Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Sicurezza in occasione di partite di calcio internazionali

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Sicurezza in occasione di partite di calcio internazionali

SINTESI DI:

Decisione 2002/348/GAI del Consiglio: sicurezza in occasione di partite di calcio internazionali

SINTESI

CHE COSA FA LA DECISIONE?

  • Mira a prevenire e a combattere la violenza legata al calcio delineando metodi per la vigilanza coordinata a livello internazionale delle partite di calcio, al fine di garantire la sicurezza dei cittadini dell’Unione europea (UE).
  • Stabilisce punti nazionali d’informazione sul calcio per agevolare la condivisione delle informazioni, la cooperazione transfrontaliera e la vigilanza delle partite di calcio internazionali.

PUNTI CHIAVE

I paesi dell’UE devono creare un punto nazionale d’informazione sul calcio relativo alla vigilanza delle partite di calcio di carattere internazionale, il quale ha il compito di:

  • coordinare e agevolare la cooperazione internazionale tra i servizi di polizia e lo scambio di informazioni;
  • condividere informazioni sui tifosi a rischio;
  • fornire potenziale assistenza alle autorità nazionali;
  • mettere a disposizione degli altri paesi dell’UE una valutazione dei rischi dei propri club e della propria squadra nazionale.

Le informazioni vengono condivise prima, durante e dopo un incontro di calcio, come segue:

  • informazioni strategiche, che descrivono l’evento in tutte le sue dimensioni, con particolare riguardo ai rischi per la sicurezza;
  • informazioni operative, che forniscono un quadro dei fatti che si verificano nell’ambito dell’evento;
  • informazioni tattiche, che consentono di agire in modo adeguato per quanto riguarda la salvaguardia dell’ordine e della sicurezza, e feedback dopo l’evento.

Le informazioni sono riservate e devono essere fornite in maniera tempestiva, con garanzia che lo scambio di dati personali rispetti la legislazione interna e internazionale in vigore.

Una risoluzione del Consiglio del 2003 invita i paesi dell’UE a considerare il divieto di accesso agli stadi di calcio per i soggetti precedentemente colpevoli di violenza durante partite di calcio, compresa la possibilità di divieti che possono essere estesi ad altri paesi dell’UE e sostenuti da sanzioni in caso di mancato rispetto.

Il manuale per la cooperazione internazionale tra servizi di polizia, inizialmente introdotto nel 1999 e aggiornato da una risoluzione del Consiglio del 2006, fornisce un modello per questo scambio di informazioni. Il manuale elenca nel dettaglio le disposizioni per:

  • la raccolta di informazioni,
  • il riconoscimento,
  • l’individuazione,
  • il controllo della folla,
  • la comunicazione con i tifosi e con i media.

Riguarda inoltre le condizioni per la prestazione di servizio diretta in altri paesi da parte dei funzionari di polizia.

In una decisione del 2014, la Commissione europea e l’Unione europea delle federazioni calcistiche hanno concordato un rafforzamento della cooperazione e del dialogo, comprese azioni volte a incrementare l’impegno contro la violenza negli stadi. Le due parti tengono incontri bilaterali ad alto livello almeno una volta all’anno per esaminare i progressi compiuti.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DECISIONE?

È stata applicata a partire dal 9 maggio 2002.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, si veda la pagina sul «Sostegno al fair play e alla cooperazione nello sport» sul sito Internet della Commissione europea.

ATTO

Decisione 2002/348/GAI del Consiglio, del 25 aprile 2002, concernente la sicurezza in occasione di partite di calcio internazionali (GU L 121 dell’8.5.2002, pagg. 1-3)

Le successive modifiche alla decisione 2002/348/GAI sono state incorporate nel testo originale. La presente versione consolidata ha solo valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Risoluzione del Consiglio, del 17 novembre 2003, per l’adozione negli Stati membri del divieto di accesso agli impianti dove si svolgono partite di calcio di rilevanza internazionale (GU C 281 del 22.11.2003, pagg. 1-2)

Risoluzione del Consiglio, del 4 dicembre 2006, concernente un manuale aggiornato di raccomandazioni per la cooperazione internazionale tra forze di polizia e misure per prevenire e combattere la violenza e i disordini in occasione delle partite di calcio di dimensione internazionale alle quali è interessato almeno uno Stato membro (GU C 322 del 29.12.2006, pagg. 1-39)

Decisione della Commissione, del 14 ottobre 2014, che adotta l’accordo per la cooperazione fra la Commissione europea e l’Unione europea delle federazioni calcistiche (UEFA) [C(2014) 7378 final del 14.10.2014]

Ultimo aggiornamento: 25.05.2016

Top