Help Print this page 
Title and reference
Esenzione di taluni accordi verticali

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DA html DE html EL html EN html FR html IT html NL html PT html FI html SV
Multilingual display
Text

Esenzione di taluni accordi verticali

1) OBIETTIVO

Autorizzare la Commissione ad applicare, mediante regolamento, esenzioni per categoria a taluni accordi, decisioni e pratiche concordate a carattere verticale.

2) ATTO

Regolamento (CEE) n. 19/65/CEE del Consiglio, del 2 marzo 1965, relativo all'applicazione dell'articolo 81, paragrafo 3 (ex articolo 85, paragrafo 3 del trattato CE), del trattato a categorie di accordi e pratiche concordate [Gazzetta ufficiale L 36 del 06.03.1965].

Modificato dai seguenti atti:

Regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio, del 16 dicembre 2002, concernente l'applicazione delle regole di concorrenza di cui agli articoli 81 e 82 del trattato [Gazzetta ufficiale L 1 del 04.01.2003];

Regolamento (CE) n. 1215/1999 del Consiglio, del 10 giugno 1999 [Gazzetta ufficiale L 148 del 15.06.1999];

atti relativi all'adesione alle Comunità europee del Regno di Danimarca, dell'Irlanda, del Regno di Norvegia e del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord [Gazzetta ufficiale L 73 del 27.3.1972];

atti relativi all'adesione della Repubblica ellenica alle Comunità europee [Gazzetta ufficiale L 291 del 19.11.1979];

atti relativi all'adesione del Regno di Spagna e della Repubblica portoghese e agli adattamenti dei trattati [Gazzetta ufficiale L 302 del 15.11.1985];

atti relativi all'adesione del Regno di Norvegia, della Repubblica d'Austria, della Repubblica di Finlandia e del Regno di Svezia e agli adattamenti dei trattati [Gazzetta ufficiale C 241 del 29.8.1994].

3) SINTESI

Contesto

A norma dell' articolo 81, paragrafo 3 del trattato CE e nel rispetto delle disposizioni relative all'attuazione delle norme in materia di concorrenza (I) e (II), il regolamento (CEE) n. 19/65 autorizza la Commissione ad esentare mediante regolamento alcune categorie di accordi esclusivi tra due imprese ai fini della rivendita di determinati prodotti. L'applicazione del regolamento 19/65 non si applica né agli accordi tra più di due imprese, né agli accordi di distribuzione esclusiva, di consegna o acquisto di servizi o di prodotti destinati a essere trasformati.

Nel corso degli anni, l'impostazione adottata dal presente regolamento si è rivelata eccessivamente rigida rispetto all'evoluzione del contesto economico ed alle tecniche di distribuzione attuali. Tuttavia, il regolamento n. 1215/1999 ha esteso il campo d'applicazione fino ad includere gli accordi verticali.

Campo d'applicazione

La Commissione può esentare mediante regolamento alcune categorie di accordi o pratiche concertate, quali:

  • gli accordi tra due o più imprese riguardanti le condizioni d'acquisto, di vendita e di rivendita di beni o servizi;
  • gli accordi tra due imprese che implicano limitazioni nell'acquisto o nell'esercizio dei diritti di proprietà intellettuale o di "know-how".

Condizioni d'applicazione dei regolamenti d'esenzione

I regolamenti d'esenzione definiti dalla Commissione devono rispettare una serie di condizioni. Essi devono:

  • contenere una definizione delle categorie di accordi, decisioni e pratiche concertate ai quali si applicano e precisare le restrizioni, le clausole e le altre condizioni che possono figurarvi;
  • essere applicabili per una durata limitata. Possono tuttavia essere modificati o abrogati;
  • avere un effetto retroattivo in modo da estenderne l'applicazione agli accordi che, al momento dell'entrata in vigore del regolamento, soddisfacevano le condizioni d'esenzione.

I regolamenti definiti secondo dette condizioni devono rispettare la seguente procedura d'approvazione:

  • la proposta di regolamento deve essere pubblicata per permettere a tutte le persone ed organizzazioni interessate di esprimere le loro osservazioni alla Commissione;
  • la Commissione consulta il Comitato consultivo in materia di intese e di posizioni dominanti prima di pubblicare un progetto di regolamento o adottare un regolamento;

A seguito dell'entrata in vigore del regolamento n. 1/2003, che definisce la transizione da un sistema centrale di autorizzazione preventiva ad un sistema di eccezione direttamente applicabile, le autorità e giurisdizioni nazionali sono chiamate a vigilare, all'occorrenza, sul rispetto delle norme in materia di concorrenza nell'attuazione del diritto di concorrenza.

Atto

Datadi entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Regolamento (CEE) n. 19/65

26.3.1965

-

Regolamento (CE) n. 1215/1999

18.6.1999

-

Regolamento (CE) n. 1/2003

25.01.2003

01.05.2004

4) disposizioni d'applicazione

5) altri lavori

Ultima modifica: 26.01.2003

Top