Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Misure restrittive per combattere il terrorismo

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Misure restrittive per combattere il terrorismo

 

SINTESI DI:

Regolamento (CE) n. 2580/2001 relativo a misure restrittive specifiche, contro determinate persone e entità, destinate a combattere il terrorismo

QUAL È LO SCOPO DEL REGOLAMENTO?

Mira a prevenire e vietare il finanziamento di atti terroristici*.

PUNTI CHIAVE

  • I paesi dell’UE decidono all’unanimità quali persone, gruppi ed entità rientrano nell’ambito di applicazione della normativa.
  • L’elenco include persone fisiche e giuridiche, gruppi o entità che commettono o tentano di commettere atti terroristici, che partecipano alla loro esecuzione o che la facilitano, che sono sotto il controllo o agiscono per conto di uno qualsiasi di tali gruppi.
  • Tutti i capitali, le attività finanziarie e le risorse economiche* di cui una persona fisica o giuridica, gruppo o entità ricompresi in tale elenco detenga la proprietà o il possesso sono congelati e non possono essere messi a disposizione di nessun altro.
  • Cercare, consapevolmente e intenzionalmente, di evitare il congelamento di qualsiasi attività costituisce reato.
  • I paesi dell’UE possono consentire l’utilizzo dei capitali congelati, a determinate condizioni, per:
    • fabbisogno personale fondamentale, quali i pagamenti per alimentazione, medicinali o per la dimora;
    • tasse, premi di assicurazioni e servizi di pubblica utilità come gas, acqua, elettricità e telecomunicazioni, nonché spese bancarie;
    • contratti conclusi prima che la normativa entrasse in vigore.
  • Le banche, le società di assicurazioni e le altre istituzioni finanziarie devono fornire tutte le informazioni rilevanti sui conti congelati alle autorità nazionali.
  • La normativa si applica:
    • all’interno dell’Unione, compreso il suo spazio aereo e a bordo di tutti gli aeromobili e di tutti i natanti sotto la giurisdizione di un paese dell’UE;
    • a tutti i cittadini di un paese dell’UE;
    • a tutte le persone giuridiche, gruppi o entità che abbiano la sede o l’attività principale all’interno dell’Unione.
  • La Commissione europea deve presentare una relazione sull’impatto della normativa entro un anno dalla sua entrata in vigore e, se del caso, proporre eventuali modifiche.
  • La decisione 2002/475/GAI e la decisione di modifica 2008/919/GAI richiedono che i paesi dell’UE rendano conformi le rispettive normative e introducano sanzioni minime per i reati di terrorismo.
  • Nel dicembre 2001, i governi dell’UE hanno concordato la redazione di un elenco di persone, gruppi ed entità coinvolti in atti terroristici, i cui capitali e attività finanziarie devono essere congelati (2001/931/PESC).

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

È entrato in vigore il 28 dicembre 2001.

CONTESTO

Nel settembre 2001, dopo gli attacchi dell’11 settembre, i leader dei governi hanno reso la lotta al terrorismo una delle priorità dell’UE. Un modo importante per farlo è combattere il finanziamento del terrorismo. Nello stesso mese, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha sostenuto il congelamento di tutte le attività finanziarie e le risorse economiche utilizzate per commettere atti terroristici.

* TERMINI CHIAVE

Atti terroristici: azioni intenzionali che possono recare grave danno a un paese o un’organizzazione internazionale e definite come reato in base al diritto nazionale.

Capitali, altre attività finanziarie e risorse economiche: attività di qualsiasi natura, materiali o immateriali, mobili o immobili.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Regolamento (CE) n. 2580/2001 del Consiglio, del 27 dicembre 2001, relativo a misure restrittive specifiche, contro determinate persone e entità, destinate a combattere il terrorismo (GU L 344 del 28.12.2001, pag. 70-75)

Le modifiche successive al regolamento (CE) n. 2580/2001 sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata ha esclusivamente valore documentale.

DOCUMENTI CORRELATI

Decisione quadro 2002/475/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, sulla lotta contro il terrorismo (GU L 164 del 22.6.2002, pag. 3-7)

Si veda la versione consolidata.

Posizione comune 2001/931/PESC del Consiglio, del 27 dicembre 2001, relativa all’applicazione di misure specifiche per la lotta al terrorismo (GU L 344 del 28.12.2001, pag. 93-96)

Si veda la versione consolidata.

Ultimo aggiornamento: 09.01.2017

Top