Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
L'imposta sul valore aggiunto e le accise: esenzioni per viaggiatori provenienti da paesi esterni all’Unione europea

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

L'imposta sul valore aggiunto e le accise: esenzioni per viaggiatori provenienti da paesi esterni all’Unione europea

 

SINTESI DI:

Direttiva 2007/74/CE del Consiglio: esenzione dall’imposta sul valore aggiunto e dalle accise delle merci importate da viaggiatori provenienti da paesi extra UE

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

  • Definisce le franchigie fiscali dell’UE per i viaggi internazionali.
  • Stabilisce norme relative all’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto (IVA) e ai dazi doganali sulle merci importate nei bagagli personali dei viaggiatori provenienti da:
    • un paese extra UE;
    • un territorio in cui non si applicano le norme comunitarie in materia di IVA e/o di accise, ad esempio l’isola di Man.

PUNTI CHIAVE

  • La direttiva fissa un valore di soglia per esenzioni dalle accise di 430 euro nel caso di viaggiatori aerei e via mare, e di 300 euro per chi viaggia via terra (comprese le vie navigabili interne).
  • I paesi dell’UE possono ridurre il valore di soglia per viaggiatori di età inferiore a quindici anni, indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato. Il valore di soglia non può tuttavia essere inferiore a 150 euro.
  • I paesi dell’UE possono ridurre i valori di soglia e i limiti quantitativi per:
    • i viaggiatori che vivono in una zona di frontiera;
    • i lavoratori frontalieri;
    • il personale dei mezzi di trasporto utilizzati per viaggi internazionali.
  • La direttiva fissa i seguenti limiti quantitativi massimi e minimi per le importazioni di tabacco:
    • 200 sigarette o 40 sigarette;
    • 100 sigaretti o 20 sigaretti;
    • 50 sigari o 10 sigari;
    • 250 g di tabacco da fumare o 50 g di tabacco da fumare.
  • I paesi dell’UE possono decidere di operare una distinzione fra viaggiatori aerei e altri viaggiatori applicando solo a questi ultimi i limiti quantitativi inferiori.
  • La direttiva fissa le seguenti quantità massime e minime per le importazioni di alcol:
    • un totale di un litro di alcol con titolo alcolometrico superiore a 22 % vol. o di alcol etilico non denaturato* uguale o superiore a 80 % vol.;
    • un totale di due litri di alcol con titolo alcolometrico non superiore a 22 % vol.
  • Le esenzioni per il tabacco e l’alcol non si applicano ai viaggiatori di età inferiore a diciassette anni.
  • Ogni quattro anni, la Commissione europea presenta una relazione al Consiglio sull’attuazione della direttiva. La relazione più recente, pubblicata nel 2013, riporta che la maggior parte dei paesi dell’UE sono soddisfatti della direttiva e non ritengono in alcun modo necessario rivederla.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È entrata in vigore il 29 dicembre 2007. I paesi dell’UE dovevano recepirla nel proprio diritto nazionale entro il 1o dicembre 2008.

CONTESTO

Per maggiori informazioni, si veda:

* TERMINI CHIAVE

Alcol etilico non denaturato: alcol a cui non è stata aggiunta alcuna sostanza per renderlo non potabile.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 2007/74/CE del Consiglio, del 20 dicembre 2007, sull’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto e dalle accise delle merci importate da viaggiatori provenienti da paesi extra UE (GU L 346 del 29.12.2007, pagg. 6-12)

DOCUMENTI CORRELATI

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio in conformità dell’articolo 16 della direttiva 2007/74/CE del Consiglio sull’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto e dalle accise delle merci importate da viaggiatori provenienti da paesi extra UE [COM(2013) 849 final del 3.12.2013]

Ultimo aggiornamento: 28.11.2016

Top