Help Print this page 
Title and reference
Protezione dell'euro dalle falsificazioni

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Protezione dell'euro dalle falsificazioni

L’euro riveste un ruolo centrale nell'economia europea, è quindi fondamentale proteggerlo dalle falsificazioni. La presente decisione mira a garantire l’esecuzione di analisi coerenti ed efficaci delle banconote e monete sospettate di essere false, nell’ambito di investigazioni sulla contraffazione dell’euro.

ATTO

Decisione 2001/887/GAI del Consiglio, del 6 dicembre 2001, relativa alla protezione dell'euro dalla falsificazione.

SINTESI

In vista dell’introduzione dell’euro il 1º gennaio 2002, la presente decisione integra una serie di disposizioni esistenti sulla protezione dell’euro dalla falsificazione, nello specifico:

Nell’ambito delle investigazioni sulla falsificazione dell’euro, questa decisione impone ai paesi dell'Unione europea (UE) di garantire le necessarie perizie sulle banconote sospettate di essere false da parte dei Centri nazionali di analisi (CNA) e le necessarie perizie delle monete sospettate di essere false da parte dei Centri nazionali di analisi delle monete (CNAC). I paesi dell’UE sono tenuti a trasmettere i risultati di tali perizie all’Ufficio europeo di polizia (Europol).

Gli uffici centrali nazionali responsabili delle investigazioni sulla falsificazione nei paesi dell’UE hanno l’obbligo di comunicare all’Europol informazioni centralizzate sulle investigazioni e sui reati legati alla falsificazione dell’euro, comprese le informazioni ottenute dai paesi terzi. Dovrebbero essere comunicate almeno le seguenti informazioni:

  • l’identificazione delle persone coinvolte;
  • la descrizione dei reati;
  • le circostanze in cui i reati sono stati scoperti;
  • le circostanze del sequestro;
  • i collegamenti con altri casi.

Nei procedimenti inerenti alla falsificazione e ai reati connessi con la falsificazione dell'euro le competenti autorità dei paesi dell’UE dovranno avvalersi di tutti gli strumenti offerti dall’Eurojust.

Riferimenti

Atto

Data di entrata in vigore

Temine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Decisione 2001/887/GAI

14.12.2001

-

GU L 329 del 14.12.2001

See also

  • Il sito Web dell'Ufficio europeo per la Lotta Antifrode (OLAF) che si occupa della protezione dell'euro (DE) (EN) (FR)
  • Il sito web della Banca centrale europea sulle misure anticontraffazione

Ultima modifica: 10.01.2011

Top