Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Prodotti per la difesa: regole sul trasferimento all’interno dell’Unione europea

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Prodotti per la difesa: regole sul trasferimento all’interno dell’Unione europea

SINTESI DI:

Direttiva 2009/43/CE — Semplificare i trasferimenti di prodotti per la difesa all'’interno dell'’Unione europea

SINTESI

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

Intende eliminare le disparità tra i paesi dell’Unione europea (UE) per quanto riguarda le leggi e le norme sul trasferimento dei prodotti per la difesa (che vanno dai fucili, alle bombe e ai siluri, fino ai sottomarini e agli aeromobili per uso bellico).

Istituisce un sistema di rilascio di autorizzazioni basato sulla concessione di licenze di trasferimento ai fornitori.

Facilita la circolazione trasparente e sicura dei prodotti per la difesa all’interno dell’UE, contribuendo a incrementare la competitività del settore della difesa dell’UE.

PUNTI CHIAVE

Tre tipi di licenze

1.

Licenze generali: rilasciate da un paese dell’UE ai fornitori stabiliti sul proprio territorio (a condizione che rispettino le condizioni della licenza) per trasferire prodotti per la difesa a un destinatario situato in un altro paese dell’UE.

2.

Licenze globali: concesse da un paese dell’UE (che determina l’ambito di applicazione e la durata) ai fornitori che intendono trasferire i prodotti a uno o più paesi dell’UE.

3.

Licenze individuali: accordate dai paesi dell’UE ai fornitori che necessitano di effettuare un unico trasferimento di prodotti a un singolo destinatario.

Obblighi dei fornitori

I paesi dell’UE devono garantire che i fornitori di prodotti per la difesa stabiliti sul proprio territorio:

mantengano una documentazione dettagliata sui trasferimenti;

comunichino le condizioni della licenza (ossia le restrizioni relative all’utilizzo finale e all’esportazione di prodotti per la difesa) ai destinatari;

informino l’autorità competente del paese dell’UE dal cui territorio desiderano trasferire i prodotti in merito alla loro intenzione di utilizzare una licenza generale per la prima volta.

I paesi dell’UE nei quali risiedono i destinatari di prodotti per la difesa dotati di licenze di trasferimento devono certificare che i destinatari sono responsabili per l’osservanza delle restrizioni legate all’esportazione dei prodotti che ricevono.

I prodotti per la difesa contemplati da questa direttiva sono elencati nell’appendice della direttiva stessa. La Commissione europea aggiorna regolarmente questo elenco affinché corrisponda all’elenco comune delle attrezzature militari dell’Unione europea.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È entrata in vigore il 30 giugno 2009. I paesi dell’UE dovevano recepirla nelle rispettive legislazioni nazionali entro il 30 giugno 2011.

CONTESTO

Prima di questa direttiva, il trasferimento dei prodotti per la difesa all’interno dell’UE era soggetto alle leggi nazionali in materia di concessione di licenze. Tali leggi differivano notevolmente in termini di procedure, ambiti di applicazione e tempi necessari per ottenere le licenze. Di conseguenza, la competitività del settore europeo della difesa era stentata, così come lo era la nascita di un vero mercato europeo dei prodotti per la difesa.

ATTO

Direttiva 2009/43/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, che semplifica le modalità e le condizioni dei trasferimenti all’interno delle Comunità di prodotti per la difesa (GU L 146 del 10.6.2009, pagg. 1-36)

I successivi emendamenti e correzioni alla direttiva 2009/43/CE e alle sue appendici sono stati inclusi nel testo di base. La presente versione consolidata ha unicamente valore documentale.

Ultimo aggiornamento: 02.12.2015

Top