Help Print this page 
Title and reference
Trattamento delle acque reflue urbane

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Trattamento delle acque reflue urbane

La presente normativa dell'Unione europea (UE) mira a garantire il corretto trattamento delle acque reflue in modo da proteggere la salute umana e l'ambiente.

ATTO

Direttiva 91/271/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1991, concernente il trattamento delle acque reflue urbane

SINTESI

La presente normativa dell'Unione europea (UE) mira a garantire il corretto trattamento delle acque reflue in modo da proteggere la salute umana e l'ambiente.

CHE COSA FA LA PRESENTE DIRETTIVA?

Finalizzata a proteggere l'ambiente acquatico dalle conseguenze negative (quali l'eutrofizzazione*) delle acque reflue urbane, stabilisce norme a livello comunitario per la raccolta, il trattamento e lo scarico delle acque reflue. La normativa riguarda inoltre le acque reflue prodotte anche dalle industrie agro-alimentari (come l'industria alimentare e l'industria della birra).

PUNTI CHIAVE

I paesi dell'UE devono:

raccogliere e trattare le acque reflue in insediamenti urbani con una popolazione di almeno 2 000 abitanti, ed effettuare un trattamento secondario* sulle acque reflue raccolte;

effettuare un trattamento più avanzato in insediamenti urbani con popolazione superiore ai 10 000 abitanti situati in specifiche aree sensibili*;

verificare che gli impianti di trattamento siano adeguatamente mantenuti in modo da garantire prestazioni sufficienti e che possano operare in tutte le normali condizioni climatiche;

richiedere l'autorizzazione per gli scarichi di acque reflue urbane provenienti dall'industria agroalimentare e da scarichi industriali nei sistemi di raccolta delle acque reflue urbane;

adottare misure per limitare l'inquinamento delle acque recipienti provenienti da tracimazioni di acque meteoriche in situazioni estreme, come in caso di piogge insolitamente abbondanti;

monitorare le prestazioni degli impianti di trattamento e delle acque recipienti;

monitorare lo smaltimento e il riutilizzo dei fanghi di depurazione.

Oltre a delineare i metodi per il monitoraggio e la valutazione dei risultati, l'allegato I elenca i requisiti generali per:

i sistemi di raccolta,

gli scarichi provenienti dagli impianti di trattamento delle acque reflue urbane, compresi i loro valori limite di emissione,

le acque reflue industriali scaricate in sistemi di raccolta urbani.

L'allegato II descrive i criteri per l'individuazione delle aree sensibili e meno sensibili.

Una relazione della Commissione europea del 2013 sottolinea che l'attuazione di questa normativa, nonostante i miglioramenti che sono già stati fatti, rimane ancora una sfida soprattutto a causa degli importanti investimenti in infrastrutture.

DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

A decorrere dal 29 maggio 1991 con termini diversi a seconda dei requisiti. Nel 1998, per chiarire alcune norme che avevano portato a interpretazioni divergenti nei paesi dell'UE, la Commissione ha adottato la direttiva 98/15/CE, entrata in vigore il 27 marzo 1998. Per i paesi che hanno aderito all'UE dal 2004 in poi, si applicano altri termini, specificati nei trattati di adesione con ciascuno dei paesi interessati.

TERMINI CHIAVE

Eutrofizzazione: arricchimento delle acque con nutrienti, come i composti dell'azoto e del fosforo, che provoca una perturbazione dell'equilibrio degli organismi presenti nell'acqua e della qualità delle acque stesse.

Trattamento secondario: trattamento delle acque reflue mediante un processo che in genere comporta il trattamento biologico (mediante batteri aerobici, enzimi ecc.) con sedimentazioni secondarie, o un altro processo in cui vengano rispettati i requisiti contenuti nell'allegato I della direttiva.

Aree sensibili: i) corpi idrici a rischio di eutrofizzazione, ii) acque superficiali potabili contenenti una quantità di nitrato superiore a 50 mg/l, e iii) aree in cui è necessario un ulteriore trattamento per conformarsi alla legislazione dell'UE in materia, ad esempio, di acqua, acque di balneazione, acque destinate alla molluschicoltura e di conservazione degli habitat e degli uccelli.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, consultare il sito web della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane della Commissione europea.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Direttiva 91/271/CEE

19.6.1991

30.6.1993

GU L 135 del 30.5.1991, pag. 40-52

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Direttiva 98/15/CE

27.3.1998

30.9.1998

GU L 67 del 7.3.1998, pag. 29-30

ATTI COLLEGATI

Decisione di esecuzione 2014/431/UE della Commissione, del 26 giugno 2014, concernente i moduli per la comunicazione delle informazioni relative ai programmi nazionali di applicazione della direttiva 91/271/CEE (GU L 197 del 4.7.2014, pag. 77-86).

Relazione della Commissione - Applicazione della direttiva 91/271/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1991, concernente il trattamento delle acque reflue urbane, modificata dalla direttiva 98/15/CE della Commissione del 27 febbraio 1998 - Sintesi delle disposizioni attuate dagli Stati membri e valutazione delle informazioni ricevute ai sensi degli articoli 17 e 13 della direttiva [COM(98) 775 def. del 15.1.1999].

Relazione della Commissione - Applicazione della direttiva 91/271/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1991, concernente il trattamento delle acque reflue urbane, modificata dalla direttiva 98/15/CE della Commissione del 27 febbraio 1998 [COM(2001) 685def. del 21.11.2001].

Relazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni - Applicazione della direttiva 91/271/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1991, concernente il trattamento delle acque reflue urbane, modificata dalla direttiva 98/15/CE della Commissione del 27 febbraio 1998 [COM(2004) 248def. del 23.4.2004].

Relazione della cCommissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni - Settima relazione sull'attuazione della direttiva concernente il trattamento delle acque reflue urbane (91/271/CEE) [COM(2013) 574 final del 7.8.2013].

Documento di lavoro dei servizi della Commissione - Documento di accompagnamento alla comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio - «Verso una gestione sostenibile delle acque nell'Unione europea» - Prima fase dell'attuazione della direttiva quadro sulle acque 2000/60/CE [COM(2007) 128 def.] [SEC(2007) 363] [SEC(2007) 362 def. del 22.3.2007].

Documento di lavoro dei servizi della Commissione - 5a sintesi della Commissione sull'attuazione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane [SEC(2009) 1114 def. del 3.8.2009].

Documento di lavoro dei servizi della Commissione - 6a sintesi della Commissione sull'attuazione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane [SEC(2011) 1561 def. del 7.12.2011].

Ultima modifica: 20.04.2015

Top