Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Marchio dell'Unione europea

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Marchio dell'Unione europea

SINTESI DI:

Regolamento 207/2009 sul marchio dell'Unione europea

SINTESI

CHE COSA FA IL REGOLAMENTO?

  • Stabilisce norme e condizioni valide in tutta l'UE per la concessione di un marchio dell'UE.

PUNTI CHIAVE

Marchio dell'Unione europea

  • Attraverso la registrazione, qualunque persona o società, compresi gli enti di diritto pubblico, può ottenere un marchio dell'UE.
  • Può essere costituito da tutti i segni, in particolare le parole (compresi i nomi di persone), i disegni, le lettere, le cifre e la forma dei prodotti o del loro imballaggio, a condizione che tali segni siano adatti a:
    • distinguere i prodotti o i servizi di un'impresa da quelli di altre;
    • essere rappresentati sul registro dei marchi in modo che il pubblico e le autorità conoscano esattamente ciò che è oggetto di protezione.

Diritti del titolare

Il marchio attribuisce al titolare diritti esclusivi, che vietano ai terzi di usare a scopi commerciali:

  • un segno identico al marchio dell'UE per prodotti o servizi identici a quelli per cui lo stesso è stato registrato;
  • un segno che possa dare adito a un rischio di confusione con un altro marchio;
  • un segno identico o simile al marchio dell'UE per prodotti o servizi che non sono simili a quelli per i quali lo stesso è stato registrato, se l'uso di tale segno trae vantaggio dal carattere distintivo o dalla notorietà del marchio.

Tuttavia, il titolare del marchio dell'UE può non vietare ai terzi di usare a scopi commerciali:

  • il suo nome o indirizzo;
  • indicazioni relative alle caratteristiche dei prodotti o dei servizi quali la specie, la qualità o la quantità;
  • Il marchio, se esso è necessario per contraddistinguere la destinazione di un prodotto o di un servizio, come di accessori o pezzi di ricambio.

Domanda

I richiedenti devono depositare la domanda per un marchio dell'UE presso l'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO).

La domanda deve contenere le seguenti informazioni:

  • una richiesta di registrazione di un marchio dell'UE;
  • indicazioni che permettano di identificare il richiedente;
  • l'elenco dei prodotti o dei servizi per i quali si richiede la registrazione;
  • la riproduzione del marchio.

I richiedenti devono inoltre pagare una tassa di deposito, che deve essere versata entro un mese dalla data di deposito, ossia la data in cui la documentazione è presentata all'Ufficio.

Registrazione

  • Una volta depositata la domanda, l'Ufficio valuterà se questa soddisfi tutte le condizioni per la concessione di un marchio dell'UE.
  • La pubblicazione della domanda consentirà ai terzi che lo vogliano di opporsi alla concessione del marchio, sulla base di diritti preesistenti, con un procedimento di opposizione.
  • Se la domanda soddisfa tutti i criteri richiesti e non viene sollevata o accettata alcuna opposizione, la registrazione del marchio viene pubblicata.

Durata e rinnovo

  • I marchi dell'UE sono registrati per un periodo di dieci anni a partire dalla data di deposito della domanda.
  • La registrazione può essere rinnovata per un ulteriore periodo di dieci anni. La domanda di rinnovo deve essere depositata sei mesi prima della fine della validità della registrazione.

Rinuncia, decadenza e nullità

Il marchio dell'Unione europea può essere oggetto di rinuncia per la totalità, o una parte, dei prodotti o dei servizi per i quali è registrato. Il titolare può inoltre essere dichiarato decaduto dai suoi diritti qualora:

  • il marchio, per un periodo di cinque anni, non abbia formato oggetto di un uso effettivo nell'Unione europea;
  • il marchio sia divenuto denominazione abituale di un prodotto o di un servizio;
  • il marchio possa indurre in errore il pubblico, particolarmente circa la natura, la qualità o la provenienza geografica di prodotti o servizi.

Il regolamento stabilisce inoltre i motivi di nullità del marchio. Tali motivi comprendono, ad esempio, casi in cui il richiedente ha agito in mala fede al momento del deposito della domanda di marchio.

Marchi collettivi dell'UE

Quando viene depositata una domanda di registrazione, è possibile designare un marchio dell'UE come collettivo. Sono autorizzate a depositare marchi collettivi dell'UE le associazioni di:

  • fabbricanti;
  • produttori;
  • prestatori di servizi;
  • commercianti;
  • persone giuridiche di diritto pubblico.

Marchi di qualità dell'UE

È inoltre possibile designare un marchio dell'UE come marchio di qualità. Il titolare di tale marchio certifica il materiale, la modalità di fabbricazione dei prodotti o di prestazione dei servizi, la qualità, l'accuratezza o altre caratteristiche (esclusa l'origine geografica) dei prodotti e dei servizi certificati.

Azioni giudiziarie

Alle procedure concernenti i marchi dell'UE e le domande di marchio dell'UE, nonché alle procedure concernenti le azioni simultanee o successive promosse sulla base di marchi dell'UE e di marchi nazionali si applica il regolamento (UE) n. 1215/2012.

I paesi dell'UE devono designare «tribunali dei marchi dell'UE». A tali tribunali spetta la competenza esclusiva in tutte le controversie in materia di contraffazione e di validità dei marchi dell'UE.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

Il regolamento si applica a partire dal 13 aprile 2009.

CONTESTO

L'EUIPO sostituisce l'Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno a partire dal 23 marzo 2016 ai sensi del regolamento (UE) 2015/2424, che ha modificato il regolamento (CE) n. 207/2009.

Per maggiori informazioni, si veda il sito Internet dell'EUIPO - Marchi.

ATTO

Regolamento (CE) n. 207/2009 del Consiglio, del 26 febbraio 2009, sul marchio comunitario (Versione codificata) (GU L 78 del 24.3.2009, pagg. 1-42)

Le modifiche successive al regolamento (CE) n. 207/2009 del Consiglio sono state integrate nel testo originale. La presente versione consolidata ha solo valore documentale.

Ultimo aggiornamento: 04.04.2016

Top