Help Print this page 
Title and reference
Combattere l’inquinamento idrico prodotto da nitrati di origine agricola

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Combattere l’inquinamento idrico prodotto da nitrati di origine agricola

Poiché l’acqua pulita è vitale per la salute umana e per gli ecosistemi naturali, garantire la qualità delle acque è una delle caratteristiche più importanti della politica ambientale dell’Unione europea (UE). La direttiva nitrati del 1991 è uno dei primi atti legislativi antinquinamento dell’UE.

ATTO

Direttiva 91/676/CEE del Consiglio, del 12 dicembre 1991, relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole

SINTESI

Poiché l’acqua pulita è vitale per la salute umana e per gli ecosistemi naturali, garantire la qualità delle acque è una delle caratteristiche più importanti della politica ambientale dell’Unione europea (UE). La direttiva nitrati del 1991 è uno dei primi atti legislativi antinquinamento dell’UE.

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

Ha lo scopo di ridurre l’inquinamento idrico da nitrati utilizzati per scopi agricoli e di prevenire qualsiasi ulteriore inquinamento. È strettamente connessa ad altre politiche dell’UE che si occupano della qualità dell’aria e dell’acqua, dei cambiamenti climatici e dell’agricoltura.

PUNTI CHIAVE

I paesi dell’UE devono:

designare come zone vulnerabili tutte le zone che scaricano nelle acque che sono o potrebbero essere interessate da elevati livelli di nitrati e da eutrofizzazione. La designazione è sottoposta a riesame ed eventuale revisione almeno ogni quattro anni, per tenere conto di qualsiasi cambiamento che si possa verificare;

stabilire programmi di azione a carattere obbligatorio per questi settori, tenendo conto dei dati scientifici e tecnici e delle condizioni ambientali generali;

monitorare l’efficacia dei programmi d’azione;

testare la concentrazione di nitrati nel suolo fresco e nelle acque superficiali alle stazioni di campionamento, almeno una volta al mese e più frequentemente durante le inondazioni;

effettuare un programma di monitoraggio completo e presentare ogni quattro anni una relazione dettagliata sull’attuazione della direttiva. La relazione contiene informazioni sulle zone vulnerabili ai nitrati, i risultati del monitoraggio dell’acqua e una sintesi dei corrispondenti aspetti dei codici di buone pratiche agricole e dei programmi d’azione;

elaborare un codice di buone pratiche agricole, che gli agricoltori applicano su base volontaria. Essa stabilisce varie buone pratiche, come quando l’uso di fertilizzanti non è opportuno;

fornire formazione e informazioni agli agricoltori, se del caso.

La Commissione europea redige una relazione ogni 4 anni, sulla base delle informazioni nazionali che ha ricevuto.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

A decorrere dal 19 dicembre 1991.

CONTESTO

L’azoto è un nutriente essenziale che aiuta le piante e le colture a crescere. Elevate concentrazioni sono però nocive per le persone e la natura e l’uso agricolo dei nitrati nei fertilizzanti organici e chimici può essere una fonte importante di inquinamento idrico. L’agricoltura è responsabile di oltre il 50 % del totale delle immissioni di azoto nelle acque superficiali.

Maggiori informazioni:

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 91/676/CEE

19.12.1991

19.12.1993

GU L 375 del 31.12.1991, pag. 1-8

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (CE) n. 1882/2003

20.11.2003

-

GU L 284 del 31.10.2003, pag. 1-53

Regolamento (CE) n. 1137/2008

11.12.2008

-

GU L 311 del 21.11.2008, pag. 1-54

Successive modifiche e correzioni alla direttiva 91/676/CEE sono state incorporate nel testo originario. La presente versione consolidata è a solo scopo di riferimento.

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo sull’applicazione della direttiva 91/676/CEE del Consiglio relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole sulla base delle relazioni presentate dagli Stati membri per il periodo 2008-2011 [COM(2013) 683 final del 4.10.2013]

Ultimo aggiornamento: 08.09.2015

Top