

RIFERIMENTO

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2009/81/CE

21.8.2009

21.8.2011

GU L 216 del 20.8.2009, pagg. 76-136.

I successivi emendamenti e le correzioni alla direttiva 2009/81/CE sono stati inclusi nel testo di base. Questa versione consolidata è da utilizzarsi a solo scopo di riferimento.

ATTI COLLEGATI

Direttiva 2009/43/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, che semplifica le modalità e le condizioni dei trasferimenti di prodotti per la difesa all’interno della Comunità (GU L 146 del 10.6.2009, pagg. 1-36). Cfr. la versione consolidata.

Ultimo aggiornamento: 19.10.2015

Top