Help Print this page 
Title and reference
Roaming sulle reti pubbliche di telefonia mobile

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Roaming sulle reti pubbliche di telefonia mobile

Lo scopo di tale regolamento è assicurare che gli utenti di telefoni cellulari non paghino tariffe eccessive per i servizi di roaming su scala UE (chiamate, messaggi di testo e uso di Internet) quando si spostano all'interno dell'Unione stessa.

ATTO

Regolamento (UE) n. 531/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 giugno 2012, relativo al roaming sulle reti pubbliche di comunicazioni mobili all’interno dell’Unione (rifusione).

SINTESI

L'obiettivo chiave del presente regolamento è alimentare la competizione sul mercato per gli utenti, che fanno uso del telefono cellulare per chiamate, invio di messaggi di testo o accesso a Internet in viaggio all'estero, all'interno dell'UE. Questo viene chiamato roaming.

Il regolamento introduce due grandi cambiamenti.

In base alle nuove regole per il roaming all'interno dell'UE, che sono diventate efficaci il 1o luglio 2012, ci saranno ulteriori riduzioni delle tariffe massime applicabili per l'utilizzo di servizi di roaming quando si viaggia all'interno dell'UE. Usare servizi internet mobili per accedere a mappe, foto, social networks e posta elettronica diventa molto più abbordabile quando si viaggia in altri paesi dell'UE, così come lo è fare e ricevere chiamate vocali e messaggi di testo, a seguito delle nuove tariffe massime applicabili.

Inoltre, a partire dal 1o luglio 2012, le persone che viaggiano al di fuori dell'UE ricevono un messaggio di testo, un'e-mail o una finestra pop-up di preavviso quando si avvicinano ai 50 euro di download di dati, oppure al livello precedentemente stabilito. Ciò estende il sistema di preavviso attualmente in vigore all'interno dell'UE.

A partire dal 1o luglio 2014, i consumatori sono in grado di scegliere un contratto di roaming diverso prima del viaggio oppure, nel caso in cui sia disponibile, un provider di servizi di roaming mobili per dati direttamente su una rete già visualizzata. Di conseguenza, i consumatori sono in grado di confrontare facilmente le offerte di roaming (indipendentemente da altri servizi mobili) e beneficiare di tariffe più basse.

A partire dal 1o luglio 2014 i consumatori di servizi di roaming non pagano più di 19 centesimi al minuto per fare una chiamata, un massimo di 5 centesimi al minuto per ricevere una chiamata, un massimo di 6 centesimi per inviare un messaggio di testo e un massimo di 20 centesimi al Megabyte (MB) per scaricare dati o navigare in Internet quando viaggiano all'estero (addebitati per Kylobyte utilizzato).

RIFERIMENTI

Atto

Entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (UE) n. 531/2012

1.7.2012

-

GU L 172 del 30.6.2012

ATTI COLLEGATI

Regolamento (CE) n. 717/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2007, relativo al roaming sulle reti pubbliche di telefonia mobile all’interno della Comunità e che modifica la direttiva 2002/21/CE.

Direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 marzo 2002, che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica (direttiva quadro) (GU L 108 del 24.4.2002).

PROPOSTA

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che stabilisce misure riguardanti il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche e per realizzare un continente connesso, recante modifica delle direttive 2002/20/CE, 2002/21/CE e 2002/22/CE e dei regolamenti (CE) n. 1211/2009 e (UE) n. 531/2012. [COM(2013)0627 final dell’11.9.2013 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Lo scopo è qui di dirigersi verso un mercato unico per le comunicazioni elettroniche, in cui i cittadini e le imprese possano accedere ai servizi di comunicazioni elettroniche in qualsiasi parte dell'UE essi siano forniti (senza restrizioni transfrontaliere o costi aggiuntivi ingiustificati) e in cui le società che forniscono reti e servizi di comunicazioni elettroniche possono operare indipendentemente dalla loro sede o dalla parte dell'UE in cui si trovano i loro clienti.

Per quanto riguarda il roaming, esso cerca soluzioni come garantire alti livelli di protezione del consumatore per tutta l'UE e condizioni commerciali comuni in merito, incluse misure che pongano gradualmente fine alle soprattasse sul roaming mobile e salvaguardino l'accesso aperto alla rete Internet.

Ultima modifica: 05.02.2014

Top