Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Agenzia europea per la gestione delle frontiere esterne (Frontex)

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Agenzia europea per la gestione delle frontiere esterne (Frontex)

SINTESI DI:

Regolamento (CE) n. 2007/2004 del Consiglio che istituisce un'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne

SINTESI

CHE COSA FA IL REGOLAMENTO?

Istituisce Frontex, l'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea.

Il regolamento (UE) n. 1168/2011 modifica l’atto originario al fine di migliorare la gestione integrata delle frontiere esterne dell'UE e di potenziare la cooperazione fra autorità nazionali competenti per la gestione delle frontiere.

Un'ulteriore modifica, ovvero il regolamento (UE) n. 656/2014, stabilisce norme per la sorveglianza delle frontiere marittime esterne dell'UE nell’ambito della cooperazione operativa gestita da Frontex.

PUNTI CHIAVE

Compiti

I compiti principali di Frontex sono:

  • pianificare e coordinare le azioni congiunte e gli interventi rapidi alle frontiere effettuati dall'Agenzia avvalendosi di personale e attrezzature dei paesi dell'UE alle frontiere esterne marittime, terrestri e aeree;
  • coordinare le operazioni di rimpatrio congiunto di cittadini stranieri che si trovano illegalmente nell'UE e nei paesi Schengen* e che si rifiutano di partire di propria iniziativa;
  • elaborare standard e strumenti di formazione comuni per le guardie di frontiera nazionali;
  • svolgere analisi dei rischi (con l'obiettivo di migliorare la gestione integrata delle frontiere esterne dell'UE);
  • supportare i paesi Schengen che richiedono maggiore assistenza tecnica e operativa alle frontiere esterne (ad esempio in caso di emergenze umanitarie e soccorso in mare, o quando affrontano pressioni eccessive alle proprie frontiere);
  • sviluppare una capacità di reazione rapida coinvolgendo le squadre di guardie di frontiera dell'UE (si veda sotto), nonché come banca dati delle attrezzature e delle risorse disponibili da impiegare in caso di crisi.

Attrezzature

Frontex può acquistare/affittare le proprie attrezzature per il controllo delle frontiere (veicoli, imbarcazioni, elicotteri, ecc.), oppure acquistarle congiuntamente con i paesi dell'UE.

Piano operativo

Un piano operativo (definito prima delle azioni congiunte, degli interventi rapidi alle frontiere e dei progetti pilota) dovrebbe comprendere tutti gli aspetti riguardanti l'attività in questione, quali:

  • compiti e responsabilità;
  • composizione delle squadre;
  • disposizioni di comando e controllo (ad esempio nomi e gradi delle guardie di confine del paese ospitante responsabili della cooperazione con Frontex e con i funzionari provenienti da altri paesi dell'UE che lavorano alle azioni congiunte);
  • valutazione, segnalazione di incidenti e giurisdizione applicabile (ad esempio in caso di operazioni in mare), ecc.

Squadre delle guardie di frontiera dell'UE

Le squadre di guardie di frontiera europee sono impiegate nelle azioni congiunte, negli interventi rapidi alle frontiere e nei progetti pilota coordinati da Frontex.

Sono composte da guardie di frontiera dei paesi dell'UE, esperte in diversi settori della gestione delle frontiere, fra cui:

  • controlli di frontiera;
  • sorveglianza delle frontiere terrestri e marittime;
  • specialisti nell'identificazione di documenti falsi;
  • identificazione della nazionalità dei migranti irregolari.

Cooperazione

Frontex può collaborare con Europol, con l'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo, con l'Agenzia dell'UE per i diritti fondamentali, con le autorità dei paesi terzi e con le organizzazioni internazionali, quali l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM).

EUROSUR

Nel 2013, in base a un regolamento separato, è entrato in funzione il sistema europeo di sorveglianza delle frontiere (EUROSUR). Tale quadro per lo scambio di informazioni è progettato al fine di migliorare la gestione delle frontiere esterne dell’Unione e mira a sostenere i paesi dell'UE:

  • aumentandone la consapevolezza e la capacità di reazione nella lotta ai reati transfrontalieri;
  • affrontando la migrazione irregolare;
  • evitando la perdita di vite umane in mare.

Frontex svolge un ruolo importante nella compilazione e nell’analisi del «quadro europeo della situazione», un esame degli eventi recentemente occorsi alle frontiere di determinati paesi dell'UE che potrebbero contribuire a individuare i cambiamenti di rotte o i nuovi metodi usati dalle reti criminali.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

Si applica a partire dal 1o maggio 2005.

CONTESTO

Frontex è operativa dal 2005 e ha sede a Varsavia, in Polonia.

Nell'ambito dell'agenda europea sulla migrazione, nel dicembre 2015 la Commissione europea ha presentato una proposta per la creazione di un'Agenzia europea della guardia costierae di frontiera , la quale sarebbe costruita a partire da Frontex e dalle autorità competenti per la gestione delle frontiere dei paesi dell'UE e consentirebbe una gestione maggiormente integrata delle frontiere esterne dell'Unione.

TERMINE CHIAVE

* Paesi Schengen: paesi europei che hanno sottoscritto un accordo per eliminare i controlli alle frontiere e consentire la libera circolazione di tutti i cittadini dei paesi firmatari, di altri paesi dell'UE e di alcuni paesi terzi.

I paesi Schengen sono i seguenti: Austria, Belgio, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia e Svizzera.

ATTO

Regolamento (CE) n. 2007/2004 del Consiglio, del 26 ottobre 2004, che istituisce un'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea (GU L 349 del 25.11.2004, pag. 1-11)

Le modifiche successive al regolamento (CE) n. 2007/2004 del Consiglio sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata ha solo valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Regolamento (UE) n. 1052/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2013, che istituisce il sistema europeo di sorveglianza delle frontiere (EUROSUR) (GU L 295 del 6.11.2013, pag. 11-26)

Ultimo aggiornamento: 02.05.2016

Top