Help Print this page 
Title and reference
Parità di trattamento indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Parità di trattamento indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica

L’obiettivo di questa legislazione è la lotta alle discriminazioni fondate sulla razza o l'origine etnica. La presente direttiva fissa quindi i requisiti minimi per l’attuazione del principio di parità di trattamento fra le persone nei paesi dell’Unione europea (UE). Scoraggiando la discriminazione, essa dovrebbe consentire una maggiore partecipazione alla vita economica e sociale e una riduzione dell’emarginazione sociale.

ATTO

Direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica.

SINTESI

La presente direttiva si basa sul principio di parità di trattamento fra le persone. Essa vieta qualsiasi discriminazione diretta o indiretta fondata sulla razza o l’origine etnica, nonché le molestie e qualsiasi comportamento che obblighi una persona a discriminare un’altra persona.

La direttiva si applica a tutte le persone e a tutti i settori di attività, per quanto riguarda:

  • l’accesso all’occupazione e al lavoro sia indipendente che autonomo, in particolare al momento del reclutamento;
  • le condizioni di lavoro, ivi inclusa la promozione, la remunerazione e il licenziamento;
  • l’accesso alla formazione professionale;
  • la partecipazione a organizzazioni di lavoratori o di datori di lavoro e a qualsiasi organizzazione professionale;
  • l’accesso alla protezione sociale e all'assistenza sanitaria;
  • l’istruzione;
  • le prestazioni sociali, l’accesso a beni e servizi, in particolare l’alloggio.

La direttiva non si applica alle differenze di trattamento in base alla nazionalità né alle condizioni di ammissione e di soggiorno dei cittadini provenienti da paesi terzi nell’Unione europea (UE).

Deroghe al principio di parità di trattamento

Nel settore occupazionale è possibile concedere una deroga a tale principio laddove la razza o l'origine etnica costituisca un requisito fondamentale professionale. Tale deroga deve essere giustificata dalla natura dell’attività o dal contesto in cui essa viene espletata. Deve inoltre essere legittima e proporzionata.

Infine, la direttiva non osta a che i paesi dell'UE adottino misure positive, ossia misure nazionali volte a evitare o compensare svantaggi connessi con una determinata razza o origine etnica.

Mezzi di ricorso ed esecuzione

Tutte le persone che si ritengono lese, in seguito alla mancata applicazione nei loro confronti del principio della parità di trattamento, devono poter accedere, anche dopo la cessazione del rapporto in causa, a procedure giurisdizionali e/o amministrative. Le associazioni o altre persone giuridiche interessate possono inoltre avviare procedure giudiziarie per conto o a sostegno della persona che si ritiene lesa.

L’onere della prova incombe alla parte convenuta, la quale deve provare che non vi è stata violazione del principio della parità di trattamento. La persona che ha sporto denuncia deve essere protetta da qualsiasi trattamento o conseguenza sfavorevole, quale reazione alla sua azione legale.

Dialogo sociale e dialogo civile

Le parti sociali assicurano la promozione della parità di trattamento, in particolare attraverso il monitoraggio delle prassi nei luoghi di lavoro, l'elaborazione di codici di condotta e la conclusione di contratti collettivi. In generale, la direttiva incoraggia la conclusione di accordi che fissino regole antidiscriminatorie nei settori che rientrano nella sfera della contrattazione collettiva.

È altresì incoraggiato il dialogo civile con le organizzazioni della società civile interessate.

Organismi per la promozione del principio

Ciascuno paese dell'UE deve istituire almeno un organismo preposto alla lotta alle discriminazioni, responsabile in particolare di aiutare le vittime e di condurre studi indipendenti.

Contesto

La presente direttiva è integrata da disposizioni sulla parità di trattamento in materia di occupazione e di lavoro.

Il trattato di Lisbona (articolo 19 del trattato sul funzionamento dell'UE) fornisce una base giuridica per combattere tutte le forme di discriminazione basate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2000/43/CE

19.7.2000

19.7.2003

GU L 180 del 19.7.2000

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio: Relazione congiunta sull’applicazione della direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica e della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro(direttiva sulla parità di trattamento in materia di occupazione) ( COM(2014) 2 final del 17.1.2014 - non pubblicata nella Gazzetta ufficiale).

La relazione conclude che tutti i paesi dell'UE hanno adottato le misure necessarie per la trasposizione delle due direttive nelle rispettive normative nazionali e hanno istituito procedure ed enti per la loro attuazione.

La sfida principale ora è quella di accrescere la consapevolezza delle protezioni già esistenti e di assicurare una migliore attuazione e applicazione pratica delle direttive. La Commissione, insieme con i paesi dell'UEe le rispettive istituzioni per la parità dei diritti, si impegnerà affinché venga raggiunto il pieno potenziale delle direttive in termini di protezione del diritto fondamentale della parità di trattamento nell’UE. La relazione evidenzia che la normativa da sola non è sufficiente ad assicurare una piena parità di trattamento e che necessita la combinazione con un’appropriata azione politica. In particolare, rafforzare il ruolo delle istituzioni nazionali per la parità dei diritti come garanti per la parità di trattamento potrebbe assicurare una più efficace attuazione e applicazione delle direttive.

Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 30 ottobre 2006 - L'applicazione della direttiva 2000/43/CE del 29 giugno 2000 che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica ( COM(2006) 643 def. - non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale).

Ultima modifica: 15.06.2014

Top