Help Print this page 
Title and reference
Cooperazione tra i paesi dell'Unione europea per la tutela dei consumatori

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Cooperazione tra i paesi dell'Unione europea per la tutela dei consumatori

Questo regolamento istituisce una rete di autorità competenti per il controllo dell’applicazione della normativa riguardante la tutela dei consumatori. Il regolamento si applica unicamente alle infrazioni commesse nell’Unione europea (UE).

ATTO

Regolamento (CE) n. 2006/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 2004, sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell'esecuzione della normativa che tutela i consumatori (Regolamento sulla cooperazione per la tutela dei consumatori).

SINTESI

Questo regolamento istituisce una rete di autorità competenti per il controllo dell’applicazione della normativa riguardante la tutela dei consumatori. Il regolamento si applica unicamente alle infrazioni commesse nell’Unione europea (UE).

Cooperazione tra le autorità dei paesi dell'UE

Ciascun paese dell'UE designa le autorità pubbliche responsabili dell'applicazione delle normative in materia di tutela dei consumatori, che si uniranno alla rete di assistenza reciproca. In ogni paese, un ufficio unico di collegamento assicura il coordinamento fra le autorità nazionali.

La rete consente alle autorità nazionali di scambiarsi informazioni e di cooperare con i loro omologhi nei paesi dell'UE.

Il regolamento si applica a situazioni che coinvolgono gli interessi collettivi dei consumatori e facilita la collaborazione tra le autorità per porre fine alle violazioni del regolamento dei consumatori quando l'azienda e il consumatore sono situati in paesi diversi.

Questa cooperazione si applica ai regolamenti dei consumatori che disciplinano una serie di aspetti, come ad esempio le pratiche commerciali sleali, le clausole contrattuali abusive, l'e-commerce, la pubblicità comparativa, i pacchetti vacanza, le multiproprietà , la vendita a distanza e i diritti dei passeggeri.

Assistenza reciproca e attività comunitarie

Ciascuna autorità può chiedere l'assistenza di altri membri della rete per indagare su eventuali violazioni dei diritti dei consumatori.

Per porre fine alle violazioni che si verificano simultaneamente in più o in tutti i paesi dell'UE, le autorità possono:

  • intraprendere azioni congiunte quali le indagini a tappeto (o sweep), che prevedono un controllo a livello europeo dei siti web di un settore specifico (biglietti aerei, contenuti digitali scaricabili ecc.) nell'ambito di un'operazione annuale condotta dalla Commissione europea;
  • adottare, in collaborazione con la Commissione, approcci comuni per quanto riguarda l'applicazione delle norme sulla tutela dei consumatori relative a un particolare problema.

La prima di queste azioni riguarda gli acquisti all'interno di applicazioni (in-app) nei giochi online.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Regolamento (CE) n. 2006/2004

29.12.2004

-

GU L 364 del 9.12.2004, pag. 1

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Direttiva 2005/29/CE

12.6.2005

12.6.2007

GU L 149 dell'11.6.2005, pag. 22

Direttiva 2007/65/CE

19.12.2007

19.12.2009

GU L 332 del 18.12.2007, pag. 27

Direttiva 2009/136/CE

19.12.2009

20.5.2011

GU L 337 del 18.12.2009, pag. 11

Regolamento (UE) n. 1177/2010

6.1.2011

18.12.2012

GU L 334 del 17.12.2010, pag. 1

Regolamento (UE) n. 181/2011

20.3.2011

1.3.2013

GU L 55 del 28.2.2011, pag. 1

Regolamento (UE) n. 954/2011

7.10.2011

-

GU L 259 del 4.10.2011, pag. 1

Direttiva 2013/11/UE

8.7.2013

9.7.2015

GU L 165 del 18.6.2013, pag. 63

Regolamento (UE) n. 524/2013

8.7.2013

-

GU L 165 del 18.6.2013, pag. 1

Le successive modifiche e le correzioni al regolamento (CE) n. 2006/2004 sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata è da utilizzarsi a solo scopo di riferimento.

ATTI COLLEGATI

Decisione della Commissione, del 22 dicembre 2006 recante attuazione del regolamento (CE) n. 2006/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, sulla cooperazione fra le autorità nazionali responsabili dell'esecuzione della normativa che tutela i consumatori per quanto concerne l'assistenza reciproca (2007/76/CE) ( GU L 32 del 6.2.2007, pag.192 ).

Questa decisione fissa le prescrizioni in materia di informazione. Ad esempio, le informazioni minime da inserire nelle domande di assistenza reciproca e nelle segnalazioni, i termini da rispettare, l'accesso alle informazioni e le lingue usate.

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 2 luglio 2009, concernente l'applicazione del regolamento (CE) n. 2006/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 2004, sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell'esecuzione della normativa che tutela i consumatori (Regolamento sulla cooperazione per la tutela dei consumatori) [ COM(2009) 336 def].

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio relativa all'applicazione del regolamento (CE) 2006/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 2004, sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell'esecuzione della normativa che tutela i consumatori (Regolamento sulla cooperazione per la tutela dei consumatori) [ COM(2012) 100 final].

Relazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio,al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, del 1o luglio 2014, sul funzionamento del regolamento (CE) n. 2006/2004, del 27 ottobre 2004, sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell'esecuzione della normativa che tutela i consumatori (regolamento CPC) [ COM(2014) 439 final].

La relazione dimostra che dal 2007 l'applicazione del regolamento CPC ha prodotto risultati positivi. Le indagini a tappeto e gli approcci comuni in relazione all'applicazione della legge hanno permesso agli Stati membri di coordinare le loro azioni in questo settore su scala più ampia, con un conseguente maggior rispetto della normativa di tutela dei consumatori dell'UE in molti settori.

Ultima modifica: 30.09.2014

Top