Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Accreditamento e vigilanza del mercato

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Accreditamento e vigilanza del mercato

 

SINTESI DI:

Regolamento (CE) n. 765/2008, che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti

QUAL È LO SCOPO DEL REGOLAMENTO?

  • Stabilisce norme comuni per l’accreditamento di organismi che assicurino la conformità dei prodotti non alimentari nell’Unione europea (UE) a determinate norme.
  • Istituisce un sistema di vigilanza al fine di garantire un grado elevato di sicurezza di tali prodotti e, in generale, la loro conformità alle norme applicabili.
  • Definisce inoltre delle norme sui controlli delle importazioni da paesi esterni all’UE e istituisce i principi generali della marcatura CE*.

PUNTI CHIAVE

Organismi nazionali di accreditamento

  • I paesi dell’UE devono:
    • designare un unico organismo nazionale di accreditamento a carattere non lucrativo;
    • assicurare che l’organismo disponga delle risorse finanziarie e umane necessarie per lo svolgimento dei suoi compiti;
    • monitorare l’organismo al fine di assicurare che soddisfi le norme previste;
    • comunicare i dettagli pertinenti alla Commissione europea, che elabora un elenco disponibile al pubblico dei vari organismi nazionali.
  • Gli organismi nazionali di accreditamento devono:
    • determinare se i singoli organismi di valutazione della conformità * sono competenti a svolgere il proprio lavoro e monitorarne le prestazioni;
    • limitare, sospendere o revocare i certificati di accreditamento agli organismi di valutazione che non sono più in grado di svolgere i propri compiti;
    • essere obiettivi e imparziali per quanto riguarda l’efficienza della gestione e l’adeguatezza dei controlli interni predisposti;
    • accettare la valutazione inter pares;
    • informare gli altri organismi nazionali di accreditamento circa le proprie attività di valutazione della conformità;
    • rendere pubbliche le informazioni sul proprio lavoro con regolarità.
  • La cooperazione europea per l’accreditamento (EA) gestisce le valutazioni inter pares per garantire la qualità dei servizi forniti dagli organismi nazionali di accreditamento.

Vigilanza del mercato dell’UE e controlli delle importazioni

  • I paesi dell’UE devono:
    • organizzare ed effettuare la vigilanza del mercato per assicurare la sicurezza dei prodotti;
    • ritirare, limitare o vietare i prodotti che potrebbero essere dannosi per la salute o la sicurezza degli utenti e comunicare immediatamente alla Commissione che tipo di azione hanno intrapreso;
    • istituire procedure per la gestione e il trattamento dei reclami;
    • garantire che le autorità nazionali di vigilanza del mercato siano nominate e dispongano delle risorse sufficienti per lo svolgimento dei propri compiti;
    • garantire che le autorità nazionali di vigilanza del mercato cooperino tra loro e si scambino informazioni;
    • istituire norme sulle sanzioni, comprese le sanzioni penali per i reati gravi di diritto comune.
  • Le autorità nazionali di vigilanza del mercato devono:
    • svolgere controlli in modo appropriato e su scala adeguata, tenendo conto delle valutazioni del rischio, dei reclami e di altre informazioni;
    • allertare gli utenti del proprio paese di qualsiasi pericolo da loro scoperto;
    • informare il sistema di informazione rapida (RAPEX) di qualsiasi rischio grave;
    • scambiare informazioni sulla conformità dei prodotti attraverso una banca dati comune dell’UE;
    • cooperare con le autorità in altri paesi dell’UE.
  • Le autorità nazionali doganali possono impedire che un prodotto importato venga venduto nell’UE, se ritengono che esso comporti un rischio grave per la salute, la sicurezza, l’ambiente o qualsiasi altro interesse pubblico.
  • La marcatura CE può essere apposta a un prodotto solo dal fabbricante o da qualcuno autorizzato ad agire per suo conto, purché rispetti tutte le norme di conformità.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

Si applica dal 1o gennaio 2010.

CONTESTO

  • È essenziale che i prodotti non alimentari che possono muoversi liberamente tra i paesi dell’UE non comportino un pericolo per la pubblica sicurezza, l’ambiente e la sicurezza generale.
  • L’accreditamento fa parte di un sistema globale, che comprende la valutazione della conformità e la vigilanza del mercato. Le disposizioni del regolamento su quest’ultima integrano quelle definite in altri atti della normativa dell’UE.
  • Per ulteriori informazioni, consultare:

* TERMINI CHIAVE

Marcatura CE: una marcatura utilizzata dai produttori per indicare che l’articolo soddisfa le norme di conformità giuridica.

Organismi di valutazione della conformità: un organismo che effettua attività che comprendono la calibratura, il controllo, la certificazione e l’ispezione.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 luglio 2008, che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti e che abroga il regolamento (CEE) n. 339/93 (GU L 218 del 13.8.2008, pag. 30-47)

DOCUMENTI COLLEGATI

Direttiva 2001/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 dicembre 2001, relativa alla sicurezza generale dei prodotti (GU L 11 del 15.1.2002, pag. 4-17)

Le successive modifiche alla direttiva 2001/95/CE sono state incorporate nel testo originale. La presente versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

Decisione n. 768/2008/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 luglio 2008, relativa a un quadro comune per la commercializzazione dei prodotti e che abroga la decisione 93/465/CEE (GU L 218 del 13.8.2008, pag. 82-128)

Si veda la versione consolidata.

Regolamento (CE) n. 764/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 luglio 2008, che stabilisce procedure relative all’applicazione di determinate regole tecniche nazionali a prodotti legalmente commercializzati in un altro paese dell’UE e che abroga la decisione n. 3052/95/CE (GU L 218 del 13.8.2008, pag. 21-29)

Ultimo aggiornamento: 14.02.2017

Top