Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
L’infrastruttura per l’informazione territoriale nell’Unione europea (Inspire)

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

L’infrastruttura per l’informazione territoriale nell’Unione europea (Inspire)

SINTESI DI:

Direttiva 2007/2/CE che istituisce un’infrastruttura per l’informazione territoriale nella Comunità europea (Inspire)

SINTESI

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

  • Stabilisce le norme generali che istituiscono un’infrastruttura per l’informazione territoriale* in Europa per gli scopi delle politiche ambientali dell’Unione europea (UE) e per le politiche o attività che possono avere un impatto sull’ambiente.
  • L’infrastruttura europea si basa sull’infrastruttura di informazione territoriale istituita e gestita dai paesi dell’UE.

PUNTI CHIAVE

  • La normativa si applica ai dati territoriali che:
    • riguardano zone su cui i paesi dell’UE hanno diritti giurisdizionali;
    • sono disponibili in formato elettronico;
    • sono detenuti da o per conto di un’autorità pubblica, oppure un altro organismo che utilizza la rete;
    • riguardano informazioni ambientali.
  • I paesi dell’UE garantiscono che siano creati metadati* per i vari set di dati territoriali* di carattere ambientale e i servizi ad essi relativi elencati nella normativa. A seconda della categoria, tali metadati devono essere creati entro due o cinque anni dall’entrata in vigore delle norme.
  • La Commissione europea, assistita da un comitato, adotta modalità tecniche volte a garantire che i set di dati territoriali e i servizi ad essi relativi possano lavorare insieme e le armonizza qualora ciò possa essere messo in pratica.
  • Tali norme attuative dovevano essere adottate non oltre il 15 maggio 2009 o 15 maggio 2012, a seconda della categoria.
  • I paesi dell’UE devono istituire e gestire una rete con i seguenti servizi:
    • ricerca: cercare i set di dati territoriali e i servizi ad essi relativi;
    • consultazione: visualizzare, navigare, variare la scala di visualizzazione (zoom in e zoom out), variare la porzione di territorio inquadrata (pan), oppure sovrapporre dei set di dati territoriali consultabili;
    • scaricamento (download): laddove ciò possa essere messo in pratica, accedere direttamente e scaricare copie di set di dati territoriali;
    • conversione: trasformare i set di dati territoriali per conseguire l’interoperabilità.
  • Le autorità pubbliche devono essere in grado di collegare i rispettivi set di dati territoriali e servizi ad essi relativi alla rete nazionale.
  • I paesi dell’UE possono limitare l’accesso del pubblico ai set di dati territoriali e ai servizi ad essi relativi per vari motivi, quali riservatezza giuridica, pubblica sicurezza, diritti di proprietà intellettuale o tutela dell’ambiente.
  • La Commissione gestisce un geoportale comunitario Inspire, che dà accesso alle reti nazionali.
  • La normativa non richiede la raccolta di nuovi dati territoriali.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È stata applicata a partire dal 15 maggio 2007. I paesi dell’UE dovevano integrarla nella legislazione nazionale entro il 14 maggio 2009.

CONTESTO

Si veda la pagina relativa alla direttiva Inspire sul sito Internet della Commissione europea

TERMINI CHIAVE

* Infrastruttura per l’informazione territoriale: comprende i metadati, i set di dati territoriali e i servizi relativi ai dati territoriali; i servizi e le tecnologie di rete; gli accordi in materia di condivisione, accesso e utilizzo dei dati e i meccanismi, i processi e le procedure di coordinamento e di monitoraggio.

* Metadati: le informazioni che descrivono i set di dati territoriali e i servizi relativi ai dati territoriali e che consentono di ricercare, repertoriare e utilizzare tali dati e servizi.

* Dati territoriali: i dati che attengono, direttamente o indirettamente, a una località o un’area geografica specifica, quali indirizzi, reti di trasporto, elevazione e utilizzo del territorio.

ATTO

Direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 marzo 2007, che istituisce un’Infrastruttura per l’informazione territoriale nella Comunità europea (Inspire) (GU L 108 del 25.4.2007, pag. 1-14)

ATTI COLLEGATI

Regolamento (CE) n. 1205/2008 della Commissione, del 3 dicembre 2008, recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i metadati (GU L 326 del 4.12.2008, pag. 12-30). Le modifiche successive al regolamento (CE) n. 1205/2008 sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata ha solo valore documentale.

Decisione 2009/442/CE della Commissione, del 5 giugno 2009, recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il monitoraggio e la rendicontazione (GU L 148 dell’11.6.2009, pag. 18-26). Si veda la versione consolidata.

Direttiva 2008/56/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 giugno 2008, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria nel campo della politica per l’ambiente marino (direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino) (GU L 164 del 25.6.2008, pag. 19-40)

Regolamento (CE) n. 976/2009 della Commissione, del 19 ottobre 2009, recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i servizi di rete (GU L 274 del 20.10.2009, pag. 9-18). Si veda la versione consolidata.

Regolamento (UE) n. 268/2010 della Commissione, del 29 marzo 2010, recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’accesso ai set di dati territoriali e ai servizi ad essi relativi degli Stati membri da parte delle istituzioni e degli organismi comunitari in base a condizioni armonizzate (GU L 83 del 30.3.2010, pag. 8-9)

Regolamento (UE) n. 1089/2010 della Commissione, del 23 novembre 2010, recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’interoperabilità dei set di dati territoriali e dei servizi di dati territoriali (GU L 323 dell’8.12.2010, pag. 11-102). Si veda la versione consolidata.

Regolamento (UE) n. 1088/2010 della Commissione, del 23 novembre 2010, che modifica il regolamento (CE) n. 976/2009 per quanto riguarda i servizi di scaricamento e di conversione (GU L 323 dell’8.12.2010, pag. 1-10)

Regolamento (UE) n. 102/2011 della Commissione, del 4 febbraio 2011, che modifica il regolamento (UE) n. 1089/2010 recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’interoperabilità dei set di dati territoriali e dei servizi di dati territoriali (GU L 31 del 5.2.2011, pag. 13-34)

Regolamento (UE) n. 1253/2013 della Commissione, del 21 ottobre 2013, che modifica il regolamento (UE) n. 1089/2010 recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’interoperabilità dei set di dati territoriali e dei servizi di dati territoriali (GU L 331 del 10.12.2013, pag. 1-267)

Regolamento (UE) n. 1311/2014 della Commissione, del 10 dicembre 2014, che modifica il regolamento (CE) n. 976/2009 per quanto riguarda la definizione di un elemento di metadati INSPIRE (GU L 354 dell’11.12.2014, pag. 6-7)

Regolamento (UE) n. 1312/2014 della Commissione, del 10 dicembre 2014, che modifica il regolamento (UE) recante attuazione della direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’interoperabilità dei servizi di dati territoriali (GU L 354 dell’11.12.2014, pag. 8-16)

Direttiva 2012/18/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2012, sul controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose, recante modifica e successiva abrogazione della direttiva 96/82/CE del Consiglio (GU L 197 del 24.7.2012, pag. 1-37)

Direttiva 2010/40/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 luglio 2010, sul quadro generale per la diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti nel settore del trasporto stradale e nelle interfacce con altri modi di trasporto (GU L 207 del 6.8.2010, pag. 1-13)

Regolamento (UE) n. 377/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, che istituisce il programma Copernicus e che abroga il regolamento (UE) n. 911/2010 (GU L 122 del 24.4.2014, pag. 44-66)

Direttiva 2014/89/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014, che istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio marittimo (GU L 257 del 28.8.2014, pag. 135-145)

Ultimo aggiornamento: 25.02.2016

Top