Help Print this page 
Title and reference
Rete europea di protezione delle personalità

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DA html DE html EL html EN html FR html IT html NL html PT html FI html SV
Multilingual display
Text

Rete europea di protezione delle personalità

1) OBIETTIVO

Dare impulso alla cooperazione dei servizi di polizia in occasione della visita di personalità in uno degli Stati membri, istituendo una rete di punti di contatto.

2) PROPOSTA

Iniziativa del Regno di Spagna in vista dell'adozione di una decisione relativa all'istituzione di una rete europea di protezione delle personalità [Gazzetta ufficiale C 42 del 15.2.2002].

3) SINTESI

Il moltiplicarsi degli spostamenti, sul territorio dell'Unione, di personalità ufficiali degli Stati membri o di Stati non appartenenti all'Unione ha indotto l'Unione a instaurare un dispositivo di protezione. Non esiste attualmente né una normativa né un manuale di pratiche comuni dell'Unione europea. Il 6 dicembre 2001, il Consiglio ha adottato una raccomandazione riguardante la determinazione di una scala di valutazione comune delle minacce nei confronti di personalità in visita nell'Unione europea. Considerando la minaccia terroristica cui sono esposte alcune di queste personalità, il Consiglio ha invitato gli Stati membri a intensificare lo scambio di informazioni senza creare nuove strutture istituzionali (Gazzetta ufficiale C 356 del 14.12.2001).

Occorre migliorare la cooperazione di polizia all'interno dell'Unione definendo in particolare:

  • il concetto di personalità e il numero massimo di agenti armati e non armati al seguito;
  • le relazioni con i servizi di protocollo, i servizi stampa e le squadre di pronto intervento;
  • le modalità di scambio delle informazioni e l'uso di attrezzature tecniche.

Obiettivo dell'iniziativa è istituire una rete di punti di contatto che sarà presieduta dallo Stato membro che esercita la presidenza dell'Unione. Ciascuno Stato membro dovrà designare come punto nazionale di contatto il servizio di polizia competente in materia di protezione delle personalità.

La Commissione, Europol e i paesi candidati all'adesione potranno designare il loro punto di contatto.

La rete ha i seguenti obiettivi:

  • scambiare informazioni, agenti e buone pratiche;
  • creare una base dati.

Per conseguire gli obiettivi proposti la rete dovrà inoltre collaborare con altre forze di polizia, esaminare metodi comuni di intervento e semplificare le procedure.

Il Consiglio procede alla valutazione dell'attività della rete nel biennio successivo alla sua istituzione.

4) procedura

Procedura di consultazione CNS/2002/0801 Il 29 gennaio 2002 l'iniziativa è stata trasmessa al Parlamento europeo per parere.

Ultima modifica: 20.03.2002

Top