Help Print this page 
Title and reference
Cavalletti dei veicoli a due ruote

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Cavalletti dei veicoli a due ruote

La presente direttiva s’inscrive nel quadro dell’armonizzazione delle normative nazionali in materia di omologazione CE dei veicoli a due o a tre ruote. Essa definisce le norme applicabili alla progettazione e alla produzione dei cavalletti utilizzati su questo tipo di veicoli.

ATTO

Direttiva 2009/78/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa ai cavalletti dei veicoli a motore a due ruote (Testo rilevante ai fini del SEE).

SINTESI

La presente direttiva stabilisce le disposizioni tecniche necessarie alla produzione e all’omologazione dei cavalletti dei veicoli a motore a due ruote. Essa rientra nel contesto della direttiva 2002/24/CE relativa all'omologazione dei veicoli a motore a due o tre ruote.

Questa direttiva si applica ai seguenti tipi di veicoli:

  • ciclomotori: i veicoli a due o a tre ruote dotati di un motore con cilindrata non superiore a 50 cm3 e con una velocità massima per costruzione non superiore a 45 km/h;
  • motocicli: i veicoli a due ruote, con o senza sidecar, muniti di un motore con cilindrata superiore a 50 cm3 e/o con una velocità massima per costruzione superiore a 45 km/h.

Un cavalletto è dispositivo fissato solidamente al veicolo mediante il quale il veicolo può essere mantenuto nella posizione di stazionamento verticale (o quasi verticale) quando è lasciato in sosta dal conducente.

Tutti i veicoli a due ruote devono essere muniti di almeno un cavalletto (laterale, centrale o entrambi) per garantirne la stabilità quando sono in sosta. L’allegato I della presente direttiva definisce le prescrizioni relative ai cavalletti laterali e centrali.

I veicoli possono anche essere dotati di una spia luminosa che indica la posizione del cavalletto (chiusa o di marcia).

La concessione dell’omologazione è soggetta alla procedura seguente:

  • la domanda di omologazione viene presentata dal costruttore o dal fabbricante all’autorità competente di uno Stato membro;
  • l'autorità competente procede all’omologazione del cavalletto se questo è conforme alle prescrizioni della presente direttiva e ai dati forniti dal fabbricante;
  • la stessa autorità redige, a tal fine, il certificato di omologazione riportato in allegato alla direttiva.

La presente direttiva abroga la direttiva 93/31/CEE e si applica a decorrere dal 1° gennaio 2010.

Riferimenti

Atto

Entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 2009/78/CE

23.9.2009

-

GU L 231 del 3.9.2009

Ultima modifica: 13.01.2010

Top